ABRUZZO – Marco, il manager diventato eremita / Una proposta da Valle Pezzata

IN ABRUZZO

Marco, il manager diventato eremita

.

http://img245.imageshack.us/img245/5073/dsc6513medium.jpg
Valle Pezzata, in Abruzzo – fonte immagine

.

Una vita senza corrente elettrica, coltivando l’orto
«Prima il lavoro era totalizzante. Ora sono in armonia»

.

L'ex manager Marco davanti al suo orto
L’ex manager Marco davanti al suo orto

«La mia vita è cambiata dieci anni fa: a gennaio del 2001 mi trovavo per lavoro all’Holiday Inn di Manhattan, a giugno dormivo nei fienili in Toscana». Marco, trentasette anni compiuti, ex manager Yamaha ed ora eremita in Abruzzo, ride. Il contrasto delle due immagini lo diverte. Per parlare con quest’uomo riflessivo, pacato e accogliente, i cui tratti incorniciati dalla capigliatura rasta ricordano vagamente quelli di Bob Marley, abbiamo dovuto camminare parecchio. Mezz’ora buona di ripida montagna tra Rocca Santa Maria e Valle Castellana, in provincia di Teramo, al confine tra l’Abruzzo selvaggio e le Marche. Dove è possibile incontrare i lupi e, giurano alcuni, anche gli orsi. D’altronde, l’eremita del borgo abbandonato di Valle Pezzata, che fino all’età di ventisette anni era product manager dell’Italaudio, storico distributore nazionale del marchio Yamaha per hi-fi con sede a Legnano, non se l’è scelta facile l’esistenza.

CURRICULUM – Laureato in Economia alla Bocconi con una tesi dal titolo eloquente («Metodologie di valutazione ambientale e sviluppo sostenibile», relatore il professor Pierluigi Sacco, volto noto alla Rai come divulgatore, ora ordinario alla Iulm di Milano), Marco già allora tentava di dare un’interpretazione diversa della realtà che lo circondava. «Volevo confutare – ci spiega – le tesi di coloro che, finanziati dalle multinazionali, cercano di far passare per scienza le convinzioni politiche». Dopo la laurea, conseguita a pieni voti, lavora un anno e mezzo per il marchio giapponese. Le dimissioni arrivano improvvise ed inaspettate, soprattutto per i genitori. «Non ero in armonia con le mie inclinazioni – dice – e sapevo che quella del manager non era la mia strada. L’avevo scelta come banco di prova e come estensione del corso di studi. Ma era un’esperienza totalizzante. Al di là delle otto ore di ufficio, il lavoro assorbiva completamente la mia vita. Era difficile staccare la spina quando tornavo a casa. Invece io volevo stabilire un contatto più profondo e più armonico con l’ambiente circostante». «Una scelta coraggiosa – la definisce oggi Marco Puchetti, fino al 2003 direttore commerciale all’Italaudio -, tanto più se si considera che Marco era un ottimo manager e aveva iniziato il proprio percorso professionale in una realtà aziendale notevole».

FAMIGLIA – Marco è cresciuto a Busto Arsizio, nel Varesotto, cullato e protetto da una famiglia benestante che tutto si aspettava tranne che il figlio rifiutasse il consumismo e le comodità e abbracciasse un’esistenza fatta di cose elementari. «La presero – ricorda – come una scelta che non poteva stare in piedi, un gesto di temporanea follia. Contavano sul fatto che, finiti i soldi della liquidazione, sarei tornato». E invece accade il contrario. «Mi sono accorto presto – prosegue – che la mia vita era sommersa dai bisogni secondari indotti dal sistema in cui vivevo. Ero pieno di cose che non mi servivano e di cui pian piano mi dovevo liberare. In questo modo è stato più facile rendermi autonomo rispetto ai bisogni primari legati alla sopravvivenza, al cibo, ai vestiti e ad un riparo sopra la testa, e indirizzare quelli secondari nella direzione in cui volevo, senza che fossero condizionati dal marketing, dalla politica o da qualche scuola spirituale». L’ex manager trascorre circa otto anni nell’ecovillaggio della Valle degli Elfi, sull’Appennino tosco-emiliano. Due anni fa, in pieno inverno, si sposta in Abruzzo per dar vita ad un’altra comunità.

IN DUE - All’inizio, a Valle Pezzata, erano in quindici, ora sono in due. Con Marco c’è Artur, un polacco di 41 anni che dopo aver girato mezza Europa ha deciso di fermarsi qui. Abitano distanti l’uno dall’altro ma conducono vite simili. Ogni tanto fanno capolino in paese, a Rocca Santa Maria, dove hanno un buon rapporto con la comunità locale, o girano per borghi suonando alle feste e alle sagre. Poi tornano nel loro Eden, rinunciando alla corrente elettrica per seguire i ritmi del sole. D’inverno dormono molto, d’estate meno. «Il mio corpo – spiega Marco – si sveglia quando non ha più la necessità di riposare. È la montagna che detta i tempi». E l’alimentazione? «Si basa sul selvatico, cioè su quello che ci offre spontaneamente la terra. Coltiviamo l’orto, seguendo i consigli degli anziani contadini, e l’acqua la prendiamo dal torrente. Pensa, noi qui non produciamo quasi rifiuti… altro che Napoli!». E mentre il mondo vive con il fiato sospeso per l’incubo default, Marco offre la sua versione della Storia: «Se ognuno eliminasse il superfluo e attraverso l’introspezione cominciasse a soddisfare i bisogni primari, capirebbe più facilmente cosa lo può appagare…».

.

LA PUBBLICITA’ RIPORTATA APPARTIENE ALLA TESTATA DI PROVENIENZA DELL’ARTICOLO

.

Nicola Catenaro
02 agosto 2011(ultima modifica: 04 agosto 2011 08:26)

fonte:  http://www.corriere.it/cronache/11_agosto_02/abruzzo-manager-eremita_6b8ed87a-bd3b-11e0-b530-d2ad6f731cf9.shtml

_________________________________________________________________________________________________________________________________

e il mensile di emergencyLa copertina del numero di agosto
.

Ecco il numero di agosto, in edicola da mercoledì 3

_________________________________________________________________________________________________________________________________

http://api.ning.com/files/RCZSjPNzsg1XEXHmqVQvCYos-wJVFUAGD-b2zZ6%2Aad8rlb8rs2UVPXDNYgHkkq6LMUCdOKk5bwJmKOvfQ2TJjIwUrYuPTJ-V/occhiobioniere.png?width=249&height=204&xn_auth=no&type=png&v=201108022129

Buon cammino a tutte/i  1060 Bionieri!!

Bionieri è un “Rural Network”: una radura collettiva dove incrociare e scambiare saperi e sapori, utopie, progetti e memorie.
Trova le sue radici nelle pratiche e nelle filosofie della Semplicità Volontaria, Decrescita, Ecologia Profonda, Bioregionalismo
I rapporti che intercorrono tra i membri sono quelli della reciproca conoscenza, dello scambio, del dono, del mutuo aiuto quindi di natura non monetaria.

_________________________________________________

da una pagina interna

Acquisto e co-housing a Valle Pezzata

.

.

In seguito all’incontro cir, e alle proposte arrivate, stiamo attualmente trattando per una casa a valle pezzata da borea. Il posto rientra nel comune di valle castellana, abruzzo, nel parco nazionale gran sasso e monti della laga. Il prezzo è di 20.000 euro trattabili, e si spera riusciremo a tirare in basso il prezzo visto che supera il reale valore dell’immobile,e prendere 3-4 ettari di terreno.

La casa è composta di 5 stanze ( stalla a pian terreno, cucina con camino,laboratorio, e due camere da letto a primo e secondo piano, sotto il tetto).

Il posto è raggiungibile a piedi (30minuti da sterrata,50 minuti da sentiero), o con un fuoristrada idoneo nelle 3 stagioni senza neve, visto che nel restante periodo la neve blocca l’accesso, per cui credo che la cosa sia consigliata solo a chi vuol fare scelte decise per viverci, o a chi vuole contribuire minimamente al villaggio. Per cui piu persone siamo, minori saranno le spese.

Aggiungerò a breve anche foto, e se qualcuno è interessato o vuol saperne di piu, può rispondere qui.

.

http://img826.imageshack.us/img826/5436/dsc2380s.jpg
http://img853.imageshack.us/img853/2536/dsc2401k.jpg
http://img851.imageshack.us/img851/5429/dsc2417z.jpg

http://img845.imageshack.us/img845/4066/dsc6129.jpg

.

fonte:  http://bionieri.ning.com/forum/topics/acquisto-e-cohousing-a-valle?commentId=2358980%3AComment%3A36698&xg_source=activity

About these ads

4 responses to “ABRUZZO – Marco, il manager diventato eremita / Una proposta da Valle Pezzata”

  1. ottavio says :

    Mi chiamo ottavio,ho 52 anni ,sono alla ricerca di un luogo dov il silenzio mi aiuti a Servire il Signore,vi chiedo dunque se conoscete anche altre situazioni dove potere eseguire la Pratica Dell’Eremita Solitario,non disdegno comunque la vostra proposta,e’ necessario vedere a quanto ci si arriva economicamente e quanti di noi Eremiti che vengono dalla citta’ Aderiscono,restate in contatto,cerco anche un buco nella Montagna per vivere da Eremita,aiutatemi,nel nome del Signore Nostro,grazie Ottavio Faccini

  2. jacopo says :

    ciao,mi chiamo jacopo sono un ragazzo di 21 anni e la vita che descrive marco mi affascina.cerco contatti per avere un po le idee chiare

  3. stefano says :

    prendi un po di cultura sull orto e caccia e anche pesca uno zaino tenda sacco a pelo e parti. nessuno ti dara mai la forza di farlo se nn sei tu che lo vuoi … altre informazioni non necessitano

  4. di paolo osvaldo says :

    bongiorno sono di paolo osvaldo figlio di Giovanni di paolo e di cornacchia pia santina che hanno una casa nel paese desabitato ma nessuno a dirito di prendere posesso dei luogo adesso no ho tempo di andare la gui perche sonno in belgio ma …..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 210 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: