Senato, il decreto fiscale è legge

L’aula di palazzo Madama approva il provvedimento senza la fiducia Il valore complessivo è di 8,4 miliardi di euro. Misure per la casa

Via libera al bonus per gli incapienti

Casini attacca: “Senato dei centrodestra assenti: colpa loro la mancata spallata”

ROMA – Via libera definitivo dell’aula del Senato al decreto fiscale collegato alla Finanziaria, approvato con 158 sì, 151 no e un astenuto, senza che il governo facesse ricorso alla fiducia come invece alla Camera. Il provvedimento vale 8,4 miliardi di euro e contiene il bonus da 150 euro per gli incapienti, che sarà erogato entro dicembre. Un via lbera che è causa di nuove polemiche all’interno del centrodestra. Con l’Udc che se la prende con i senatori dell’ex Cdl assenti in aula. “Vuoti che hanno impedito la bocciatura del decreto fiscale. Chi ha annunciato tante volte la spallata deve oggi rispondere di questa nuova mancata spallata” dice il leader dell’udc Pier Ferdinando Casini. Che chiama in causa, senza citarli, Forza Italia e Silvio Berlusconi.

Queste le principali misure contenute nel provvedimento.

Bonus incapienti. Resta a 150 euro l’assegno per chi ha un reddito non superiore a 50 mila euro.

Casa. Stanziati 550 milioni per ampliare l’offerta di alloggi popolari a canone sociale da destinare principalmente alle giovani coppie con redditi bassi e agli sfrattati. Verranno costruite 80 mila abitazioni in dieci anni per far fronte all’emergenza abitativa.

Moratoria acqua. Stop a nuove privatizzazioni dell’acqua fino a quando non sarà approvata una legge organica sulla gestione delle risorse idriche.

Editoria. Sorridono i piccoli giornali che vedono ridursi i tagli che li riguardano. La diminuzione dei contributi scende dal 7% al 2% mentre resta al 7% fino a un limite annuo di agevolazioni di un milione e sale al 12% per le testate che superano il milione l’anno di finanziamenti.


Metropolitana. Pronti 800 milioni a Roma, Milano e Napoli. Alla linea ‘c’ della metropolitana romana andranno 500 milioni, 150 l’una alle altre due infrastrutture.

Fs e Anas. Stanziati 1035 milioni per le Ferrovie e 215 per l’Anas.

Farmaci. Il tetto per le percentuali di rimborso a carico del servizio sanitario nazionale per l’assistenza farmaceutica si abbassa dal 14,4% al 14% e varrà anche per le medicine distribuite in ospedale.

Libri scolastici. C’è un fondo di 150 milioni per aiutare le famiglie nell’acquisto dei libri scolastici.

Televisione. Da aprile 2009 potranno essere venduti solo televisori in grado di decodificare il segnale digitale. Lo switch-off, il passaggio definitivo dall’analogico al digitale terrestre, slitta dal 2008 al 2012.

Pensioni Inpdap
Eliminato, per i pensionati e i dipendenti in servizio, il meccanismo del ‘silenzio-assenso’ per l’applicazione della trattenuta dello 0,15% o 0,35% sulle pensioni Inpdap dei dipendenti pubblici.

Commissariamento Regioni. Per le Regioni inadempienti nei piani di rientro dal deficit sanitario è previsto il commissariamento.

Pubblico impiego. Un miliardo per gli accordi contrattuali sottoscritti quest’anno e relativi al biennio 2006-2007.

Soppressione sportass. Passano a Inps e Inail le prestazioni di Sportass, al credito sportivo sono assegnati 20 milioni per il 2007 per il programma straordinario di realizzazione di nuovi impianti.

5 Per mille. Integrato per 150 milioni nel 2007.

Lsu. Arrivano risorse per stabilizzare in Calabria e in Campania i lavoratori socialmente utili.

Pantelleria parco marino. Nel maxiemendamento viene inserito anche il Parco marino di Pantelleria.

Un miliardo a paesi in via di sviluppo. Fondi per la lotta all’Aids e per favorire la pace in Africa.

Fondazione ebri. L’ente di ricerca presieduto da Rita Levi Montalcini riceve un finanziamento di tre milioni di euro.

(28 novembre 2007)

fonte: http://www.repubblica.it/2007/11/sezioni/economia/conti-pubblici-61/fiscale-libera/fiscale-libera.html

2 risposte a “Senato, il decreto fiscale è legge”

  1. Equo dice :

    Insoddisfatto…ma tant’è. Ora, però, mi aspetto che qualche volgare imbecille insulti una delle menti più lucide e brillanti del secolo insinuando che il finanziamento alla fondazione della Prof.ssa Montalcini è il compenso per le sue prese di posizione in Senato…

  2. Franca dice :

    Insoddisfatta… ma qui tocca accontentarsi della qual cosa comincio ad essere veramente stufa.
    Viste le menti eccelse che siedono in Parlamento, gli insulti per la Montalcini sono garantiti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: