Archivio | marzo 7, 2008

FESTA DELLA DONNA – Tutto cominciò l’8 marzo 1908… / Camilla Ravera racconta – 8 marzo: Perché non è una festa

8 marzo 1908, Stati Uniti. L’assenza di sistemi di sicurezza e le pessime condizioni di lavoro causano un grave incendio nell’industria tessile Cotton, una fabbrica ad alta concentrazione di lavoratrici. Nelle fiamme perdono la vita 129 donne, rimaste imprigionate nella fabbrica: Mr. Johnson, il proprietario, usava chiudere le porte durante l’orario di lavoro, per impedire agli operai di uscire.

In ricordo della tragedia, sin dagli anni immediatamente successivi al suo accadimento, negli Stati Uniti si organizzano celebrazioni per commemorarla.

Presto l’importanza di questa data, 8 marzo, varca i confini americani: si diffonde in tutto il mondo grazie alle associazioni femministe e diventa il simbolo dei maltrattamenti che la donna ha dovuto subire, ma anche il punto di partenza del proprio riscatto.

Nel secondo dopoguerra l’UDI, Unione Donne Italiane, sceglie un fiore per questa ricorrenza: la mimosa, profumatissima e impalpabile, povera e selvatica, ma che subito si carica di una precisa connotazione politica. Sin dal momento della loro scelta, i grappoli gialli delle mimose diventano il simbolo delle donne e del loro combattere insieme.

fonte:  http://www.intrage.it/rubriche/festivita_ricorrenze/8_marzo_festa_donna/origini_festa_donna/index.shtml

..

Sweatshops & Strikes Before 1911

Over ninety-five percent of New York shops were found defective with respect to safety.  Buildings were without fire escapes and adequate exits.  Cluttered and crowded working conditions posed a constant health and fire risk.  Many shops had locked doors funneling workers leaving at the end of the day past a check point where bags were searched for stolen ribbons, buttons or finished clothing.

.

Clara Lemlich, an organizer for shirtwaist makers, had already been beaten by police and arrested 17 times before the Cooper Union meeting on November 22.  After 2 hours of speeches she took the podium to tell in Yiddish about the intolerable conditions in the shops and call for an end to the discussion and a vote on a general strike, now!  The response was immediate and overwhelmingly affirmative.  Within a day 20,000 shirtwaist makers had walked out, effectively bringing production to a halt.  The uprising of the 20,000

.

Women raised their hands voting for the strike and pledging to walk the picket lines for its success.  This action brought them into clear conflict with police, judges, lawyers, employers, but also their families and other workers.

.

The march to City Hall brought attention to the unethical treatment of workers and the strike.  Demands were made for better working conditions and pay, abolition of the subcontracting system and fines, payment for supplies, a 52-hour work week, weekly pay and limited overtime, and equal distribution of overtime during the slack season.  These culminated in a demand for recognition of the union.

.

Unprincipled owners hired scabs, police, thugs and prostitutes to disrupt orderly picketing.  Arrested strikers were taken to Jefferson Market Prison for booking.  The Women’s Trade Union League was very successful raising funds to pay fines and bail but some women did have to spend time in the workhouse on Blackwell’s Island.

.

Women turned to allies in the upper and middle class including the Women’s Trade Union League for assistance.  This affiliation was not without ambivalence. The “allies” were often rich white Christians who did not necessarily understand Yiddish or Italian, nor did they all hold in high regard the cultural and religious practices of the immigrants they attempted to aid.  Carola Woerishoffer, a young wealthy graduate of Bryn Mawr, used her resources to buy houses and then, waiting in the Jefferson Market Court, offered the deeds as security for strikers’ release.

Chicago Sunday Tribune, March 26, 1911

New York Fire Kills 148: Girl Victims Leap to Death from Factory

One hundred and forty-eight persons nine-tenths of them girls and young women are known to have been killed in a fire which burned out the ten story factory building at the northwest corner of Washington place and Green street, just off Washington square, this afternoon.

One hundred and forty-one of them were instantly killed, either by leaps from the windows and down elevator shafts, or by being smothered. Seven died in the hospitals.

FALLING BODIES HURT RESCUERS.
Women and girl machine operators jumped from the eighth, ninth, and tenth floors in groups of twos and threes into life nets and their bodies spun downward from the high windows of the building so close together that the few nets soon were broken and the firemen and passersby who helped hold them were crushed to the pavement by the rain of falling bodies.

Within a few minutes after the first cry of fire had been yelled on the eighth floor of the building, fifty-three were lying half nude, on the pavement. Bare legs in some cases were burned a dark brown and waists and skirts in tatters showed that they had been torn in the panic within the building before the girls got to the windows to jump to death.

The mangled bodies lay there with the spill of the water which the firemen soon were pouring from water towers and hose into the building, soaking them. There was no time to clear away the dead in the street. Inside the building the firemen believed there still were dozens upon dozens of girls and men and they wasted no time upon those whom they knew to be dead.

BODIES LIE IN PILES.
It was more than an hour and a half before the firemen could enter the floor where the fire started, the eighth, and they came back then with word that a glance showed fifty dead bodies on the floor alone.

In the elevator shaft was a pile of bodies estimated conservatively at twenty-five bodies of girls who had jumped down the elevator shaft after the elevator had made its last trip.

Some of the girls, in jumping, smashed through the sidewalk vault lights on the Washington place side of the building. The bodies that continued to crash upon the vault light finally made a hole in it about five feet in diameter. Just at dusk firemen and policemen were pulling many half nude and burned corpses from this hole.

CROKER STAGGERED BY SIGHTS
Inside the building on the three top floors the sights were even more awful. When Fire Chief Croker could make his way into these three floors he saw a tragedy that utterly staggered him that sent him, a man used to viewing horrors, back and down into the street with quivering lips.

The floors were black with smoke. And then he saw as the smoke drifted away bodies burned to bare bone. There were skeletons bending over sewing machines, the victims having been killed as they worked. Other piles of skeletons lay before every door and elevator shaft where the sufferers fell in their effort to escape.

“The worst fire in a New York building,” said Chief Croker as he came out among the ambulances and fire apparatus again, “since the burning of the Brooklyn theater in the 70’s.”

FOUND LIVING AMONG DEAD.
More than an hour after the last of the girls had jumped policemen who had approached the building to gather up the bodies and stretch them out on the opposite side of Greene street found one girl, Bertha Weintrout, the last girl to leap from the ninth floor, still breathing. Two or three dead bodies were piled alongside her, and as the policemen were moving those away they heard the girl sigh. The police yelled for a doctor, and the girl, still bleeding and dripping wet was hurried to St. Vincent’s hospital.

A man who has an office on the third floor of the building in Washington place, across from the burned building, said he looked up upon hearing shrieks and saw a girl climb out of a window on the ninth floor of the Asch building, where the fire occurred. At this time the man, who refused to give his name, says there was no sign of smoke or flame. The girl stood for a moment. Then she jumped. She whirled over and over, a streak of black gown and white underclothing, for nine floors and crashed into the sidewalk.

LEAP TO THEIR DEATH.
About the same time Dr. Ralph Fralick, 119 Waverley place, was walking across Washington Square park toward the building and started on a run as he saw the heads of screaming girls at the window sills of the ninth floor.

They stood for a time, the doctor says, on the little ledge. Then a girl jumped and another and another. Some of them fell straight as a plummet and smashed through the vault lights of the street into the basement under the sidewalk. Most of them turned many times, shrieking as they fell.

One girl, the doctor says, deliberately took off her hat and laid on the ledge before she jumped.

MAN PUSHES MANY OUT.
But the greater number were jumping from the east side of the corner building and landing burned and crushed in Green street. Here one man ran from window to window, picked up girls bodily, and dropped them to the pavement. Either he thought the nets were there to catch them or he believed this was the easiest way.

When he had dropped the last girl within reach he climbed on to the sill and jumped straight out, with a hand raised as a bridge jumper holds his arm upward to balance himself.

All the girls had jumped from the Greene street side of the building and it seemed that the ninth floor ledge on this side was clear when two girls clambered out upon it. One of them seemed self-poised; at least her movements were slow and deliberate. With her was a younger girl shrieking and twisting with fright.

TRIES TO SAVE COMPANION.
The crowd yelled to the two not to jump. The older girl placed both arms around the younger and pulled her back on the ledge toward the brick wall and tried to press her close to the wall.
But the younger girl twisted her head and shoulders loose from the protecting embrace, took a step or two to the right and jumped.

After her younger companion had died the girl who was left stood back against the wall motionless, and for a moment she held her hands rigid against her thighs, her head tilted upward and looking toward the sky. Smoke began to trickle out of the broken window a few inches to her left. She began to raise her arms then and make slow gestures as if she were addressing a crowd above her. A tongue of flame licked up along the window sill and singed her hair and then out of the smoke which was beginning to hide her from view she jumped, feet foremost, falling, without turning, to the street. It was the Bertha Weintrout, whom the police found still breathing an hour later under the cataracts spilling from ledge to ledge upon the dead who lay around her.

About 200 other employes, mostly women, in the meantime had got out on the roof of the building, crazy with fright. Across the small court at the back of the building are the rear windows of the New York University Law school.

LAW STUDENTS SAVE MANY.
At the first cry from the burning building, two of the law students, Charles T. Kremer and Elias Kanter, led a party of students to the roof of the law school building, is a story higher than the building where the fire occurred. Kanter and the other students dragged two short ladders to the roof of the law school and by making a sort of extension ladder of the two short ones Kremer got down on to the roof of the burning building and tried to get the girls into orderly line and send them up the ladder to where his school fellows were waiting to grab them to safety.

The students got 150 women, girls, and men away from the burning building in this way.

MANY FIGHT FOR SAFETY.
At the other end of the roof from the students’ ladders, fifty men and women were fighting with one another to climb the five feet to the roof of an adjoining building at the corner of Waverly place and Greene street. The law students say that the men bit and kicked the women and girls for a chance to climb to the other roof and safety.

Kremer, when the last of the group nearest the law school had been saved, climbed down the ladder to the roof of the burning building and went down the roof scuttle to the top floor.

He could see only one girl, who ran shrieking toward him with her hair burning. She had come up from the floor beneath and as she came to Kremer she fainted in his arms. He smothered the sparks in her hair with his hands and then tried to carry her up the narrow ladder to the roof. But because she was unconscious he had to wrap long strands of her hair around his hand and drag her to fresh air in the way. His friend Kanter helped him to get the girl up the ladder to the law school roof and safety.

fonte: http://www.ilr.cornell.edu/trianglefire/texts/newspaper/cst_032611.html?location=Fire!

_____________________________________________________________

Camilla Ravera racconta – 8 marzo – Giornata Internazionale della Donna – Perché non è una festa

.


8 marzo 1908 : Mr. Johnson , proprietario dell’industria “Cotton” chiude a chiave all’interno della sua azienda le lavoratrici impegnate in una rivendicazione sindacale. Un incendio farà perire, arse vive, 129 lavoratrici.
Fu Rosa Luxemburg che propose questo giorno, l’ otto marzo, come:
La Giornata Internazionale della Donna.
.
(Tratto da “Camilla Ravera racconta la sua vita” di Rita Palombo – Rusconi editore)
…Nel 1898 andammo a Valenza. Papà veniva continuamente trasferito, specie dove era necessario istituire nuovi uffici del Ministero delle Finanze. In quegli anni lo Stato neonato si estendeva per dare vita alle strutture periferiche (….……..) Così come ad Acqui, a Valenza assistetti ad un fatto che mi rimase scolpito nella memoria. Per molto tempo appartenne ai ricordi della mia infanzia. Ma dopo, quando la mia scelta politica fu compiuta, ciò che successe quel giorno divenne un riferimento storico della mia battaglia per 1’emancipazione e la liberazione della donna.
Non ricordo più quanti anni avessi, forse frequentavo la seconda elementare, quindi sette o otto.
Mi piaceva andare a scuola, perché ero contenta di stare con gli altri bambini.
La mamma mi accompagnava ogni mattina e spesso si spazientiva perché mi fermavo ad osservare qualsiasi cosa colpisse l’attenzione. Eravamo arrivati da poche settimane in quella cittadina e avevo ancora molte cose da scoprire.
Mentre chiacchieravo con la mamma, sentii all’improvviso delle voci alterate, arrabbiate e subito dopo, da un angolo, vidi comparire tantIssime donne che avanzavano verso di noi. Ebbi paura. Strinsi la mano di mia madre e lei mi obbligò a fermarmi.
Era un corteo di lavoratrici. Prima ancora che chiedessi chi fossero e perché urlassero in quel modo la mamma, accortasi dello spavento che provavo, mi disse che erano le pulitrici dell’oro che protestavano, guidate da un uomo, un socialista che si chiamava Filippo Turati, perché con la loro paga, guadagnata lavorando dodici ore al giorno, non riuscivano a comprarsi nemmeno il pane. Mi invitò poi ad osservare le loro mani. Io le guardai: erano completamente rose dall’ acido che serviva a pulire l’oro. Erano scalze, malvestite e smunte.Chiesi dove andassero e perché quell’uomo le guidasse.
Lei rispose che forse erano dirette alla Lega delle lavoratrici e che Turati, anche se non era povero, era alla testa del corteo perché era un socialista. E per questo era ammirevole.
Poco dopo scomparvero in una via e mia madre mi spiegò che non bisognava aver paura dei lavoratori che probabilmente avrei visto altre volte camminare urlando per strada.
In quel modo la mamma mi insegnò ad amare i deboli e innanzi tutto a rispettarli. Allora mi chiesi: “Chi ha soldi non potrebbe darli a chi non li ha?”. Questa domanda mi frullò nella testa per giorni e giorni. Anch’io, pensavo, potevo far qualcosa per coloro che soffrivano.
Inutile sottolineare l’importanza che quelle lavoratrici ebbero nella formazione politica di Camilla, che si tranquillizzò sulla sorte di quelle donne solo quando la mamma le disse:
«Le ripulitrici dell’ oro hanno ottenuto 1’aumento del salario.
Ora lavorano e sono contente».
Dopo un anno, nel 1899, i Ravera si trasferirono a Casale Monferrato. Lì Camilla assistette ad un altro episodio che influì molto sulle sue scelte politiche.
Andavamo spesso ai giardini pubblici, di fronte ai quali si stava costruendo un palazzo.
Io osservavo con interesse quel lavoro. Un giorno, oltre ai muratori, notai delle donne che trasportavano calce ed attrezzi pesanti sulle spalle e si arrampicavano su precarie scale di legno.
Mi fu spiegato che erano le mogli di quei muratori, che aiutavano i mariti a guadagnare quel tanto in più che rendeva sufficiente il salario per portare avanti la famiglia.
Fu allora che nacque in me coscientemente l’interesse per la condizione della donna lavoratrice, per i suoi problemi e per la lotta per l’emancipazione femminile.
Camilla intanto aveva terminato le scuole elementari e poi quelle complementari. Per continuare gli studi fu costretta a frequentare !’Istituto Magistrale, perché a Casale Monferrato c’era solo un ginnasio maschile in un collegio privato.
Quella scuola era nata grazie alle battaglie di alcune insegnanti, quasi tutte giovanissime, che prima avevano dato vita all’istituto privato, poi, con il tempo, grazie anche, se non soprattutto, all’ ottimo insegnamento che impartivano, apprezzato da studentesse e genitori, ottennero la convenzione a trasformarlo in una scuola parificata e successivamente da parificata a statale.
Erano quelli gli anni in cui si cominciava anche in Italia a parlare di emancipazione femminile. E furono belli.

Camilla Ravera

Nata ad Acqui Terme (Alessandria) il 18 giugno 1889, deceduta a Roma il 14 aprile 1988, insegnante.
È stata la prima delle due donne italiane sinora nominate senatore a vita (la seconda è Rita Levi Montalcini). Quando, il 26 gennaio 1982, fece il suo primo ingresso a Palazzo Madama, i senatori, riuniti in assemblea plenaria, l’accolsero tutti in piedi. Aveva 96 anni quando fu ancora chiamata a presiedere l’Assemblea. Un altro suo record: è stato il primo caso, nella storia dei movimenti politici del mondo, di una donna nominata (era il 1927), segretaria del suo partito. Era il Partito Comunista d’Italia (del quale era stata uno dei fondatori nel 1921 e nel quale aveva subito assunto la guida dell’organizzazione femminile, fondando anche il periodico La compagna). Camilla Ravera resse la segreteria del PCdI sino al 1930 quando, rientrata clandestinamente in Italia dalla Francia, fu arrestata e condannata a quindici anni e mezzo, trascorsi tra carcere e confino sino alla caduta del fascismo. Con Umberto Terracini, fu l’ultima dei confinati a lasciare Ventotene (“una ciabatta in mare”, come ebbe a descrivere l’isola). Lì ebbe a conoscere Alessandro Pertini (che l’avrebbe poi scelta, quarantaquattro anni dopo, per il laticlavio) e lì, con Terracini, fu espulsa dal suo partito per aver condannato il patto Ribbentrop-Molotov.
Riacquistata la libertà, Camilla Ravera riuscì a raggiungere dopo molte peripezie i suoi famigliari, che erano sfollati a San Secondo di Pinerolo. Dopo l’8 settembre 1943, sapendo di essere di nuovo ricercata, la Ravera riparò in un casolare sulle colline, che diventò presto luogo di incontri politici clandestini. Dovette abbandonarlo quando i fascisti cominciarono a dare alle fiamme tutti i casolari della zona. Rientrata a Torino dopo la Liberazione, Camilla Ravera, riammessa nel PCI, divenne consigliere comunale. Nel 1947, con Ada Gobetti, del Partito d’Azione, fu tra le fondatrici dell’Unione Donne Italiane. Nel 1948 fu eletta deputato per il PCI. Aveva intanto ripreso le battaglie di sempre, cominciate idealmente quando lei, di famiglia borghese, aveva assistito, ancora bambina, ad uno sciopero di operaie a Valenza. Soprattutto si è impegnata nelle battaglie per la pace. Camilla Ravera ha lasciato molte pubblicazioni. Al suo libro Diario di trent’anniè andato, nel 1973, il “Premio Prato”. Nel 1978 la sua Breve storia del movimento femminile in Italia ha avuto il “Premio Viareggio”. Nel 1979 gli Editori Riuniti hanno raccolto in volume le Lettere al Partito e alla famiglia.Nel 1992 la Fondazione Istituto Gramsci ha acquisito l’Archivio Storico delle donne “Camilla Ravera”, costituito nel 1987 dalla Commissione femminile del PCI. Alla Ravera sono intitolate, tra l’altro, strade a Roma e in Toscana, la Federazione di Torino dei DS, Società cooperative, alcuni circoli del PRC.
.

MOLFETTA – In migliaia per l’addio ai cinque operai

1.jpg

Cinque indagati per l’incidente
E alle famiglie? Solo 500 euro al mese

Presenti anche una delegazione sindacale della Thyssenkrupp e i ministri degli Esteri Massimo D’Alema e delle Politiche agricole Paolo De Castro in rappresentanza del governo

. MOLFETTA, RICORDO DEI 5 OPERAI UCCISI 

Bari, 7 marzo 2008 – Partecipano in migliaia ai funerali dei cinque operai morti nella tragedia del lavoro di Molfetta, in provincia di Bari. Sia all’interno della chiesa di Santa Maria della Pace che all’esterno numerosissimi sono i cittadini che vogliono testimoniare la solidarietà verso Guglielmo Mangano, Vincenzo Altomare, Luigi Farinola, Biagio Sciancalepre e Michele Tasca, deceduti a causa delle esalazioni di un’autocisterna nel cortile della ‘Truck Center’.
Alle esequie partecipano il vicepresidente del Consiglio e ministro degli Esteri Massimo D’Alema e il ministro delle Politiche agricole Paolo De Castro in rappresentanza del governo.

CINQUE INDAGATI

Cinque persone nel registro degli indagati per la tragedia di Molfetta: si tratta dei responsabili di Fs logistica, proprietaria della cisterna ‘della morte’, un dirigente di Cemat Puglia, società che gestisce, organizza e commercializza in Italia il trasporto combinato strada – rotaia, e due dirigenti di ‘La Cinque Biotrans’, incaricata da Fs logistica della manutenzione e gestione delle cisterne utilizzate.

I cinque sarebbero indagati per vari reati tra cui il più grave sarebbe l’omicidio colposo plurimo.

DALLO STATO 500 EURO AL  MESE

Ad alcuni pagherà solo il funerale. Per gli altri lo Stato italiano spenderà poche migliaia di euro l’anno: precisamente, 6.800 euro subito per i funerali, 34.000 euro l’anno finchè i figli non saranno maggiorenni e 20.000 euro l’anno fino alla morte delle tre vedove. In altri termini, a ogni famiglia andranno circa 500 euro al mese, esclusi 280 euro a figlio fino al 18esimo anno di età.
A tanto ammontano infatti le rendite che – apprende l’Agi – spettano ai familiari delle vittime della strage del Truck Center di Molfetta, in cui hanno perso la vita cinque persone.

Ai parenti del più giovane degli operai morti, Michele Tasca di vent’anni, verrà versato esclusivamente un assegno per le spese di sepoltura dell’ammontare di circa 1.700 euro. Il ragazzo infatti non aveva moglie o figli a carico. I parenti di Michele potrebbero far causa alla Truck Center per danni morali. Ma, anche nella migliore delle ipotesi, ovvero se la responsabilità dell’azienda nell’incidente venisse accertata e l’impresa risultasse titolare di un’assicurazione privata, perchè riescano ad ottenere un indennizzo ci vorranno non meno di dieci anni.
La seconda vittima, Biagio Sciancalepore, 24 anni, non era dipendente della Truck Center di conseguenza i suoi familiari non percepiranno nulla dall’Inail. Anche in questo caso però potrebbero far causa all’azienda.
Alla vedova di Luigi Farinola, 36 anni, l’Inail verserà invece i 1.700 euro di assegno funerario e una rendita vitalizia pari al 50% del salario percepito dall’operaio morto (1.400 euro), dunque 700 euro al mese circa per 12 mensilità.


Ciascuno dei figli di Farinola,
una bimba di sei anni e uno in arrivo, riceverà circa 280 euro, fino alla maggiore età o fino a 26 anni se seguirà gli studi universitari. Stesso discorso vale per la moglie e i figli di Guglielmo Mangano, 44 anni.
Nel caso del titolare dell’azienda, Vincenzo Altomare, 64 anni, sposato e padre di tre figli già adulti, la situazione cambia a seconda di come è classificata la sua azienda. Se si tratta di un’impresa artigiana la vedova riceverà l’assegno funerario ed una rendita vitalizia di importo mensile pari a circa 500 euro.
In sostanza per il sostegno ai familiari dei cinque lavoratori morti a Molfetta lo Stato spenderà 6.800 euro subito per i funerali, 34.000 euro l’anno finchè i figli non saranno maggiorenni e 20.000 euro l’anno fino alla morte delle tre vedove.
Il problema non è solo l’esiguità della rendita ma anche i tempi medi di erogazione da parte dell’Inail affinchè completi l’istruttoria. Ora l’attesa è di circa 110 giorni, ossia quasi quattro mesi. Anche se, riferiscono alcuni esperti, prima era molto di più e cioè di circa 5-6 mesi. Non stupisce, di fronte a questi dati, che l’unica richiesta dei parenti degli operai morti al presidente del Consiglio Romano Prodi, in visita a Molfetta, sia stato un lavoro.
«Ripetiamo da anni, senza esito – commenta Pietro Mercandelli, presidente dell’Anmil, l’associazione dei mutilati e invalidi sul lavoro – che bisogna procedere ad una revisione degli indennizzi previsti per le vittime del lavoro, per i familiari regolati addirittura da una normativa vecchia di cinquant’anni, quando in Italia non c’era neppure il divorzio».

IL MESSAGGIO DEL PAPA

Cordoglio di Papa Benedetto XVI per le cinque vittime di Molfetta. In un messaggio a firma del segretario di Stato, il cardinale Tarcisio Bertone, indirizzato al vescovo di Molfetta, monsignor Luigi Martella, Ratzinger “appresa la triste notizia del grave incidente sul lavoro” ha manifestato “la sua paterna e affettuosa vicinanza ai familiari delle persone tragicamente scomparse e all’intera comunità molfettese, esprimendo viva partecipazione al loro dolore”.
Il Papa “ricorda l’esempio di solidarietà e generosità dei compianti defunti che affida alla misericordia divina perché possano godere eternamente della luce del volto di Dio” e “invoca su quanti soffrono per la grave perdita per la materna intercessione della Vergine Santa, la consolazione della fede e, nella luce della speranza cristiana, imparte di cuore confortatrice benedizione apostolica”.

LO STRISCIONE DELLA THYSSENKRUPP

C’è anche uno striscione della Rsu Fim-Fiom-Uilm della Tyssen Krupp Acciai Speciali Terni all’esterno della chiesa Santa Maria della Pace di Molfetta, dove stanno per terminare i funerali delle cinque vittime della tragedia sul lavoro della ‘Truck Center’. ‘Eroi per semprè, recita un altro striscione.
Sono alcune migliaia, sommando quelli che sono all’interno con quelli che sono all’esterno, i cittadini che hanno voluto, in un clima di grande mestizia e di commosso silenzio, manifestare la loro vicinanza alle famiglie delle cinque vittime.

L’OMELIA DEL VESCOVO

“E’ la Parola che ci regge in questo momento e regge soprattutto i familiari, le mogli, i figlioli, i nipoti e gli amici. Anche se umanamente sono infrante le speranze alle quali essi stavano cercando di dare consistenza; speranze di una vita più tranquilla economicamente, dopo svariate esperienze di precarietà, speranze di un lavoro più sicuro, di uno stipendio per poter fondare e mantenere una famiglia». Sono le considerazioni svolte dal vescovo di Molfetta Luigi Martella, durante l’omelia della messa dei funerali di Vincenzo Altomare, Guglielmo Mangano, Luigi Farinola, Biagio Sciancalepore e Michele Tasca, rispettivamente il titolare della ‘Truck Center’ e quattro operai morti nell’incidente sul lavoro di lunedì scorso.
Il vescovo ha voluto ricordare «la speranza di Michele, il più giovane, in attesa di partire per poter mettere a frutto le abilità acquisite e riconosciute alla Scuola Alberghiera. Nessuno di loro -ha concluso- ha tenuto per se la vita, ognuno l’ha completamente donata. La catena della loro solidarietà si è trasformata in una catena di vita e di amore”.

fonte: http://qn.quotidiano.net/2008/03/07/70599-migliaia_addio_cinque_operai.shtml

La macchina del pensiero è realtà

 

Sull’ultimo numero di Nature: legge ciò che ‘registriamo’
e indovina l’immagine esatta nove volte su dieci


Dagli Usa lo “scanner” del cervello

.

dal nostro corrispondente ENRICO FRANCESCHINI

LONDRA – La “macchina del pensiero”, ossia un apparecchio in grado di leggere quello che ci passa per la mente, un oggetto che finora sembrava destinato a rimanere nell’ambito della fantascienza, è diventata una realtà. Usando uno scanner simile a quelli utilizzati per le diagnosi negli ospedali, una squadra di ricercatori americani ha ideato un sistema computerizzato che è in grado di indovinare, ovvero di leggere nell’attività cerebrale, le immagini che un individuo sta guardando.

In pratica, la macchina legge quello che il cervello umano registra. La precisione con cui funziona è impressionante: il computer è capace di indovinare l’immagine esatta nove volte su dieci, quando tirando semplicemente a indovinare la percentuale sarebbe soltanto di otto immagini indovinate ogni mille tentativi.

Lo studio solleva la possibilità che in futuro possa essere possibile visualizzare dal pensiero scene dai sogni di una persona o da ricordi che sono stati dimenticati. Ma comporta anche l’ipotesi di interrogatori in cui si va alla ricerca di “crimini del pensiero”, soltanto immaginati e mai compiuti, suscitando apprensione per le violazioni della privacy e dei diritti civili.

La ricerca è annunciata sull’ultimo numero della rivista scientifica Nature, ed è stata anticipata con ampio risalto stamane in prima pagina dal quotidiano Guardian di Londra.

“I nostri risultati suggeriscono che è possibile ricostruire l’immagine dell’esperienza visuale di un uomo misurando la sua attività cerebrale”, afferma il professor Jack Gallant, neurologo della University of California di Berkeley, che ha guidato il progetto. “Ciò schiude enormi possibilità, presto potremo avere una macchina capace di ricostruire in qualsiasi momento un’immagine dal cervello umano”.

La macchina funziona così. In un primo tempo lo scanner registra l’attività del cervello mentre un individuo osserva centinaia di foto a colori e in bianco e nero: panorami, ritratti, animali, immagini romantiche, immagini violente, immagini di ogni genere. Quindi si passa al test vero e proprio, esaminando l’attività cerebrale senza sapere quale immagine la persona stia guardando. Confrontando le due serie di immagini, il computer fa quindi la sua predizione di quello che la persona ha guardato. Su un totale di 120 immagini, la predizione è giusta nove volte su dieci. Su 1000 immagini, è giusta otto volte su dieci. Gli scienziati di Berkeley calcolano che su un miliardo di immagini, su per giù il numero di immagini che si possono trovare su Google, la predizione sarebbe esatta nel venti per cento dei casi.

Ma questo è solo l’inizio. Lo scanner computerizzato usato per il test può scattare solo tre o quattro immagini al secondo. Scanner più sofisticati e complessi potranno, in futuro, leggere con maggiore accuratezza l’attività cerebrale e confrontarla con un più ampio numero di immagini. “Potremo essere in grado di leggere i sogni”, dice il professor Gallant. Potrà essere possibile recuperare frammenti di memoria rimasti “stampati” nel cervello, ma che un individuo non ricorda più o di cui ha perso la consapevolezza. E’ anche possibile immaginare che un giorno una “macchina del pensiero” potrà interrogare il cervello di un sospetto terrorista o di un criminale, per farsi dire cose che costui non rivelerebbe mai di sua spontanea volontà. Le implicazioni comportano inevitabili polemiche e controversie.

C’è tempo, in ogni caso, per il dibattito: “Ma nel giro di 30-50 anni cose del genere saranno a disposizione della scienza e della società”, scommette Gallant. L’uso che vorremo farne dipenderà soltanto da noi.

(6 marzo 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/03/sezioni/scienza_e_tecnologia/macchina-pensiero/macchina-pensiero/macchina-pensiero.html

07/03/08

No alla macchina del pensiero

Letturadelpensiero Una macchina che «legge» quello che la mente umana vede, nella realta’ ma anche nei sogni: e’ quello a cui puntano alcuni scienziati americani dell’universita’ della California a Berkeley. Obiettivo, la creazione di un oggetto che in futuro potrebbe consentire la lettura del pensiero.

Auguriamoci che questo progetto si areni e non vada a buon fine, in modo che il pensiero rimanga ancora intimo, segreto, personale e non pubblico. Perche’ il passo successivo potrebbe essere quello d’intercettare le nostre onde cerebrali tramite qualche dispositivo collocato in un satellite o nei nostri cellulari, per arrivare a controllare anche le nostre riflessioni. Inoltre, nell’era della (falsa) privacy, principalmente fonte inesauribile di burocrazia, sarebbe un incongruenza entrare nella sfera personale di ognuno, anche per scopi terapeutici, a mio modo di vedere. Forse sarebbe il caso di fermare la ricerca, a favore del «libero pensiero» in modo che ci rimanga ancora l’illusione di poter pensare cio’ che vogliamo, senza che le nostre idee facciano parte, a breve, di qualche «grande fratello», magari in nome di una mendace liberta’.

 fonte: http://oknotizie.alice.it/go.php?us=39a04a89e6e45afb

Spagna, Eta insanguina le elezioni

 

Carrasco, ex consigliere socialista,
è stato assassinato nei Paesi Baschi
Zapatero: «I responsabili pagheranno»

MADRID
«Sapevamo che l’Eta poteva causare danni e dolore irreparabili: ma sappiamo con sicurezza che l’Eta è stata sconfitta dalla democrazia, isolata dalla società spagnola e dei Paesi Baschi»: lo ha affermato il premier spagnolo José Luis Rodriguez Zapatero, nel breve discorso con il quale ha condannato l’omicidio dell’ex consigliere comunale socialista Isaias Carrasco, ucciso in un attentato terroristico avvenuto questo pomeriggio nella località basca di Mondragon.

Zapatero, dopo le condoglianze alla famiglia, ha definito l’accaduto «un vile attentato», un atto di «estrema crudeltà» commesso da chi «ha scelto di continuare con l’esecrabile attività contro il più elementare di tutti in diritti, il diritto alla vita». Il premier ha ricordato come la vittima fosse «un lavoratore che ha dedicato parte della sua vita ai suoi concittadini esercitando la carica di consigliere comunale nelle fila del Partito Socialista Operaio Basco».

I responsabili, ha avvertito Zapatero, saranno arrestati, portati davanti alla giustizia e condannati così come è accaduto in passato agli autori di altri attentati. «L’unico destino dell’Eta è quello di scomparire, l’unico futuro dei suoi militanti è il carcere», ha proseguito il premier: «L’Eta ha cercato di nuovo di interferire con i cittadini convocati alle urne, ma gli spagnoli non accettano sfide ai loro principi e ai loro diritti, né in passato, né oggi, né mai».

»Uniti difenderemo le nostre istituzioni e i nostri diritti, uniti la faremo finita con questo flagello che colpisce la società spagnola da decenni«, ha concluso Zapatero, che non ha rilasciato ulteriori dichiarazioni. Secondo i media spagnoli, il premier è appena partito in elicottero per Mondragon per incontrare i familiari di Carrasco. Nel frattempo è stata ritardata di un’ora, alle 19, la riunione dei tutti i partiti politici nel Parlamento a Madrid, per una dichiarazione istituzionale comune.

fonte: http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200803articoli/30847girata.asp

«Galline in gabbia, uova fuorilegge»

 

Mobilitazione per chiedere la conferma del bando degli allevamenti in batteria

La denuncia della Lav: gran parte della produzione non rispetta le norme sul benessere degli animali

.

ROMA – La gran parte delle uova di gallina prodotte dai nuovi impianti in funzione dal 2006 sono fuorilegge. Nonostante la censura della Commissione Ue, «nel nostro Paese sono sistematicamente violati gli standard di arricchimento delle gabbie e la densità d’allevamento, con gravi conseguenze per il benessere degli animali». La denuncia arriva dalla Lega antivivisezione (Lav) che nel weekend scenderà nelle piazze italiane per raccogliere firme a sostegno di una petizione che chiede al nuovo governo di confermare la data del 1° gennaio 2012 per la messa al bando degli allevamenti in batteria delle galline ovaiole.

PROTESTA AL MINISTERO – La Lav ha anche protestato davanti al ministero della Salute, a Roma, contro la decisione del sottosegretario Gianpaolo Patta di chiedere il rinvio della data del 2012: «Tale rinvio – secondo gli animalisti .- rappresenta un regalo all’industria avicola che dal 1999 ad oggi, nonostante i tanti fondi pubblici percepiti, non ha fatto nulla per riconvertire le gabbie come imposto dalle norme». Negli allevamenti in batteria – si legge in un dossier della Lav – le gabbiette sono lunghe appena 25 centimetri e ogni gallina ha a disposizione uno spazio di 550 centimetri quadrati (di poco inferiore a quello di un foglio A4) nel quale è impossibile per l’animale compiere movimenti naturali, stirarsi, aprire le ali o semplicemente girarsi nella gabbia senza difficoltà.

Galline ingabbiate in una foto scattata dai volontari dell’associazione britannica Advocates for animals

GALLINE A RISCHIO – La Lav, oltre a contestare il possibile dietrofront dell’esecutivo, sottolinea come ad essere in pericolo è la vitvita di 50 milioni di galline, «gran parte delle quali sottoposte a un sistema di allevamento intensivo tra i più crudeli». «Gli italiani – dice il vicepresidente dell’associazione, Roberto Bennati – hanno il diritto di vedere applicata una normativa faticosamente conquistata e di non acquistare uova di fatto fuorilegge».

CONSEGUENZE SULLE UOVA – Ma non è solo un problema di benessere degli animali. «Le galline allevate in queste condizioni – spiega ancora Benatti – tendono a sviluppare malattie e patologie come ad esempio osteoporosi o infezioni varie. Ci sono alti tassi di mortalità e di sofferenza che incidono sul funzionamento dell’organismo delle galline. Le uova da loro prodotte rischiano dunque di essere uova di animali malati e di conseguenza di bassa qualità» (■ Ascolta l’audio).

Zampe di gallina incastrate tra le griglie della gabbia (Advocates for animals)

LE SCELTE DEI CONSUMATORI – I consumatori stessi possono avere un ruolo nell’accelerare il progressivo abbandono dell’allevamento in batteria, scegliendo di acquistare soprattutto uova provenienti da galline allevate con sistemi alternativi alle gabbie. Queste possono essere identificate in particolare attraverso il codice riportato sui gusci: quando questo riporta il numero 3 significa che le galline sono allevate in gabbia (i codici per l’allevamento «biologico», «all’aperto» o «a terra» sono rispettivamente 0, 1 e 2) (■ Come si legge il codice sui gusci).

I NUMERI – Nel 2006, secondo dati forniti dalla Lav, in Italia sono state allevate 51 milioni e mezzo di galline e sono stati prodotti quasi 13 miliardi di uova. Ogni italiano ne ha consumate mediamente 219. La riconversione degli allevamenti in gabbia comporta dei costi che poi si potrebbero riversare anche sul prezzo finale dell’uovo. «Ma una recente indagine della Commissione Ue Eurobarometro – fa notare ancora Bennati – ha evidenziato che il 57% dei cittadini della Ue si dichiarano disposti a pagare di più per le uova provenienti da un sistema di produzione rispettoso del b enessere degli animali».

07 marzo 2008

fonte: http://www.corriere.it/animali/08_marzo_07/galline_in_batteria_denuncia_lav_uova_800a16e6-ec35-11dc-a76d-0003ba99c667.shtml

In morte del fratello Clemente

SCONSOLATI..

DAL BLOG DI BEPPE GRILLO

In morte del fratello Clemente 1(*)

Un dì, s’io 2(*) non andrò sempre fuggendo
di partito in partito, me vedrai seduto
su la tua pietra, o fratel mio, gemendo
il fior de’ tuoi gentil anni caduto.
La Madre 3(*) or sol suo dì tardo traendo
parla di me col tuo cenere muto 4(*),
ma io deluse a voi le palme tendo
e sol da lunge i tetti di Ceppaloni 5(*) saluto.
Sento gli avversi numi 6(*), e le secrete
cure che al viver tuo furon tempesta,
e prego anch’io nel tuo porto quiete.
Questo di tanti voti oggi ti resta!
Gentil Clemente, almen le ossa 7(*) rendi
allora al petto degli italiani mesti.

Testo liberamente tratto da: “In morte del fratello Giovanni” di Ugo Foscolo.

1(*) L’autore, con sottile eufemismo, si riferisce alla morte politica dello statista italiano Clemente Mastella (Ceppaloni 5 febbraio 1947, vivente)
2(*) La poesia è attribuita al famoso compagno di merende Pierferdinando Casini (“Ferdy”) che ha condiviso le battaglie politiche di Clemente Mastella (“Clem”) per decenni
3(*) Il significato da attribuire alla “Madre” è fonte di discussione per gli studiosi. Se molti la riferiscono a Silvio Berlusconi, alcuni propendono a una allusione a donna di facili costumi
4(*) “Cenere muto” è il soprannome del Governatore Antonio Bassolino. La cenere infatti non parla e neppure Bassolino ha mai detto nulla ai giudici sul disastro ambientale in Campania
5(*) Città natale di Mastella di cui è sindaco a vita. E’ rimasta celebre la fiaccolata dei suoi abitanti a sostegno della moglie Sandra Lonardo costretta agli arresti domiciliari perché accusata di concussione
6(*) Gli “avversi numi” sono le percentuali di voto previste per il suo partito di ricatto e di governo, detto UDEUR. Infatti, nel 2008, per la prima volta un partito italiano registra intenzioni di voto negative. Fa perdere tra il 10 e il 12% dei voti a chi se lo prende
7(*) “Le ossa” sono in realtà i popolari torroncini natalizi autoprodotti da Mastella con i soldi del finanziamento pubblico al suo partito. Tutti gli italiani ne vorrebbero un etto.

fonte: http://www.beppegrillo.it/2008/03/in_morte_del_fr/

bd1046-nella-tana-dei-serpenti.jpg fonte: www.bastardidentro.it

Diliberto lascia il Parlamento “Un operaio al mio posto”

 

SOLO UNA PAROLA: BRAVO!!

Diretta –  POLITICA

.

“Lascio il mio posto di capolista a Ciro Argentino, operaio della Thyssen.

La politica si può fare bene anche fuori dalle istituzioni” dice il segretario del Pdci, Olivero Diliberto. Nel frattempo prosegue il tour elettorale di Walter Veltroni: oggi è nel nord-est. Il leader Idv critico sulla candidatura di Carra. E fra i centristi Casini avverte: “Non faremo i tappabuchi a nessuno”

.

Fausto Bertinotti non commenta la decisione di Oliviero Diliberto di cedere il suo posto in lista, per la Sinistra l’Arcobaleno, all’operaio della Thyssen. Ai cronisti che gli chiedono quale sia il suo giudizio sulla questione delle candidature operaie nella Sinistra Arcobaleno e sul passo indietro di Diliberto, il candidato premier risponde: “Nessuno commento”.

L’ex presidente di Confindustria Antonio D’Amato è giunto da pochi minuti a palazzo Grazioli per incontrare Silvio Berlusconi e sciogliere la riserva su una sua candidatura con il pdl.

Oliviero Diliberto lascia il posto in Parlamento all’operaio Ciro Argentino. Diliberto ha scelto di non ricandidarsi e di fare il segretario del partito fuori dalle istituzioni. “I comunisti sono diversi da tutti gli altri, per questo motivo ho deciso di lasciare il Parlamento ed al mio posto ci sarà come capolista Ciro Argentino, operaio della Thyssen. La politica si può fare bene anche fuori dalle istituzioni”.

Se si raggiungerà l’accordo tra Lamberto Dini e Silvio Berlusconi Daniela Melchiorre, attuale sottosegretaria alla Giustizia e diniana, dovrebbe essere nella pattuglia dei candidati che il leader del Liberaldemocratici porterebbe in Parlamento.

“Ho ringraziato Enrico Boselli per l’allettante offerta che mi ha fatto, ma ho dovuto rifiutare. Non intendo candidarmi contro i Radicali”. Con questa motivazione il ginecologo torinese Silvio Viale, pioniere della pillola Ru486, ha declinato l’invito dello Sdi a candidarsi con il loro simbolo.

“Come già precedente ribadito a riguardo devo ripetere, ancora una volta, che l’ipotesi, rilanciata oggi da alcune testate, per cui la Lega Nord possa correre da sola alle prossime elezioni politiche per quanto riguarda il Senato in Lombardia e in Veneto è totalmente priva di qualunque fondamento ed è frutto solo della fantasia disturbata dei giornalisti che si ostinano a scriverla e ripeterla”: lo dice Roberto Calderoli.

“I tg sono scandalosi. C’è una disparità incredibile. Non abbiamo complessi di inferiorità, sappiamo che la nostra battaglia è dura, ma siamo sicuri che gli italiani capiranno e non cadranno nella trappola dei mass media”. Lo dice Pier Ferdinando Casini. “Pd e Pdl – osserva il candidato premier dell’Udc – si danno una mano vicendevolmente ma noi andiamo avanti con serenità e diciamo agli italiani, riprendetevi il vostro voto e decidete voi”.

14:51 Argentino: “Ho scelto io di non candidarmi”

“Ho scelto volontariamente di non candidarmi alle elezioni politiche per evitare qualunque strumentalizzazione della vicenda della Thyssen a fini elettorali”. Così l’operaio Ciro Argentino, a proposito delle polemiche sulla sua esclusione dalle liste della sinistra arcobaleno.

Nessun discorso e nessuna trattativa con Silvio Berlusconi per l’ottenimento di un ministero. Lo ha ribadito Giancarlo Galan nell’annunciare la sua candidatura nelle liste del Pdl per il Senato, facendo sapere di voler dare in beneficenza lo stipendio derivante dal doppio ruolo, in caso di elezione.

Il presidente della regione Lombardia, Roberto Formigoni, sarà capolista del Pdl al Senato in Lombardia, ma di possibili incarichi nel nuovo governo, se vincesse il centrodestra, non ha voluto parlare. Fprmigoni ha spiegato che se fosse eletto al Senato si prenderà tutto il tempo concesso dalla legge per decidere se rimanere a Roma o a Milano alla guida della regione.

“La sinistra arcobaleno è un soggetto unitario e plurale, che resterà in vita anche dopo le elezioni”. E’ quanto assicura il segretario di Rifondazione comunista Franco Giordano, nel corso della presentazione della nuova veste grafica del quotidiano Liberazione. “Non siamo solo un cartello elettorale – prosegue Giordano- e non partecipano solo le quattro forze politiche Prc, Pdci, Sd e Verdi ma anche associazioni, movimenti, singoli individui, nonchè giornali come Liberazione e Manifesto”.

“In morte del fratello Clemente”, “liberamente tratta” dalla poesia di Ugo Foscolo “In morte del fratello Giovanni”, è stata pubblicata da Beppe Grillo sul suo blog dopo la decisione di Clemente Mastella di non ricandidarsi alla prossime politiche. Tra il comico genovese e l’ex ministro i rapporti sono sempre stati tesi soprattutto in seguito ai casi dei magistrati Clementina Forleo e Luigi De Magistris, al punto che Mastella annunciò una querela nei confronti di Grillo per i continui attacchi dal blog.

“Rutelli è inaffidabile e invotabile. Penso che è giusto che vada al secondo turno, anche se non vogliamo che vinca la destra, che a Roma raggiunge una delle sue peggiori espressioni”. Lo ha affermato il candidato a sindaco del partito socialista, Franco Grillini, nel corso di della conferenza stampa in cui ha annunciato la sua candidatura. “Non è possibile che i cittadini di Roma debbano scegliere tra i clerico-fascisti e l’Opus Dei – prosegue – a un sindaco papista e un ex fascista noi contrapponiamo un candidato sindaco laico e socialista”.

“Al Senato si può ripetere la situazione dell’altra volta, magari rovesciata, questo rischio c’è, ma non cambia niente”. Lo ha detto Franco Marini a Pescara parlando della legge elettorale, durante il suo intervento nel corso della presentazione delle liste del Pd alla Camera e al Senato in Abruzzo.

Per gli operai oltre alla presenza nelle liste servono politiche adeguate: la sinistra arcobaleno le propone, altri, e il Pd in particolare no. Franco Giordano interviene così nella polemica sulla mancata candidatura di Ciro Argentino, operaio della Thyssen e dirigente del Pdci. “E’ una polemica immotivata e infondata- spiega il segretario del Prc – perchè nelle nostre liste ci sono moltissimi rappresentanti del mondo operaio. Ma soprattutto, la condizione operaia si difende e si rappresenta con politiche adeguate e coerenti”.

“Non esiste l’ipotesi di accordi dopo il voto, le alleanze si fanno prima delle elezioni”. Lo ribadisce il candidato premier Udc, Pier Ferdinando Casini, nel corso presentazione del programma elettorale. “Noi non faremo sconti a nessuno – aggiunge – e non faremo i tappabuchi”.

“Al Senato si può ripetere la situazione di stallo dell’altra volta. Questo rischio c’è, magari rovesciato, ma non cambia niente. Non c’è stabilità per poter fare azione di governo efficace”. Lo ha detto stamani a Pescara il presidente del Senato, Franco Marini, presentando ufficialmente i candidati del Pd.

“Berlusconi e Veltroni si sono messi d’accordo per lasciare fuori dalla politica i temi della laicità”. Lo ha detto Franco Grillini, dopo aver annunciato nella sede del Partito Socialista la sua candidatura per il Campidoglio. “Si vuole tenere fuori un pezzo rilevante della politica nazionale, tanto a Roma quanto in Italia. Il Pd – conclude Grillini – facendo eleggere centoventi ex democristiani nel prossimo parlamento impedità di fare approvare qualsiasi cosa che sia contro il Vaticano”.

“L’Unione di centro non è più l’Udc e non è la Rosa bianca, ma è un nuovo soggetto. Andiamo verso la nascita di un nuovo partito”. Lorenzo Cesa spiega il significato dell’accordo tra Udc e Rosa bianca dicendo che insieme alla campagna elettorale parte anche “un coordinamento guidato da Pezzotta con cui arrivare alla costituente per un nuovo soggetto politico”.

Il Pdl è, come dice Berlusconi, il partito dei cattolici? “E vero che nel Pdl ci sono dei cattolici, ma l’unica forza di ispirazione cristiana è la nostra”. Così Savino Pezzotta risponde all’affermazione, che definisce “singolare”, del leader del Pdl Silvio Berlusconi.

Pronte stasera le liste del Pdl. Lo Riferisce Ignazio La Russa, precisando che metterle a punto “non è mai facile” dato che “qualche discussione” c’è sempre: “An la sua lista l’ha già completata, e lo stesso stanno facendo Fi e gli altri amici. Entro stasera – assicura – il Pdl avrà pronta la lista in ogni suo nome e numero”.

“Noi abbiamo rispetto per Mastella e per le sue scelte”: così Pier Ferdinando Casini, candidato premier per l’Unione di centro commenta la decisione annunciata da Mastella di non candidare il suo partito alle elezioni politiche.

“I tg sono scandalosi, c’è una disparità incredibile. Ma gli italiani capiranno che il loro cervello non può essere mandato all’ammasso. Gli italiani sono più intelligenti dei tg: capiranno che non si devono votare i due partiti che si fanno pubblicità tra di loro. Per questo diciamo agli italiani ‘riprendetevi il vostro voto'”. Così Pier Ferdinando Casini, candidato premier dell’Unione di Centro, presentando il programma dei centristi.

“Old-fashioned” nel look ma “oratore forte e convincente e usa un linguaggio comprensibile, sincero e con sense of humor”, “la sua campagna ha un ritmo veloce”. Sono alcune delle caratteristiche di Walter Veltroni secondo il Financial Times che oggi dedica un articolo alla campagna elettorale del leader del Pd.

Detto, fatto. Giovedì prossimo, 13 marzo, la Sinistra Arcobaleno protesterà contro la Rai “colpevole” di appiattire l’informazione politica su pd e Pdl dimenticando le altre forze politiche. “Per una Rai pluralista” è il titolo della manifestazione (ore 13, Viale Mazzini). Nel corso dell’iniziativa prenderà la parola Fausto Bertinotti, candidato premier della Sinistra-l’Arcobaleno.

Piccola polemica di Di Pietro col Pd che ha candidato il teodem Enzo Carra pur essendo già condannato con sentenza definitiva. “Ognuno si assume le proprie responsabilità”dice l’ex pm. Eppure il regolamento del Pd stabilisce la incandidabilità anche dei condannati in primo grado. “Noi- continua- siamo impegnati in una battaglia di legalità e trasparenza”.

Antonio Di Pietro e Leoluca Orlando hanno presentato le candidature ‘out-sider’ delle liste dell’Italia dei Valori. L’Idv porterà in Parlamento il professore Pancho Pardi (capolista in Toscana), la baronessa Teresa Cordopatri (capolista in Calabria), Elio Lannutti (capolista in Veneto) e Beppe Giulietti (capolista in Piemonte). Pardi porterà avanti la battaglia per la legge sul conflitto d’interesse, mentre Giulietti quella sulla riforma radiotelevisiva.

Il candidato premier dei Socialisti Enrico Boselli definisce le liste “L’Isola dei famosi un reality però destinato solo a certe televisioni non vogliamo vederlo in politica.”. Boselli, ieri protagonista di una protesta a Porta a Porta contro il duopolio Pd-Pdl nell’informazione, stamani è stato ospite di Radio Anch’io. Sui Radicali ha detto: “Mi dispiace molto per i compagni radicali, ma mi auguro che nel partito democratico prevalgano le idee laiche della Bonino e non quelle clericali della Binetti”.

Il governatore della Campania non ha mai chiesto alcuna candidatura. “Anzi – spiega Antonio Bassolino nella trasmissione Panorama del Giorno di Maurizio Belpietro – mentre altri in questi anni scappavano a Roma per stare comodamente in Parlamento io in Parlamento non ci sono andato e non vado. E non vado per mia scelta perchè ho il dovere di stare qui assieme ai miei cittadini”.

La testa di un capo indiano con il tradizionale copricapo di penne d’aquila campeggia sul nuovo manifesto elettorale della Lega Nord, incentrato sul tema dell’immigrazione clandestina. Accanto all’immagine la scritta “Loro non hanno potuto mettere regole all’immigrazione. Ora vivono nelle riserve! Pensaci”.

Il Pd attacca la Sinistra Arcobaleno, che non ha candidato nelle sue liste in Piemonte l’operaio della Thyssen Ciro Argentino. “L’esclusione che dimostra la strumentalità delle critiche rivolte al Pd” dice Vincenzo Vita candidato al senato nel Lazio. Stesse critiche anche da Paolo Nerozzi, sindacalista candidato al Senato nelle liste del Partito Democratico.

“E’ stata una visita molto bella”. Lo ha detto il leader del Pd, Walter Veltroni, al termine ci un tour all’azienda Ducati. “C’è un clima di grande speranza tra i lavoratori che qualcosa cambi”, ha detto.

“Le proteste contro il sistema radiotelevisivo italiano, riguardo agli spazi televisivi per la campagna elettorale, hanno un loro fondamento” per questo “l’Italia dei Valori presenterà un ricorso alle Autorità di vigilanza e controllo”. Lo annuncia il leader dell’Italia dei Valori, Antonio di Pietro.

“Sono convinto che su Mastella non calerà il sipario”. Lo dice l’esponente del Pd Marco Follini: “Mastella – sottolinea – è un uomo che ha passione e consenso. Non credo che sarà archiviato”.

A proposito delle critiche sull’impianto sanzionatorio arrivate da Confindustria sulle nuove norme sulla sicurezza sul luogo di lavoro il ministro Cesare Damiano attacca: “Mi sembrano parole esagerate, quasi insensate, perchè ci siamo tenuti sotto il tetto indicato dalla delega, garantendo equilibrio e proporzionalità tra sanzioni e violazioni”.

“In questo momento bisogna fare di tutto per superare l’emergenza, non bisogna lasciare solo De Gennaro”. Così il presidente della Regione Campania Antonio Bassolino, intervenendo a “Panorama del Giorno”, parlando dell’emergenza rifiuti ha ribadito la sua intenzione di non dimettersi.

“L’italianità di Alitalia è morta” così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta, torna a parlare del destino di Alitalia dopo le proposte del leader del Pdl Berlusconi sulla compagnia.

Il presidente del Veneto Giancarlo Galan potrebbe comunicare oggi le sue decisioni riguardo ad una possibile candidatura alle elezioni del 13-14 aprile prossimi.

“Non siamo un’arca di Noè – dice Veltroni – Il nostro non è un partito patchwork, al contrario, è una forza con una precisa identità e con un programma sottoscritto da tutti. Il cuore del nostro progetto è un patto tra chi lavora per far ripartire l’Italia”

Walter Veltroni, arriva in Veneto (questa sera a Rovigo, domani mattina a Mestre, nel pomeriggio a Treviso e Belluno) e il sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, fa lo strappo. ”Da Veltroni non ci vado” anticipa Cacciari dalle pagine della ”Nuova Venezia”: ”Non e’ che si puo’ fare lo spot, venire qui una volta ogni tanto prima delle elezioni e poi ricominciare con gli errori di sempre”.

“Adesso speriamo che speditamente si continui a seguire quanto insieme si era deciso e concepito”. Lo ha detto il leader radicale Marco Pannella, parlando questa notte a Radio Radicale commentando l’accordo siglato con il Pd e la nota del coordinatore democratico Goffredo Bettini su questo. Pannella ha fatto capire che continuerà nella sua azione non violenta di sciopero “per la difesa nel mondo della parola data”.

“Non ci sarà pareggio, il Pd vincerà le elezioni”. Ne è convinto il leader di Pd Walter Veltroni che ribadisce il concetto oggi in un’intervista pubblicata sui quotidiani veneti del gruppo Espresso. “Io non credo in un pareggio – dice Veltroni – il Pd si batte per raggiungere un successo. Ora siamo gia al testa a testa. Ma in tutti i casi lo ripeto: insieme vanno scritte le regole, il governo è cosa diversa, i due schieramenti hanno idee e programmi alternativi e non ci saranno grandi coalizioni’

fonte: http://www.repubblica.it/2008/03/dirette/sezioni/politica/verso-voto/7-marzo/index.html

.

Diliberto lascia il posto all’operaio e rinuncia a candidarsi

Segretario di Prc Giordano

Lo scoglio candidature è difficile da superare anche per la Sinistra Arcobaleno: Oliviero Diliberto non si candiderà alle elezioni per lasciare il suo posto in lista all’operaio della Thyssen, Ciro Argentino.Convocando una conferenza stampa, Diliberto ha voluto rispondere «con i fatti e non con le chiacchiere» alle «polemiche sulla casta», dimostrando che «non tutti i politici sono uguali. Lascio il posto a un delegato operaio della Thyssen». «Io – ha detto Diliberto – rinuncio al mio posto in Parlamento, perché la politica si può fare anche bene dalle istituzioni. Vuol dire che al posto mio ci sarà un operaio in più in Parlamento» e sarà il dirigente del Pdci Ciro Argentino, già consigliere provinciale e ora candidato capolista in Piemonte, un posto che Diliberto giudica «strasicuro».

«Noi – ha detto ancora Diliberto – avevamo deciso di eleggere l’operaio e nella trattativa non c’era posto, perciò mi chiamo fuori io e la cosa non mi pesa. Continuerò a fare il segretario di questo partito con raddoppiata lena e impegno».

In precedenza il Partito democratico aveva attaccato sulla mancata candidatura nelle sue liste in Piemonte dell’operaio della Thyssen Ciro Argentino, sindacalista iscritto al Pdci. Vincenzo Vita candidato nelle liste del PD ed esponente della sinistra del partito affermava: «L’esclusione dalle liste della sinistra arcobaleno di Ciro Argentino, operaio della Thyssen di Torino, colpisce, rattrista e dimostra la strumentalità delle critiche rivolte al Pd. Le liste del Partito democratico rappresentano un forte segno di novità proprio dal punto di vista della capacità di rappresentare la società italiana, operai, lavoratori precari, imprenditori saranno nel nuovo parlamento grazie al Pd. Come mai proprio la Sinistra arcobaleno non privilegia gli operai?».

Sulla stessa linea Paolo Nerozzi, sindacalista candidato al Senato nelle liste del Partito Democratico. «Che fine hanno fatto tutti quelli della Sinistra arcobaleno che criticavano le liste del PD che rimproveravano operai e sindacalisti di aver accettato di stare vicino agli imprenditori? Perchè nessuno oggi alza un dito contro l’esclusione di Ciro Argentino, operaio della ThyssenKrupp dalle liste elettorali? Il PD – afferma Nerozzi – ha dimostrato di aver mantenuto al parola data e porterà in Parlamento tanti lavoratori come Antonio Boccuzzi».

Per Achille Passoni, candidato nelle liste del Pd al Senato «mentre polemizza con il Pd per le candidature di imprenditori, la Sinistra arcobaleno fa fuori dalle liste l’operaio della Thyssen Krupp. È un esempio di incoerenza incredibile. Se dovessimo usare il loro stesso metro dovremmo dire che tra Diliberto e l’operaio Ciro Argentino nelle liste della Sinistra arcobaleno uno dei due era di troppo. L’operaio».

Quella sulla mancata candidatura dell’operaio della Thyssenkrupp Ciro Argentino nelle liste della Sinistra arcobaleno «è una polemica immotivata e infondata», secondo il segretario di Rifondazione comunista Franco Giordano. «Nelle nostre liste ci sono moltissimi rappresentanti del movimento operaio. Ma soprattutto – spiega il leader del Prc replicando alle dichiarazioni di alcuni esponenti del Pd – la condizione operaia si difende e si rappresenta con politiche adeguate e coerenti. Le nostre lo sono, non mi sembra si possa dire lo stesso di altri».

Ancora più deciso Maurizio Zipponi, deputato del Prc e responsabile lavoro del partito «La polemica sulla presenza di operai nelle liste della Sinistra Arcobaleno da parte del Pd è strumentale e rozza, tanto più se a farla è un sindacalista come Paolo Nerozzi che dovrebbe sapere di cosa sta parlando. Nelle liste della Sinistra Arcobaleno sono candidati decine di esponenti del movimento operaio come il ministro della Solidarietà Sociale, ex operaio Fiat. La realtà – prosegue – è che Nerozzi non sa più come giustificare la presenza di candidature nelle liste Pd incompatibili con qualsiasi idea di sinistra, da Calearo a Colaninno. Invece di muovere accuse ridicole Nerozzi dovrebbe spiegare perchè dopo aver assicurato pubblicamente appena tre mesi fa che mai e poi mai sarebbe entrato nel Pd, ha poi improvvisamente cambiato idea di fronte all’offerta di candidatura avanzata proprio nel momento in cui sta per scadere il suo mandato della Cgil».

Altra polemica riguarda Vladimir Luxuria. «Apprendiamo con vivo stupore e amarezza che la Sinistra-l’Arcobaleno candida alla Camera, nella circoscrizione Sicilia occidentale, Vladimir Luxuria. Non siamo assolutamente d’accordo con questa scelta compiuta dall’alto, che contraddice i criteri di territorialità, di pratica politica fondata sulla relazione, di rappresentatività e mortifica le energie presenti sul territorio». È quanto scrivono 114 elettrici di sinistra in un documento, chiedendo che sia modificata la composizione delle liste, assicurando la candidatura dell’uscente Daniela Dioguardi (Prc).

La Sinistra Arcobaleno sembra comunque in dirittura di arrivo anche nel completamento del puzzle delle candidature. Sfumata l’idea di presentare ufficialmente le candidature arcobaleno, il tavolo tecnico, riunito contemporaneamente al vertice dei leader, prosegue incessantemente nel limare gli ultimi dettagli.

Gli sherpa dei quattro partiti lavorano per trovare una soluzione alla candidatura di Ali Rashid, il deputato palestinese di Rifondazione che attualmente è in una posizione a rischio, mentre sembra chiuso anche il “caso” di Francesco Caruso che sarà candidato in Veneto, come deciso dal partito, nonostante il veto del leader dei disobbedienti del Nord-Est Luca Casarini.

Tra gli obiettivi ci sarebbe poi l’ipotesi di inserire in extremis anche un rappresentate dei camalli di Genova.

Sembra tutto risolto invece nelle file dei Verdi. Superata la tensione con alcune con gli esponenti della federazione lombarda, il partito di Pecoraro Scanio ha risolto il problema delle candidature. Il ministro dell’Ambiente, come già annunciato, sarà capolista in Puglia mentre il capogruppo alla Camera Angelo Bonelli correrà nel Lazio e sarà il numero due della lista guidata da Fausto Bertinotti.

Tra le new entry il magistrato Gianfranco Amendola, capolista in Lombardia 3, l’ex presidente del parco del Cilento Giuseppe Tarallo che sarà in corsa in Campania. Al Senato traslocherà il sottosegretario all’Economia Paolo Cento mentre il tesoriere del partito Marco Lion sarà capolista nelle Marche.

Pubblicato il: 07.03.08
Modificato il:
07.03.08 alle ore 16.52

fonte: http://www.unita.it/view.asp?idContent=73539