Saviano, in aula minacce dai boss: “Influenza i giudici, no al processo”

La provocatoria istanza dell’avvocato di due esponenti del clan dei Casalesi
Duro articolo dello scrittore sul “Time”: i partiti non si occupano del crimine.

.

Solidarietà dal mondo politico. La reazione di Bertinotti, Iervolino, Carfagna
Veltroni: “Sapranno continuare nella denuncia”

NAPOLI – La camorra sferra un nuovo attacco diretto contro lo scrittore Roberto Saviano. Lo fa per vie giudiziarie. In sostanza l’avvocato di due boss del clan dei Casalesi chiede la remissione del processo perché gli articoli dell’autore di “Gomorra”, nonché quelli di una giornalista del “Mattino”, creano una situazione tale da condizionare il procedimento.

I due boss che hanno chiesto il trasferimento del processo a Roma sono Francesco Bidognetti, detto Cicciotto di Mezzanotte, detenuto da alcuni anni, e il latitante Antonio Iovine. Le accuse sono rivolte anche dell’ex pm della Dda di Napoli Raffaele Cantone.
Tutti e tre si sono occupati delle vicende della camorra casertana e nel recente passato sono stati destinatari di minacce di chiara matrice camorristica.

La solidarietà a Saviano, alla giornalista e al magistrato da tutto il mondo politico, in particolare dal centrosinistra. Da Bertinotti a Iervolino a Veltroni, che dice: “Sapranno continuare nella loro opera di denuncia e lotta contro la camorra”

E proprio oggi Roberto Saviano torna a far sentire la sua denuncia con un lungo articolo sul settimanale statunitense “Time”. Una analisi molto dura della campagna elettorale nella quale – scrive Saviano – si continua a ignorare che il problema principale del paese è il crimine organizzato o, per dirla meglio, l’economia prodotta dalle attività criminose.
“Malgrado tutta la retorica della campagna elettorale sui cambiamenti e le riforme – scrive Saviano – nessuno vincerà le elezioni italiane il mese prossimo e, soprattutto, non le vinceranno i cittadini”.

(14 marzo 2008)

fonte: http://www.repubblica.it/2008/03/sezioni/cronaca/saviano-minacce/saviano-minacce/saviano-minacce.html

CAMORRA: SAVIANO SUL ‘TIME’, TUTTI I CANDIDATI IGNORANO IL PROBLEMA CRIMINALITA’

(Adnkronos) – “Troppe elezioni in Italia sono state vinte – spiega ancora il giornalista – e succede tuttora, comprando i voti. E’ un’arma formidabile soprattutto nel Sud. Quando ero piccolo un voto costava piu’ che adesso. Prima lo si vendeva per un posto nella Pubblica Amministrazione, oggi basta un cellulare consegnato prima delle elezioni con la promessa di regalarlo una volta che si presenta una foto con il voto”.

fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/Cronaca/?id=1.0.1975077158

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: