Non più fascismo, non più antifascismo

Non c’è nulla di più superficiale dell’affibbiare etichette.
L’etichetta infatti è la massima sintesi di tutte le idee che per pigrizia non vengono analizzate distintamente ed in profondità, determinando una schematizzazione forzata negatrice di sfumature e differenze e quindi, gioco-forza, totalizzante.

Risulta oramai appurato che nel fascismo confluirono le correnti più disparate, spesso nettamente antitetiche, lo stesso può attribuirsi al fenomeno del neofascismo. Così come l’idea fascista – dai postulati sansepolcristi fino al “cercar la bella morte” agli sgoccioli dell’esperienza repubblicana – ha subito molteplici interpretazioni – talvolta attuate dal regime, tal altre solo teorizzate – anche il movimento dal secondo dopoguerra in poi ha avuto le sue enormi divisioni interne, ingigantite dall’esiguità numerica che tuttora lo caratterizzano. Repubblicani e monarchici, socialisti e capitalisti, integralisti cattolici e pagani, sionisti e terzomondisti – e si potrebbe andar avanti a lungo – è infinita la lista di coloro che hanno adoperato l’appellativo “fascista” dagli albori sino ad oggi senza soluzione di continuità. Oggi il pericolo è ben altro, il nemico è apolide ed il disegno sottile e mistificatore. Per combatterlo bisogna superare le ideologie del ‘900 senza abiurarle, rimodellarle per una società in cui non trovano più spazio né la lotta di classe comunista né il vecchio nazionalismo fascista, ma una sintesi attualizzata che partendo dal basso conduca ad una vera lotta di popolo contro i manovratori delle stanze dei bottoni. Vale la pena, a conferma, di citare lo squallore di certi personaggi del calibro del tristemente famoso Giuseppe Ciarrapico, annoverato nelle fila degli estimatori di quel dato periodo storico. Il personaggio in questione con ogni probabilità, essendo un imprenditore di facili costumi, coccolerà l’eredità del peggior fascismo agrario e di quella frangia – peraltro spesso maggioritaria – compromessa con i poteri forti, la monarchia, la grande industria, la finanza, la massoneria e il Vaticano. Come non pensare anche a Gaetano Saya, massone, filoamericano, filosionista, che sul sito del rinato Movimento Sociale Italiano, da lui rifondato, viene così incensato: “Dio benedica George W. Bush. Dio benedica gli Stati Uniti d’America. Il male sceso tra noi trova in uomini come George Bush in America, in uomini come Gaetano Saya in Italia, un baluardo inespugnabile. Uomini timorati di Dio, uomini duri e puri che illuminati per volontà Divina, sono scesi nella valle oscura della morte per difendere la Fede Giudeo-Cristiana e l’Occidente. Il bene che questi uomini rappresentano sconfiggerà l’Anticristo. Dio è con loro. Il male verrà ricacciato dagli inferi da cui è uscito”. Certo, queste affermazioni somigliano più ad una parodia di un fanatico esaltato eppure tutto è sciaguratamente vero: anche Saya è un convinto fascista al pari di coloro che si richiamano agli ideali socialisti della RSI. L’antifascismo d’altronde è stato durante questi 60 anni di regime democratico il brodo avvelenato in cui diluire ogni velleità rivoluzionaria o anche solo innovatrice: perdurando un clima da guerra civile “fredda” il sistema ha utilizzato tutte le forze contrarie le une contro le altre con il raggiunto scopo di neutralizzarle. Consegnando alla storia il comunismo ed il fascismo si neutralizzeranno invece le spinte reazionarie pronte ad arruolare ed ammansire le istanze contestatrici inglobandole di volta in volta in alleanze a tutto vantaggio del liberal-capitale.

Luca Desideri

fonte: http://www.sinistranazionale.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: