Due operai e un agricoltore, i primi morti sul lavoro della settimana

inciedenti lavoro
.

Ricomincia la settimana e puntuali ricominciano gli incidenti sul lavoro. Un operaio edile è morto per un incidente sul lavoro in un cantiere a Bitritto, piccolo comune a pochi chilometri da Bari. L’operaio, Raffaele Masiello, di 47 anni, di Bitonto (Bari), sposato e con due figli, stava lavorando per conto di una ditta edile di Modugno presso la quale era regolarmente assunto. L’incidente è avvenuto verso le 8 in via della Resistenza, dove sono in corso lavori di ristrutturazione di una abitazione. L’uomo, secondo gli accertamenti svolti dai carabinieri, era su una impalcatura mobile issata a sei metri d’altezza quando è caduto al suolo picchiando la testa. È morto sul colpo.I carabinieri hanno avviato le indagini per accertare se erano state rispettate le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Nel nolano invece un operaio di quarantadue anni di origini marocchine è morto in un cantiere in via San Paolo Belsito; secondo una prima ricostruzione, gli operai erano intenti a realizzare le fondamenta di un palazzo privato quando all’ improvviso è crollato un vecchio muro di contenimento investendo il marocchino ed alcuni operai. Amghit El Mamoun, con regolare permesso di soggiorno e assunzione presso la ditta edile, è deceduto sul colpo. Sull’incidente stanno indagando i carabinieri della compagnia di Nola coordinati dal capitano Gianluca Piasentin. Aperte due inchieste, della Procura e dell’ Ispettorato del lavoro.

Un’altra morte sul lavoro a Sant’Onofrio, paese alle porte di Vibo Valentia. La vittima è un agricoltore di 35 anni, Pasquale Cugliari, che è finito sotto il trattore che stava guidando mentre era intento ad arare un terreno agricolo di sua proprietà. Alcuni parenti, accortisi dell’incidente, hanno avvisato il servizio di emergenza 118, ma i soccorritori, giunti sul posto, hanno constatato che l’uomo era già morto.

All’Ilva di Taranto invece un operaio di 29 anni, Eugenio Cianci, di Taranto, dipendente dell’impresa Comsider, è caduto da una passerella nel reparto Laminatoio a freddo dello stabilimento e ha battuto con violenza la testa sul pavimento. L’uomo ha riportato un forte trauma cranico ed è stato trasportato da un’ambulanza del 118 all’ospedale Santissima Annunziata. Il giovane si è sentito male, forse – secondo fonti sindacali – a causa dell’elevata temperatura nel reparto, ed è precipitato dalla passerella. Gli ispettori del lavoro intervenuti sul posto – a quanto viene reso noto dalle stesse fonti – avrebbero anche riscontrato violazioni delle normative sulla sicurezza. È il secondo incidente nella struttura: già ieri nel reparto un altro operaio è stato investito da schizzi di acciaio liquido ed ha riportato ustioni al volto e alle braccia, giudicate guaribili in 60 giorni.

È inoltre in condizioni gravissime un operaio italiano di 47 anni precipitato da oltre 7 metri all’interno dello stabilimento Latte Sano in via della Muratella a Roma. Da quanto si è appreso dal 118 l’operaio è stato soccorso in elicottero e trasportato all’ospedale San Filippo Neri. È giunto in codice rosso e da indiscrezioni presenterebbe un trauma cranico e uno al torace.

Pubblicato il: 07.07.08
Modificato il: 07.07.08 alle ore 19.38

fonte: http://www.unita.it/view.asp?idContent=76927

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: