Archivio | agosto 17, 2008

l’Italia vista da Independent ed Economist (e la mia opinione)

Tourists beware: if it’s fun, Italy has a law against it

Head for the beach or a park bench without knowing the rules, writes Peter Popham, and you could come home with a hefty fine

Sunday, 17 August 2008

In addition to the usual perils of sunburn, jellyfish attacks and bottom-pinching, holidaymakers in Italy face a new range of menaces this summer, the result of the Berlusconi government’s frontal assault on what it calls the “security emergency”.

The nation’s mayors have been given carte blanche to write laws to address their own particular security hang-ups. The result is a blizzard of new rules and regulations that threatens to turn the bel paese into the biggest nanny state of them all.

Unwary foreigners risk getting hefty fines for doing things that are perfectly legal everywhere in the world except the particular town or city where they find themselves.

In Genoa, for example, it is now against the law to walk around with a bottle of wine or can of beer in your hand. In Rome that is okay, but if you stretch out under a pine tree or on the Spanish Steps to drink it, or merely to eat a sandwich, your “indecorous” behaviour may be penalised. Likewise if your al fresco snack is followed by a nap.

Stiff regulations are aimed at beach-goers: on one beach in Olbia, Sardinia, smokers risk a €360 (£280) fine, while nationwide, the minister of welfare has imposed a ban on massages offered by immigrants, warning of the possible dangerous effects of “aesthetic or therapeutic services” offered by those “not in possession of adequate training or competence”.

At Eraclea, near Venice, parents need to keep a beady eye on their children: sandcastles are banned, as they “obstruct the passage” along the beach. Racketball and other ball games are forbidden on many beaches, and swimmers who dive heedlessly into the sea may face whopping fines if they are not in “permitted areas”.

And woe betide holidaymakers in many seaside towns who wander away from the beach clad only in boxers or bikinis: it’s against the law.

The nationwide witch-hunt against the vendors of counterfeit designer bags has been fortified in Ostia, Rome’s most popular beach, by the use of patrolling helicopters, making the Italian beach experience even more hellish than usual.

Away from the water, things don’t get any easier. Two people may sit down on a park bench in the city of Novara, but if a third person joins them and it’s after 11pm, all three are breaking the law. In Viareggio the benches may contain as many people as care to squeeze on to them, but if one of them puts his feet up on it he risks a fine. Scatter breadcrumbs for pigeons in the city of Lucca and you could end up hundreds of euros poorer.

The drive against begging has been taken up by many towns – including Assisi, home of St Francis, who began his religious life as a mendicant. In the romantic city of Verona they have taken this trend to its logical conclusion, requiring the beggars’ takings to be confiscated. And in Florence it is now illegal to clean the windscreens of cars waiting at traffic lights.

Silvio Berlusconi’s government may be the first in the world to have introduced a “minister of simplification”, with the job of identifying and abolishing redundant laws, but in the interests of greater local democracy and security his interior minister, Roberto Maroni, has allowed a thousand legal flowers to bloom.

Most of them will probably never be enforced, but that will be scant consolation to the pigeon-feeder whose holiday souvenirs include a large fine.

cioè: “Turisti attenti, se una cosa è divertente, l’Italia ha una legge che lo vieta”

Molto in breve: oltre ai consueti pericoli di scottature, sia solari che da meduse, quest’anno le ferie in Italia, grazie all’assalto frontale sferrato dal governo Berlusconi per l’emergenza sicurezza, sono una specie di corsa ad ostacoli. Una tempesta di nuove regole e regolamenti rischiano di trasformare l’Italia nel più grande stato-babysitter. ‘A Genova – scrive il giornale – ora è illegale camminare per strada con una bottiglia di vino o una lattina di birra. A Roma si può, ma se ti sdrai sotto un pino o sui gradini di piazza di Spagna per berla, il tuo comportamento indecoroso può essere penalizzato. Ad Olbia non si può fumare in una spiaggia, mentre a Novara non si può stare in più di due seduti su una panchina dopo le 23’. eccetera…

fonte: http://www.corrispondenti.net/external_link.html?http://www.independent.co.uk/news/world/europe/tourists-beware-if-its-fun-italy-has-a-law-against-it-899787.html

L’Independent non mi sembra un giornale particolarmente schierato a sinistra… come pure l’Economist, da cui arriva questo pezzo:

The thin green line

Aug 7th 2008 | ROME
From The Economist print edition

Italy gets tough on street crime. But it’s still lenient about corruption

“GUNNERS secured Milan’s Piazza del Duomo; paratroops took up position outside St John Lateran in Rome; and Alpine mountain troops in feathered headgear helped police raid a drug-pushers’ open-air hangout in Turin.

Italy is hardly Colombia. There is not even a warning of imminent terrorist attack. So why this air of national emergency? The government of Silvio Berlusconi, Italy’s prime minister, ordered the army on to the streets on August 4th to quell what it says is a crisis in law and order.

Three thousand soldiers will be employed on public-order duties. Most will be replacing police on guard at immigrant detention centres and near potential terrorist targets like embassies. About 1,000 will patrol alongside the police. The government says they will stay on the streets for at least six months.

A timely study by Censis, a research institute, casts some doubt on the government’s premise that crime is running out of control. In 2006 there were fewer murders in Italy than in Germany, France or Britain; one is more likely to be killed in Brussels than in Rome. Murder rates are not the same as crime rates, however. Government figures show that the total number of offences has been rising by 6-7% annually. What seems to have risen faster is public anxiety. Another survey, for an insurance company foundation, Unipolis, published on July 27th, found that Italians saw crime as the main cause of insecurity, and almost half connected lawbreaking with foreigners.

The government attributes its election victory in April to Mr Berlusconi’s pledge to get tough on crime. Putting troops on the streets sends a message to his voters that it intends to deliver on that pledge. Anecdotal evidence suggests that most Italians find the troops’ presence reassuring.

Whether they will help stem crime is another matter. General Mario Buscemi, who led the last deployment of the army in Italian towns, to tackle the Mafia in the 1990s, recalled that he had 20,000 men just for Sicily. The current operation, he said, was “substantially symbolic”. The soldiers do not have powers of arrest, nor are they properly trained or equipped for policing operations.

One widely voiced fear is that the sight of troops could scare off tourists. The mayor of Rome, Gianni Alemanno, a member of Mr Berlusconi’s Freedom People movement, has fought a running battle to keep uniformed soldiers out of the city centre. Italy may not be Colombia, but it might start to look like it.

Amid the melodrama—including the “emergency” over the arrival of migrants on boats from north Africa and the eviction of gypsies—there is a nagging question. Why is a government so tough on crime so indulgent about corruption?

Among Mr Berlusconi’s first acts in government were closing the office of the high commissioner against corruption and passing a law that means he himself will not have to answer to bribery charges.”

che sostanzialmente dice questo: non c’è una minaccia presente di attacchi teroristici, non è vero che l’Italia ha un tasso di criminalità (omicidi) più alto del resto d’Europa – anzi è vero il contrario e l’unica cosa che sembra crescere è la percezione di questo pericolo maggiore, soprattutto dovuto a stranieri – studi Censis e altri.

Ma il governo sostiene di aver vinto le elezioni proprio grazie alla promessa di rendere l’Italia un paese più sicuro – e l’esercito nelle strade è un modo di dimostrare che si fa sul serio e pare apprezzato da una buona fetta di italiani, che così si sentono più sicuri…, anche se Alemanno, sindaco di Roma, non ha voluto soldati in uniforme nel centro di Roma per non spaventare i turisti – l’Italia non è la Colombia, in fondo!

Alte sfere dell’esercito – il generale Buscemi – sostengono che i soldati sono troppo pochi per avere un peso effettivo (cita l’esempio della Sicilia negli anni ’90, quando i numeri erano decisamente diversi – e il nemico pure, aggiungerei io) e oltretutto non sono addestrati ed equipaggiati per operazioni di polizia: non possono nemmeno effettuare un arresto!

Ma resta comunque una domanda piuttosto fastidiosa (sempre dal testo dell’Economist): perché mai il governo è così duro contro il crimine e così indulgente nei confronti della corruzione? Inutile dire che la frase finale ricorda che, tra i primi atti di questo governo, ci sono stati la chiusura dell’alta commissione contro la corruzione e l’approvazione di una legge grazie alla quale il capo del governo non dovrà rispondere di reati di corruzione…

Ecco. L’ho scritto. Così ci vedono gli inglesi. Gli inglesi, capito, non i ciprioti che hanno un presidente comunista… invece noi ci sorbiamo la voce angelica del TG2 che ci esalta ed elogia i primi cento giorni e non passa altre notizie che quelle gradite al governo (ma-anche ad una parte dell'”opposizione”…). Parlo del TG2 perché è quello che più mi ha colpito. In negativo, se c’è da specificarlo. Ma dico io: quando i giornalisti ci verranno a chiedere solidarietà per la loro libertà di informare, a che cosa faranno riferimento??? A quali notizie non preconfezionate si potranno appellare? Non sono tutti uguali, vero. Verissimo. Ma a me pare che quelli che passa il convento siano sempre più simili al convento…

elena

Messico, scoperti 14 templi sotterranei: è il cammino dei Maya per entrare nell’inframondo

L'ingresso a uno dei templi sotterranei scoperti in Messico CITTÀ DEL MESSICO (17 agosto) – Quattordici templi sotterranei, alcuni sommersi dall’acqua, che potrebbero essere parte del leggendario cammino immaginato dalla civiltà Maya per entrare nell’inframondo, governato da Xilbalbà, il Dio della Morte. Questa la straordinaria scoperta annunciata dagli archeologi in un sito Maya a Sahcaba, nella penisola dello Yucatan.

Guillermo de Anda, responsabile degli scavi dell’Istituto nazionale di antropologia e storia (Inah) del Messico, ha spiegato che è venuto alla luce un complesso di cenotes (pozzi d’acqua all’interno di caverne) ed edificazioni in grotte labirintiche e di difficile accesso, simile alla descrizione esistente nel Popol Vuh, il libro sacro per eccellenza dei Maya. De Anda ha definito il ritrovamento, che potrebbe risalire ad un massimo di circa 1900 anni fa, «una grata sorpresa» perché conferma l’esistenza di pratiche religiose che finora si tendeva a considerare leggendarie. «Per entrare nello Xilbalbà, l’inframondo maya, bisognava percorrere un tortuoso cammino – ha detto – alla fine del quale si trovava, secondo il Popol Vuh, un corpo acquoso con costruzioni, dove l’aspirante doveva superare dure prove», fra cui fiumi pieni di scorpioni e sangue di pipistrelli.

Riguardo al tema, lo studioso italiano Leonardo Malentacchi ricorda che l’universo per i Maya era suddiviso in tre strati: il mondo sotterraneo (l’inframondo o Xilbalbà), la terra (Cab) ed il mondo superiore, (il cielo, Caan). Gli archeologi hanno localizzato fra l’altro, scendendo ad una profondità anche di 40 metri, un “sacbe”, ossia un sentiero di pietra lungo un centinaio di metri, collegato ad un sistema di viario simile a quello realizzato a Chichen Itzà, uno dei centri archeologici maya più importanti dello Yucatan.

Il complesso di templi e cenotes si estende nel territorio di vari municipi della regione centrale della penisola (Tecoh, Homun, Kantunil, Chocholà e Abalà); l’accesso è possibile attraverso una galleria naturale occultata da pietre lavorate, il cui ingresso visibile è alto appena un metro e largo 50-60 centimetri. Durante gli scavi, all’interno del complesso dedalo di corridoi, pozzi e templi sono stati rinvenuti anche resti umani e oggetti di ceramica utilizzati a mò di offerta, sculture raffiguranti sacerdoti, oltre che iscrizioni e incisioni votive.

.

_________

La parte interna di uno dei templi sotterranei scoperti in Messico

La parte interna di uno dei templi sotterranei scoperti in Messico

_________

.

fonte: http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=29612&sez=HOME_SPETTACOLO

Mosca: “Domani alle 12 via al ritiro” Telefonata tra Sarkozy e Medvedev

Il presidente francese al leader russo: “Se non ve ne andate gravi conseguenze”
Dal Papa appello per l’apertura di corridoi umanitari e per la tutela delle minoranze

La Merkel a Tbilisi: “La Georgia se vuole, e sembra lo voglia, entrerà nella Nato”
Frattini telefona a Lavrov, verso una nuova missione di osservatori Osce

.

"Domani alle 12 via al ritiro" Telefonata tra Sarkozy e Medvedev
.

MOSCA – All’indomani dalla firma del cessate il fuoco e il perentorio invito di George W. Bush a ritirare le truppe russe, le forze di Mosca non hanno ancora iniziato ad abbandonare le posizioni conquistate in Georgia durante il conflitto. Ma il ripiegamento comincerà domani a mezzogiorno, almeno secondo quanto il presidente russo Dmitry Medvedev ha assicurato al suo omologo francese Nicolas Sarkozy.

Il colloquio Cremlino-Eliseo. Il contenuto della conversazione telefonica tra i presidenti è stato reso noto dall’Eliseo, al termine di una conversazione telefonica tra Sarkozy e Medvedev. Di più: ci saranno serie ripercussioni sulle relazioni russo-europee se le truppe di Mosca non si ritireranno dal territorio georgiano, ha detto Sarkozy al leader del Cremlino.

L’appello del Pontefice. Oggi anche il Papa si è pronunciato sulla crisi: nel corso dell’Angelus, Benedetto XVI ha chiesto l’apertura “senza più indugi” di corridoi umanitari tra l’Ossezia meridionale e la Georgia. Per aiutare i feriti, dare degna sepoltura ai morti e portare aiuto alle decine di migliaia di sfollati. Il Pontefice ha inoltre esortato alla protezione delle minoranze etniche caucasiche.

La situazione sul campo. Per adesso, resta tesa. Il segretario del consiglio di sicurezza georgiano Alecsander Lamaia, ha detto che “le forze russe hanno continuato a consolidare le loro posizioni. Non si vede alcun segnale che i russi pianifichino il loro ritiro; al contrario, moltiplicano i loro punti di controllo e fortificano le loro posizioni”. Secondo quanto hanno denunciato i georgiani, prima di abbandonare Igoeti i russi hanno fatto saltare un ponte ferroviario. Un’accusa che è stata contestata da Mosca. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ieri ha detto che i tempi del ritiro non dipendono solo da Mosca: “Fronteggiamo costantemente problemi creati dalla parte georgiana, tutto dipende da quando velocemente ed efficientemente questi problemi saranno risolti”.

Merkel a Tbilisi: “Sì alla Nato”. La cancelliera tedesca è arrivata nella capitale georgiana, per la sua missione a sostegno del piano europeo per il cessate il fuoco e il ritiro delle truppe. E per incontrare il presidente Mikhail Saakashvili. “La Georgia diventerà membro della Nato se lo vuole e sembra che lo voglia”, ha dichiarato.

Verso una nuova missione Osce.
Il governo finlandese, che ha la presidenza dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, ha chiesto al ministro degli Esteri italiano Franco Frattini di premere affinché Mosca accetti una nuova missione di osservatori. Il titolare della Farnesina ha telefonato a Lavrov, che gli ha promesso che domani a Vienna la Russia accetterà la proposta. La missione di 100 nuovi osservatori conterà anche dieci carabinieri italiani. Martedì è in programma invece la riunione della Nato, durante la quale il segretario di Stato Usa Condoleezza Rice cercherà di verificare se l’Alleanza intende tenere aperta la porta a Ucraina e Georgia. Una questione sulla quale la posizione italiana si richiama allo statuto Nato: i nuovi Stati membri non devono avere conflitti etnici aperti all’interno del loro territorio.

Testate nucleari nel Baltico? Secondo un’alta fonte militare citata dall’edizione domenicale del Times, per la prima volta dopo la guerra fredda la Russia studia la possibilità di armare con testate nucleari la sua flotta nel Mar Baltico. La decisione, di fatto una risposta alla creazione dello scudo anti-missile Usa in Europa, innalzerebbe ulteriormente la tensione tra i due paesi. L’ipotesi è stata duramente criticata dall’ambasciatore Usa presso la Nato, Kurt Volker: “E’ davvero spiacevole che la Russia scelga di reagire mettendo testate nucleari in vari luoghi – se davvero lo farà – quando il resto del mondo non pensa a un conflitto del tipo di quelli della guerra fredda”.
.
17 agosto 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/08/sezioni/esteri/ossezia-bombardamenti-3/ossezia-bombardamenti-3/ossezia-bombardamenti-3.html?rss

DIBATTITO – (in)giustizia/1 Le libertà sospese

https://i1.wp.com/www.rossipaolo.net/Download/apri_bastardo.gif(immagine tratta dal sito: http://www.rossipaolo.net)

__________________________________________________________________________________________________

di alcune compagne e compagni del Circolo culturale“Franco Serantini” (Pisa)

Diritti civili e leggi speciali nella società attuale

.

Le leggi riguardanti i reati di “natura politica e sociale” introdotte negli ultimi anni in Italia si iscrivono in una lunga tradizione che risale fino ai tempi del Regno dei Savoia e del regime fascista. In particolare, la continuità tra lo Stato fascista e quello repubblicano si è maggiormente evidenziata nel mantenimento, seppur in alcune parti modificato, del noto codice penale Rocco, tuttora vigente, approvato nell’ottobre 1930 ed entrato in vigore il 1° luglio 1931.

Il codice Rocco si affiancava e assorbiva tutti i precedenti provvedimenti adottati dal regime mussoliniano, comunemente denominati “Leggi speciali” emanati nel novembre 1926, per colpire l’opposizione politica.

Infatti, subito dopo l’attentato Zamboni a Mussolini il regime fascista promulgò il Testo unico di Pubblica Sicurezza il quale insieme ad altre leggi, come quella del 25 novembre 1926 -n. 2008- che istituì il Tribunale Speciale, contribuì a disegnare dal punto di vista legislativo l’architettura dello Stato totalitario fascista.

Uno degli articoli più noti del codice Rocco e che a più riprese è stato utilizzato per colpire l’opposizione politica anche nell’età repubblicana è il 270 che recitava:

Chiunque nel territorio dello Stato promuove, costituisce, organizza o dirige associazioni dirette a stabilire violentemente la dittatura di una classe sociale sulle altre, ovvero a sopprimere violentemente una classe sociale o, comunque, a sovvertire violentemente gli ordinamenti economici o sociali costituiti nello Stato, è punito con la reclusione da 5 a 12 anni. Alla stessa pena soggiace chiunque nel territorio dello Stato promuove, costituisce, organizza o dirige associazioni aventi per fine la soppressione violenta di ogni ordinamento politico e giuridico della società. Chiunque partecipa a tali associazioni è punito con la reclusione da 1 a 3 anni. Le pene sono aumentate per coloro che ricostituiscono, anche sotto falso nome o forma simulata, le associazioni predette, delle quali sia stato ordinato lo scioglimento.

.

Dopo il decennio 1968-1978 con il suo strascico di stragi di Stato, di violenze arbitrarie della polizia e la nascita del terrorismo organizzato sia di destra, che di sinistra, si attua un inasprimento delle pene per i “reati associativi e d’opinione”, fino ad arrivare alla stagione della legislazione “emergenziale” e nel 1979-80 al Decreto Cossiga che è costituito di due elementi: l’introduzione del dolo specifico d’eversione in base al quale, si esige, oltre alla realizzazione degli elementi obiettivi, la presenza di uno scopo ulteriore, verso cui deve tendere la volontà del soggetto, ma che non occorre sia effettivamente conseguito. In base all’art 1 del suddetto decreto si stabiliva infatti, che di fronte ad un reato non commesso ma, che secondo la legge si era intenzionati a commetere, la pena fosse dimezzata rispetto a quella per il reato perpetrato. A questo si aggiungeva un ampliamento dell’articolo 270 (270 bis), da cui risulta un inasprimento della politica repressiva con un’ulteriore genericità della definizione di “associazione sovversiva”:

Chiunque promuove, costituisce, organizza o dirige associazioni che si propongono il compimento di atti di violenza con fini di eversione dell’ordine democratico è punito con la reclusione da 7 a 15 anni. Chiunque partecipa a tali associazioni è punito con la reclusione da 4 a 8 anni.

.

Autotutela di stato

Il criterio per giudicare pericoloso un individuo che non ha mai commesso atti di violenza si basa sulla analisi del suo “comportamento” della sua “ideologia politica”: se il cittadino professa una ideologia che si orienta verso un progetto di cambiamento sociale e si oppone al sistema politico in vigore, è fortemente sospettato di essere in procinto di “commette un reato”. La sicurezza che la legge tutela allora non è quella dei cittadini, privati di uno dei diritti fondamentali, limitati nella loro libertà di espressione e di associazione, ma è quella dello Stato che si autotutela da una possibile ipotesi di “alternativa politica rivoluzionaria”.

La forza “politica-giuridica” dell’articolo risiede proprio nell’altissima discrezionalità di giudizio consentita alle autorità di polizia e della magistratura.

A tutto ciò si aggiungono in tempi a noi recenti i provvedimenti presi dal secondo governo Berlusconi il 18 ottobre 2001, in seguito ai fatti dell’11 settembre, seguiti dall’emanazione del decreto legge n. 374 poi convertito nella legge del 15 dicembre 2001 n. 438 che inasprisce ulteriormente le pene: l’articolo 270 bis viene riformulato sulla base della nuova e ampliata accezione che si dà al termine “terrorismo”:

chiunque promuove, costituisce, organizza o dirige o finanzia associazioni che si propongono il compimento di atti di violenza con finalità di terrorismo e di eversione dell’ordine democratico è punito con la reclusione da 7 a 15 anni.

.

In questo modo diventa facile in tempi di crisi politica e sociale, applicare a ogni forma di protesta l’etichetta di “terrorismo”. Novità della legge è l’introduzione dell’articolo 270 ter che punisce, con pena fino a 4 anni, chi

fuori dei casi di concorso nel reato e favoreggiamento dà rifugio e fornisca vitto, ospitalità, mezzi di trasporto, strumenti di comunicazione a chi partecipa alle associazioni punite dalla 270 bis.

.

In questo caso si arriva a punire chiunque è contiguo a movimenti politici che nei loro programmi ipotizzano una società alternativa e rivoluzionaria, anche non avendo l’interesse specifico di farne parte. Quest’ultima evoluzione giuridica della legge, con il decreto Pisanu (decreto legge 27 luglio 2005 n. 155), procede nella stessa direzione di controllo sociale e politico, fino al punto che le intercettazioni investigative a carattere preventivo non si limitano a quanti sono sottoposti ad indagini, ma a chiunque frequenti determinati ambienti. Inoltre, con il decreto è concesso alle autorità di polizia di svolgere i cosiddetti “colloqui investigativi” per acquisire dai soggetti sottoposti ad accertamenti informazioni utili senza la presenza né di avvocati difensori né di magistrati. Il quadro complessivo del provvedimento penale sposta il baricentro dell’attività giudiziaria sulla prevenzione, che fa abbondante uso di schedature di massa di cittadini sospettati di frequentare ambienti politici “pericolosi”.

Duri provvedimenti repressivi

Le autorità inoltre, servendosi dei media, hanno potuto giustificare agli occhi dell’opinione pubblica una “persecuzione penale” nei confronti di tutti i cittadini considerati sospetti di “attività sovversiva”. Quante volte di fronte a movimenti politici, sindacali e sociali, come le proteste contro il G8 a Genova, o quelle della popolazione a Vicenza contro la costruzione della nuova base americana o in Val di Susa contro la TAV, le autorità ad ogni livello hanno paventato il rischio di infiltrazioni nei movimenti di protesta di terroristi, per spaventare i cittadini, criminalizzare i movimenti e preparare l’opinione pubblica ad interventi repressivi preventivi nei confronti di cittadini il cui unico “reato” è quello di appartenere ad aree politiche extraparlamentari?

Dal 2001 ad oggi non si contano i casi sia di cittadini italiani che stranieri sottoposti a duri provvedimenti repressivi ed ad inchieste su determinate aree politiche che hanno portato in carcere decine di persone, con grande clamore mediatico, inchieste che poi alla luce dei fatti hanno dimostrato la loro inconsistenza e debolezza.

La sola prova certa è la volontà politica dello Stato di distruggere ogni forma di “resistenza civile” e di autorganizzazione politica che sia fuori dalle regole del gioco stabilito dai detentori del potere e questo in barba ad ogni principio di inviolabilità delle libertà civili e politiche del cittadino garantite dalla stessa carta costituzionale.

.

alcune compagne e compagni del circolo culturale “Franco Serantini” (Pisa)

.

ripreso dal n. 58 -maggio 2008- de “La Biblioteca”, mensile di informazione dell’Associazione Amici della Biblioteca Franco Serantini.

.

fonte: http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/index.htm

IL LIBRO – Morti Bianche: “Veleni dal cielo”

DAL BLOG DI BEPPE GRILLO

____________________________________________________________________________________________________

Le lacrime amare di Porto Marghera

__________________________________________________________________________________________________

Riporto una testimonianza dal libro “Morti Bianche” di Samanta Di Persio disponibile sul blog a prezzo libero.

.

“Quando ho perso il mio papà avevo 20 anni, mio fratello più piccolo 17 e il maggiore 23. Non si è mai pronti alla scomparsa di un genitore, specie quando si è giovani e soprattutto quando la persona cara viene a mancare in modo violento. Domenico Bonan, mio padre, è morto dopo nove mesi dalla scoperta di un tumore ai polmoni. A ottobre del 1999, a seguito di una tosse che gli toglieva il respiro, siamo andati da un medico pensando fosse una banale bronchite, ma scoprimmo la tragica notizia del cancro. Gli furono diagnosticati tre mesi di vita, ma se avesse accettato di fare la chemioterapia il dolore sarebbe stato meno acuto e avrebbe vissuto un po’ più a lungo. La posizione del cancro fra i due polmoni non permetteva un intervento chirurgico. Riuscirono a tenerlo in vita altri sei mesi. A luglio del 2000 ci lasciò, all’età di 56 anni. Dalla scoperta del cancro fulminante al decesso, tra i miei genitori e noi figli non ci sono stati particolari confronti su ciò che si stava vivendo. Bastavano gli sguardi. Questo era frutto anche del nostro carattere alquanto schivo e riservato, ma soprattutto per non aggravare lo stato di “serenità” familiare. Eravamo consapevoli di quanto ci stava succedendo e altresì che stavamo facendo tutto quello che si potesse fare. Non nascondo, eravamo speranzosi che si trattasse solo di un incubo.

Mio padre ha lavorato quasi trent’anni presso la Tricom, nel reparto di cromatura. Prima di lui sono deceduti altri colleghi, una ventina. Avevano cominciato tutti allo stesso modo, un po’ di tosse, sangue dal naso. Ma mio padre pensava di salvarsi in tempo. Non faceva altro che ripetere: “Non vedo l’ora di andare in pensione!”. Era convinto che andando via da quel posto sarebbe stato salvo. Però le cose sono andate diversamente. Mio padre amava il lavoro, trovava sempre qualcosa da fare. Se potessi rimproverargli qualcosa vorrei dirgli che avrebbe dovuto trascorrere più tempo con noi figli.

Dal giorno in cui è morto, ho preso la decisione di capire cosa c’era dentro quella fabbrica. C’erano troppi segnali che inducevano a pensare “Qualcosa non va”. Anche per il paese in cui vivo, la morte di mio padre per cancro era scontata: lavorava alla Tricom! Ho iniziato a raccogliere testimonianze di colleghi operai, a chiedere analisi ed è iniziata una causa dove la mia famiglia si è costituita parte civile. Ho fatto diversi sopralluoghi. Mi sono reso conto che i reparti non erano separati fra loro: un unico stanzone dove c’era il reparto di imballaggio, di cromatura, di verniciatura, di pulitura ecc. Chiunque poteva ammalarsi, nessuno utilizzava guanti, mascherine, non c’erano sistemi di protezione. I dirigenti non fornivano niente di tutto ciò, così come non fu mai detto a quali rischi effettivi si poteva andare in contro. Perfino l’impianto di depurazione non era funzionante, o meglio lo era solo in caso di controlli. Sì, perché nell’impianto era impiegato il sindaco che ha governato per 25 anni, a qualche giorno dai controlli si cercava di nascondere la polvere sotto il tappeto. Dalle testimonianze trovate, è emerso che in prossimità dalle ispezioni, agli operai venivano fornite delle mascherine per proteggesi dalle polveri (ma non idonee a ridurre l’esposizione a sostanze chimiche), si riduceva la temperatura delle vasche affinché non uscissero i fumi, si azionavano i pochi aspiratori presenti e si spalancavano tutti i portoni per creare flusso d’aria. Ma oggi anche il sindaco è indagato per i reati di omicidio colposo plurimo, lesioni colpose gravi, omissioni di difese e cautele contro disastri ambientali e infortuni sul lavoro. Dalle analisi chimiche, oltre al cromo esavalente e al nichel sono stati trovati ben sette tipi di cianuro, piombo, soda e composti, acido solforico, ecc.

Quando vidi le condizioni in cui lavoravano degli uomini per poter far mangiare loro famiglia, rimasi attonito. Dalle vasche, dove avveniva la cromatura, saliva su una nebbia persistente, alla quale gli operai erano sottoposti per tutta la durata della loro mansione. Alcuni accusavano: bruciori agli occhi con lacrimazione, bruciori allo stomaco, alla gola. I pannelli che erano posti sopra le vasche per essere azionati imponevano di sporgersi sul bordo delle vasche, vasche corrose, che si sgretolavano al tatto, ribadisco senza nessun tipo di protezione che potesse evitare schizzi o fuoriuscite di liquido. Alcuni testimoni hanno raccontato che quando un oggetto rimaneva dentro la vasca, gli operai dovevano salire sopra il bordo e con delle pinze prelevavano l’oggetto. Questa operazione doveva essere compiuta tempestivamente per non bloccare il ciclo produttivo. Ci sono stati lavoratori che sono addirittura caduti nella vasca, ricordo che mio padre mi raccontò di quando successe a lui, dovette tornare a casa a lavarsi e cambiarsi.

L’intera area lavorativa era un bagno di cromo esavalente, l’operaio camminava in una fanghiglia, il pavimento in cemento era stato corroso ed i veleni sono filtrati nel terreno inquinando perfino le falde acquifere. Tutti i familiari degli ex operai ricordano i forti odori nauseanti con i quali tornavano a casa.
Altro elemento inquietante emerso, riguarda lo smaltimento del liquido verdastro prodotto. Invece di essere sottoposto a regolare depurazione, in gran parte veniva disseminato attraverso autobotti nei terreni del comprensorio. Operazioni condotte probabilmente di notte, visto che alcuni operai hanno raccontato di vasche piene di sera e vuote al mattino. Si era pensato ad uno scarico in una roggia adiacente all’industria, risultata altamente inquinata, ma in realtà le uniche tubazioni a portare liquidi in quella roggia, erano quelle dell’acqua piovana: la pioggia che scivolava dal tetto si impregnava, vista l’assenza di aspiratori, di tutte le sostanze. Purtroppo queste cose sono emerse solo dopo la morte di un numero consistente di operai e di un inquinamento alle falde acquifere da cromo esavalente.

Risultavano esserci state delle ispezioni da parte della USL, ogni volta nei verbali segnalavano carenze, ma la copertura politica ha permesso di ovviare. Tutti sapevano ma nessuno parlava. Basta pensare che l’agibilità alla ditta è stata notificata solo nel 1983, mentre era attiva già a partire dal 1975. Ricordi di paese parlano di bambini che andavano a giocare nei campi e tornavano a casa con le gambe macchiate di verde. Un infermiere che tentò di denunciare questa cosa ricevette intimidazioni per non parlare.

Oggi la mia famiglia, insieme a poche altre, porta avanti questa battaglia per veder riconosciuto il danno fatto ai nostri cari. Purtroppo non riceviamo molta solidarietà, né dall’opinione pubblica, né dai giudici che vogliono archiviare il caso. Se tutte le famiglie coinvolte facessero la loro parte, penso non ci sarebbero problemi a chiedere un’imputazione per strage; ma credo non se la sentono per due fattori. Il primo perché c’è sfiducia nelle istituzioni ed il secondo perché c’è troppa indifferenza condita di paura. Ed intanto chi dovrebbe essere altrove a pagare per i danni cagionati a vittime innocenti, cammina indisturbato a testa alta.”

.
Samanta Di Persio, dal libro “Morti Bianche“.

.

cromo.jpg

Clicca l’immagine

.

fonte: http://www.beppegrillo.it/2008/08/morti_bianche_v.html

___________________________________________________________________________________________________

.

Gremita la sala dell’assemblea che ha chiesto di non archiviare l’inchiesta sulle presunte patologie da cromo

«In quella fabbrica il triplo di morti per tumore»

Rispetto alla media del Veneto: lo sostiene il medico Merler, che ha operato per lo Spisal. Era gremitissima la sala per la riunione organizzata dal “Comitato per la difesa del diritto alla salute nei luoghi di lavoro e nel territorio” e che per tema aveva “No all’archiviazione dell’inchiesta Tricom-Pm Galvanica”.

.

29 gennaio 2008 – Pio Brotto
Fonte: Il Gazzettino di Vincenza

- Tezze sul Brenta – “Domani al tribunale di Bassano – anticipa Emanuele Bonin responsabile del comitato – si terrà l’udienza, probabilmente a porte chiuse, in cui il giudice deciderà se archiviare il caso cromo, oppure dare atto alle motivazioni delle opposizioni presentate da tre nuclei familiari i cui capifamiglia hanno lavorato alla galvanica, quelle di Domenico Bonan e di Ugo Conte deceduti, e la terza di Dino Brotto ancora vivente ma malato.

Noi del comitato saremo in piazza davanti al tribunale non solo per dimostrare solidarietà alle famiglie, ma anche per far capire alla gente che vogliamo chiarezza, che non vogliamo che succeda come per i passati procedimenti quando tutto si è risolto nel nulla. Se la questione fosse stata affrontata in modo corretto e chiaro a suo tempo, forse ora non saremmo qui a parlare di morti e di ammalati di cromo 6, probabilmente non per un numero così alto e poi non sarebbero da spendere tutti quei soldi di euro per la bonifica, siamo nell’ordine di 20 milioni, oltre a quelli già spesi. Quindi invito tutta la gente che può, coloro che in qualche modo sono inetressati, gente comune, persone sensibili al problema a essere in piazza davanti al tribunale, mercoledì alle 10″.

All’assemblea di venerdì c’erano relatori di tutto riguardo. Hanno parlato il chimico Curzio Bettio del Soccorso Popolare, il medico Enzo Merler del Registro Mesoteliomi del Veneto, il dottor Paolo Sarto dello Spisal e il Correr del Coordinamento Comitati Ambientalisti della Lombardia. Bettio ha presentato la pericolosità del cromo sul fisico delle persone.

“Il cromo esavalente – ha precisato – ha il potere di ‘bucare’ la membrana cellulare, soprattutto se inalato a causa dei vapori emanati per esempio da vasche di cromatura. Le particelle emesse ricadono nelle ‘nanopatologie’, cioè hanno il potere di andare in giro per il corpo umano e fermarsi nei vari organi in 60 secondi. Una volta perforata la cellula si formano granulomi, che possono diventare tumori”.

Bettio ha ricordato come le concentrazioni alla galvanica di via Tre case fossero elevatissime rispetto alle soglie stabilite per legge, anche se quest’ultime hanno valore relativo in quanto l’assunzione di cromo esavalente, inesistente in natura, non deve avvenire, soprattutto tramite aerosol. Merler, che ha fatto delle indagini per lo Spisal sugli operai della Tricom, ha ricordato che gli accertamenti sono stati fatti analizzando sangue e urine degli operai prima e dopo il lavoro.Dal confronto riguardante un determinato periodo tra la mortalità per tumore tra gli operai della Tricom e la mortalità dello stesso tipo nel Veneto (che ha già mortalità molto alta), ha evidenziato sempre Merler, la Tricom è risultata avere una mortalità tripla. E non si può puntare il dito solo sulla causa fumo da sigaretta per un tale aumento.

È intervenuto anche Paolo Sarto dello Spisal che ha ricordato le difficoltà nell’eseguire determinati controlli negli anni ’80.Gabriella Milani, dopo aver ricordato la sua storia di bevitrice di acqua al cromo esavalente con una concentrazione pari a 170mcg/litro (50mcg/l sono quelli consentiti) ha lamentato come l’indagine epidemiologica abbia interessato solo alcuni operai della Tricom Pm Galvanica e non tutta la gente comune come la sua famiglia e quanti del Cittadellese e del Fontanivese sono stati toccati dall’inquinamento.

.

fonte: http://www.peacelink.it/ecologia/a/24973.html

PeaceLink

Tra i filo russi in fuga dall’Ossezia: “I georgiani sparano sui bambini”

Il numero delle vittime è ancora un mistero, secondo i russi sono migliaia

“Prima ci hanno bombardato dal cielo, all’alba sono arrivati anche i carri armati”

.

dall’nviato di Repubblica PIETRO DEL RE

.

"I georgiani sparano sui bambini" tra i filo russi in fuga dall'Ossezia
.

VLADIKAVKAZ (Ossezia del Nord) – Se non fosse per le interminabili e minacciose colonne di carri armati russi ti crederesti in Val d’Aosta. Superato l’ultimo tornante la vista s’apre sulla catena caucasica del Kazbek e sulle sue vette eternamente incappucciate di neve poiché qui sfiorano i 5 mila metri d’altitudine. Ma la strada che s’inerpica verso il valico di Zaramag, tra le due Ossezie, è intasata da blindati che a passo d’uomo muovono in direzione del nuovo nemico di Mosca: Tbilisi. Ne contiamo centinaia. Per chilometri. E non solo tank.

È un lungo serpente di camion carichi di soldati, di furgoni che trainano artiglieria pesante, di autocisterne piene di carburante. Alla Russia basterebbe la centesima parte di questa potenza di fuoco per invadere la Georgia. Perché, allora, un tale dispiegamento di forze?, chiediamo a un ufficiale appollaiato sulla torretta di un carro. “Perché i nostri generali non si fidano del presidente georgiano Saakahvili. Quindi stiamo andando a difendere i nostri amici ossetini”.

Già, questo massiccio movimento di truppe non può essere il semplice posizionamento della retroguardia. Si tratta, più verosimilmente, di un’operazione militare il cui disegno verrà svelato all’Occidente solo nei prossimi giorni. Per ora, i russi approfittano della situazione. Hanno la coscienza a posto, loro. Devono solo scortare il rientro delle decine di migliaia di profughi sud-ossetini fuggiti dalle bombe georgiane.

Non vogliono rischiare, dicono. Hanno perciò previsto un controesodo militarizzato. Tskhinvali, il capoluogo della repubblica separatista, è stato raso al suolo e adesso loro lo ricostruiranno. In fretta, per giunta, come dimostra, tra le macchine da guerra dirette verso la frontiera, la presenza di tir che trasportano assi di legno, mattoni, sabbia, sacchi di cemento.

Nel frattempo, Tskhinvali è stata riconquistata e le forze di Tbilisi annientate in una battaglia durata poche ore. Da mercoledì scorso, sui cieli di tutta la regione volano indisturbati soltanto Mig russi.
Roman Alanskij, vescovo metropolita di Tskhinvali, ha la barba color tabacco, gli occhiali d’oro. Dice: “Alle 23.45 del 7 agosto scorso le forze georgiane hanno attaccato la capitale dell’Ossezia del Sud con lanciarazzi a testata multipla e bombardato la città fino alle 9 del mattino seguente, la mia chiesa è andata distrutta sotto le macerie. Sono morte decine di fedeli che credevano di avervi trovato rifugio”.

Ha spesso la voce rotta dall’emozione, Alanskij. Soprattutto quando snocciola le cifre degli aiuti provenienti dalle vicine repubbliche musulmane. Come, per esempio, i duecento litri di sangue arrivati due giorni fa dalla Cecenia o le cinquanta tende spedite dall’Inguscezia. Poi, però, il suo sguardo si fa pieno d’odio: “Non ho voluto benedire le salme dei soldati georgiani uccisi in Ossezia. Perché sono cristiani che hanno trucidato altri cristiani”.

Il numero delle vittime dell’aggressione georgiana è tuttora un mistero. Migliaia secondo il presidente russo Dmitry Medvedev, 1400 per quello dell’Ossezia del Sud, Eduard Kokoity. Poco importa, in realtà, un computo decimale dei morti di Tskhinvali. Come spiega Batraz Zakaev, volontario della Croce rossa nord-ossetina, sarebbe un massacro anche se i morti fossero “solo” centinaia. “Saakashvili ha giustificato il bombardamento sui civili sostenendo che voleva ristabilire l’ordine costituzionale. Ma lì il novanta per cento degli abitanti da anni chiede di potersi distaccare da Tbilisi”.

La strada continua a salire, costeggiando un torrente in piena che darà vita all’Ardon, il fiume pazzo, come lo chiamano in Ossezia. Più ci avviciniamo al passo, più di frequente capita di scorgere, nascoste tra gli alberi, bocche di cannone. In fondo alle gole, o sui dossi che sovrastano la carreggiata, vediamo altri carri armati, altri soldati, altri accampamenti. Dopo un bosco di larici, ecco finalmente il valico di frontiera.

Qui troviamo i primi rifugiati pronti a far rientro in patria. Sono a bordo di piccoli pullman, già con i motori accesi. Per molti di loro sarà un rientro amaro. Racconta Beteeva Hza, una donna di una trentina d’anni, che indossa una tuta da ginnastica due volte troppo grande per lei: “Quando sono cadute le prime bombe mi sono nascosta nel rifugio del mio condominio e lì sono rimasta per due giorni. Poi i georgiani hanno cominciato a spararci contro, e sono dovuta fuggire anch’io. Sotto i colpi di mortaio sono morti mio padre e mio marito”.

Valieva Dzerassa, che sorridendo mostra una chiostra interamente dorata, ci descrive nei dettagli l’attacco contro Tskhinvali: “I georgiani hanno prima bombardato dal cielo, poi, alle prime luci dell’alba, hanno fatto intervenire i carri armati. Hanno allora circondato la città e cominciato a sparare da ogni parte. Senza risparmiare nulla. Quando sono scappata ho visto cadaveri ovunque”. Parlano poi Raissa, Anatolij, Maxim e altri ancora.

Ne ascoltiamo parecchie
di testimonianze: concordano tutte sulla brutalità dell’aggressione e sull’alto numero di vittime. Tanti morti in così poche ore. È stato questo il pretesto per la rappresaglia russa, che, al momento, appare anche di tenore modesto (129 morti georgiani, molti dei quali militari) rispetto a quello che ci si sarebbe potuto attendere.

_________

https://i2.wp.com/www.hyscience.com/dead_children_beslan.jpgUna foto del massacro di Beslan, nel 2004

__________

In tutte le guerre accadono nefandezze. Quella di Tskhinvali è stata compiuta contro i bambini. Racconta Bella Kochiev: “L’8 mattina, una maestra elementare era riuscita a convincere l’autista del pullman della scuola a fare il solito giro per recuperare gli alunni e farli fuggire verso l’Ossezia del Nord. Una volta raccolto l’ultimo piccolo, il pulmino è stato centrato da un razzo. Deliberatamente. Sono morti tutti”.

Così come sul numero dei profughi
(dai 30 agli 80mila) anche su quello dei feriti c’è confusione di cifre. La precisione riguarda solo il bilancio delle vittime tra i peacekeeper russi, che fornisce il colonnello Anatolij Nagovitsyn: 12 soldati morti e 150 feriti. Più difficile stabilire quello dei civili. Anche perché in Ossezia del Nord i feriti sono stati dislocati in diversi ospedali, compresi quelli da campo, frettolosamente montati dall’esercito russo.

Una volta riconquistata Tskhinvali, i primi feriti sono stati evacuati nell’ospedale più vicino al passo di montagna: ad Alagir, un paesino che consiste in case basse di mattoni rosa. Ne sono stati ricoverati circa duecento. I più gravi sono stati poi trasferiti in aereo a Mosca e, oggi, ne sono rimasti una trentina. Dice il dottor Karaev, chirurgo del piccolo nosocomio: “Ho visto raramente ferite di guerra così profonde e devastanti. Soprattutto, in così tanti pazienti. Sono tutti gravi, gravissimi, con amputazioni importanti e ustioni di secondo o terzo grado. Non so proprio che tipo di proiettili siano stati usati”.

All’ospedale di Vladikavkaz, capoluogo della provincia russa dell’Ossezia del Nord, incontriamo una bimba di sei anni, bruciata al viso da una deflagrazione di una bomba. La stessa ha falciato la vita dei genitori. È coccolata dalle infermiere e circondata da bamboline e orsacchiotti. Sorride, ride anche. Poi, di colpo, come se intuisse quello che ancora non le hanno detto, scoppia in un pianto che nessuno è in grado di calmare.
.
17 agosto 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/08/sezioni/esteri/ossezia-bombardamenti-2/spari-sui-bambini/spari-sui-bambini.html

“Arrestato” Milo, cane playboy

Rinchiuso in gabbia al canile, piange e non mangia da una settimana

https://i1.wp.com/www.p41.it/wp-content/uploads/2007/11/canile.jpg

17 agosto 2008| Giovanna Galliano

.

BASSO PIEMONTE – Lui si chiama Milo ed è in “prigione” da una settimana per molestie sessuali continuate. Si trova in un box del canile municipale perché il lui in questione è un cane. Già, proprio così. Milo è un simpatico meticcio di circa otto anni beccato in flagranza di reato dai veterinari dell’Asl. Per lui, vista la particolare “irruenza” non sono previsti nemmeno gli arresti domiciliari e questo nonostante le rassicurazioni dei padroni disposti a risarcire tutti i danni e a promettere la castrazione per l’amico a quattro zampe.

No, non si tratta di uno scherzo ma della pura e semplice verità e per constatarlo ci si può recare personalmente al canile cittadino. Per capire come si sia arrivati a questo epilogo è però necessario fare un passo indietro e raccontare tutta la storia. Tutto ha inizio circa un anno fa. All’Asl arrivano alcune segnalazioni in merito al girovagare di un cane, per tutta la città e anche nelle colline circostanti, alla ricerca di cagnette in calore. Difficile però risalire a Milo perché il “malfattoire” riesce sempre a nascondere le sue tracce. Accasato nell’accogliente giardino dei padroni infatti, la simpatica e quanto mai originale palla di pelo, attende l’uscita di casa del capofamiglia. E soltanto una volta rimasto da solo, oplà, scavalca con abilità la rete e il gioco è fatto. Salvo poi ricomparire nella sua accogliente cuccia, dopo aver ripetutamente “colpito”, poco prima del rientro a casa dei padroni. Una mente diabolica quindi quella di Milo, degna della trama di un film che ai celebri Rex o Lassie provocherebbe un travaso di bile.

Eppure però, alla fine, tutti i suoi piani sono stati mandati in fumo da altri ben più furbi di lui. I veterinari dell’Asl, appunto, che la settimana scorsa lo hanno beccato in flagranza di reato. Proprio nel momento in cui stava corteggiando con abilità una simpatica amica all’interno di un giardino. Per Milo è subito scattata un’iniezione di anestetico e l’immediato arresto. E quindi, in questa estate segnata da numerosi abbandoni ecco spuntare una storia dal sapore completamente diverso. Una storia sicuramente anomala, che ha anche un risvolto amaro. A soffrire molto per questa situazione non è soltanto Milo, che da una settimana non mangia e continua a piangere rinchiuso nel suo box, ma anche un’intera famiglia che rivorrebbe al più presto a casa il proprio cagnolino. E proprio qui sta il nocciolo della questione. Secondo i veterinari dell’Asl, Milo non può tornare a casa e questo nonostante le rassicurazioni dei proprietari intenzionati a pagare tutti gli eventuali danni oltre che a impegnarsi a far castrare l’animale. Una situazione però alquanto anomala visto che secondo quanto dispongono regolamenti e leggi regionali, non sarebbe previsto il ricovero al canile per situazioni simili. Milo infatti è un cane dolcissimo e non pericoloso. Un cane che non ha mai morsicato nessuno. Ha solo una forte carica sessuale che però è tutto da dimostrare che, almeno negli animali, sia sinonimo di colpa così grave da non permettere il ritorno a casa.

.

fonte: http://ilsecoloxix.ilsole24ore.com/basso_piemonte/2008/08/17/1101699180181-arrestato-milo-cane-playboy.shtml