Archivio | agosto 27, 2008

Free Gaza: luci ed ombre

Riporto le notizie apprese via mail o da siti amici e qualcosa trovato in rete. Non si tratta di traduzioni: le informazioni contenute nei vari pezzi non sempre coincidono. Ma si farà chiarezza con il passare delle ore, spero…

free gaza movement

FREE GAZA & SS LIBERTY TO LEAVE GAZA PORT ON THURSDAY

FOR IMMEDIATE RELEASE – Date : 08-26-2008
The SS Free Gaza and SS Liberty will leave Gaza for Cyprus on Thursday morning at 9:00 am. Several Palestinian students who have been denied exit visas by Israel will travel to Cyprus on the boats. One Palestinian professor will finally be able to go back to teaching in Europe and one young, Palestinian woman will finally be reunited with her husband. Several of the Free Gaza international human rights workers will remain in Gaza to do human rights monitoring.

By freely traveling to Gaza, on Saturday, August 23rd, in two, small, wooden boats, the Free Gaza Movement forced the Israeli government to issue a fundamental policy change regarding their military and economic blockade of Gaza. Until now, Israel has wanted absolute control of Gaza with no responsibility. Israel has managed to maintain this situation, in spite of international law, because its policies have never been challenged.

When the SS Free Gaza and SS Liberty approached the waters of Gaza, the Israeli government had to decide whether it wanted to publicly acknowledge that Israel remains an occupying power in Gaza, in which case Israel would be responsible under international law for its actions, including war crimes. In the face of intense, public scrutiny, Israel instead chose to acknowledge the inherent right of Palestinians to freely engage with the world. The Israeli Ministry of Foreign affairs publicly announced that humanitarian and human rights missions to Gaza will no longer be stopped or threatened by Israel. With the end of the Israeli siege of Gaza, Palestinians are free to exercise their rights without fear of being stopped or killed by the Israeli military.

Since the organizers of the Free Gaza Movement will not be entering Israeli territorial waters, and since they will request an inspection from the Gaza Port Authority, they expect no interference on the part of the Israeli authorities when they leave Gaza. By Israel´s own admission, it has no authority to inspect the boats or the passengers when they leave Gaza.

With the collapse of the Israeli blockade, the Free Gaza Movement will quickly return to Gaza with another delegation, and invites the United Nations, Arab League and international community to organize similar human rights and humanitarian efforts. The Free Gaza Movement will continue to work to ensure the free passage between Gaza and the outside world will remain safe and open.

For More Information, Please Contact:
(Gaza) Paul Larudee: +972 598 765 370
(Gaza) Huwaida Arraf: +972 599 130 426
(Cyprus) Osama Qashoo: +357 97 793 595 / osamaqashoo@gmail.com
(Jerusalem) Angela Godfrey-Goldstein: +972 547 366 393 / angela@icahd.org

Ripartiranno giovedì mattina per Cipro la Free Gaza e la Liberty, le due navi che sabato scorso, superando il blocco navale israeliano, hanno portato a Gaza 44 pacifisti di 16 Paesi. Lo ha comunicato oggi una portavoce dei pacifisti. La portavoce ha detto che le due imbarcazioni lasceranno entrambe Gaza per rientrare a Cipro. Ieri era stato comunicato che la Liberty sarebbe salpata per Cipro prima della Free Gaza. Non tutti i pacifisti però prenderanno la via del mare. L’italiano Vittorio Arrigoni ha spiegato ad Apcom che assieme ad alcuni dei suoi compagni rimarrà a Gaza ancora per diversi giorni, con l’intenzione di rientrare in Italia passando per Israele o per il territorio egiziano. La portavoce ha aggiunto che i pacifisti si attendono di essere fermati dalla Marina militare israeliana perché porteranno con loro una decina di studenti di Gaza che, iscritti presso università straniere, non riescono a lasciare Gaza a causa delle restrizioni israeliane. Lo Stato ebraico oggi ha peraltro fatto sapere che nei prossimi giorni intende compiere manovre militari in acque internazionali vicine alle acque territoriali di Gaza.

Aug 26, 2008 20:05 | Updated Aug 27, 2008 1:52

Israeli Leftist arrested for entering Gaza Strip

By YAAKOV LAPPIN

Israeli pro-Palestinian activist Jeff Halper was arrested in Sderot on Tuesday for illegally entering Hamas-ruled Gaza, police said.

Hamas Prime Minister Ismail...

Hamas Prime Minister Ismail Haniyeh sits with members of the US-based Free Gaza group on Monday.
Photo: AP

Halper reached Gazan shores on Saturday with dozens of Free Gaza Movement activists on two boats aimed at “breaking the siege” of the Strip.

Halper, who also heads the Israeli Committee against House Demolitions, crossed into Israel via the Erez border crossing, police said.

He was questioned at Sderot’s police station, and will be charged for violating the IDF’s Southern Command Front order which forbids Israeli citizens from entering Palestinian areas without permission, a Lachish police spokesman said.

“Halper will be taken to court tomorrow,” the spokesman said.

But Angela Godfrey-Goldstein, a spokeswoman for Free Gaza Movement, said Halper had entered Gaza with permission from Israel’s foreign and interior ministries. “I received a text message on my mobile phone saying that those two ministries had given the boats permission to land in Gaza. I remember thinking, that’s great because now they [the activists] are in Gaza legally,” she said.

Asked if she believed the “permission” included Israeli citizens, Godrey-Goldstein said, “it applied to the people on the boats.”

Fonte: http://www.jpost.com/servlet/Satellite?cid=1219572133520&pagename=JPost%2FJPArticle%2FShowFull

Arrestato dagli israeliani l’attivista Jeff Halper

.
La polizia israeliana
ha dichiarato che ieri ha arrestato uno degli attivisti internazionali del Movimento Free Gaza, mentre rientrava in Israele attraverso il valico di Beit Hanoun “Eretz”, a nord della Striscia di Gaza. Si tratta di Jeff Halper, il famoso attivista pacifista israeliano che ha preso parte alla coraggiosa missione di rottura simbolica dell’assedio di Gaza. Jeff Halper è presidente della ICAHD – Israeli Committee against House demolition. La portavoce della polizia ha diramato la comunicazione dell’arresto: “Jeff Halper è stato arrestato al passaggio di Eretz, in quanto era sulla nave per rompere l´assedio ed è entrato nella Striscia di Gaza dal mare, violando le leggi israeliane. Ha anche violato quelle che vietano ai cittadini ebrei di entrare nella Striscia”. Halper è arrivato sabato pomeriggio nella Striscia di Gaza con il gruppo di 44 attivisti di 17 paesi membri della spedizione del Free Gaza. Ieri, il pacifista israeliano ha visitato il Centro palestinese per i diritti umani di Gaza e ha incontrato il direttore, l´avvocato Raji as-Surani, e il suo vice, Jaber Washah, che lo hanno informato sulla situazione dei diritti umani nella Striscia di Gaza e sulla drammatica situazione economica e umanitaria disastrose. Il direttore ha consegnato a Halper lo “Scudo del Centro”, come riconoscimento per le sue attività in sostegno dei diritti del popolo palestinese. Il movimento israeliano ICAHD si definisce “un gruppo non violento”, nato per opporsi alle demolizioni delle case palestinesi da parte delle forze di occupazione israeliana. Oltre alla difesa delle abitazioni fornisce anche le informazioni necessarie sulle pratiche di demolizione e il sostegno concreto alle vittime di tali abusi israeliani. Info su ICAHD: http://www.icahd.org/eng/

A Lima la gara più bizzarra del mondo: le mamme si sfidano nella “maratona” di allattamento al seno

Una mamma con due gemelli (foto Karel Navarro - Ap) LIMA (27 agosto) – Non diventerà mai uno sport per le Olimpiadi, ma sarà sicuramente ricordata fra le gare più pazze del mondo: stiamo parlando della mega-maratona di allattamento al seno, che si è tenuta martedì in Perù. Centinaia di mamme con i loro bambini si sono date appuntamento a Lima per partecipare alla gara indetta dal ministro della Sanità peruviano, Hernan Garrido Lecca.

L’iniziativa ha inaugurato la settimana nazionale di celebrazioni che punta a promuovere proprio l’allattamento che, secondo i medici, darebbe benefici fisici ed emotivi sui neonati nei primi mesi di vita.

E così mamme e neonati hanno dato vita alla tenera e bizzarra competizione. Alla fine alla mamma più “generosa” e al bebè più assetato è andata la medaglia d’oro della World Alliance for Breastfeeding Action, l’associazione internazionale per la promozione dell’allattamento.

.

fonte:  http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=30035&sez=HOME_NELMONDO

___________________________________________________________________________________________________

MA ANCHE GLI UOMINI POSSONO ALLATTARE? PARE DI SI..

.

07 August 2007

Fact: Men Can Breastfeed

.

Lactating ManAre you really a committed father? Though boys and men have nipples, many are unaware that they also have mammary glands. Usually there is so little mammary tissue that it is unnoticeable. However, if a man develops abnormally large mammary glands (a condition called gynecomastia), it can cause secretion of milk as well. The phenomenon of male lactation in humans has become more common in recent years due to the use of medications that stimulate a man’s mammary glands.
Man Who Can BreastfeedUnder the appropriate hormonal stimulus, that nature provides to human females when they become pregnant and give birth, the mammary glands of human males can also produce milk. The volume of milk produced is low relative to that of a lactating female. Male lactation is most commonly caused by hormonal treatments given to men suffering from prostate cancer. Female hormones are used to slow the production of cancerous prostate tissue, but the same hormones also stimulate the mammary glands. Male-to-female transsexuals may also produce milk due to the hormones they take to reshape their bodies. It can occasionally be a side effect of antipsychotic medication. Marijuana use is also thought by some to be a possible cause; however, published data is contradictory.

Male lactation has, in some cases, commenced without hormonal treatments as well. Extreme stress combined with demanding physical activity and a shortage of food has also been known to cause male lactation. The phenomenon was first studied in survivors of the liberated Nazi concentration camps after World War II. Some American POWs returning from the Korean and Vietnam Wars also experienced male lactation. What’s more, this article was published in The Mercury newspaper on October 30, 2002:

.

Sri Lankan widower breastfeeds his babies
.

Man Breastfeeding BabyCOLOMBO: A 38-year-old Sri Lankan man, whose wife had died three months ago, appears to have the ability to breastfeed his two infant daughters, doctors said on Wednesday. The man, from the central town of Walapone, lost his wife during childbirth.

“My eldest daughter refused to be fed with powdered milk liquid in the feeding bottle. I was so moved one evening and to stop her crying I offered my breast. I then realised that I was capable of breastfeeding her,” the man admitted.

Dr Kamal Jayasinghe, deputy director of a Sri Lankan government hospital, was quoted as saying it was possible for men to produce milk if the prolactine hormone became hyperactive.

___
.
It’s definitely worth taking look at the following cinematic statement on male breastfeeding, a short documentary film entitled “Milk Men” directed by Peter Templeman, who was nominated for this year’s Academy Awards (not exactly NSFW, but it might be weird to watch it at work).

Pakistan, «atomica in mano a un malato di mente»

 financial Times
.

Nel giorno in cui sono ufficializzate le candidature alla successione di Pervez Musharraf alla presidenza del Pakistan, ombre cadono sul candidato considerato favorito, Asif Ali Zardari, vedovo di Benazir Bhutto, che ha assunto la guida del Partito Popolare del Pakistan dalla sua uccisione nel dicembre scorso. Secondo quanto scrive il “Financial Times“, basandosi su documenti legali presentati dai suoi medici, Zardari ha sofferto di seri problemi psichiatrici. Al vedovo dell’ex premier sono infatti state diagnosticate nel corso di due anni diverse malattie, tra cui demenza, profonda depressione, disordine da stress post- traumatico. Se le perizie fossero confermate e Zardari fosse eletto, il nuovo presidente avrebbe accesso alla bomba atomica del Pakistan.

https://i2.wp.com/www.tribuneindia.com/2005/20050417/world.jpgAsif Ali Zardari

Zardari, co-presidente del Partito popolare pachistano (Ppp), ha passato 11 degli ultimi vent´anni in prigione con condanne per corruzione. In carcere dice di essere stato torturato, e proprio da questa circostanza verrebbe il suo disagio mentale. L’uomo politico non ha voluto commentare le notizie raccolte dal quotidiano, ma l’alto commissario (l’equivalente di un ambasciatore di un Paese del Commonwealth) del Pakistan a Londra ha affermato che Zardari sta bene.

Nei documenti visti dal Financial Times, Philip Saltiel, uno psichiatra con base a New York, scrive nel marzo 2007 che la prigionia di Zardari lo ha lasciato in uno stato di «instabilità emotiva», accompagnata da problemi di memoria e di concentrazione. «Non prevedo miglioramenti per almeno un anno», commenta il medico.

Uno psicologo newyorchese, Stephen Reich, dice invece che Zardari era incapace di ricordare le date dei compleanni di sua moglie e dei figli, era sempre in ansia e coltivava anche pensieri suicidi. Zardari usò queste diagnosi per chiedere ed ottenere lo slittamento di un caso ormai archiviato presso l’Alta corte di Londra, nel quale il Pakistan lo denunciava per corruzione. La vicenda è stata accantonata nel marzo scorso, più o meno quando le accuse di corruzione sono state archiviate anche in Pakistan.

Tuttavia, osserva il Financial Times, queste diagnosi pongono seri interrogativi sulla sua capacità di guidare un Paese con un ruolo strategico cruciale sullo scacchiere internazionale. Wajid Shamsul Hasan, alto commissario del Pakistan in Gran Bretagna, amico e alleato politico storico della famiglia Zardari-Bhutto ha spiegato che esami medici successivi «lo hanno dichiarato in salute e adatto a ricoprire qualsiasi ruolo pubblico, e oltretutto libero da qualsiasi sintomo» di disagio mentale, originato secondo Hasan dalla prigionia.

Alle presidenziali del 6 settembre in Pakistan, oltre a Zardari si presenteranno l´uomo l’ex procuratore capo Saeeduz Zaman Siddiqui, candidato della Lega Musulmana Nawaz (PML-N) di Nawaz Sharif che si è appena ritirato dalla coalizione con Zardari, e l´ex direttore di un quotidiano in lingua inglese, Mushahid Hussain, che rappresenta la Lega musulmana Qaid (PML-Q), un tempo alleato di Pervez Musharraf.

.
Pubblicato il: 27.08.08
Modificato il: 27.08.08 alle ore 14.00

fonte: http://www.unita.it/view.asp?idContent=78405

Tensione nel Mar Nero, la Cina “scarica” Mosca?

russia, medvedev, successore putin Dmitri Medvedev

.

Sempre più incandescente la tensione tra Mosca e l’Occidente per gli assetti nel Caucaso: la Nato ha ingiunto alla Russia di fare marcia indietro sul riconoscimento unilaterale dell’indipendenza di Ossezia del Sud e Abkhazia dalla Georgia, tornando inoltre a sollecitarla a rispettare l’integrità territoriale di Tbilisi. Il Cremlino ha continuato però a difendere la propria mossa, e ha inviato unità della Marina verso le coste abkhaze sul Mar Nero, in risposta all’arrivo in zona delle navi militari Nato con aiuti umanitari per la popolazione civile, che tuttavia hanno evitato di attraccare nel porto di Poti, tuttora presidiato dalle truppe russe. La flotta russa, guidata dalla sua ammiraglia, il modernissimo incrociatore portamissili Moskva, ha infatti ricevuto l’ordine di sorvegliare i movimenti di quella Nato.

«L’Alleanza Atlantica», recita un comunicato ufficiale diffuso dal quartier generale della Nato a Bruxelles, «condanna la decisione della Federazione Russa di concedere il proprio riconoscimento ai territori georgiani dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia, e le chiede di revocare tale decisione», prosegue la nota, firmata dagli ambasciatori dei 26 Stati membri.

Il presidente russo Dmitri Medvedev ha intanto rassicurato telefonicamente il cancelliere tedesco Angela Merkel sull’impegno di Mosca a rispettare il piano di pace mediato dalla presidenza francese di turno della Ue, compreso il quinto punto sul ritiro delle truppe e le misure di sicurezza aggiuntive.La Russia cerca l’appoggio cinese. Il presidente russo Dmitri Medvedev e il suo omologo cinese Hu Jintao si sono incontrati a Dushanbe, capitale del Tagikistan, per dei colloqui di natura bilaterale. Stando a quanto riferisce l’agenzia di stampa cinese “Xinhua”, nell’agenda delle discussioni tra i due capi di Stato figurano anche questioni di natura regionale e internazionale, ritenute di mutuo interesse.

Ma negli stessi minuti però la Cina ha espresso la propria preoccupazione per la decisione della Russia di riconoscere l’indipendenza delle due regioni separatiste georgiane di Abkhazia e Ossezia del sud. Lo ha reso noto l’agenzia di stampa Nuova Cina, che ha citato il portavoce del ministero degli esteri cinese, Qin Gang. Finora Pechino non si era pronunciata sulla decisione di Mosca, condannata invece dai governi occidentali, e aveva espresso solo la speranza che le parti riuscissero a trovare una «soluzione adeguata al problema attraverso il dialogo».

https://i2.wp.com/www.interet-general.info/IMG/MikhailSaakashvili-5-2.jpgMikhail Saakashvili

.

Frattanto il presidente della Georgia, Mikhail Saakashvili, ha annunciato che non si recherà lunedì prossimo a Bruxelles per il Consiglio Europeo straordinario, convocato proprio in relazione alla crisi caucasica, perché teme in seguito di non poter ritornare in patria, impedito al rientro dalla Russia. Il vertice comunitario del primo settembre perde dunque uno dei suoi protagonisti, e in seno all’Ue sembra cominciare a prendere forma un’ipotesi ancora più inquietante rispetto alla secessione di Ossezia e Abkhazia: e cioè che, dopo la Georgia, nel mirino di Mosca possano finire altre Repubbliche ex sovietiche. Come l’Ucraina, e in particolare la strategica penisola di Crimea; o la Moldova, sul cui territorio orientale si estende l’auto-proclamata Repubblica secessionistica della Transnistria: ambedue aree dove molto forte è la presenza non solo di vaste comunità russofone, ma altresì di unità militari russe e di armamenti risalenti all’era sovietica.

Tbilisi pensa intanto a ridurre i rapporti diplomatici con Mosca, mentre il suo presidente Mikhail Saakashvili chiede che l’Ue si pronunci «chiaramente a favore» dell’ex repubblica sovietica.

Timori in tal senso hanno manifestato tanto l’euro-commissario all’Allargamento, il finlandese Olli Rehn, quanto Bernard Kouchner, ministro degli Esteri francese, vale a dire del Paese che per il semestre in corso detiene la Presidenza di turno dei Ventisette, e che ha invano tentato di scongiurare il peggio mediando un cessate-il-fuoco solo teoricamente accettato da entrambi i contendenti.

.
https://i2.wp.com/www.foxnews.com/images/146040/4_26_yushchenko_viktor_113004.jpgViktor Yushchenko

.
Dal canto suo il leader ucraino Viktor Yushchenko, al pari di Saakashvili schieratosi con i Paesi occidentali, ha bollato come «inaccettabile» la fuga in avanti russa, minacciando di reagire tra l’altro con un rincaro dell’affitto versato da Mosca per poter utilizzare congiuntamente a Kiev la base navale di Sebastopoli: situata per l’appunto in Crimea.

Sulla decisione del Cremlino di riconoscere gli indipendentisti la stampa russa si è dimostrata piuttosto critica, evocando i rischi di un isolamento internazionale, di un effetto domino del Caucaso e di una battuta d’arresto dell’economia.

.
Pubblicato il: 27.08.08
Modificato il: 27.08.08 alle ore 15.53

fonte: http://www.unita.it/view.asp?idContent=78408

Afghanistan, Onu ha prove di 90 civili morti in raid Usa

martedì, 26 agosto 2008

.

KABUL (Reuters) – Le Nazioni Unite hanno detto oggi di essere in possesso di prove che dimostrano che nei raid aerei condotti la scorsa settimana dalle forze della coalizione a guida Usa in Afghanistan, sono morti 90 civili afghani, la maggior parte dei quali bambini.

La questione delle morti dei civili ha provocato una frattura tra il governo afghano e la Nato, tanto che all’inizio del mese il presidente Hamid Karzai ha detto che i raid aerei non sono serviti a nulla se non a uccidere civili afghani.

“Le indagini di Unama (la missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan) hanno trovato prove, che si basano sul racconto di testimoni oculari e di altri, secondo le quali circa 90 civili – tra cui 60 bambini, 15 donne e 15 uomini – sono stati uccisi”, ha spiegato in una nota l’inviato speciale dell’Onu in Afghanistan, Kai Eide.

L’esercito Usa ha avviato un’indagine sull’accaduto, dopo aver detto in un primo momento di non essere al corrente di vittime tra i civili. I militari americani hanno spiegato che l’obiettivo dell’incursione aerea era un noto comandante talebano e che il raid ha portato all’uccisione di 30 militanti. Secondo quanto riferito dal portavoce presidenziale, ieri il governo afghano ha disposto la revisione delle operazioni condotte dalle truppe straniere tra il crescente malcontento sulle morti di civili.

Secondo quanto riferito, il provvedimento lascia intravedere una serie di leggi che devono essere messe a punto congiuntamente con le forze straniere e successivamente approvate dal parlamento afghano.

“ACCORDO SULLO STATO DELLA FORZA”

Il provvedimento inoltre dice che la presenza della comunità internazionale in Afghanistan deve essere rivista sulla base di un accordo reciproco e ribadisce le richieste del precedente governo sulla messa al bando degli attacchi aerei che hanno obiettivi civili, delle perquisizioni non coordinate di abitazioni e della detenzione illegale di civili afghani.

“I poteri e le responsabilità delle forze internazionali in Afghanistan devono essere disciplinati con ‘un accordo sullo status della forza’ che tenga conto delle leggi afghane e di quelle internazionali”.

La missione di assistenza Onu in Afghanistan ha fatto sapere di aver inviato una squadra di esperti in diritti umani nella zona di Shindand per condurre delle indagini sull’accaduto, incontrare funzionari locali, gli anziani e gli abitanti dei villaggi.

Lo scorso 21 agosto, poco dopo la mezzanotte, soldati afghani e stranieri hanno fatto irruzione nel villaggio di Nawabad nella zona di Shindand. Secondo quanto riferito dagli abitanti del villaggio ai funzionari Unama, le operazioni sono durate diverse ore.

“La devastazione prodotta dai bombardamenti aerei è evidente: 7-8 case sono state completamente distrutte e molte altre sono state gravemente danneggiate”, ha fatto sapere l’Onu in una nota.

“Gli abitanti del posto sono stati in grado di confermare il numero delle vittime, fornendo anche i nomi, l’età e il sesso delle vittime. E’ una vicenda che preoccupa molto le Nazioni Unite. Ho ribadito più e più volte che la sicurezza e il benessere dei civili deve essere la cosa più importante nel corso di tutte le operazioni militari”, ha detto Eide.

.

Reuters

fonte: http://www.borsaitaliana.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=topNews&storyID=2008-08-26T152952Z_01_ROS638184_RTRIDST_0_OITTP-AFGHANISTAN-PROVE-STRAGE-CIVILI.XML

__________________________________________________________________________________________________

Raid aereo americano fa STRAGE:50 BAMBINI tra 76 vittime afg

.

L’IRAQ DEI BAMBINI

Crisi nel Caucaso, Kouchner: “A rischio anche Ucraina e Moldova”

I timori del ministro francese dopo la sfida russa: «Mosca è fuori dal diritto internazionale».

PARIGI
Dopo che ieri il presidente russo
Dmitri Medvedev, in un discorso alla nazione, ha riconosciuto l’indipendenza dalla Georgia delle repubbliche di Ossezia del sud e Abkhazia, l’Unione europea, attraverso le parole del ministro francese Kouchner, ha espresso nuovi e preoccupanti timori.

Kouchner: «A rischio anche Ucraina e Moldova»
Con il suo riconoscimento dell’indipendenza di Ossezia del Sud e Abkhazia dalla Georgia, la Russia si è posta «al di fuori del diritto internazionale, e non si tratta soltanto dell’opinione dell’Unione Europea»: lo ha dichiarato il ministro degli Esteri francese, Bernard Kouchner, il quale ha inoltre avvertito che nel mirino del Cremlino rischiano adesso di finire, dopo Tbilisi, anche altre Repubbliche ex sovietiche: come «l’Ucraina», e in particolare «la Crimea», o «la Moldova». È un fattore «estremamente pericoloso», ha ammonito Kouchner, intervistato dall’emittente radiofonica “Europe 1”.

Il ministro francese: «La Russia ha violato tutte le norme internazionali»
«Non possiamo accettare simili violazioni di tutte le norme internazionali, degli accordi sulla sicurezza e la cooperazione in Europa, delle risoluzioni delle Nazioni Unite e, per la prima volta dopo molto tempo, l’occupazione di territorio in un Paese vicino da parte di un Esercito straniero». Il capo della diplomazia francese, il cui Paese per il semestre in corso detiene la Presidenza di turno dei Ventisette, è tornato ad accusare le truppe di Mosca di aver intrapreso un’operazione di «pulizia etnica», affermando che esistono le prove del fatto che i primi a restarne vittime sono proprio «gli osseti favorevoli alla Georgia». Kouchner ha quindi avvertito che l’Ue «reagirà» senz’altro in occasione del Consiglio Europeo straordinario, convocato per lunedì prossimo a Bruxelles. La Crimea e anche l’auto-proclamata Repubblica secessionistica Transnistria, nel settore orientale moldavo, sono ambedue aree dove molto forte è la presenza non solo di vaste comunità russofone, ma altresì di unità militari russe e di armamenti risalenti all’era della disciolta Urss.

Nave Usa al porto di Batumi per gli aiuti aumanitari
Un portavoce dell’ambasciata Usa a Tbilisi ha riferito che la nave “Cutter Dallas”, che trasporta aiuti umanitari per la popolazione georgiana, non attraccherà a Poti come annunciato inizialmente, ma a Batumi. La nave militare Usa avrebbe dovuto attraccare stamattina a Poti, ma alla periferia della città si trovano ancora le truppe russe. Il portavoce dell’ambasciata americana, Stephen Guice, non ha spiegato le ragioni che hanno portato a cambiare il programma.

Mosca: «Le navi americane trasportano armi». Washington nega.
La Russia intanto accusa gli Usa, altri Paesi europei e la Nato di trasportare in Georgia armi utilizzando navi spacciate per umanitarie. Washington ha negato e ha respinto le accuse al mittente. Ieri, in un’intervista alla BBC, il presidente russo, Dimitry Medvedev, ha detto che Mosca non avrebbe bloccato il transito della nave americana attesa per oggi nel porto georgiano di Poti, ma ha aggiunto: «Tutte le navi possono attraccare, americani e altri che portano aiuti umanitari. Naturalmente, ciò che gli americani chiamano aiuti umanitari, sono armi». Oltre alla nave da guerra McFaul, l’ambasciata americana a Tbilisi ha riferito che altre due navi sono dirette nel porto georgiano. Dal Texas, il portavoce della Casa Bianca, Tony Fratto, ha risposto: «Posso assicurare che in Georgia stanno arrivando aiuti umanitari e nient’altro». Rispetto a quanto detto dal presidente russo, il ministro della Difesa, Sergei Lavrov, ha esteso ad altri Paesi le accuse. «Gli Usa e alcune capitali europee -ha affermato in un comunicato- hanno promesso alla Georgia la protezione della Nato, che significa il riarmo del regime di Tbilisi e la Nato ha già cominciato a inviare a Saakashvili nuovi tipi di armamenti, ricostituendo le infrastrutture militari utilizzate da Tbilisi per aggredire l’Ossezia del Sud».

.

fonte: http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200808articoli/35981girata.asp

COSTUMI – L’amante fissa uccisa dalla tecnologia

Con Internet e la telefonia non c’è più il modo di farla franca

Sms, mail, conti online: troppe tracce da cancellare. E ai moderni fedifraghi non resta che la scappatella

.

di VITTORIO SABADIN
.

Non c’è più modo di farla franca: le infedeltà coniugali stanno diminuendo in tutto il mondo, perché chiunque ci provi lascia talmente tante tracce elettroniche delle sue malefatte da essere inevitabilmente scoperto. Le brevi scappatelle occasionali sono ancora popolarissime, ma sono le relazioni di lunga durata ad essere in crisi: la tecnologia non lascia scampo. Con Internet, la telefonia mobile, le videocamere di sicurezza, i sistemi di posizionamento globale e persino le carte di credito nessuno ha più diritto a un minimo di privacy, nemmeno in camera da letto. E, al minimo sospetto, trovare le prove dell’inganno è diventato facilissimo.

Una pratica millenaria, che ha ispirato poeti e scrittori, provocato tragedie, causato guerre e determinato l’evoluzione delle tecniche individuali di logistica e pianificazione, è ormai in piena decadenza. A evidenziarlo per primi sono stati negli ultimi anni i reduci dall’Iraq. Tornati a casa e riaperti i loro computer, molti soldati hanno scoperto da qualche file dimenticato che mentre loro combattevano la guerriglia anche le loro mogli erano state assiduamente impegnate in manovre segrete. «Per vivere nella nostra epoca – notava Nick Harding sull’Independent – dobbiamo utilizzare decine di gadget elettronici di cui non comprendiamo del tutto il funzionamento. Lasciamo tracce dovunque ed è sempre più difficile mantenere i segreti e ingannarsi reciprocamente».

E pensare che tutto sembrava favorire – proprio grazie alle nuove tecnologie di comunicazione – gli incontri e le relazioni proibite. I telefonini hanno sostituito gli apparecchi fissi, e-mail e sms maliziosi scritti alla collega della scrivania di fronte sono abituali, le abbreviazioni dei testi sono diventate un linguaggio e i «baci» conclusivi la norma. Nessuno parla più a faccia a faccia con nessuno, ma non è stato mai così facile incontrare altra gente. Secondo uno studio della London School of Economics, un quarto dei messaggi inviati con la telefonia mobile contiene espliciti riferimenti sessuali e una persona su sei flirta abitualmente con qualcuno che non è il suo partner attraverso il telefono.

La diffusione nelle abitazioni dei computer ha causato altri guai, grazie a programmi popolarissimi che tendono a riunire le persone, come «Friends Reunited». Lanciato nel 1999, ha 15 milioni di abbonati e consente di ritrovare la vecchia compagna di scuola o di università che ci piaceva tanto, ponendo finalmente fine dopo tanto tempo alla nostalgia del non detto, e soprattutto del non fatto. Il portiere della nazionale inglese David James ha divorziato dalla moglie dopo 13 anni, proprio dopo avere ritrovato una vecchia fiamma su «Friends Reunited». Secondo l’esperto di comunicazione Ian Pearson, nel giro di pochi anni la tecnologia consentirà di inviare un messaggio al telefonino di una persona vista in un bar solo puntandole contro il proprio apparecchio e i siti dedicati a favorire gli incontri si moltiplicheranno. Ma nessuno che abbia già una relazione stabile potrà approfittarne restando impunito.

Una volta avere un’amante era semplice: bastavano una telefonata da una cabina telefonica e un luogo di incontro prestabilito e le possibilità di essere scoperti erano minime. Ma provate oggi a fare qualcosa in segreto, ad esempio in una città come Londra. Tutti hanno in tasca l’indispensabile «Oyster Card» che consente l’accesso alla metropolitana. Mentre un marito telefona alla moglie per dirle che farà tardi in un ufficio, lei può scoprire, digitando il numero della «Oyster» sul sito della metropolitana, in quali stazioni è appena transitato. Controllare i messaggi, le telefonate fatte o ricevute su un telefonino lasciato in salotto è facilissimo, così come rintracciare i siti frequentati, le e-mail ricevute e inviate. I rendiconti della banca, consultabili online, rivelano in quali negozi sono state effettuate spese o in quali ristoranti sono state organizzate cenette romantiche.

Ma queste sono cose da dilettanti. Gadget a poco prezzo, che nemmeno Mister «Q» riusciva a immaginare per James Bond, riescono a leggere le Sim card dei telefonini, rintracciando i messaggi cancellati; analizzatori di voce possono rivelare se il marito o la moglie stanno mentendo al telefono e microprocessori lasciati nel bagagliaio di un’auto consentono di rivelare tutti i suoi spostamenti. Se non bastasse, decine di agenzie private sono in grado di presentare un rapporto – senza magari muovere nessuno dall’ufficio – su tutto quello che un individuo ha fatto nel corso di una giornata o di una settimana.

Una volta scoperti, non c’è scampo. Oltre allo scontato divorzio, c’è anche la gogna mediatica globale. Mogli e mariti traditi sempre più spesso sfogano la loro rabbia usando siti web come liarscheatsandbastards.co.uk (bugiarditraditoriebastardi) per descrivere le caratteristiche, anche molto intime e personali, del loro ex partner. Alcuni mariti inglesi, dopo avere letto quello che le loro ex mogli avevano reso pubblico, hanno salutato gli amici al pub e sono emigrati in Australia.

La stessa tecnologia che ha favorito le relazioni extraconiugali ha dunque drasticamente ridotto la loro durata, passata mediamente dai tre anni di vent’anni fa ai sei mesi di oggi. Unica eccezione, dicono le statistiche, quella della generazione dei baby boomers del dopoguerra. Uno studio dell’Università del New Hampshire ha rivelato che i cinquantenni sono attualmente i più attivi nel cercare un partner segreto: vecchie volpi che si sono impratichite con le lunghe relazioni possibili negli Anni 70 e 80, usano poco e-mail e computer, non inviano sms, pagano i conti ancora in contanti e grazie a Viagra e Botox sono più giovani che mai.

.

fonte: http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/societa/200808articoli/35971girata.asp

Gran Bazar Mussolini

Gran Bazar Mussolini


Domenica scorsa, tardo pomeriggio, sono passato per Rimini con la famiglia. Il tempo di una vasca lungo le vie parallele al lungomare, in attesa di recarci a cena da amici. Ci siamo, così, tuffati in mezzo ai turisti che, di ritorno dalla spiaggia, sciamavano, in massa, costeggiando un’infinita teoria di botteghe, bar, ristoranti, pizzerie, minimarket, fast-food, gelaterie, pasticcerie, piadinerie. Come in ogni città turistica che si rispetti. E Rimini non è “una”, ma “la” città turistica del lungomare di Romagna. Una città speciale, capace di non perdere la propria identità.

Perché Rimini ha un centro storico molto bello e ben tenuto. Una società (e una classe dirigente) locale ancora solida e resistente. Una storia e una tradizione artistica e culturale di tutto rispetto. Come rammentano le vie del lungomare che echeggiano i film di Federico Fellini. Rimini è una città “memorabile”, in senso letterale: degna di memoria. Oltre l’amarcord: anche per la spiaggia, il lungomare e le vie dedicate allo struscio dei turisti. Il vecchio e il nuovo, insieme.

Questa breve visita occasionale mi ha, tuttavia, riservato una scoperta inattesa. L’immagine del duce, Benito Mussolini, disseminata lungo il passeggio commerciale. Esposta in numerosi negozi (davvero tanti). Mussolini: in vendita, come un prodotto di consumo popolare. Tra una piadina e la coca-cola, ecco il busto del duce, in diversi formati, ma soprattutto la faccia del duce: su magliette, camicie, poster, bandierine, adesivi, quadretti già incorniciati, bicchieri e sottobicchieri, piatti, penne, sulle etichette di bottiglie di vino, dal contenuto improbabile.

Ma l’iconografia del Ventennio non si riduce alla sola immagine del duce – proposto perlopiù in primo piano, di profilo, la mascella volitiva e l’elmo bellicoso. Su t-shirt, poster, stoviglie e bottiglie incontriamo massime del duce e slogan del regime. Gli stessi che resistono – talora sbiaditi dal tempo, talora rinfrescati – ancora in alcuni edifici del tempo. Tipo: “è l’aratro che traccia il solco ma è la spada che lo difende”; oppure il noto “molti nemici, molto onore” … Inoltre, molte immagini del führer Adolf Hitler. Spesso accostato al Duce. Lungo il passeggio, in bella evidenza, un grande mobile- cantina, carico di decine di bottiglie allineate. Il sangiovese di Benito alternato al nero di Adolf. Tutto ciò esposto alla luce del sole (domenica sera era ancora forte e caldo). Senza pudore e senza problemi. Perché, evidentemente, un problema di pudore non esiste, in questo caso. Prodotti come gli altri.

Se dedico una Bussola a questo argomento, tuttavia, non è per manifestare indignazione. Anche se lo spettacolo mi ha dato fastidio. (Ma se infastidisce solo me, che problema c’è?). Tanto meno per sollecitare provvedimenti restrittivi e proibizionisti. Probabilmente non servono, sicuramente non mi piacciono. Neppure per sollevare polemiche sul revisionismo dilagante, sul rischio di un “nuovo fascismo” o sul silenzio della memoria democratica. Questioni troppo impegnative per inseguirne le tracce a partire da cavatappi, magliette, bottiglie e sottobicchieri. (E poi non scrivo mica su Famiglia Cristiana…).

E’ probabile, peraltro, che si tratti di un fenomeno più esteso. A Rimini (città di centrosinistra) appare più evidente perché luogo ad alta intensità turistica. Non lontano dalla terra del duce. I riminesi, che evitano le vie più affollate dai turisti, forse, non ci hanno fatto caso.

Comunque, nel passato, in alcuni mercati si incontravano (e ho incontrato) stand specializzati, che esponevano bottiglie fasciste, affiancate ad altre soviet-comuniste. Mussolini e Stalin vicini, in nome del vino. Poi, Stalin è scomparso. Mussolini, invece, resiste. E oggi fa concorrenza a Che Guevara (da tempo icona consumista, consumata negli accendini usa e getta e sulle copertine dei diari scolastici).

Nessuno scandalo. Anzi. Proprio questo mi ha colpito maggiormente: la “normalità” (neppure la normalizzazione) del fenomeno, ormai sospeso fra ideologia popolare e senso comune, fra politica e costume. La “banalizzazione del fascismo”, commercializzato come un prodotto qualsiasi. Un consumo nazionalpopolare (nazipop?). L’immagine di Benito impressa su una t-shirt – accanto a quella di James Dean, George Clooney, Ronaldinho e Homer Simpson. Un gadget. Fra una piadina, una crescia, una birra e una coca-cola. Una porchetta e un sangiovese. Nell’aria echeggia la voce di De André … “E un errore ho commesso – dice – un errore di saggezza abortire il figlio del bagnino e poi guardarlo con dolcezza. Ma voi che siete a Rimini tra i gelati e le bandiere non fate più scommesse sulla figlia del droghiere”.
Coro: “Ri-mi-ni”.
.
26 agosto 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2007/02/rubriche/bussole/rimini/rimini.html?rss