L’Artico può essere circumnavigato è la prima volta in 125mila anni/Gli orsi naufraghi

Scioglimento record della calotta polare: aperti i passaggi di Nord Ovest e di Nord Est
Lo provano le foto dei satelliti. Studiosi: oceano senza ghiacci d’estate entro il 2030

.

Un’immagine di pochi giorni fa, con il Passaggio Nord Ovest quasi completamente libero dai ghiacci

.

LONDRA – Per la prima volta a memoria d’uomo sarà possibile cirumnavigare l’intero Polo Nord. Foto satellitari scattate due giorni fa mostrano, scrive oggi l’Independent, che lo scioglimento dei ghiacci verificatosi la settimana scorsa ha finalmente aperto contemporaneamente sia il favoleggiato Passaggio a Nord-Ovest che il passaggio a Nord-Est. A dimostrarlo sono immagini scattate da satelliti Nasa. Il Passaggio Nord Ovest, nel territorio canadese, si è aperto nello scorso fine settimana, mentre l’ultima lingua di ghiaccio che ostruiva il Mare di Laptev, in Siberia, si è disciolta qualche giorno dopo.

È un evento clamoroso che, se da un lato corona il sogno secolare di generazioni di esploratori, navigatori e viaggiatori, dall’altro rappresenta un preoccupante segnale dell’accelerarsi del processo del riscaldamento globale. Sul breve periodo, naturalmente, la novità dovrebbe portare soltanto vantaggi alle varie compagnie di navigazione che per la prima volta nella storia potranno tagliare migliaia di miglia marine lungo le rotte tra il nord del Canada e la Russia.

Negli scorsi decenni, in varie occasioni si è verificata la situazione dell’apertura dell’uno o dell’altro passaggio ma mai, come in questi giorni, era accaduto che entrambe le due misteriose porte dell’artico si dischiudessero simultaneamente.

E’ questo solo l’ultimo segnale della crisi dell’intero ecosistema artico. Solo pochi giorni fa, il National snow and ice data center (NSIDC) statunitense ha informato che quest’anno l’estensione globale del ghiaccio artico è prossima a battere il record record negativo, dello scorso anno, di 4,14 milioni di chilometri quadrati: un valore inferiore di oltre un milione di metri cubi al record precedente, fissato nell’estate 2005. In due anni, i ghiacci del Polo Nord si sono ritirati per un’estensione grande quattro volte l’Italia.

Quattro settimane fa, i turisti sono stati fatti evacuare dal Parco Nazionale Auyuittung, nell’Isola di Baffin, la grande isola del Nunavut canadese situata a occidente della Groenlandia, a causa dello scioglimento dei ghiacci: “Auyuittung”, in lingua inuit, significa “terra che non scioglie mai”… E’ di pochi giorni fa la vicenda dei nove orsi polari rimasti senza habitat e visti nuotare in mare aperto, seguita a breve da un immenso crollo nel ghiacciaio Petermann, in Groenlandia, in un’area che si riteneva ancora immune dagli effetti del global warming.

Ma la simultanea apertura
del Passaggio Nord Ovest, intorno al Canada, e del Passaggio Nord Est, intorno alla Russia, a costituire un vero e proprio choc. Non accadeva, secondo i climatologi, da almeno 125mila anni. Dall’inizio dell’ultima era glaciale erano rimasti entrambi bloccati: nel 2005 si era aperto solo il Passaggio Nord Est, l’estate seguente era accaduto il contrario.

“I passaggi sono aperti,
è un evento storico, ma con il quale dovremmo abituarci a convivere nei prossimi anni – ha confermato il professor Mark Serreze, uno specialista di mari ghiacciati del NSIDC, sottolineando però che le autorità marine dei Paesi interessati potrebbero essere riluttanti ad ammetterlo, per evitare di essere citate a giudizio dalle compagnie di navigazione, le cui imbarcazioni dovessero incontrare ghiaccio e subire danni”.

Gli armatori però sono tutt’altro
che disinteressati. Il “Beluga Group” di Brema, ad esempio, ha già fatto sapere che manderà navi dalla Germania al Giappone via Passaggio Nord Est, con un taglio netto di 4000 miglia nautiche, quasi 7.500 km, rispetto alla rotta tradizionale. E il premier canadese Stephen Harper ha già fatto sapere che chiunque volesse attraversare il Passaggio Nord Ovest dovrebbe fare riferimento ad Ottawa: un punto di vista, questo, che non piace agli Usa, che considerano quella parte di Artico acque internazionali.

I climatologi però rimarcano
che simili dispute potrebbero essere irrilevanti, se il ghiaccio continuasse a sciogliersi al ritmo attuale. In tal caso, infatti, sarebbe possibile navigare direttamente attraverso il Polo Nord, completamente liberato dai ghiacci. Evento questo, che fino a poco tempo fa si riteneva possibile che dal 2070. Ora, però, molti studiosi indicano il 2030 come l’anno entro il quale l’Oceano Artico sarà completamente fluido in estate, mentre uno studio del professor Wieslaw Maslowski, della Naval Postgraduate School di Monterey, California, arriva a concludere che già dal 2013 il mare sarà completamente aperto da metà luglio a metà settembre. Il “punto di rottura”, l’evento che ha ulteriormente accelerato il processo di scioglimento, è costituito dalla perdita-record di massa ghiacciata, dello scorso anno: le masse solide sono scese a un livello che non si attendeva fino al 2050, mandando all’aria tutti i calcoli prodotti fino a quel momento.

Quest’anno è andata un po’ meglio, l’inverno è stato più freddo, e per un po’ è sembrato che i ghiacci potessero difendere meglio le loro posizioni. Ma in agosto lo scioglimento ha subito un’improvvisa accelerazione e la scorsa settimana la superficie globale dell’Artico ricoperto di bianco era già al di sotto del livello minimo del 2005. Secondo l’Agenzia spaziale europea (Esa), in qualche settimana anche il record del 2007 sarà battuto. Uno studio recente dell’Università dell’Alberta dimostra che lo spessore dei ghiacci artici si è assottigliato della metà in soli sei anni. Ed è un processo che alimenta se stesso, perché man mano che la superficie bianca viene rimpiazzata dal mare, la superficie di quest’ultimo, più scura, assorbe via via più calore, contribuendo a riscaldare l’oceano e a sciogliere altro ghiaccio.
.
31 agosto 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/06/sezioni/ambiente/polo-nord-ghiacci/artico-isola/artico-isola.html?rss

__________________________________________________________________________________________________

Sono nove, nuotano ormai a 600 chilometri dalla calotta polare e alcuni sono già morti
Seguiti da Wwf e Marina Usa tra Alaska e Polo. Si pensa di mandare una nave

Il dramma degli orsi naufraghi
“Il loro iceberg si è sciolto”

.

dal corrispondente di Repubblica ENRICO FRANCESCHINI

.

La foto di uno dei nove orsi

.

LONDRA – L’immenso iceberg su cui si trovavano si è dapprima staccato dalla terraferma e quindi si è gradualmente, completamente sciolto. Così nove orsi polari si sono ritrovati nelle acque gelide del mare d’Alaska, trasportati dalla corrente, costretti a nuotare 24 ore su 24 per sopravivere. La terra più vicina era a una distanza raggiungibile per questi instancabili animali: un centinaio di chilometri più a sud. Ma l’istinto li ha spinti a muoversi in direzione opposta, verso nord, e in quel senso di marcia il primo pezzo di ghiaccio che offrirebbe loro un approdo si trova a seicento chilometri, una distanza quasi certamente insormontabile anche per formidabili nuotatori come loro. Un tempo era più vicino, ma si è ridotto a causa del cambiamento climatico che riscalda il pianeta, facendo ritirare il manto di ghiaccio sempre di più verso il Polo Nord.

L’avventura degli orsi sperduti
tra l’Alaska e il Polo è così presto diventata una tragica odissea per tornare a casa, filmata, fotografata e seguita dagli specialisti del governo americano e delle compagnie petrolifere che operano in quella desolata, inospitale, selvaggia regione del globo. Il gruppo ha percorso finora un centinaio di chilometri. Alcuni degli orsi sono morti, affogando per la stanchezza: i rilevatori che li osservano dall’alto in aereo e in elicottero non sono sicuri di quanti siano ancora in vita. Di certo i superstiti appaiono stremati. Il World Wide Fund for Nature sta considerando di chiedere alle forze armate degli Stati Uniti l’invio di una nave per cercare di salvare gli orsi: anche se il salvataggio sarebbe un’operazione estremamente complicata.

La vicenda è stata raccontata oggi dal Daily Mail di Londra, che ha pubblicato la foto di uno degli orsi nel mare d’Alaska, scattata da distanza ravvicinata da un elicottero. Non è la prima volta che orsi polari finiscono in mare a causa dello scioglimento dei ghiacci. Sempre più spesso capita che arrivino a nuoto, o su piccoli iceberg, fino all’Islanda, dove la popolazione locale peraltro li uccide a fucilate appena raggiungono la riva. La foto di un orso polare su una minuscola piattaforma di ghiaccio ha fatto il giro del mondo qualche mese or sono. “Tutti gli orsi polari sono minacciati dal surriscaldamento del pianeta, rischiano l’estinzione”, dice al Mail il professor Richard Steiner della Università dell’Alaska. Chissà se qualcuno dei nove bestioni dispersi riuscirà a salvare la pelle, completare l’odissea e ritrovare miracolosamente la via di casa.
.
30 agosto 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/06/sezioni/ambiente/polo-nord-ghiacci/orsi-in-mare/orsi-in-mare.html

2 risposte a “L’Artico può essere circumnavigato è la prima volta in 125mila anni/Gli orsi naufraghi”

  1. Franca dice :

    E’ uno scenario apocalittico…

  2. enzo dice :

    sono anni che vengono lanciati allarmi sui cambiamenti climatici ,purtroppo vengono sempre offuscati,anche le liti condominiali hanno più odiens. Nel 2006 il Film “Verità nasconte”(Oscar per il miglior documentario) con Al Gore denunciava in particolare il dramma degli orsi polari, non riescono più a trovare le banchise che ormai si sciolgono giorno per giorno. Come al solito facciamo scappare prima i buoi e poi chiudiamo la stalla. Mi sento addolorato ed anche impotente perchè personalmente non ho nessun mezzo se non inviare qualche commento qua e là.Sono certo anche di tante persone sensibili all’ambiente ma non fa abbastanza,o poco, in confronto dei malvagi che sono di più e fanno tanto per loro stessi; a quest’ultimi che tanto portano avanti il concetto della famiglia e dei figli,loro e solo loro, vorrei chiedere quale futuro hanno programmato. Forse si saranno costruiti già una cupola piena di confort.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: