Ue, governo fischiato sui rom. Barrot: stop a Maroni su espulsioni / La paura sociale

E L’ITALIA HA PROTESTATO PER BOCCA DEL SUO RAPPRESENTANTE. FEROCI. CERTO CHE CON UN COGNOME COME IL SUO..

Bruxelles, il vertice sull’inclusione si trasforma in contestazione
Fischi al rappresentante del governo Berlusconi. E l’Italia protesta

.

di ALBERTO D’ARGENIO

.

stop a Maroni su espulsioni

Jose Manuel Barroso

.

BRUXELLES – Doveva essere il vertice per trovare le soluzioni all’emarginazione degli 8 milioni di Rom europei, ma si è trasformato in una ennesima caotica contestazione del governo italiano con tanto di fischi al rappresentante dell’esecutivo Berlusconi, il sottosegretario Eugenia Roccella, e conseguente protesta formale della nostra diplomazia nei confronti dell’Ue. Il tutto mentre il commissario europeo alla Giustizia, Jacques Barrot, ha chiesto al ministro degli Interni Roberto Maroni significative modifiche al pacchetto sicurezza: nel mirino le espulsioni dei cittadini comunitari e l’aggravante di clandestinità.

“Against Ethnic Profiling”, contro la schedatura su base etnica. La cerimonia d’apertura del primo vertice Ue sull’inclusione Rom è stata bloccata dalla contestazione di decine di persone che sfoggiavano t-shirt contro l’ormai celebre provvedimento del governo. La protesta si è placata solo quando il presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso, ha scandito: “Siamo d’accordo con la maglietta, l’integrazione Rom è urgente a livello politico e umano”. Parole calibrate in modo da non attaccare l’Italia. Chi invece lo ha fatto, e duramente, è stato il miliardiario ungherese e filantropo George Soros, tra gli ospiti d’onore di giornata: “Sono estremamente preoccupato per la schedatura su base etnica in Italia. Queste misure dovrebbero essere illegali e spero che la Ue le bocci”.

Applausi scroscianti da parte del pubblico mentre dall’Italia le agenzie battevano la replica del ministro degli Esteri Franco Frattini, “preoccupato dal livello di disinformazione su una norma che è stata promossa dalla Commissione Ue”. Allusione al fatto che – nonostante le numerose bocciature politiche (tra gli altri Europarlamento e Onu) – dal punto di vista tecnico il censimento dei nomadi è stato ritenuto in linea con le regole comunitarie dal commissario Barrot, che comunque continua a vigilare affinché la sua realizzazione sia in linea con i diritti umani. E durante il summit di Bruxelles lo stesso Barrot ha puntualizzato: “Soros ignora i fatti o è in malafede. I testi normativi sui censimenti dei campi rom sono in regola”.

Insomma, un vertice dedicato ad uno scottante problema europeo si è trasformato in una nuova polemica sul caso Italia, sfociata in aperta contestazione, con tanto di incidente diplomatico, quando il sottosegretario al Lavoro, Eugenia Roccella, ha preso la parola a nome del governo. L’aula ha coperto la sua voce con fischi e urla e gli incandescenti rappresentanti delle comunità Rom hanno abbandonato la sala in segno di protesta.

In serata il rappresentante italiano presso l’Ue, l’ambasciatore Nelli Feroci, ha stigmatizzato “il deplorevole” episodio in una lettera di protesta all’organizzatore del vertice, il commissario europeo agli affari sociali Vladimir Spidla, lamentando che l’inviato del governo non ha potuto pronunciare il proprio intervento sull’inclusione dei Rom “in un clima sereno a causa di una serie di accese contestazioni da parte di alcuni elementi del pubblico”.

Intanto dietro le quinte proseguono i contatti tra Roma e Bruxelles per sbrogliare la matassa sulle norme più bersagliate del governo Berlusconi. Se Barrot per ora ha promosso il censimento, non è andato altrettanto bene al pacchetto sicurezza.

“Tutto ciò che è automatico è inaccettabile”, ha spiegato ieri riferendosi alle espulsioni dei cittadini comunitari (vedi romeni). Anomalia che il commissario la scorsa settimana ha chiesto di cambiare. In particolare Maroni dovrà chiarire che l’aggravante di clandestinità non si applica ai cittadini Ue, cancellare la loro espulsione automatica in caso di condanna a più di due anni di carcere e modificare una serie di passaggi del pacchetto sicurezza e di leggi precedenti contrarie al principio cardine dell’Unione europea secondo cui l’espulsione di cittadini comunitari può avvenire solo su decisioni prese caso per caso e secondo criteri stabiliti da Bruxelles. Punti – spiegano autorevoli fonti Ue – che il governo si è impegnato a correggere quanto prima. Pena la bocciatura Ue.

.

17 settembre 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/09/sezioni/cronaca/sicurezza-politica-14/rom-governo-fischiato/rom-governo-fischiato.html

__________________________________________________________________________________________________

La paura sociale


.
di Francesco Codello
foto di Paolo Poce

.

È il solito vecchio trucco. Si instilla la paura e poi si propongono soluzioni di stampo autoritario, invocate dal corpo sociale per avere “sicurezza”. È il solito vecchio trucco bastardo. Ma funziona.

.

C’è forse un sentimento più diffuso di altri che incombe e pesa notevolmente nelle scelte quotidiane e in quelle più generali, tra gli uomini e le donne ma anche tra bambini e ragazzi, in questo periodo storico. Questo sentimento è la paura. Spesso si libera a seguito di un fatto banale o marginale, ma ancor più frequentemente avvolge complessivamente l’esistenza di ciascuno di noi e ne determina le scelte. Mi pare sempre più plausibile poter cogliere in tutto questo non tanto una reazione spontanea individuale, quanto piuttosto un vero e proprio costume sociale.
La paura, infatti, quando si trasforma da meccanismo reattivo in sentimento generale per poi divenire un effettivo atteggiamento culturale produce inevitabilmente continue, spesso sottili, ma importanti, trasformazioni sociali.

Così come altre sensazioni, essa tocca ogni aspetto della nostra personalità e incide in modo spesso travolgente nelle scelte che ognuno compie nella sua vita di relazione, andando a produrre vere e proprie azioni collettive. C’è inoltre un significato più politico che questo impulso assume quando, come mi pare stia avvenendo oggi, si diffonde in modo così preponderante ed esteso.

La paura non può costituire una sensazione sulla quale costruire nessun progetto liberatorio né, tanto meno, può favorire una serena e razionale valutazione della realtà e di un qualsiasi problema da affrontare. Essa è in grado di stravolgere radicalmente ogni seria analisi e compromettere pertanto tutte le possibili soluzioni ad un quesito dato. Nel nostro caso è poi ancora più evidente come questo stato d’animo, nel momento in cui diviene atmosfera sociale, sia in grado di segnare pesantemente ogni questione che si deve affrontare.

Uso strumentale

Fatta questa premessa (penso tutto sommato condivisibile) è chiaro che appare evidente come vi sia, da parte di chi detiene il dominio in tutte le forme socio-culturali, un evidente interesse ad agire su di essa per amplificarne a dismisura la sua potenza paralizzante e di chiusura alle relazioni nuove e aperte che invece molti di noi sarebbero disposti e inclini a vivere. Così accade che di fronte al diffondersi dell’aids si usi la paura del contagio per predicare la castità sessuale, di fronte ad un abbassamento del proprio tenore di vita la si strumentalizzi per scatenare una guerra tra poveri, nei confronti di fatti di cronaca nera per alimentare una richiesta sproporzionata di “severità” e di repressione, ecc. ecc.

Insomma chi ha interesse a far si che l’ordine regni sovrano, per coprire i propri interessi e consolidare il proprio dominio, agita lo spettro della paura e ne determina un suo strumentale uso immaginario.
Ma esiste anche un altro aspetto della questione che mi preme qui sottolineare e che, purtroppo, vede anche chi sta dall’altra parte, talvolta, più o meno inconsci protagonisti. Per spiegare questo concetto mi sembra opportuno fare un esempio di quanto può accadere in una piccola città di provincia (una delle tante), tra gente tutto sommato benestante (e non per questo deprecabile), nella quale personaggi politici più o meno grezzi, trasformano ogni piccolo e insignificante fatto di cronaca in un’occasione per farsi della pubblicità (di pessimo gusto e dai toni anche deprecabili) creando così una cassa di risonanza di notevole impatto mediatico. In queste occasioni parte una controffensiva, da parte di chi non la pensa in questo modo, del tutto giusta e sacrosanta ma che può, talvolta, produrre un valore aggiunto alla negatività già abbondantemente disseminata. Spesso, come abbiamo visto anche recentemente nelle macro-scelte politiche nazionali, l’identificare un nemico diviene la ragione unica di chi non ha niente da dire di significativamente diverso e migliore e l’unico comune denominatore che tiene insieme fittiziamente, mascherandole, incongruenze e povertà culturali.

Una delle più diffuse pratiche di contestazione sono, ad esempio, gli appelli pubblici che permettono spesso a chi li firma di mettersi in pace la propria coscienza, consente di esprimere la propria presunta superiorità culturale, spesso invece gonfiando a dismisura un’immagine negativa che non risponde alla realtà. Se un sindaco o un politico qualsiasi si lascia andare ad affermazioni persino aberranti non significa che i cittadini, anche quelli che sottovalutano il fatto e prendono erroneamente per folclore tutto ciò, siano come lui.

Ma se certi spocchiosi pseudo-intellettuali gridano al razzismo e alla vergogna, alimentando a dismisura il fatto incriminato, possono contribuire a creare un’immagine altrettanto irreale della società locale o nazionale, facendo passare, in questo mondo così virtuale e mediatico, valori e principi che in realtà poi contribuiscono a fomentare paura, incertezza, reazione. Non sarebbe meglio, ad esempio, parlare e raccontare tutte quelle positività che esistono tra le nostre comunità, che non trovano spazio e voce nella stampa e nei media in genere, che fanno sì che le nostre provincie non siano in realtà affatto come spesso vengono descritte?

Più semplicità e modestia

Intendo dire che probabilmente a forza di diffondere negatività (magari per giustificare la nostra esistenza) si corre il serio rischio di far passare in modo irreversibile questo sentimento di paura trasformandolo nell’elemento determinante per produrre ogni forma di paralisi sociale e soprattutto per impedire veramente il cambiamento.

Se si ha invece la prontezza di contrapporre un fatto, e ce ne sono tanti, positivo, se si coglie l’opportunità di presentare le tante azioni spontanee e auto-promosse che uomini e donne compiono giornalmente creando tante micro-società ricche di solidarietà e sostegno reciproco, probabilmente riusciremmo a contrastare con più efficacia quell’immaginario sociale che il potere in tutte le sue espressioni ha tutto l’interesse ad alimentare. E di positività ce n’è tanta, basta solo volerla vedere e valorizzare.

In questo modo, penso, possiamo contribuire a creare tanti esempi efficaci perché positivi e a far crescere un sentimento di speranza e di sogno che il mondo possa divenire almeno un po’ migliore, sconfiggendo la paura e ogni altro sentimento negativo. Talvolta un po’ più di semplicità e di modestia può giovare a creare un clima di maggiore tolleranza e rispetto. Forse (ne sono anzi convinto) la mancanza di tutto ciò è una delle cause principali del perché la cosiddetta sinistra antagonista ha perso. Se è proprio così allora è un bene che sia accaduto.

.

Francesco Codello

.

fonte:  http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/index.htm

3 risposte a “Ue, governo fischiato sui rom. Barrot: stop a Maroni su espulsioni / La paura sociale”

  1. schiavioliberi dice :

    Per quanto riguarda il governo è ciò che si merita. Per il resto ci sono tante positività e vero, ma a volte le negatività sono così disumane da lasciare solo sgomento e rabbia.
    Un amaro saluto.

  2. il Russo dice :

    Ennesima figura di merda con l’UE, e si ha pure il coraggio di lamentarsi, che governo di merda per un paese di merda…

  3. Franca dice :

    Ridotto a sperare in provvedimenti della UE…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: