Archivio | settembre 26, 2008

Accadeinsicilia: comunicato stampa

Emergenza libertà sul web. Presa di posizione della European Digital Rights contro la sentenza di Modica.

.
La sentenza di condanna emessa dal giudice Patricia Di Marco nei riguardi di Carlo Ruta, per stampa clandestina, desta sempre più allarme e preoccupazione, non solo in Italia. E’ del 24 settembre la presa di posizione dell’European Digital Rights, la maggiore organizzazione europea per la difesa dei diritti digitali, con un intervento su Edri-gram, che pone in rilievo tanto l’anacronismo della legge italiana sulla stampa clandestina quanto l’intepretazione incongrua e oscurantista che di essa è stata data dal giudice
siciliano. Si tratta di un atto importante, che, con altri del medesimo rilievo, provenienti da autorevoli sedi associative e istituzionali europee, dà la misura della grave situazione che interessa l’Italia, a seguito dei continui attacchi che, a tutti i livelli, vengono lanciati contro le libertà costituzionali e la democrazia. La European Digital Rights, con sede centrale a Bruxelles e rappresentanze in 17 paesi europei, è stata costituita nel 2002 da 28 organizzazioni nazionali impegnate sui temi dei diritti civili.

Per la redazione di Voci Libere
Giovanna Corradini

http://www.giornalismi.info/vocilibere
accadeinsicilia@tiscali.it
http://www.leinchieste.com

Di seguito il testo dell’organizzazione European Digital Rights.

logo
Riceviamo via mail, diffondiamo e pubblichiamo!

A stupid law and a perverse “criminal” sentence

24 September, 2008

.

There is no censorship in Italy, but…

.

“Censorship” was abolished and outlawed in Italy sixtytwo years ago. Freedom of the press and of personal opinion is not only established by the Constitution, but also deeply rooted in custom and in all perceptions of civil society. There are, however, some worrying facts. The concentration in a few hands of a large part of the information system. A general, “centralized” myopia of the “dominant culture”, that is partly deliberate manipulation and partly unintentional ignorance. A sly, apparently “benevolent”, culture of superficiality and vagueness that tends to lull, confuse and subdue.

A disturbing maverick, in this context, is the internet. Originally feared, later ambiguously applauded, anyhow misunderstood, the net remains annoying for those who are in the habit of having control and are irritated, if not scared, by a tool that they can’t dominate or “tame”.

It would be long to repeat here what I have written several times, since I published Cassandra in 1996 and continued with eighty articles in Italian (thirteen also in English) in the “freedom and censorship” section of my website. But a recent episode deserves some comment.

In this ambiguous context there are laws and “norms” that are poorly conceived and applied even worse. One, in particular, is the law on “clandestine press” (1948) to which was added, fiftythree years later (2001) a clumsy definition of “authorization” for “journalistic publications” online.

Before we get into this specific subject, let’s look at two articles of the Italian Constitution.

In Article 3 it is stated that «All citizens have equal social status and are equal before the law.» But this isn’t quite so. There are laws (in addition to “social status”) that make some citizens “more equal than others”. And there are several formally organized categories that have improper and unreasonable privileges. In addition to all sorts of limitations (or bureaucratic hindrance) of free enterprise, in business, society and culture, that everyone agrees should be removed, but de facto remain – and sometimes get worse.

In Article 21 it is stated that «Everyone has the right to freely express thoughts in speech, writing, and by all other communication.» Also that «The press may not be controlled by authorization or submitted to censorship.» But this isn’t quite so. There are “authorization” rules (as well as other hindrances and privileges) that get in the way of freedom of information and communication (generally defined as “freedom of the press” ever since the concept was established in 1848 by the “Statuto Albertino” – that in 1861 became the Constitution of what was, at the time, the Kingdom of Italy.)

Within this framework, let’s get to the specific case that has, quite rightly, caused a wave of protest and indignation – and to the two awkward laws that have made it possible. The facts are reported (not always accurately) in several online documents. (see the end of the article)

A “criminal sentence” issued by a Court in Modica (Sicily) on 8 May 2008 condemned historian Carlo Ruta, defining his website “clandestine press” because it wasn’t formally “authorized” as a newspaper or a magazine. (The site was no longer active. It had been “seized” by the police, by order of the Modica Court, in 2004).

One of the absurdities in this Court decision is that the website was defined as “testata giornalistica” because it had a “heading”. By that criterion, any publicly available correspondence written on “letterhead” could be criminally condemned as “clandestine press”.

I leave it to historians of law and politics to try to understand why, when fascism had been defeated and censorship had been abolished, in 1948 a law was passed that restricts press freedom and is in contrast to Article 21 of the Constitution.

But let me “try to guess” why in April 2001 the Italian government proposed, and parliament “distractedly” approved, a poorly conceived (and never properly amended) law that extends press regulation to online communication.

All governments and all political parties and parliamentary groups have always declared that they don’t intend to limit or control in any way the freedom of the press and, generally, of opinion. On the sincerity and coherence of such statements we can have some doubts, but let’s assume that the purpose of the messy 2001 law was not censorship. The idea was to extend to online newspapers and magazines the ambiguous “benefits” (subsidies) that exists for print – as well as the “responsibility” controls (a system that has already caused several distortions and manipulations in its “traditional” definition).

This means that an online “newspaper” or “magazine” must be “registered” as such – and the editor must be a member of an officially regulated association called Ordine dei Giornalisti, a privileged “caste” that many agree should be abolished, but in spite of its absurdity continues to exist. The consequence is that, if the unclear text of the law is interpreted extensively, approximately five million Italian websites could be declared “illegal”.

That law has been in existence for five years and there has been no “extermination” of Italian online activity. But the fact remains that, by this or other means, “errors” are possible. Several other flaws in law or regulation have been used to “blacklist” or “seize” online activities that were disliked by authorities or powerful private lobbies.

What makes the “Modica affair” unique is that, so far, it’s the only case of the 1948 “clandestine press” law and its 2001 extension being applied to a website. Obviously protest and indignation must not relate only to this individual case, but above all to its general implications.

The editor-owner of that website is not in jail. The “penalty” is a 250 euro fine, plus legal expenses. But obviously the problem is that, for totally unacceptable reasons, he has a “criminal” record and his site has disappeared.

It’s rather nearsighted to be complaining about this episode after having paid little attention to the fact that there is a nonsensical, and never properly amended, law. And there are other situations of Italian, or even foreign, websites being “removed” or made inaccessible, for a variety of unreasonable motives, with a too easy “voluntary” cooperation of internet providers who are more concerned with the protection of their business than with the rights and privacy of their customers.

Why was there such a violent aggression on that particular website? It’s improper to “guess” making unproven assumptions. But the fact is that the “cancelled” content was about collusion of politics with mafia – probably irksome for some powerful interests. But let’s assume, for the sake of this argument, that it was only a “mistake” in the interpretation of an unclear law. The fact remains that such “errors” are possible – and unacceptable in a civilized country.

There are many “tricks” that make it possible to limit, though not totally destroy, freedom of opinion and information.

There is, by the way, a not irrelevant “technical detail”. It is possible, by several different means, to make available online whatever has been “prohibited”. “Seizing” or “cancelling” has little, if any, effect on criminals or other “wrongdoers”. This sort of persecution is very painful for honest people who want to freely express “uncomfortable” opinions, irrelevant for the mischievous, ranging from the extreme of terrorism and organized crime to all sorts of frauds and spamming.

In the (unproven) hypothesis of an absurd legal procedure being influenced by someone who wants to remove uncomfortable information or opinion, the irony is that it backfires, because the resulting “noise” spreads more widely than the original source. But that, of course, doesn’t justify the perversity of the Court’s decision or the clumsiness of the law.

It’s hard to tell how much all this is caused by the ignorance of “powerful” people who don’t understand what the net is and how it works – or by an insidious desire to repress freedom of opinion and control sources of information. But the fact is that, no matter how disguised, repressive intentions exist even in the most free and open societies – and watchdogs need to be consistent over time, with constant observation of how things evolve, not just short-lived “indignation” over an occasional episode, soon to be forgotten while abuses continue. And we should never forget that censorship isn’t only evil, it is also stupid.

.

Cassandra (1996)

.

http://gandalf.it/free/casseng.htm

Bad legislation – again (05.2001)

http://gandalf.it/offline/off37-en.htm

Italy – blog condemned for clandestine press (only in Italian,16.06.2008)

http://punto-informatico.it/2321322/PI/News/italia-blog-condannato-sta…

“Clandestine press”: an unacceptable decision (only in Italian, 9.09.2008)

http://www.mcreporter.info/stampa/c_ruta2.htm

Only a journalist can run a website in Italy? (21.05.2008)

http://blog.andreamonti.eu/?p=64

(Contribution by Giancarlo Livraghi – EDRi-member ALCEI Italy)

—————————-

Fonte: http://www.edri.org

Pagina: http://www.edri.org/edrigram/number6.18/stupid-law-italy

mani

.

Ma naturalmente non può mancare la (mia) traduzione…!

Una legge stupida ed una sentenza “penale” perversa

24 settembre 2008

Non c’è censura in Italia, tuttavia…

.

In Italia la “censura” è stata abolita e posta fuori legge 62 anni fa. La libertà di stampa e delle opinioni personali non è solo stabilita dalla Costituzione, ma è anche profondamente radicata nella consuetudine e nella sensibilità della società civile. Comunque, ci sono dei fatti preoccupanti. La concentrazione in poche mani della gran parte del sistema informativo. Una miopia generale e “centralizzata” della “cultura dominante”, che è in parte manipolazione deliberata ed in parte ignoranza non intenzionale. Una cultura della superficialità e dell’indeterminatezza, sorniona e solo in apparenza “benevola”, che tende a sopire, obnubilare e soggiogare.

In questo contesto, internet è una mina vagante. Inizialmente temuta, poi acclamata in modo ambiguo, in ogni modo incompresa, la rete rimane un elemento di disturbo per coloro che sono abituati ad avere il controllo, irritati, se non spaventati, da uno strumento che non possono dominare o “domare”.

Sarebbe lungo ripetere qui quanto ho già scritto diverse volte, da quando ho pubblicato “Cassandra” nel 1996 e continuato in 80 articoli in italiano (e 13 in inglese) nella sezione “libertà e censura” del mio sito web. Ma un episodio recente merita qualche commento.

In questo contesto ambiguo ci sono leggi e “norme” che sono concepite in modo mediocre e sono applicate in modo anche peggiore. Una in particolare è la legge sulla “stampa clandestina” (1948), alla quale fu aggiunta, 53 anni dopo (2001), una goffa definizione di “autorizzazione” per le “pubblicazioni giornalistiche” in rete.

Ma prima di addentrarci nello specifico, diamo un’occhiata a due articoli della Costituzione Italiana.

L’Articolo 3 stabilisce che “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge”. Ma non è proprio così. Ci sono leggi (oltre allo “status” sociale) che rendono alcuni cittadini “più uguali degli altri”. E ci sono diverse categorie – organizzate formalmente – che godono di privilegi impropri ed immotivati. Oltre a tutti i tipi di limitazione (o impedimenti burocratici) della libera impresa negli affari, nella società e nella cultura, sulla necessità del cui superamento tutti concordano ma che poi, de facto, rimangono – e talvolta vengono peggiorati.

L’Articolo 21 stabilisce che “tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ed inoltre “la stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”. Ma non è proprio così. Ci sono regole “di autorizzazione” (esattamente come altri impedimenti e privilegi) che si intromettono con la libertà di informazione e di comunicazione (generalmente definita come “libertà di stampa” già da quando tale concetto fu stabilito, nel 1848, dallo Statuto Albertino – che nel 1861 divenne la Costituzione di ciò che allora era il Regno d’Italia).

In questo contesto, esaminiamo il caso specifico che, a ragione, ha causato un’ondata di proteste e di indignazione – e le due leggi maldestre che l’hanno reso possibile. I fatti sono riportati (non sempre in modo accurato) in diversi documenti reperibili online (vedi al termine dell’articolo).

Una sentenza “criminale” emessa dal Tribunale di Modica (Sicilia) in data 8 maggio 2008 condanna lo storico Carlo Ruta, definendo il suo sito web “stampa clandestina” perché privo dell’autorizzazione formale in qualità di giornale o periodico (il sito non era già più attivo: era stato messo sotto sequestro dalla polizia, su ordine del Tribunale di Modica, nel 2004).

Una delle assurdità nella decisione di questo Tribunale è che il sito web è stato definito “testata giornalistica” in quanto ha una “testata”. Stando a questo criterio, qualsiasi tipo di corrispondenza pubblicamente disponibile, scritta su carta intestata, potrebbe essere condannata come “stampa clandestina”.

Lascio agli storici, agli studiosi delle leggi e della politica, il compito di cercare di capire perché, quando il fascismo fu sconfitto e la censura fu abolita, fu promulgata una legge – nel 1948 – che limitava la libertà di stampa e che era (è tuttora, ndt) in contrasto con l’Articolo 21 della Costituzione.

Ma lasciatemi “tentare di indovinare” perché, nell’aprile 2001, il governo italiano propose – ed il parlamento approvò “distrattamente” – una legge concepita in modo misero (e mai emendata in modo adeguato) che allarga alla comunicazione online le regole della stampa.

Tutti i governi e tutti i partiti politici ed i gruppi parlamentari hanno sempre dichiarato di non voler limitare o controllare in alcun modo la libertà di stampa e, più in generale, di opinione. Sulla sincerità e sulla coerenza di tali dichiarazioni possiamo nutrire qualche dubbio, ma supponiamo che lo scopo della legge poco organica promulgata nel 2001 non fosse la censura. L’idea era quella di allargare ai giornali e periodici online gli ambigui “benefici” (sussidi) in essere per la carta stampata – come anche i controlli di “responsabilità” (sistema che ha già causato parecchie distorsioni e manipolazioni nella sua definizione “tradizionale”).

Ciò significa che un giornale o quotidiano online deve essere “registrato” in quanto tale – e che l’editore deve essere membro di un’associazione regolata ufficialmente, che si chiama Ordine dei Giornalisti e costituisce una “casta” privilegiata che, secondo molti, dovrebbe essere abolita, ma ciò nonostante continua ad esistere. La conseguenza è che, se l’ambiguo testo di legge viene interpretato in modo estensivo, circa 5 milioni di siti italiani potrebbero essere dichiarati “illegali”.

Questa legge è rimasta in vigore per cinque anni senza che l’attività italiana online fosse “sterminata”. Ma resta il fatto che, in un modo o nell’altro, gli “errori” sono possibili. Parecchie altre “crepe” nelle leggi o nelle regole sono state utilizzate per “mettere all’indice” o sequestrare attività online sgradite alle autorità o a potenti lobbies private.

Ciò che rende unico l’”affaire Modica” è che, finora, è l’unico caso di applicazione ad un sito web della legge sulla “stampa clandestina” del 1948 e della sua estensione del 2001. Ovviamente la protesta e l’indignazione non si devono riferire solamente a questo caso specifico, ma – soprattutto – alle sue implicazioni generali.

L’editore-proprietario di quel sito web non è in carcere. La “sanzione” è un’ammenda di 250 euro, più le spese legali. Ma – ovviamente – il problema è che, per motivi totalmente inaccettabili, ha dei precedenti “penali” ed il suo sito è scomparso.

E’ abbastanza miope protestare per questo episodio dopo aver prestato scarsa attenzione al fatto che c’è una legge insensata e mai corretta in modo adeguato. E ci sono altre situazioni di siti italiani, o persino esteri, che sono stati “rimossi” o resi inaccessibili per una pletora di motivi assurdi, con una cooperazione “volontaria” fin troppo facile da parte di providers più interessati alla tutela dei loro affari che ai diritti ed alla privacy dei loro clienti.

Perché si è scatenata un’aggressione così violenta contro quel particolare sito web? E’ scorretto “fare supposizioni” sulla base di ipotesi non provate. Ma il fatto è che il contenuto “cancellato” si riferiva alla collusione della politica con la mafia – cosa probabilmente incresciosa per alcuni interessi potenti. Ma supponiamo, nell’interesse dell’argomento (non del caso specifico, ndt), che si sia solo trattato di un “errore” di interpretazione di una legge poco chiara. Resta il fatto che questi “errori” sono possibili – ed inaccettabili in un paese civile.

Ci sono molti “artifici” che rendono possibile limitare – non distruggere totalmente – la libertà di opinione e di informazione.

C’è, in merito, un “dettaglio tecnico” non irrilevante. E’ possibile, attraverso svariati metodi diversi, rendere disponibile online qualsiasi cosa sia stata “proibita”. “Sequestrare” o “cancellare” ha poco effetto, se mai ne ha, su criminali ed altri “malfattori”. Questa sorta di persecuzione è molto dolorosa per le persone oneste che vogliono liberamente esprimere le loro “scomode” opinioni, ma irrilevante per il vero maligno, che va dall’estremo del terrorismo e del crimine organizzato ad ogni tipo di frode e spamming.

Nell’ipotesi (non provata) di una procedura legale assurda, influenzata da qualcuno che vuole eliminare le informazioni e le opinioni scomode, l’ironia è che il tentativo gli si ritorce contro, dacché il “clamore” che ne risulta si diffonde molto più ampiamente di quanto avrebbe fatto la fonte originaria.

Ma naturalmente questo non giustifica la perversione della decisione del Tribunale o la goffaggine della legge.

E’ difficile dire quanto tutto ciò sia provocato dall’ignoranza dei “potenti” che non capiscono cos’è la rete e come funziona – o da un insidioso desiderio di reprimere la libertà di opinione e di controllare le fonti di informazione.

Ma il fatto è che, indipendentemente da come li si maschera, gli intenti repressivi sono presenti anche nelle società più libere ed aperte – e le sentinelle devono essere costanti nel tempo, con l’osservazione continua di come si sviluppano le cose, non solo con un’”indignazione” di breve respiro per un episodio occasionale, da dimenticare in fretta mentre gli abusi proseguono.

E non dovremmo mai dimenticare che la censura non è solo un male: è anche stupida.

CRACK! – L’uomo che aveva previsto la crisi USA spiega perché l’Europa rischia

https://i0.wp.com/img.dailymail.co.uk/i/pix/2007/10_01/TateCrackES_468x319.jpg

Il terremoto non è finito. Altre banche falliranno. Il sistema è al collasso. E l’Italia non è affatto immune. Ma chi lo dice? Nouriel Roubini, l’economista che due anni fa aveva lanciato l’allarme

.

dall’inviato de Il Venerdì RICCARDO STAGLIANO’

.

New Work. L’uomo che per primo l’ha vista arrivare dice che ci sarà da aspettare perché vada via. “Almeno metà 2009. E per l’Europa sarà quasi peggio che per gli Stati Uniti”. Incontrare Nouriel Roubini è come passare sotto una doccia gelata: lì per lì fa male ma niente sveglia di più. Il 7 settembre 2006 il professore della New Work University, davanti ad una platea di esimi colleghi al Fondo monetario internazionale, anticipò uno scenario da incubo: scoppio della bolla immobiliare, shock petrolifero, grave recessione. Il pubblico rumoreggiò: “Il solito catastrofista”. Il moderatore sdrammatizzò: “Dopo una profezia così serve un bel drink”. Risolini in sala. Un anno dopo, la tempesta perfetta della finanza mondiale aveva zittito tutti.

Oggi Doctor Doom, dottor rovina, come l’ha ribatezzato il New Work Times, è il più ricercato aruspice dell’economia internazionale. Negli uffici della sua Rge Monitor, a due passi da dove sorgevano le Torri Gemelle, decine di giovani economisti ingozzano gigabyte di dati dentro modelli matematici per capire se si può precipitare più in basso dell’attuale Ground Zero del capitalismo. Nell’angolo di uno stanzone senza pretese, questo cinquantenne nato ad Instambul da genitori ebrei iraniani, laurea alla Bocconi e dottorato ad Harvard, scuote la testa: “C’è ancora da scavare”.

Il fenomenale crollo da 600 miliardi di dollari della banca d’affari Lehman Brothers, troppo esposta e con un patrimonio immobiliare ormai ridotto a carta straccia, e lo schianto evitato dalla Fed del colosso assicurativo Aig, che doveva coprire i rischi-fallimento di altri istituti, non saranno le ultime stazioni della via crucis. “La crisi durerà ancora un anno, durante il quale altre banche falliranno e l’economia si restringerà. Niente luce alla fine del tunnel, ma un treno in direzione opposta a tutta velocità”. Le critiche di essere l’orologio rotto (crisi, crisi, crisi), che due volte al giorno segna l’ora giusta, non smuovono Roubini di un millimetro: “Ho sbagliato previsioni?”. Uno studio ha dimostrato che nel 97% dei casi il concensus cui tengono gli economisti impedisce loro di prevedere le crisi.

Un minority report, in un quadro di solido conformismo, è prezioso. “Gli operatori finanziari amano l’euforia e dimenticano i fondamentali. Per non dire del conflitto di interessi: se vendi securities l’ultima cosa che vuoi è accennare al brutto tempo. Anche il governo si censura, per evitare il panico. Il risultato sono crisi che sembrano improvvise”.

Finché dura la festa gli speculatori guadagnano, i gestori di hedge found inaugurano il loro primo jet privato e la loro quinta casa al mare. I piccoli investitori invece prima si svenano per aver messo i loro risparmi in fondi contenenti “rifiuti tossici”, magari pezzi di mutui subprime reimpachettati per enderli irriconoscibili, poi in veste di contribuenti, raccolgono i cocci del party altrui, quando il governo interviene per salvare dalla bancarotta giganti creditizi come Fannie Mae e Freddie Mac. Oltre il danno, anche la beffa. Anche l’ex capo della Federal Reserve Alan Greenspan, che prima ha incoraggiato l’autoregolamentazione del sistema creando le premesse per il caos e oggi parla di “peggior crisi del secolo”, ha riconosciuto che i salvataggi sono “azzardi morali” perché condonano comportamenti irresponsabili.

Roubini dice che “quei trecento miliardi di dollari potevano essere spesi meglio” e oggi può funzionare solo “la riduzione del debito per i milioni di persone che non riescono a pagare le rate del mutuo, della carta di credito e così via”. Il governo dovrebbe andare dalle banche, rilevare il mutuo (originariamente a 100) ad un prezzo scontato (diciamo 80) e poi rinegoziarlo col cliente (a 70 o 65)”. Sarebbe costoso, certo, ma sortirebbe risultati più strutturali. La crisi è già costata tantissimo. “Stimo un trilione di dollari, potrebbe arrivare al doppio”. Una cifra del genere, 1,6 trilioni di dollari, è il debito pubblico americano ospitato nelle banche cinesi. E se Pechino si stancasse di fare la respirazione artificiale? “E’ improbabiloe. Perché, se smettesse di comprare il nostro debito, il valore del renminbi crescerebbe molto, danneggiando esportazioni e competitività”.

L’impero di mezzo non è affatto contento di accumulare 400 miliardi di dolari all’anno sapendo che si svaluteranno ancora, ma non farlo sarebbe peggio: se vogliono vendere merci agli americani devono finanziarli perché abbiano di che comprarle. La superpotenza è trattata come un Paese emergente.

Se il cancro iniziale erano i subprime, la crisi ormai è metastatizzata dappertutto. Crescono i debiti di carte di credito, quello degli studenti per pagare il college e dei genitori per l’auto: era quaresima ma tutti facevano carnevale. Fino a pochi anni fa il totale di azioni, obbligazioni, mutui e prestiti valeva quanto l’economia reale. Oggi i derivati, strumenti finanziari che scommettono sul verificarsi di svariati eventi, valgono dieci volte il PIL mondiale.

Un rapporto insano. Al punto che anche il principe degli investitori, Warren Buffett, li ha definiti ” armi finanziarie di distruzione di massa”. Ci vorrebbe un patentino per usarli. “C’è stata molta innovazione finanziaria. Strumenti complessi, esotici, difficili da quantificare, mal valutati dalle agenzie di rating. E un credito troppo facile. Banche avide. Piccoli investitori spericolati”. Nella filiera finanziaria diventata una roulette ogni partecipante si ritagliava una fettina di torta e dava un altro giro, passando il rischio al successivo. Prima o poi la pallina si doveva fermare. L’iniziale mutuo scadente veniva trasformato in un bond che qualche banca comprava. Veniva poi suddiviso in varie tranche e spalmato in fondi di investimento. In un processo diastrazione sempre più spinto, nessuno sapeva più dove metteva i propri risparmi. “Le innovazioni finanziarie non sono un male in sé, dipende dall’uso che se ne fa. E da come si regolano, o non si regolano, come in questo caso. Se uno rischia molto e prede molto, ok. Ma qui l’avidità di alcuni ha intossicato tutti”. La cura può essere solo olistica. Rendere trasparenti i derivati, non illudersi che le banche possano autoregolamentarsi, responsabilizzare il rating.

Il vecchio continente non è affatto al riparo. “La recessione è già iniziata. Non sarete risparmiati per motivi globali, come i legami delle vostre banche con le nostre e l’euro forte sul dollaro che deprime le esportazioni. Ma anche interni, come le bolle immobiliari in Spagna, Gran Bretagna, Irlanda e quelle incipienti in Francia ed in Italia. Siete più dipendenti dal petrolio estero di noi. Infine, mentre la FED ha tagliato a ripetizione i tassi di interesse, la Banca Centrale Europea è sembrata preoccupata solo dall’inflazione. Tutto ciò rende la vostra crisi ancora più grave”.

Tuttavia è l’impero americano, sentenzia, ad essere all’inizio della fine. “Il dollaro non smetterà di essere la valuta di riserva in un anno, ma altre monete cominciano a sostituirlo. Se cresce la tensione per la Georgia, Mosca potrebbe cominciare a disfarsi del nostro debito. Idem la Cina per Taiwan. Quando hai molti debiti, sei molto ricattabile, e noi ne abbiamo più di tutti”.

.

fonte: Venerdì di Repubblica, 26 settembre 2008

Berlusconi-Mediaset: atti a Consulta su Lodo Alfano

https://i0.wp.com/www.rainews24.rai.it/ran24/immagini/berlusconi_05052007.jpg

26-09-2008 20:51

.

(ANSA) – MILANO, 26 SET – Il tribunale di Milano ha accolto l’eccezione di costituzionalita’ del Lodo Alfano proposta dal pm nel processo sui diritti tv di Mediaset. E’ stata disposta la trasmissione degli atti alla Corte Costituzionale e il processo e’ stato sospeso per tutti gli imputati, tra in quali anche il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Dovrebbe passare qualche mese prima che la Consulta cominci l’esame della eccezione. Oltre che alla Consulta, i giudici di Milano dovranno comunicare anche ai Presidenti di Camera e Senato e al premier la loro ordinanza. Successivamente il provvedimento del Tribunale sara’ sottoposto ad una prima verifica per stabilire la correttezza formale dell’atto. Superato questo passaggio, l’ ordinanza sara’ pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. Da quel giorno decorreranno i termini – una ventina di giorni – per la Costituzione delle Parti. Una volta svolti questi adempimenti, la parola passera’ al presidente della Corte Costituzionale per stabilire il giorno in cui il caso sara’ sottoposto al vaglio dei giudici. A questo proposito non c’ e’ un termine preciso per la fissazione del ruoli: il presidente decidera’ valutando la priorita’ delle questioni. (ANSA).

.

fonte: http://www.leggonline.it/ansa.php?file=newsANSA/2008-09-26_126267636.txt

Mucca Pazza, nuovo caso in Lombardia

In totale sono 142 i test risultati positivi nel nostro Paese dal 2001

https://i1.wp.com/www.britishbeef.co.uk/beefbse.jpg

E’ il primo in Italia nel corso del 2008. La Bse accertata dall’Istituto zooprofilattico di Torino

.

TORINO – Un caso di «mucca pazza» in Italia, il primo del 2008, è stato identificato dal Centro di referenza nazionale della Bse dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Torino. Dall’ultimo caso trovato in Italia sono passati due anni. L’animale, un bovino di razza frisona, di 13 anni proviene da una azienda lattifera di medie dimensioni della regione Lombardia. Il nuovo caso di Bse dalle prime rilevazioni risulta essere del tipo classico, il genere più diffuso, originato dall’utilizzo di mangimi contaminati da farine di carne ed ossa.

I NUMERI Il numero complessivo di casi riscontrati dal sistema di sorveglianza italiano ad oggi – ricorda dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Torino – è pari a 142. I casi sono stati rilevati «grazie all’imponente macchina di sorveglianza della malattia attuata in Italia e coordinata dal Centro di Torino, dal gennaio 2001 sulla base di quello che è ad oggi il maggior sistema di monitoraggio di una zoonosi che l’Europa abbia mai attuato».

I CONTROLLI Quest’anno sono stati effettuati 480.000 test in tutta Italia che si aggiungono ai 4.765.000 eseguiti dal 2001 al 2007. «Questo nuovo caso – sottolinea il Centro di Torino – appare subito dopo la valutazione per rischio Bse a cui l’Italia è stata sottoposta dalla Commissione Europea, per essere classificata in base alla sua attività di controllo della malattia». «Attraverso decine di Ispezioni Comunitarie, migliaia di dati analizzati ed elaborati, milioni di test eseguiti sui bovini, migliaia di controlli sui mangimi, migliaia di pagine di documentazione dell’attività svolta – ha detto Maria Caramelli, responsabile del Centro – siamo stati promossi a pieni voti: abbiamo in mano una certificazione ufficiale dal quale risulta che l’Italia ha sotto controllo l’andamento della malattia e tale risultato dà al nostro Paese la possibilità di avere scambi commerciali con tutti gli altri Stati Membri di pari rischio sanitario».

.
26 settembre 2008

fonte: http://www.corriere.it/cronache/08_settembre_26/mucca_pazza_caso_lombardia_3e5edb6a-8bc1-11dd-9547-00144f02aabc.shtml

__________________________________________________________________________________________________

MUCCA PAZZA: CODACONS, DOPO CASO LOMBARDIA CONTROLLI A TAPPETO

.

(AGI) – Milano, 26 set. – La notizia di un caso di mucca pazza in Lombardia, dopo due anni di assenza di segnalazioni, desta molta preoccupazione e il Codacons teme che si sia abbassata la guardia. Per questo l’associazione di consumatori chiede “controlli a tappeto negli allevamenti” e di aumentare il numero dei controlli per la Bse. “Purtroppo quando l’attenzione di autorita’ e media si sposta, si riducono i controlli in altri campi. Le ragioni sono molte: scarsita’ di personale, scarsita’ di fondi. Ecco perche’ la riduzione dei casi di Bse registrati sia in Italia che in Europa, e l’innalzamento dell’eta’ dei capi contaminati, dati sicuramente positivi, temiamo abbiano indotto ad una riduzione della sorveglianza e a determinare il caso di oggi” ha dichiarato il presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli.

.

https://i0.wp.com/www.agi.it/img/style/agi-news-on-big.jpg

fonte: http://www.agi.it/food/notizie/200809261442-eco-rt11089-art.html

Spese sanitarie troppo alte: molti ospedali pubblici verranno privatizzati

Berlusconi: «La soluzione è il federalismo fiscale e la privatizzazione di molti ospedali pubblici»

.

TODI (Perugia) – Molti ospedali pubblici verrano privatizzati per contenere le spese della sanità. È il progetto illustrato dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervenuto a un incontro organizzato dai Liberali popolari di Carlo Giovanardi a Todi. «Rispetto al Veneto e alla Lombardia, in Sicilia e in Sardegna le spese sanitarie sono del 40% più alte. La soluzione è il federalismo fiscale e anche la privatizzazione di molti ospedali pubblici», ha affermato il premier che ha inoltre difeso il federalismo sostenendo che «è una riforma in cui la maggioranza conta» e grazie alla quale «si potranno abbassare le imposte».

.
26 settembre 2008

fonte: http://www.corriere.it/politica/08_settembre_26/berlusconi_ospedali_privati_e9b2eac0-8bed-11dd-9547-00144f02aabc.shtml

Usa: fallisce anche Washington Mutual, le attività conferite a Jp Morgan

QUANDO UN SISTEMA SI ACCARTOCCIA SU SE STESSO..

https://i2.wp.com/www.stuff.co.nz/images/757779.jpg

Nasce il secondo istituto di credito americano

Acquisita per 1,9 miliardi di dollari. La banca non era più in grado di proseguire le attività per mancanza di liquidi

.

NEW YORK (USA) – La crisi dei mutui subprime estesa a tutto il sistema bancario colpisce ancora. Le autorità bancarie statunitensi hanno ordinato la chiusura della banca Washington Mutual decretandone di fatto il fallimento, il più grande nella storia del credito americano. Le attività dell’istituto passano a JP Morgan Chase per 1,9 miliardi di dollari.

FALLIMENTO – «Con liquidità insufficiente per far fronte ai propri obblighi, Wamu non era più in condizioni abbastanza solide e sicure per proseguire la propria attività», spiega in una nota la Fdic, l’organismo federale di supervisione sui depositi bancari, che assicura totale protezione ai clienti per i depositi fino a 100mila dollari. Jp Morgan ha annunciato un aumento di capitale da 8 miliardi di dollari per mantenere i propri standard di solvibilità. L’istituto si aspetta costi prima delle tasse per 1,5 miliardi ma stima anche risparmi da economie di scala per un pari ammontare, per la maggior parte entro il 2010. Dall’incorporazione nascerà il secondo gruppo bancario statunitense, il primo nel settore delle carte di credito, con 2.040 miliardi di attivo e 5.410 filiali in 23 stati dell’Unione. Wamu, la cui fondazione risaliva al 1889, porta in dote 307 miliardi di attivo e 188 miliardi di depositi.

.
26 settembre 2008

fonte: http://www.corriere.it/economia/08_settembre_26/washinton_mutual_fallimento_5cb58dd4-8ba3-11dd-9547-00144f02aabc.shtml

Any Choying, musica e libertà: La voce come strumento di lotta

L’infanzia in Nepal, le violenze del padre, la fuga in monastero
Storia della monaca buddista che si batte per i diritti delle donne

.

di SILVANA MAZZOCCHI

.

Any Choying, musica e libertà la voce come strumento di lottaAni Choying

.

CI sono tanti modi per lottare. E Any Choying, monaca buddista e divulgatrice eccezionale della sua causa, è riuscita a diventare una cantante famosa nel mondo usando la sua voce in favore di tutte le donne sfruttate e umiliate come racconta lei stessa in La mia voce per la libertà, in uscita da Sperling&Kupfer il 14 ottobre.

Nata in Nepal, a Katmandu nel 1971, Ani è ancora una bambina quando, costretta a subire dal padre ogni tipo di violenza, decide di non sposarsi mai e di entrare in un monastero. Lì cresce, supera odio e rancori e riacquista la serenità. Ha una voce bellissima, trova un maestro che la incoraggia e comincia a cantare i mantra della tradizione contemplativa buddista. E’ determinata, s’impegna al massimo e presto sente di poter uscire dai confini del monastero. E crea la Nuns Welfare Foundation, un’organizzazione non governativa per la formazione e una scuola per giovani monache. La sua via cambia ancora una volta ed è un musicista americano a incoraggiare e ad affinare ancora le sue doti canore. Fino all’eccellenza. Lei ha talento e, mentre lotta per la libertà delle donne e sostiene progetti umanitari per migliorare la condizione femminile, conquista con la sua voce grandi della musica del calibro di Tina Turner, Tracy Chapman o Céline Dion e diventa una star internazionale.

Lei ha trentasette anni e ha già vissuto tre vite: da bambina giurò che nessuno avrebbe mai più alzato le mani su di lei. Poi, da monaca buddista, si è battuta per le donne e adesso è famosa come cantante. Quale convinzione l’ha guidata nel suo percorso?

“Mi piace rispondere con un pezzo di Matthieu Richard tratto dalla prefazione al mio libro. ‘Ani Choying ha cercato di dimostrare come, dopo essere stata fisicamente e moralmente ferita da un padre violento, ha voluto passare dall’odio alla compassione, dalla schiavitù alla libertà e dalla sofferenza alla pace interiore. Compassione non vuol dire privarsi di tutto ciò che c’è di buono nell’esistenza ma liberarsi da mille dolorose costrizioni. L’uccello che vola via non rinuncia alla gabbia, se ne va in un volo gioioso. E questa liberazione Ani Choying non ha voluta realizzarla solo per se stessa. Ha fatto ricorso a tutte le sue risorse al suo entusiasmo e alla sua sensibilità per mettere il suo nuovo stato, instancabilmente, al servizio degli altri: monache senza dimora, bambini poveri che non potevano andare a scuola e così via”.

Quale è oggi la condizione delle donne in Nepal?

“Come ho avuto già modo di dire a Donne di pace, ho constatato più volte che i problemi legati al mondo della donna, alla possibilità di esprimere la propria spiritualità sono molto comuni. Mi sono resa conto che i problemi che ci sono in Nepal, in India sono legati ad una cultura ancora molto patriarcale che penalizza la donna. Nelle città la situazione sta un po’ cambiando, ma nelle regioni più remote del Nepal e del Tibet il legame con la cultura patriarcale ha un peso ancora molto forte. E tutto ciò, ovviamente, ha un’influenza negativa sulla possibilità che le donne hanno di prendere consapevolezza di sé”.

Dal monastero alla scuola per la formazione delle giovani monache, l’importanza della musica per la sua causa.

“Sono felice che le mie canzoni siano ascoltate. Non si tratta di sete di successo, né di vanità: non mi interessa nulla di tutto questo. Quello che mi fa piacere è che il mio messaggio sia recepito. Tutti i miei canti parlano d’amore, di condivisione, trasmettono un messaggio di speranza. E più vengono diffusi, più ne sono soddisfatta. Il mio strumento è la voce. Conduco una lotta: contro la povertà e l’ignoranza che fanno sì che in Nepal e nel Tibet alcune ragazze buddiste siano costrette ad abbracciare la religione per evitare l’inferno. Diventare monaca per non essere trasformata in schiava della casa, per non essere data in sposa a un uomo rozzo che la picchierà e la farà lavorare come un mulo. È una storia che conosco bene: sono una di loro”.
.
Ani Choying
La mia voce per la libertà

Traduzione di Anna Pardo
Sperling & Kupfer
pag. 240, euro 17,50

.
26 settembre 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/09/sezioni/spettacoli_e_cultura/passaparola-2/any-choying/any-choying.html?rss

Ani Choying Drolma – Namo Ratna Traya – Munich 07

ANI CHOYING DROLMA – My Voice for Freedom

Un fiore per onorare i Partigiani

“…è questo il fiore
del partigiano
morto per la libertà”

Un fiore per onorare chi ha dato la vita
per la pace, la libertà, la giustizia, la democrazia

L’ANPI della provincia di Modena ha lanciato una iniziativa semplice ma significativa, che si va rapidamente diffondendo  in tutta Italia.

Ogni cittadino, le istituzioni, i sindacati, i partiti politici, i movimenti e le associazioni che si riconoscono nei valori dell’antifascismo, protestino contro chi continua a sovvertire la storia per colpire i principi costituzionali e le base della democrazia, portando un fiore nei luoghi ove si ricordano i partigiani e gli antifascisti caduti per liberare l’Italia dalla occupazione nazista e per sconfiggere il fascismo.”

L’idea ha avuto subito successo, le adesioni sono state molte e significative.
Venerdì 12 settembre ha iniziato il Sindaco di Modena, seguito nei giorni successivi da singoli cittadini che si sono recati ai cippi vicini alle loro abitazioni, nelle zone di Crocetta, S.Damaso, S.Agnese, Buon Pastore, Modena Est e molte altre zone.
Nei giorni a seguire l’ANPI Provinciale al Sacrario della Ghirlandina, così come hanno reso omaggio ai caduti: Italia dei Valori, Partito Democratico, Partito Socialista, Lega Cooperative, CGIL, ARCI-UISP, AUSER, UDI e CIF, Radicali di sinistra, Centro Documentazione Donna, il Consiglio di fabbrica della FIAT e molti Sindaci della provincia.
L’ANPI della Provincia di Modena ringrazia tutti coloro che hanno risposto al suo appello; ancora una volta Modena con rigore e pacatezza difende la sua tradizione antifascista.

https://i0.wp.com/farm2.static.flickr.com/1246/533687171_6f3d404d59.jpg

immagine di farm2.static.flickr.com

Fonte: ANPI

ORA E SEMPRE RESISTENZA!

Castelvolturno, abusi e rifiuti. Ma il sindaco si crede a Malibù

Lungo la Domiziana Gli ambientalisti hanno censito dodicimila costruzioni illegali

Non c’è Paris Hilton e Francesco Nuzzo dà la colpa a immigrati e camorra

.

Ma ve li vedete Richard Gere e Paris Hilton vivere tra le orrende palazzine abusive che infestano la sgarruppata via Domiziana? Eppure questo ha detto il sindaco, a nome dei suoi concittadini: senza la camorra e gli immigrati Castelvolturno sarebbe, testuale, «la Malibù d’Italia». Prova provata che la mancanza di senso autocritico e l’antico vizio italico di cercare sempre dei capri espiatori hanno raggiunto ormai vette un tempo inarrivabili.

Ma certo che c’è la camorra, in quella che un tempo era chiamata la Campania Felix sulla costa a nord-ovest di Napoli. Lo dicono le inchieste delle magistratura, le periodiche ondate di arresti, lo scioglimento nel 1998 del consiglio comunale per sospette infiltrazioni mafiose. Ma soprattutto le cronache di sparatorie, retate, ferimenti e morti ammazzati in questi anni d’inferno. E non c’è dubbio che, come dice il primo cittadino di Castelvolturno, che si chiama Francesco Nuzzo, fa il magistrato ed è stato eletto alla guida di una lista di centro-sinistra, l’immigrazione nell’area è stata gestita in questi ultimi decenni in maniera scellerata. Basti ricordare che perfino Don Antonio Palazzo, che aveva speso un pezzo di vita ad aiutare gli extracomunitari e si era inventato i tesserini Caritas con nome, foto e data consentendo a migliaia di clandestini di dimostrare che erano in Italia da tempo e avevano diritto alle sanatorie, arrivò a scongiurare il governo di dire basta: «I nuovi clandestini vanno buttati fuori». Portava i cronisti lungo la Domiziana e sospirava: «Guardate: cinquecento prostitute in pochi chilometri. Una ogni cinquanta metri. Parte per parte. E sono le undici di mattina. Figuratevi la sera. Non fai venti metri senza vederne una. Non si può andare avanti così. D’estate alcune vengono mandate a battere nude. Ma proprio nude. Senza un filo d’erba addosso». Un degrado spaventoso. E ha ragione Nuzzo a sfogarsi con «la Stampa» dicendo che «i governi degli ultimi anni non hanno mai affrontato» seriamente il problema di questa «polveriera» e che lo Stato «non è uno Stato se non protegge i suoi cittadini, non è in grado di estirpare il cancro della camorra e controllare l’immigrazione». Dove è impossibile essere d’accordo è quando dice che, senza quelle due zavorre, «Castelvolturno potrebbe essere un luogo stupendo. Potrebbe diventare una località turistica formidabile: la Malibù d’Italia». Ma dai! Avete mai visto come è stato ridotto dai suoi stessi abitanti il litorale domizio descritto da Plinio il Vecchio e Wolfgang Goethe e Charles Dickens («Una strada piana che si allunga in mezzo a viti tenuti a tralci che paiono festoni tirate da un albero all’altro») con occhi di ammirato stupore?

La Domiziana, scrive Patrizia Lonz, una studiosa campana che ha dedicato a questi luoghi devastati una bella tesi, «è un lungo nastro d’asfalto ai cui lati si vedono fabbriche dismesse e hotel abbandonati» e mille testimonianze di una «folle speculazione edilizia che ha trasformato questa terra rendendola ricettacolo del degrado, dell’immigrazione e della criminalità» azzerando ogni possibilità di uno sviluppo turistico. Lo scrive, in «Gomorra», anche Roberto Saviano: «Nessun piano regolatore sulla costa domizia, nessuna licenza. Allora le villette da Castelvolturno a Mondragone sono divenute i nuovi alloggi dove stivare decine di africani e i parchi progettati, le terre che dovevano ospitare nuovi agglomerati di villette e palazzotti per vacanze e turismo sono diventate discariche incontrollate. Nessun depuratore posseduto dai paesi costieri. Un mare marroncino bagna ormai spiagge mischiate a monnezza. In una manciata di anni, ogni lontanissima penombra di bellezza è stata eliminata». I vecchi del posto se la ricordano quanto era bella la costa, un tempo. Ma nei decenni hanno visto abbattere i pini e divorare la spiaggia e seppellire tutto sotto un’immonda accozzaglia di palazzi abusivi, ristoranti abusivi, supermarket abusivi, capannoni abusivi. A partire dal simbolo stesso dello sfregio paesaggistico, le otto oscene torri del Villaggio Coppola, un milione e mezzo di metri cubi di cemento, tirate su sulla sabbia nel totale disprezzo di ogni regola. Gli eredi dei Coppola, dopo una serie di inchieste giudiziarie e di confronti con gli ambientalisti, hanno meritevolmente buttato giù a loro spese quegli otto colossi e una mostruosa sopraelevata avviando un recupero che, secondo gli ambientalisti, richiederà «almeno ottant’anni».

Tutto intorno, però, resta l’ammasso informe di un boom edilizio di rapina. Denunciano Legambiente e Wwf (secondo cui «l’urbanizzazione selvaggia ed illegale del Litorale Domizio nell’area di Pinetamare, a sud della foce del Volturno, ha modificato totalmente la linea di costa e distrutto la duna costiera») che in pochi chilometri sono state censite sono «oltre 12.000 costruzioni abusive» quasi tutte «prive ovviamente delle urbanizzazioni primarie, quindi dei servizi essenziali». Di più: su duecento stabilimenti balneari che si sono ritagliati pezzo per pezzo la spiaggia come appezzamenti di terra nel Far West, «solamente 38 sono titolari di regolare concessione». Tutti gli altri sono fuorilegge. Certo, lo Stato ha mille colpe. E altre mille le hanno i governi, di destra e di sinistra. E chi vuole può maledire anche la Unione Europea, l’Onu, la Nato, il Vaticano, l’America e le centrali mondiali pluto-massoniche. Ma se la nostra Malibù sgarrupata non vede accorrere come quell’altra Mel Gibson e Sally Field, Barbra Streisand e Whoopi Goldberg, Pamela Anderson e Pierce Brosnan, un po’ di colpa ce l’avranno o no anche quelli che a Castelvolturno ci vivono e hanno accettato che la loro terra venisse annientata dal cemento?

.

Gian Antonio Stella
26 settembre 2008

fonte: http://www.corriere.it/cronache/08_settembre_26/castelvolturno_stella_9be5446a-8b8d-11dd-9547-00144f02aabc.shtml

__________________________________________________________________________________________________

Via Padula: una fase di abbattimento del muro in cemento armato, così emergono i negozi

.

Pianura regina degli abusi edilizi
ecco la mappa delle illegalità

La resa della Municipalità: “Ormai nessuno denuncia”
.
di Maria Pirro

.

Un piano tirato su in un giorno. Un villino è spuntato dal nulla in via Paolo Castaldi e Luigi Sequino, a Pianura, la strada dedicata ai due ragazzi uccisi per sbaglio dalla camorra. Era il 10 agosto di tanti anni fa. Qui e ora, la camorra non spara più, nella notte non confonde i suoi bersagli, ma mette una pietra sull´altra, con precisione. Fa affari nella strada che disonora, con i suoi abusi vistosi, la memoria di due vittime innocenti; e il business del cemento selvaggio cresce anche in tanti altri luoghi del quartiere.

«L´abusivismo è un cancro per Pianura. Ci sta distruggendo», dice il presidente della Municipalità, Fabio Tirelli. «Ma quello che fa più male – prosegue Tirelli – è che i cittadini non trovano più la forza di lottare. Sono demotivati. Hanno perso speranza, e fiducia nelle istituzioni. Lo dimostrano le loro segnalazioni: sono in netto calo, 3 massimo 4 al mese.

Insomma, gli esposti si contano sulle dita di una mano e sono sempre meno». Ferragosto è un periodo nero per gli abusi. Con i vigili in ferie e i vicini in vacanza, si scatena ogni anno la corsa al mattone selvaggio. «Eppure, questo mese non abbiamo ricevuto una sola denuncia dai cittadini di Pianura. Un anno fa, al contrario, avemmo un´impennata di esposti». Tirelli si sente un po´ Don Chisciotte: «La mia battaglia contro cemento selvaggio assomiglia a quella del cavaliere spagnolo contro i mulini al vento. I risultati sono ridotti a nulla. Ecco perché – aggiunge – i cittadini non denunciano più, Pensano che sia inutile. E come negarlo?» Di fatto, prosegue, «le nostre segnalazioni non hanno trovato mai riscontro da parte delle autorità competenti. Una sola costruzione è stata abbattuta negli ultimi due anni». Il presidente della Municipalità accusa «innanzitutto il servizio antiabusivismo del Comune» e tira fuori dal cassetto foto e denunce, trasmesse ultimamente anche alla Procura.

Via Castaldi e Sequino è il caso più eclatante. «L´esempio di una disfatta clamorosa della legalità», dice Tirelli. A metà luglio gli operai gettano le fondamenta del villino abusivo. Pochi giorni dopo, la Municipalità fa un sopralluogo. Fotografa gli abusi, e invia la denuncia. In attesa di un intervento, torna sul posto. E scopre: «I manovali hanno alzato un piano in un giorno». Lavorano senza soste. «Così oggi i lavori sono stati ultimati». Lo dimostrano i nuovi scatti: mostrano un manufatto curato nei dettagli, e adorno di lampioncini in rame, vetri e inferriate con disegno romboidale.

Un´altra situazione paradossale riguarda via Padula. La denuncia della Municipalità: «In una notte è stato abbattuto un muro in cemento armato e lamiera, accanto a una condotta dell´acquedotto, e sono emersi cinque negozi». E poi gli abusi in via Torciolato, sulla collina di Pianura, a ridosso dell´alveo dei Camaldoli, e in via Pignatiello: «È stato costruito un villaggio abusivo. Sul fronte della collina di Agnano, in via Sartania: le costruzioni sono a meno di un chilometro dal parco naturale degli Astroni. Mentre nei pressi di via Montagna Spaccata, cinque villini, sequestrati un anno fa, oggi sono abitati».

Via Padula, i negozi abusivi realizzati
.
20 agosto 2008

“Un’insufficienza e si sarà bocciati”; è allarme per elementari e medie

Con il ritorno al voto in decimi si fa più concreto il rischio di ripetere l’anno

Basta che l’allievo prenda 5 in una materia. Nessuna possibilità di recuperare

.

di MARIO REGGIO

.

"Un'insufficienza e si sarà bocciati" è allarme per elementari e medieAlunni delle elementari

.

ROMA – Da quest’anno alle medie inferiori ed alle elementari fioccheranno le bocciature. Basta che l’allievo prenda cinque in una materia per ripetere l’anno. A forza di parlare di cinque in condotta, maestro unico, grembiuli ed educazione civica, ai più è sfuggito un piccolo particolare: con il ritorno al voto in decimi alle medie ed alle elementari (in quest’ultimo caso il voto da uno a dieci è accompagnato da un “giudizio analitico sul livello generale di maturazione dell’alunno”), il rischio bocciatura è reale.

Lo dice a chiare lettere l’articolo 3 del decreto legge 137, approvato dal Consiglio dei ministri e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il primo settembre scorso. Nessuna possibilità di recuperare come alle scuole superiori con quelli che vengono impropriamente chiamati esami di riparazione. Ed a differenza della bocciatura per il 5 in condotta, decisione presa dal collegio docenti, con l’insufficienza in una materie alle medie o in una delle tre aree di conoscenza delle elementari, letteraria, matematico-scientifica e storico geografica, sarà il maestro unico o un docente di matematica o italiano alle medie a decidere se far passare l’anno allo studente o bocciarlo.

“Abbiamo presentato una serie di emendamenti per modificare il decreto su questi punti che riteniamo scandalosi – afferma Maria Coscia, parlamentare Pd in Commissione Cultura alla Camera – ma sono stati sistematicamente bocciati. Solo i deputati della Lega hanno espresso interesse alle nostre proposte, ma alla fine tutto è rimasto come prima”. Il decreto dovrà prima passare nelle Commissioni Cultura di camera e Senato e quindi approdare in aula per l’approvazione finale, il tutto entro e non oltre la fine di ottobre.

Nel frattempo il governo ha scoperto le carte sui tagli alla scuola. Ieri ha consegnato ufficialmente alle organizzazioni sindacali il piano programmatico, scritto a quattro mani dal ministero dell’Istruzione e dell’Economia. Un piano che conferma ciò che è stato anticipato da Repubblica il 14 settembre scorso.
Conferma del maestro unico alle elementari, ma anche alla scuola materna, riduzione degli orari di lezione alle medie inferiori ed alle superiori. Non viene mai nominato il “tempo pieno”, malgrado le rassicurazioni giornaliere del ministro Mariastella Gelmini, che giura: “verrà mantenuto, anzi incrementato dal 50 per cento”.

La rete scolastica sarà razionalizzata, con la chiusura e l’accorpamento degli istituti scolastici con un numero di studenti non adeguato, escluse le realtà come le zone di montagna e le piccole isole. Aumento del numero di studenti per classe e razionalizzazione dei piani di studio. Alla fine tagli per 87 mila insegnanti e 44 mila 500 non docenti. Per fare cosa? Per risparmiare 7 miliardi e 800 milioni di euro, con la promessa di reinvestire due miliardi di euro per premiare il merito dei docenti. Ma solo a partire dal 2012. Ed in base a quali criteri? Per il momento solo cortine fumogene.

Il primo colpo di mannaia piomba sulla scuola materna. Si passa da due ad una maestra, l’obiettivo è l’apertura solo la mattina. Quindi tutti i bimbi a casa prima di pranzo. Oggi, Emilia Romagna a parte, mèta di visite di équipe straniere nelle scuole di Reggio Emilia, nel resto del Paese l’orario settimanale è di 35 ore con la sovrapposizione per due ore delle insegnanti. La storia si ripete alle elementari, dove il tempo pieno di 40 ore e due insegnanti, supera o si avvicina al 90 per cento in città come Milano, Torino, Venezia, Bologna e Roma. Mentre a Napoli e Palermo è sotto il 5 per cento. Alla fine sono i conti che non tornano: tagliare 150 mila posti di lavoro, bloccare il turn over, ma assicurare che il tempo pieno verrà incrementato sembra proprio un gioco di prestigio.

.

26 settembre 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/09/sezioni/scuola_e_universita/servizi/gelmini-2/allarme-bocciatura/allarme-bocciatura.html?rss