COME MI FACCIO IL DIPLOMA – I pirati delle private

https://i1.wp.com/images-srv.leonardo.it/progettiweb/senzanome/blog/vauro-p.gif

Promozioni garantite. Diplomi facili. Anche senza mettere piede in aula. Purché si paghi. Ecco le truffe delle scuole non statali. Spesso finanziate dallo Stato

.

di Riccardo Bocca

.

Mariastella Gelmini
.

Tutto avviene a San Cipirello: un comune di 5 mila abitanti a mezz’ora da Palermo e un minuto da San Giuseppe Jato. Qui c’è l’Istituto tecnico per programmatori Beccadelli, scuola privata con aule minuscole e direzione nel seminterrato. Aldo Cimino, l’amministratore unico, chiude la porta e si siede alla scrivania. Così può parlare con riservatezza. La questione è delicata: davanti ha un professionista milanese che si è trasferito in Sicilia e ha un problema da risolvere. Il figlio vive in Lombardia con l’ex moglie e non vuole studiare. Ha frequentato il primo anno di liceo scientifico rimediando una bocciatura. Poi è arrivato in seconda ed è stato bocciato ancora. Adesso è in terza con voti disastrosi. “A questo punto”, dice il padre, “vorrei un percorso accelerato”. Insomma: recuperare anni, a tutti i costi. “Considerando che il ragazzo abita a più di mille chilometri da qui”. Un’impresa in apparenza disperata: ma solo in apparenza.

“Possiamo fare così”, spiega Cimino, “il ragazzo si ritira, si presenta il prossimo settembre da noi e gli facciamo prendere i primi quattro anni”. “Passa sicuramente?”, chiede sfacciato il padre. “Passa, passa…”, sorride Cimino, “non c’è problema”. Non serve neppure che il ragazzo si faccia vedere: può starsene tranquillo a Milano. “Gli diamo noi i programmi, tanto è scolarizzato”, dice. Quanto all’anno successivo, quello della maturità, la strada è in discesa: “Suo figlio prende la residenza a Palermo, lo iscriviamo da interno e ce ne usciamo!”. Anche in questo caso, assicura Cimino, si va sul sicuro. È sufficiente che il giovane frequenti la scuola “una volta la settimana”, al resto ci pensa l’istituto tecnico Beccadelli. Costo dell’operazione: “1.500 euro per l’idoneità al quinto anno e 2 mila per il diploma”. Senza un depliant, senza un foglio con le caratteristiche della scuola. “A noi ci conoscono per passaparola”, ammicca l’amministratore. Bisogna accontentarsi del suo biglietto da visita.

“Agghiacciante”, commenta Elio Formosa, coordinatore nazionale di Cisl scuola. “Siamo al mercato delle vacche, allo svilimento dell’istruzione”. E non è la prima volta, per le scuole non statali. Nel 2004 la procura di Verona ha indagato 23 gestori, presidi e insegnanti di istituti privati in 11 regioni, con l’accusa di associazione a delinquere mirata “al conseguimento di maturità con falsi in atto pubblico”. Due anni dopo, a Palermo, altri arresti per diplomi falsi in scuole private. E ancora, nel 2007, la procura di Modica (Ragusa) ha spedito 93 avvisi di garanzia per diplomi facili in istituti paritari. Fino alle ‘Iene’ di Italia 1 che, in piena bagarre per i tagli alla scuola statale, hanno mostrato come comprare un diploma in una privata di Caserta.

“Mele marce”, dice Luigi Sepiacci, presidente nazionale dell’Aninsei (Associazione nazionale istituti non statali di educazione e istruzione): “Noi per primi cacciamo i mascalzoni, ma c’è chi gode a denigrare le nostre strutture”. La verità, a suo avviso, è che “le scuole non statali offrono uno straordinario servizio”. Di più: “Hanno sviluppato metodologie che non tutti gli istituti pubblici hanno”. Per questo, aggiunge, è paradossale che la Finanziaria prevedesse un taglio ai fondi per le private di 133 milioni 393 mila euro (su un totale di 540 milioni 461 mila). E doverosa, per tutti i gestori degli istituti non statali, è stata la retromarcia del governo di venerdì 5 dicembre (vedi box a pag. 79).

Un fatto è certo: presa in blocco, l’espressione ‘non statale’ significa poco. Bisogna aggiungere che in Italia le scuole si dividono in due macro categorie: statali (41.603) e non statali (15.946). E che le non statali si dividono, a loro volta, in strutture gestite da enti pubblici (3.414) o da soggetti privati (12.532). In entrambi i casi, è essenziale un’ultima suddivisione: quella in scuole paritarie (laiche o religiose) e non paritarie. “Le prime”, ricorda Manuela Ghizzoni, capogruppo Pd alla commissione Cultura della Camera, “sono codificate dalla legge 62 del 2000, ed equivalgono sotto ogni profilo alle scuole statali”. Nel senso che rilasciano titoli di studio validi rispettando precisi obblighi: come l’offerta di corsi dal primo all’ultimo anno, l’assunzione di docenti abilitati e il rispetto dei contratti di lavoro. Diverso il discorso per le non paritarie, che possono avere corsi di studio incompleti, non applicare i contratti nazionali e assumere personale non abilitato. Un mondo scivoloso, ma seducente per chi voglia recuperare due, tre, anche quattro anni in un colpo. “Il problema”, dice Mimmo Pantaleo, segretario nazionale Flc (Federazione lavoratori della conoscenza) Cgil, “è che per legge queste strutture mandano gli allievi a fare le idoneità nelle paritarie. Così il cerchio si chiude, creando un sistema scolastico dove agli onesti professionisti si affiancano elementi spregiudicati”.

Quanto sia vero, lo si capisce dall’incredibile testimonianza di P. V., amministratore di un istituto non paritario romano specializzato in “preparazione degli esami universitari, scuola superiore con recupero anni scolastici, corsi di lingua, corsi per esame di Stato e preparazione ai concorsi pubblici”. Tutto, in pratica. “Quando presentiamo alle paritarie i candidati per l’abilitazione alla quinta superiore”, dice, “non vengono mai bocciati. Garantito”. Il meccanismo è semplice: “La nostra scuola è frequentata da gente che vuole diplomarsi alla svelta: ci sono ragazzi ultraripetenti e lavoratori con la terza media che per ragioni di carriera inseguono il diploma. Li portiamo al le paritarie per gli esami di idoneità, e nel 90 per cento dei casi li lasciamo impreparati. Completamente. Non gli facciamo fare niente. Gli diciamo: ‘Leggiti Ugo Foscolo, o qualcosa del genere, e vai a fare l’esame'”.

Eppure il rischio bocciatura è inesistente, spiega P. V. I ragazzi pagano 3 mila 500 euro, e lui ne versa una parte alle paritarie: “Dagli 800 ai mille euro. Soldi che “le scuole ci restituiscono se, dopo l’idoneità, gli studenti si iscrivono da interni”. Un catena di illegalità “schifosa”, la definisce P. V. Tanto che ultimamente ha avviato un’altra procedura, comunque anomala: “Ho individuato una specie di agenzia; un gestore di scuole private, nel napoletano, a cui passiamo gli studenti. Lui segue gli allievi agli esami e noi prendiamo la provvigione”.

Scandalizzarsi è lecito. Ma non bocciare, per questa storia, tutte le strutture private. Non sempre funziona così, nelle non statali italiane. Non sempre vince il malaffare. La risposta all’illegalità, ai traffici occulti, ai docenti improvvisati di certe strutture non statali, esiste e non è un’eccezione. Si trova, per esempio, al Collegio San Carlo a Milano, nella sede storica di corso Magenta, dove dal 1990 rettore è don Aldo Geranzani: un ex prete di periferia che non si perde in diplomazie. “Premetto”, dice, “che sbaglia chi chiede con il piattino in mano l’elemosina al governo”. E aggiungo: “Non facciamo la retorica delle scuole paritarie. Alcune sono fantastiche, altre per niente. Dipende: se lo fai per affari, l’obiettivo è il profitto; se lo fai per missione, pensi alla qualità”. Nel suo caso, spiega, “l’impegno è costruire solide identità sociali, figure mentalmente libere nel solco della tradizione cattolica”. Al San Carlo, aggiunge, tra i 1.400 studenti ci sono ragazzi di religione indù, ebraica e musulmana. A parte questo, tutti i ragazzi sono bilingui, svezzati all’inglese da insegnanti madrelingua. E tutti vengono supportati con tecnologie all’avanguardia. “Guardi”, dice don Aldo entrando in una classe. Un ragazzino sta scrivendo con il dito sulla smart board, una lavagna intelligente che si collega a Internet, scarica testi e foto, e invia il tutto alla mail di casa.

Bello. Bellissimo. Costoso (6 mila 500 euro di retta annua) ma affascinante. Più discutibile, invece, è per alcuni l’altra faccia della medaglia: l’impostazione troppo ideologica di certe paritarie cattoliche. Il punto è: in che misura un insegnante laico può esprimersi liberamente in una scuola religiosa? “Tra i requisiti dell’assunzione”, risponde padre Francesco Ciccimarra, presidente dell’Agidae (Associazione gestori istituti dipendenti dall’autorità ecclesiastica), “c’è l’accettazione dei valori cattolici. Ma esiste pure la libertà personale”. Ovvero? Cosa succede se un docente, in classe, dice che contro l’Aids bisogna usare il preservativo? “Si crea un conflitto tra la carta dei valori scolastici e l’opzione ideologica del singolo”, dice Ciccimarra. In altre parole: “Se l’insegnante non si adegua, deve andarsene. È una questione di armonia”.

Anche per questo, la sinistra radicale combatte il finanziamento pubblico agli istituti confessionali. “Poi c’è l’articolo 33 della Costituzione”, sottolinea Piero Castello dei Cobas, “dove c’è scritto che gli enti privati hanno diritto a istituire scuole, ma senza oneri per lo Stato. Perché, dunque, si taglia sull’istruzione pubblica e si difende quella non statale?”. Domanda che scatena polemiche. Come l’altra, proposta dallo scrittore e docente (in passato anche nelle private) Marco Lodoli: “Perché le congregazioni religiose, invece di pensare agli ultimi, educano a caro prezzo i primi?”. Valentina Aprea (Pdl), presidente della commissione Cultura alla Camera, non ha dubbi: “Le scuole paritarie sono spesso attaccate”, dice, “ma ottengono ottimi risultati”. Di più: “Sono un patrimonio fondamentale per tutti”. “La verità”, media da destra Marcello Veneziani, “è che nelle strutture private si trova il meglio e il peggio in circolazione. Per questo preferisco la fascia media della scuola statale. E auspico, in generale, controlli sulla qualità dell’istruzione”.

Appunto: i controlli. A detta di tutti, il punto è questo. Capire in che misura, nella galassia delle non statali, si riesca a vigilare sui legami illegittimi tra paritarie e non paritarie, sul gioco dei diplomi facili e le responsabilità dei gestori. Situazioni più volte denunciate da Augusto Pozzoli, titolare del sito ScuolaOggi.org. “Un fatto è certo”, dice Massimo Mari della Flc Cgil: “Il decreto 83 del 10 ottobre 2008, firmato dal ministro Mariastella Gelmini, spiega che “il mantenimento della parità dipende dalla ‘permanenza dei requisiti prescritti’. Ma non indica scadenze per le verifiche: le definisce ‘periodiche'”. D’altro canto, girando per scuole non statali, capitano situazioni curiose. Basta entrare, un pomeriggio di dicembre, nell’istituto tecnico Labor di Milano, ed esporre al gestore Domenico Nappo le ansie di un genitore con il figlio in crisi: bocciato in prima ragioneria e ora di nuovo a rischio. Da parte sua, Nappo garantisce che la sua scuola è serissima. Ha anche predisposto un sistema on line per consentire alle famiglie di sorvegliare l’andamento dei figli. Quanto alle sedi esterne di esame, indica tra le altre “l’istituto paritario Freud di via Gustavo Modena, sempre a Milano, dove il ragazzo potrebbe fare l’idoneità se passasse alla scuola informatica”. Quando il padre chiede se c’è un legame, tra Labor e Freud, la risposta è netta: “Non abbiamo niente in comune: sarebbe conflitto d’interessi!”. Salvo scoprire, poi, che il direttore amministrativo dell’istituto Freud si chiama Daniele Nappo. E non solo è figlio del signor Domenico, ma ha anche la stessa residenza.

Niente che stupisca l’ispettore Franco De Anna, dell’ufficio scolastico regionale Marche. “Il problema”, dice, “è il modo in cui la parità è stata concessa dopo la legge del 2000. I controlli approfonditi dovevano esserci allora. Ora è un lavoro improbo, gestito da volenterosi che spesso devono fermarsi alle verifiche di base: sugli edifici scolastici, sull’abilitazione dei docenti e sul piano di offerta formativa. Ideale, invece, sarebbe seguire le lezioni, vedere quanto le valutazioni sono veritiere e sondare gli intrecci societari”. Propositi frenati da una realtà sfuggente. Lo si verifica a Bergamo, dove operano la Centro studi superiori srl, proprietaria dell’istituto paritario Leonardo Da Vinci (vari corsi, tra i quali scientifico e linguistico) e il non paritario Centro scolastico Bergamo srl, che al Leonardo invia i suoi studenti per gli esami di fine anno. Le due strutture, mostrano le carte, hanno palesi punti di contatto. Gianfranco Bresciani, consigliere e socio in usufrutto della Centro studi superiori srl (bilancio 2007), amministra con Cristina Capelli (responsabile amministrativa del Centro scolastico Bergamo) una terza società: la B&C srl. Mentre lo stesso Bresciani e Giovanna Capitanio (amministratore della Centro scolastico Bergamo srl) si trovano nell’elenco soci della Consulenze e progetti srl: il primo con il 99 per cento in usufrutto, la seconda con l’1 per cento di proprietà (bilancio 2007).

Vero? Falso? Impossibile verificarlo. Alla sede centrale di Cepu-Grandi Scuole, chiamata più volte, dirottano sulla dottoressa Roberta Burini. Che non richiama e non è raggiungibile. Come pure Mario Dutto, il direttore generale per gli ordinamenti scolastici al ministero dell’Istruzione, non disponibile a un faccia a faccia sulle non statali: “Domande concordate e scritte”, insiste l’ufficio stampa. Peccato. Era l’occasione per approfondire una vicenda che lo riguarda, e che risale a quando era direttore generale all’ufficio scuola Lombardia. L’8 maggio 2008, infatti, il pm Fabio De Pasquale ha chiesto il suo rinvio a giudizio per avere concesso nel 2002 “riconoscimenti di parità scolastica” a una serie di scuole “nonostante l’istruttoria avesse evidenziato situazioni ostative”. L’udienza era fissata per il 26 giugno scorso, ma a chiudere il discorso è arrivata la prescrizione. Continua, invece, un’altra storia spiacevole: quella delle paritarie che non accettano disabili. “Un fatto censurabile per due ragioni”, dice Adriano Enea Belardini, responsabile Uil delle scuole non statali: “Le paritarie hanno gli stessi obblighi delle statali, quindi devono accogliere i disabili. Inoltre, nel documento 2007/2008 sui criteri per l’assegnazione dei contributi, è indicato che per ogni disabile le paritarie ricevono un contributo statale. Dunque non ci sono scuse”.

Questo sulla carta. Nei fatti, una verifica su paritarie a caso dà risultati amari. L’Istituto scuole pie napoletane, per esempio, risponde al padre che vorrebbe iscrivere il figlio disabile che “deve parlarne il consiglio di amministrazione, perché non è mai capitato”. Al San Leone Magno di Roma, il preside delle medie inferiori sospira: “Vorremmo ma non possiamo… Non ci concedono le sovvenzioni di Stato, le classi sono numerose e non abbiamo un insegnante specializzato: lo chiediamo sempre ma non ci sono i fondi”. Più secca l’elementare torinese Principessa Clotilde di Savoia: “Non abbiamo alunni disabili”. Infine c’è Bologna, dove il padre del disabile telefona alla media inferiore Cerreta, che sarebbe disponibile se non fosse femminile: “Si rivolga alle Figlie del sacro cuore di Gesù”, consigliano. Inutilmente. L’ultimo no è accompagnato da questa spiegazione: “Non abbiamo tutte le attrezzature”. Parole poco paritarie.

____________________________________________________________

GRAFICI:

____________________________________________________________

Tagli da telenovela

È surreale quanto sta succedendo attorno ai fondi 2009 per le scuole paritarie. Con irritazione dei vescovi, nell’ultima Finanziaria è spuntato un taglio da 133 milioni 393 mila euro su 540 milioni 461 mila. Una cifra sottratta alle scuole dell’infanzia, dove le statali da tempo stentano. Tant’è che il 29 ottobre Silvio Berlusconi ci ha ripensato: “Sono deciso a mantenere la finanziaria così com’è, ma …

Leggi tutta la scheda

____________________________________________________________

18 dicembre 2008

fonte: http://espresso.repubblica.it/dettaglio/I-pirati-delle-private/2053536

Annunci

10 responses to “COME MI FACCIO IL DIPLOMA – I pirati delle private”

  1. NICOLA says :

    SCUOLE PRIVATE=DIPLOMA FALSO

    IO VI DICO PER ESPERIENZA

    SCUOLE PUBBLICHE=DIPLOMA FALSO

    VI RACCONTO BREVEMENTE LA MIA ESPERIENZA:

    NEL 2004 A FOLIGNO(PG)HO DATO GLI ESAMI DI MATURITA DI ELETTRONICA E TELUCOMUNICAZIONE CON ESITO NEGATIVO,MA LA STORIA E’ MOLTO PIU’ COMPLICATA,IO ESSENDO UN RAGAZZO TIMIDO HO FATTO L”ESAME DA SOLO,GLI ALTRI SE SONO AIUTATI A VICENDA,RISULTATO NON SONO RIUSCITO A DIPLOMARMI(COSA CHE HO FATTO L’ANNO DOPO IN UN’ALTRA SCUOLA),GLI ATRI(MA VA)SONO RIUSCITI A DIPLOMARSI(ALCUNI STUDENTI CON 60).
    E’GIUSTO CHE CHI STUDIA NON RIESCE A SUPERARE L’ESAME E CHI NON E’ IDONEO RIESCE A SUPERARLO?

    IL DIPLOMA SU UNA SCUOLA PUBBLICA DOVREBBE ANCHE AVERE UN VALORE INFERIORE,BASTA FARE I BRAVI TUTTO L’ANNO,CONOSCERE PROFESSORI E STUDENTI E ESSERE UN PO'”FURBI” ,E ADDIRITTURA LO STATO PROTEGGE QUESTE ISTITUZIONE.

    TORNANDO AL PROBLEMA DEI DIPLOMA FALSI,IN ITALIA SOLO IL 2% DEI TITOLI E’ MERITATO(QUESTA E’ LA MIA ESPERIENZA).

    VOLETE MERITARVI IL TITOLO DI STUDIO?
    AMBITE HA UNA BORSA DI STUDIO PER L’INGHILTERRA.
    INGHILTERRA=GARANZIA.

  2. Francesco says :

    Capra tu la bocciatura te la sei meritata tutta…nn sai neanke scrivere!! “Ambite ha una…” Vedi ke Ambite nn è un nome di persona ignorante.

    • maria says :

      infatti andate avanti voi, presuntuosi e solo con un carattere sfacciato. la timidezza crea ostacoli e se fossimo sfacciatio come lo sono i grandi leccaculi…daremmo voti piu alti dei vostri…l intelligenza è intrinseca alla sensibilita della quale la società ne è povera, ma solo ricca e fervida di molto egocentrismo e meschinità…rispetto a quelle anime sensibili quali fanno di se un modello insostituibile e non si vanno ad attaccare ad un semplice errore ortografico…si va oltre e solo chi ne è capace è degno di essere una persona superiore.

  3. Andrew says :

    … e tu sei più capra di lui !!! xD (lol)
    Non è tanto la parola “Ambite” che è sbagliata poiché lui ha scritto tutto maiuscolo e anche se così non fosse dopo un punto interrogativo ci fa una maiuscola 😛

    L’errore grave è questo maledetto “HA” … che MOLTI sbagliano, infatti:

    “Ambite HA una borsa di studio … ” è SBAGLIATA COME FRASE

    Avrebbe dovuto scrivere così:

    “Ambite a una borsa di studio … ”

    … da noi c’è un detto. La madre dei caproni è sempre in cinta 😀

  4. TORE says :

    NON AVETE CAPITO CHE GLI ISPETTORI REGIONALI SONO CORROTTI, IN CAMPANIA UN ISPEZIONE VIENE SEGNALATA 10 GIORNI PRIMA, COME FA IL GESTORE A SAPERLO? GLI ISPETTORI SI FANNO VEDERE PRIMA DI NATALE E DI PASQUA, UN MOTIVO CI SARA!!!!! IO SONO CONVINTO CHE ANCHE AL MINISTERO SANNO QUESTE COSE,

  5. TakeMeAway says :

    Ciao, beh io in una scuola privata da 6 milioni di costo all’anno sono stato mobbizzato e ho perso un anno. Se questo per voi è avere la vita facile…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: