Gaza, Israele prepara l’offensiva di terra. Per Hamas i morti sono più di 400

https://i2.wp.com/patdollard.com/wp-content/uploads/israel_f16_masada.jpg

.
Il giorno dopo l’offensiva israeliana nella Striscia di Gaza, i raid non si fermano. Non sono bastati i 271 morti che le fonti mediche palestinesi hanno contato e che secondo Hamas sarebbero addirittura 400. Nella Striscia è panico assoluto: un corrispondente della tv araba Al Jazeera, Walid Armoun, racconta che «molti abitanti ci hanno riferito di ricevere telefonate nelle loro case: all’altro capo del filo una voce che si presenta come “Esercito d’Israele” li avverte che devono lasciare le case perchè saranno obbiettivo dei missili». «I Jet F16 israeliani e gli elicotteri – racconta ancora Armoun – stazionano nel cielo praticamente in modo perpetuo e fanno partire i loro missili colpendo i luoghi da dove partono i razzi dei miliziani di Hamas, immediatamente dopo il loro lancio».

L’ultima incursione aerea dell’aviazione israeliana ha colpito Al Saraia, il complesso di edifici che ospita il quartier generale della sicurezza di Hamas e degli uffici del governo. Secondo la tv araba Al Jazeera un missile avrebbe «raso al suolo anche il carcere principale» di Hamas, che si trova nello stesso complesso, e non esclude che «sotto le macerie del carcere» ci siano numerosi detenuti che sarebbero «con ogni probabilità» morti. Un altro raid ha preso di mira la sede della Provincia di Rafah, nel sud della Striscia. Poco prima, a finire in fiamme era stato un camion cisterna nei pressi del valico di Rafah, così come tutte le case circostanti.

Le autorità israeliane confermano che l’offensiva andrà avanti, e il ministro della Difesa Ehud Barak ha spiegato di non aver avuto alternativa: «Hamas ha violato ripetutamente la tregua – dice – li abbiamo avvertiti più volte attraverso vari canali e alla fine non ci hanno lasciato scelta. Sono sette anni che ci bombardano con i loro razzi e i loro mortai – prosegue in un’intervista alla Bbc – ne hanno lanciati migliaia contro il nostro territorio, tre anni fa ce ne siamo andati da Gaza e hanno continuato, non potevamo più accettare una situazione del genere, nessun altro paese lo avrebbe fatto».

Insomma, per Barak, «è giunta l’ora di combattere: non voglio illudere nessuno: l’operazione non sarà facile e nemmeno breve». Ma l’operazione Piombo Fuso, oltre che dal cielo potrebbe colpire anche da terra. «Siamo pronti a tutte le eventualità e se necessario impiegheremo le truppe per difendere i nostri cittadini», ha detto il ministro Barak, che sta già facendo schierare centinaia di soldati con mezzi sulla frontiera sud di Israele. E il segnale che la tregua non è per nulla vicina arriva dall’annuncio che il governo israeliano ha deciso di mobilitare 6.500 riservisti dell’esercito.

Rischia di accendersi una nuova Intifada. Il leader politico di Hamas Khaled Meshaal, esiliato a Damasco, ha chiamato al martirio i palestinesi, promettendo che «la resistenza continuerà con nuove operazioni suicide». Sabato i palestinesi hanno risposto all’attacco israeliano lanciando razzi Qassam oltre il confine. Un missile ha centrato un appartamento uccidendo un israeliano di 55 anni e ferendone altri quattro.

Nella risoluzione del conflitto è cruciale il ruolo dell’Egitto, che sabato sera ha finalmente riaperto il valico di Rafah per consentire il passaggio dei medicinali e dei soccorsi. Ora però, sono proprio le autorità egiziane a denunciare la mancata collaborazione di Hamas: «Noi – dicono – abbiamo aperto il valico di Rafah e aspettiamo che i feriti di Gaza lo attraversino, ma questo non è permesso loro». Di contro, circa duemila egiziani hanno manifestato per protestare contro l’attacco israeliano, accusando di «complicità» il presidente Mubarak, che giovedì aveva ricevuto il ministro degli Esteri israeliano Tzipi Livni. In realtà, Mubarak sabato ha condannato «le aggressioni militari israeliane» e ha attribuito «ad Israele la responsabilità, in quanto forza di occupazione, dei morti e dei feriti.

Proprio a Il Cairo, si incontreranno nei prossimi giorni i ministri degli Esteri della Lega Araba. I ministri, secondo il capo della diplomazia egiziana Ahmed Abul Gheit, «devono decidere i mezzi per raggiungere un cessate-il-fuoco fre le due parti come precondizione ad un accordo di tregua che porti all’apertura dei punti di passaggio fra Israele e Gaza. L’importante adesso – ha aggiunto il ministro – è esaminare i mezzi per fermare l’aggressione e le operazioni militari: noi abbiamo anche convocato l’ambasciatore israeliano per dirgli che non vogliamo né che le operazioni militari proseguano e neanche una invasione terrestre da parte delle forze israeliane».

Gaza, Israele prepara l'offensiva di terra

.
E sempre da Il Cairo ha parlato anche il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese Abu Mazen: se le fazioni palestinesi avessero continuato il dialogo – sostiene – si sarebbe potuto evitare il massacro di Gaza. «Noi vogliamo proteggere la striscia di Gaza e non vogliamo, come dicono altri, la sua totale distruzione», ha detto il presidente dell’Anp riferendosi alla dichiarazione del premier del governo di Hamas, Ismail Haniyeh, secondo il quale non bisognerà arrendersi «neanche se tutta Gaza sarà distrutta».

.

28 dicembre 2008

fonte: http://www.unita.it/index.php?section=news&idNotizia=74608

____________________________________________________________

https://i1.wp.com/img139.imageshack.us/img139/8385/r2054771025ud9.jpg

Violente proteste di fronte alla sede diplomatica

Londra, irruzione di manifestanti
nell’ambasciata di Israele

Iniziativa di solidarietà alle vittime palestinesi dell’offensiva militare scatenata sulla striscia di Gaza

https://i1.wp.com/www.poyi.org/64/photos/npoy2stories03/01.jpg

.

LONDRA – «Violente proteste» si sono svolte di fronte all’ambasciata di Israele a Londra da parte di una folla di manifestanti in solidarietà alle vittime palestinesi dell’offensiva militare israeliana scatenata sulla striscia di Gaza. Secondo Al Jazira i manifestanti sarebbero riusciti a fare irruzione all’interno del perimetro della sede diplomatica.

.

28 dicembre 2008

fonte: http://www.corriere.it/esteri/08_dicembre_28/proteste_londra_israele_588152a6-d4f1-11dd-b87c-00144f02aabc.shtml

3 risposte a “Gaza, Israele prepara l’offensiva di terra. Per Hamas i morti sono più di 400”

  1. matteo dice :

    Non è un problema di facile soluzione, ma soprattutto vi sono nei due campi forze fondamentaliste che ostacolano ogni sforzo di pace.

    Che dovrebbe fare il mondo?

  2. Mario dice :

    Quanti siamo coloro che speravano che dopo le tagedie del Nazismo il mondo sarebbe cambiato??? oggi coloro che hanno subito la tragedia più grande negli anni 40 si stanno comportando come gli aguzzini di quel tempo.??????

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: