Guerra del gas tra Russia e Ucraina: Senza accordo, domani rubinetti chiusi (anche per noi)

https://i1.wp.com/www.robertamsterdam.com/gazprom_tank.jpg

MOSCA – Il colosso energetico russo Gazprom ha annunciato che domani chiuderà i rubinetti del gas destinato all’Ucraina, se non verrà concluso un accordo sul rinnovo dei vecchi contratti e Kiev non salderà totalmente il debito verso la Russia, che in totale ammonta a 2,4 miliardi di dollari. La settimana scorsa il gigante energetico controllato dal Cremlino aveva già minacciato di interrompere i flussi di metano.

“In assenza di un contratto, non potremo più proseguire le forniture di gas all’Ucraina”, ha ribadito oggi Alexandre Medvedev, il numero due di Gazprom. A questo punto, serve un accordo “dell’ultimo minuto”, visto che il termine per la sigla di un nuovo contratto è fissato per le ore 10 di domani mattina, ovvero le 12 italiane.

Dal canto suo Kiev ha minacciato di sequestrare il metano in transito nei suoi tubi verso l’Europa, se Mosca metterà mano ai rubinetti. Attraverso il territorio ucraino passa infatti l’80% del gas russo destinato agli europei.

https://i0.wp.com/www.russiaprofile.org/media/Resources/gazprom_eu_2005_tade.gif

.

31 dicembre 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/12/sezioni/esteri/russia-gas/gazprom-31-dic/gazprom-31-dic.html?rss

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: