Padova, niente maturità senza permesso di soggiorno: bufera sul preside

PADOVA, 21 maggio – La norma dei presidi-spia è stata depennata dal ddl sicurezza, ma alla responsabile di un istituto superiore di Padova evidentemente non è bastato: la preside del professionale Da Vinci, Anna Bottaro, ha chiesto agli otto ragazzi immigrati delle classi quinte della sua scuola di presentare il permesso di soggiorno, in vista dell’esame di maturità.

L'ingresso della succursale dell'istituto Da Vinci

Un’iniziativa autonoma, secondo fonti dello stesso ufficio scolastico regionale del Veneto, dato che non esiste alcuna circolare ministeriale in proposito. Forse solo un eccesso di zelo, che però ha scatenato le proteste di alcuni insegnanti e le polemiche dei Cobas Scuola e dell’associazione “Razzismo Stop”, che sabato pomeriggio scenderanno in piazza a Padova per denunciare il rischio di una «caccia ai clandestini» anche nelle aule.

«La preside – ha detto oggi in una conferenza stampa Nicola Grigion, di Razzismo Stop – deve chiedere scusa agli studenti stranieri, e la scuola dovrebbe ritirare subito la circolare». In realtà i ragazzi, pur sorpresi dalla richiesta, pare abbiano già presentato alla direzione i loro
permessi di soggiorno. A sollevare l’indignazione dei Cobas il fatto che circolare e nomi dei ragazzi sarebbero stati letti dagli insegnanti nelle classi frequentate dagli immigrati.

L’episodio di Padova richiama
il caso recente di Genova, dove la preside degli Istituti Casaregis, Einaudi e Galilei aveva fatto scrivere sulle lavagne i cognomi agli alunni immigrati in procinto di diventare maggiorenni, e dunque nella possibilità di non poter più far valere il permesso di soggiorno per motivi di famiglia. Ma Cobas e associazioni anti-razziste hanno pochi dubbi: «Nessuna normativa – ha detto Grigion – richiede il permesso di soggiorno per poter fare gli esami di maturità. Se era una preoccupazione della preside dell’istituto Da Vinci, si è rivelata una discriminazione». Sul fatto che gli studenti immigrati vicini a compiere 18 anni si trovino in una situazione più a rischio – dovrebbero chiedere a questo punto il permesso di soggiorno per motivi di studio – Grigion cita una recente sentenza della Cassazione, la quale affermerebbe che il diritto all’esame scolastico finale «anche per gli stranieri maggiorenni, deriva dalla loro iscrizione alla scuola».

Fonte: il Messaggero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: