Diamo visibilità all’Honduras per evitare carneficine

.

Come avevamo temuto è successo. Nonostante il diritto internazionale, nonostante la volontà di un popolo – quello dell’Honduras – e di un intero Continente, il silenzio è sceso sul piccolo Paese del centroamerica e sulla dittatura che oramai da diverse settimane abusivamente lo governa. L’Honduras vede ogni giorno calpestata la sua libertà e la sua volontà di realizzare una trasformazione sociale, che si era espressa con l’elezione del presidente Zelaya. Nessuno, però, denuncia tutto questo. Il silenzio è assordante.
Per queste ragioni consideriamo straordinaria la risposta che ha ottenuto l’appello “Diamo visibilità all’Honduras per evitare carneficine”. In pochi giorni sono state raccolte centinaia di firme e in tanti hanno manifestato la volontà di gridare al mondo il diritto dell’Honduras a veder ritornare il suo legittimo Presidente. Le tante firme raccolte sono anche una denuncia ai media italiani, a quelli che hanno taciuto e che continuano a tacere. Noi non ci fermeremo, forti di questo piccolo successo andremo avanti nel tentativo di informare e di dare voce a quanti oggi se la vedono privare da una dittatura feroce.
Invitiamo tutti a diffondere e a rilanciare l’appello con tutte le nuove firme raccolte.

Segnaliamo qui sotto i links dei siti in cui si possono trovare ulteriori informazioni sulla situazione honduregna.

www.pdcitv.it/video/1735/Honduras-la-lotta-per-la-democrazia

http://www.pdcitv.it/video/1736/Venezuela-El-pueblo-unido-jamas-será-vencido

http://www.youtube.com/watch?v=CMujxRdNIsA

http://www.aporrea.org/tiburon/n138098.html

siti

http://www.gennarocarotenuto.it/ (Gennaro Carotenuto)
http://www.vtv.gob.ve/ (Venezolana de Televisión)
www.agoratv.org (Agoratv)
http://sodepaz.es/index.php?option=com_content&task=view&id=1027&Itemid=15 (Sodepaz) www.aporrea.org (Aporrea) www.cubadebate.cu (Cuba debate) www.radiolatinasweb.org (radio latinas) http://www.radioglobohonduras.com (Radio Globo Honduras) http://www.todosconhonduras.cult.cu/ (Todos con Honduras) www.telesurtv.net (Tele Sur) http://www.defensoresenlinea.com/cms/ (Defensor en linea) www.cubahora.cu (Cuba hora) http://contravisiones.blogspot.com/http://latinoamericanos-unidos.blogspot.com/ (Contravisiones) (Latinoamericanos) http://elpuentesur.blogspot.com/ (El puente sur) http://hablahonduras.com/ (Habla Honduras) http://globalvoicesonline.org/2009/07/04/honduras-was-it-a-coup (Global voices on line) http://www.verosudamerica.com (vero Sudamerica)

.

DIAMO VISIBILITÀ ALL’HONDURAS PER EVITARE CARNEFICINE!

.

La situazione in Honduras sta precipitando. Gli squadroni della morte sono in azione. “Siamo in una situazione peggiore di quella vissuta negli anni ‘80, quando i militari, che fanno parte del Governo golpista, fecero sparire un grande numero di honduregni”, ha detto Hugo Maldonado, presidente del Comitato dei diritti umani a san Pedro Sula, denunciando che, attorno alla sua casa e a quella di altri dirigenti, girano pericolosi individui armati. Stessa denuncia da parte di P.T., una cooperante europea che teme nel rivelare il suo nome, e che era presente alla grande manifestazione in attesa del Presidente legittimo Manuel Zelaya. L’aereo con Mel Zelaya e con il presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, non ha potuto atterrare perché i golpisti hanno messo camion militari sulla pista e per la minaccia di essere abbattuto. Dopo aver sorvolato l’aeroporto, ha dovuto dirigersi fuori dal Paese.
P.T., che è in clandestinità e cambia casa ogni due giorni per motivi di sicurezza, ha visto ammazzare sotto i suoi occhi il diciannovenne che manifestava con altri in un corteo allegro e pacifico. Ieri sera, attraverso la rete giungevano richieste di aiuto internazionale, come quella di Juan Ramon, che era all’aeroporto e invocava l’invio delle Forze Onu. Anche Rigoberta Menchù, Nobel per la pace, è seriamente preoccupata soprattutto per chi si occupa di diritti umani che sta raccogliendo testimonianze sulle illegalità, le minacce, le intimidazioni e le vessazioni perpetrate dai golpisti. Questi volontari “sono i più indifesi, perché non hanno un luogo dove proteggersi, neppure in Chiesa”, ha dichiarato. E’ più che mai necessaria un’attenzione politica e mediatica internazionale per evitare che l’Honduras diventi quel Cile o quell’Argentina che oggi ricordiamo con orrore.
Tutte le forze progressiste dell’America Latina hanno denunciano il colpo di stato come un atto della destra reazionaria, che mira alla soppressione della libertà del popolo honduregno di potersi esprimere nelle urne elettorali per l´approvazione di una nuova Costituzione e di continuare con l´esperienza democratica iniziata con l´elezione del Presidente Zelaya.
Di fronte al vergognoso comportamento delle televisioni pubbliche che in questi giorni hanno tessuto le lodi del neodittatore Micheletti, invitiamo radio, tivù, giornali e siti internet a dare la massima visibilità a quanto accade in Honduras a causa del comportamento criminale dell’esercito golpista.
Invitiamo tutte le personalità e le forze democratiche ad aderire e diffondere il presente appello.

Per adesioni: appellohonduras@libero.it

L’elenco – non so quanto aggiornato – dei firmatari è qui, fonte del pezzo.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: