Archivio | novembre 9, 2009

El Salvador,sale a 124 il bilancio delle vittime per uragano Ida / El huracán ‘Ida’ deja 124 muertos en El Salvador

https://i2.wp.com/www.lasextanoticias.com/pictures/342573/pictures_20091107_1142342573_crop1sub7.jpg
lunedì 9 novembre 2009

.

SAN SALVADOR (Reuters) – L’uragano Ida si è abbattuto sul Golfo del Messico dove si trovano importanti impianti petroliferi, dopo aver provocato alluvioni e smottamenti in cui hanno perso la vita 124 persone a El Salvador.

Secondo le previsioni, oggi Ida dovrebbe perdere gradualmente potenza mentre si dirige verso alcuni degli impianti per la produzione di greggio e gas nella zona centrale del Golfo, secondo quanto riferito dal National Hurricane Center.

La tempesta sabato sera si è trasformata in un uragano di categoria 1 — il più basso per intensità nei cinque gradi della scala Saffir-Simpson — mentre ieri si è rafforzata fino ad arrivare al grado 2 con raffiche di vento di circa 165 chilometri all’ora, secondo i dati forniti in un bollettino dal centro di controllo degli uragani che ha sede a Miami.

Alcune compagnie energetiche nel Golfo del Messico stanno procedendo con l’evacuazione dei loro dipendenti dalle piattaforme mentre, in via precauzionale, diversi importanti produttori hanno chiuso alcuni centri per petrolio e gas.

Un quarto del greggio e il 15% del gas naturale americani vengono prodotti negli impianti che si trovano nel Golfo.

A El Salvador, i fiumi sono straripati e ci sono stati smottamenti a causa delle forti piogge provocate dal passaggio di Ida, isolando così alcun zone montagnose dell’interno del paese dalle altre.

Il governo di El Salvador ha reso noto che sono morte 124 persone mentre gli smottamenti hanno distrutto molte abitazioni.

.

Reuters IT

fonte:  http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE5A800W20091109

____________________________________________________________

https://i0.wp.com/www.rtve.es/imagenes/huracan-ida-nicaragua/1257699235096.jpgIda in Nicaragua

El huracán ‘Ida’ deja 124 muertos en El Salvador

https://i1.wp.com/www.rpp.com.pe/cache/q_85_g_3_c_n_p__actualidad_internacional_408586.jpg

  • El nuevo balance lo ha confirmado el presidente Funes
  • El mandatario ha decretado la emergencia nacional por la tragedia
  • Atribuyen las lluvias a un sistema de baja presión
  • Se dirige hacia EE.UU. tras pasar por México sin causar estragos
.
RTVE.es – EL SALVADOR , La naturaleza ha vuelto a cebarse sobre Centroamérica, especialmente sobre el más pequeño de los países centroamericanos, El Salvador, donde las lluvias torrenciales han causado una auténtica catástrofe.

 

Las constantes lluvias provocadas por el huracán ‘Ida’ en El Salvador, de categoría 2 en la escala Saffir-Simpson de cinco niveles, dejan al menos 124 personas fallecidas y daños “incalculables“, según ha confirmado el presidente del país, Mauricio Funes.

La capital, San Salvador, y el departamento de San Vicente, han sido las zonas más afectadas, aunque la evaluación de daños y el recuento de víctimas continúan y se teme que su número sea aún mayor de lo informado hasta ahora, según informa el corresponsal de Radio Nacional Fran Sevilla, que se encuentra en la zona.

A las numerosas víctimas, se suman cuantiosos daños materiales, centenares de viviendas destruidas, infraestructuras arrasadas.

A lo largo de este fin de semana, durante el sábado y el domingo, hemos visto cómo el país se hundía en medio de un auténtico diluvio que causaba derrumbes por todas partes, inundaciones, torrentes y ríos desbordados, montañas que se venían abajo.

Carreteras y puentes han desaparecido bajo la furia desatada del agua que caía inmisericorde. La precariedad en la que viven y habitan miles de salvadoreños ha favorecido, una vez más, la tragedia.

La confluencia de dos fenómenos atmosféricos, un frente de bajas presiones en el Pacífico, unido a las colas del huracán Ida, ha provocado una tragedia cuyo alcance aún está por conocerse en toda su dimensión.

Algunas zonas han quedado aisladas y se mantiene la alerta en al menos cinco departamentos. Una vez más, la acción de la naturaleza unida a la miseria ha conformado un paisaje de desolación.

Sin daños en México

‘Ida’ ha pasado frente a las costas de México con fuertes vientos y lluvias pero sin causar estragos ni dejar víctimas en México, cuyas autoridades rebajaron el nivel de alerta ante su paulatino alejamiento.

En las últimas horas, en un área donde se estima que había unos 36.000 turistas cuando pasaba ‘Ida’, tan solo unas 1.500 personas fueron evacuadas, en su mayoría pescadores de Isla Holbox y habitantes de las zonas costeras.

En estos momentos se desplaza a 19 kilómetros por hora hacia el norte, rumbo a las costas del estado de Luisiana (EEUU) a través del Golfo de México.

El CNH ha explicado que se ha emitido una vigilancia de huracán para la costa sur de Estados Unidos desde el estado de Luisiana hasta el suroeste de Florida, mientras se canceló para la península mexicana de Yucatán.

La advertencia de huracán, con vientos de 165 kilómetros, en la cuenca del Misisipi no incluye a la ciudad de Nueva Orleans, según el CNH.

Los últimos pronósticos del CNH indican que ‘Ida’ se debilitará el lunes en las aguas del Golfo de México pero proseguirá su trayectoria norte con la intensidad de huracán.

Ahora se mueve a 19 kilómetros por hora y tiende a seguir una trayectoria noroeste y se pronostica un gradual aumento de su velocidad de traslación. El CNH pronostica que cruzará el Golfo de México el lunes y estará cerca de la costa de Luisiana y Misipi a última hora de mañana.

El tifón que ha azotado El Salvador se debe a un sistema de baja presión,  y se informa de “muchos desaparecidos”, principalmente en las ciudades de Tepetitán y Verapáz (este del país), donde aludes y crecidas de ríos arrasaron con muchas viviendas, según ha informado el director de Protección Civil, Jorge Meléndez. Además, hay 60 personas desaparecidas, aunque la cifra puede variar.

A raíz del temporal, las autoridades declararon la “alerta naranja” en los departamentos de San Salvador, La Libertad, San Vicente, La Paz y Cuscatlán.

Verapaz, la población más afectada

Según un informe preliminar de Protección Civil, las víctimas se han registrado en San Salvador, así como en las localidades de Ayutuxtepeque, San Marcos y San Miguel.

Una de las poblaciones más afectadas es la de Verapaz, en el departamento de San Vicente (centro), donde hay 10 personas desaparecidas y 300 casas destruidas, explicó a la estatal Radio Nacional El Salvador, Carlos López Mendoza, vocero de la Cruz Roja salvadoreña.

En Verapaz, según la radio estatal, perdieron la vida al menos tres personas a causa de un deslizamiento de tierras.

El Sistema Nacional de Estudios Territoriales (SNET) señaló que las lluvias han afectado “los ríos de la zona central” del país, que han incrementado su nivel hasta en cuatro metros.

‘Ida’ es el cuarto huracán de la temporada del Atlántico que comenzó el 1 de junio y finaliza el próximo 30 de noviembre.

Hasta ahora se han formado nueve tormentas tropicales, y cuatro huracanes, dos de ellos de categoría mayor en la escala de intensidad Saffir-Simpson de un máximo de cinco.

En agosto, la Administración Nacional de Océanos y Atmósfera de EEUU (NOAA) vaticinó la formación de entre siete y once tormentas tropicales y de tres a seis huracanes, de los que uno o dos podrían ser de categoría 3, 4 ó 5 en la escala Saffir-Simpson

.

Pronta la leggina per la prescrizione, dal Cavaliere ultimatum agli alleati

Palazzo Chigi insiste sul vertice per ottenere il via libera

https://i2.wp.com/www.millepiani.net/translucid/userdata/Image/Fini.jpg

Il presidente della Camera: “Ma io di quell’incontro non ne so niente”

.

di LIANA MILELLA

.

 

ROMA – La leggina, perfetta come la vorrebbe Berlusconi, è pronta da tempo. Via un quarto della prescrizione per chiudere definitivamente i suoi processi. E in più di nuovo alla Camera l’emendamento alla Finanziaria, dopo il fallito blitz al Senato, per sanare il caso tributario della Mondadori con una mancia del 5% rispetto ai 200 milioni di euro dovuti. Dietro c’è, come al solito, il suo avvocato e super consigliere giuridico Niccolò Ghedini. E lo scontro con il legalista Fini raggiunge l’apice, com’è successo per le intercettazioni e la blocca processi. Berlusconi utilizza il Giornale, che titola “Chi non ci sta, fuori dal Pdl”, esercita una fortissima pressione politica, minaccia di far saltare il tavolo della maggioranza, chiede a Fini e Bossi di sottomettersi e sottoscrivere un accordo di ferro. Vuole vederli tutti e due mercoledì, per un vertice che sia definitivo. Nel quale chiudere la partita della giustizia e delle regionali. Ma Fini non ci sta. Ai suoi dice: “Io di questo vertice non so nulla, nessuno me ne ha parlato”. Disgustato per le pressioni veicolate ancora una volta per il tramite di Vittorio Feltri, stoppa pubblicamente in tv le aspirazioni massime del Cavaliere. Glielo dice chiaramente, niente prescrizione breve, perché “non si può togliere al cittadino il diritto di veder riconosciuto in tribunale, anche dopo anni, se ha ragione o ha torto”.
.
A Ghedini lo aveva già spiegato Giulia Bongiorno. Ma loro, Ghedini in testa, hanno continuato a insistere. Un braccio di ferro durissimo, andato avanti per giorni e giorni, con pressioni mai pesanti come in questo momento. La via della prescrizione breve calza a pennello per il Cavaliere. Azzera d’un colpo il processo Mills. Riduce da dieci a otto anni il tempo in cui si può perseguire il reato di corruzione. Gli otto anni sono già passati. Quindi, con questa regola, quel processo, che è il più temuto da Berlusconi, è prescritto. Ma la Bongiorno ribatte che sarebbe “un’amnistia mascherata”. Il premier forza la mano. E, nelle stesse ore, al Senato, manovra per inserire la norma a favore di Segrate, per cui due processi tributari che arrivano in Cassazione con due sentenze conformi a favore dell’imputato possono essere chiusi pagando solo il 5 per cento.

 

.
Il Cavaliere non vuole sentire ragione stavolta. Vuole stringere un patto di ferro su giustizia e regionali. Comunque. Per questo ipotizza un “papello per la giustizia”, di cui Repubblica scrive già giovedì scorso.
.
Un “patto di legislatura”, un “documento programmatico che avrà la valenza di un atto notarile”, sottoscritto dal capo del governo con Fini e Bossi, un “atto politico forte” che chiuda una volta per tutte la querelle sullo scudo per anestetizzare i processi milanesi. Dentro c’è la soluzione della prescrizione breve che i finiani hanno già stoppato. Ma lui insiste. Gli saltano i nervi quando scopre che la Bongiorno s’incontra con il ministro Roberto Calderoli e tutti e due si mettono contro la sua soluzione preferita. Al faccia a faccia è presente Aldo Brancher, da sempre uomo di collegamento tra Lega e Berlusconi, che gli riferisce tutto nei dettagli. Per questo salta il vertice di mercoledì scorso con Fini e Bossi, il Cavaliere tenta con Casini, poi affida al Giornale il suo “ultimatum”. Tenterà di forzare di nuovo la mano mercoledì.
.
Ma Fini lo anticipa e si assume in prima persona la responsabilità di bocciare la soluzione più dura, che salva sì Berlusconi, ma manda al macero centinaia di processi, e su cui il Quirinale ha già pronunciato un secco niet. Apre invece all’ipotesi soft: “Discutiamo della lunghezza abnorme dei processi. Ci sono proposte di legge in Parlamento, anche dell’opposizione”. È il disegno di legge del diessino Fassone, vecchio di due legislature, che inaugura il processo breve, non più di sei anni complessivi, poi l’estinzione. Ghedini non è convinto che questo basti per Berlusconi, tant’è sforna l’ultima sua creatura, una prescrizione ridotta tutte le volte che il processo viene interrotto per una sospensione chiesta dalle parti. Ma Fini ha lanciato il suo messaggio: un’apertura all’esigenza giudiziaria del capo del governo (“I suoi processi sono cominciati quando è entrato in politica”), ma l’indicazione netta di una strada da percorrere, il processo breve, che tutti i cittadini potrebbero anche condividere.
.
9 novembre 2009
.

L’ultima beffa del lavoro precario “Apri la partita Iva o ti licenzio” / SCUOLA – Precari, il commissario al lavoro

Dopo anni di contratti a termine, i lavoratori sono trasformati in “fornitori”

Non cambia nulla: stesso orario e stesso ufficio. Ma l’impresa risparmia oltre il 33%

.

di ROBERTO MANIA

.

L'ultima beffa del lavoro precario "Apri la partita Iva o ti licenzio"

.
ROMA – L’ultima frontiera della precarietà si chiama “partita Iva”. Altro che indice dell’indomabile vitalità imprenditoriale. Questa è tutta un’altra storia che non riguarda neanche un po’ le seducenti formule del capitalismo personale. Qui si parla di cocopro: collaboratori a progetto costretti a diventare titolari di “partita Iva” per non perdere il lavoro, anche se precario.
.
Difficile stimare quanti siano i lavoratori in transizione verso l’imprenditoria forzata. Nessuno l’ha fatto, ma non ci si sbaglia se si ipotizzano decine di migliaia di persone. Si vedrà meglio quando l’Inps renderà pubblici i numeri sui nuovi iscritti al Fondo Gestione Separata. Lì, dati del 2007, le “partite Iva” di professionisti non iscritti ad albi o associazioni erano circa 250 mila, 30 mila in più in un solo anno. Reddito medio intorno ai 15 mila euro, poco più di mille al mese. Dai web designer ai grafici pubblicitari; dai redattori delle grandi case editrici ai lobbysti, fino all’antica, tradizionale, segretaria, imprenditrice di se stessa però. Tutti rigorosamente a mono-committenza, cioè fornitori di una sola azienda. Insomma, false “partite iva”.
.
Di certo questo è un altro capitolo della via italiana alla flessibilità, in cui con il concorso della Grande Recessione, l’obiettivo principale di molte aziende è quello di tagliare i costi per provare a sopravvivere.
Il fenomeno non è nuovo, va detto, ma con la crisi è riaffiorato dovunque, nel ricco settentrione terziarizzato come nella indolente area del lavoro para-pubblico romano. Ed è un fenomeno che spinge una categoria già debole ai livelli più bassi della scala della precarietà. “Le partite Iva diventano sostitutive dei cocopro”, commenta Patrizio Di Nicola, sociologo alla Sapienza di Roma, tra i più attenti studiosi dell’universo magmatico del lavoro precario. Questa è la verità.
.
A compiere il percorso da atipico a “libero professionista”, senza più nemmeno un accenno di diritti e di tutele, è ancora la generazione dei trentenni, l’ala marginale del mercato del lavoro.
Eppure questo pezzo di knowledge worker, lavoratori della conoscenza, intellettuali moderni, flessibili e innovativi, avrebbe dovuto rappresentare l’avanguardia di una sorta di neo- borghesia in una società post-industriale. Questa, a sua volta, avrebbe dovuto spingere verso un incremento della produttività e arrestare il nostro declino, sfruttando le nuove tecnologie. La realtà è stata diversa e si è tradotta soprattutto in un progressivo e malcelato tradimento nei confronti di una generazione di giovani professionisti.
.
A quella generazione appartiene anche Astrid D’Eredità, archeologa, tarantina di nascita, romana di adozione. Racconta che da piccola provava quasi invidia per chi possedeva la tessera di Metro, il grande supermercato all’ingrosso per i professionisti, gli imprenditori, le partite Iva, appunto.
Quei capannoni blu con scritta in giallo a lettere maiuscole erano – per lei – il simbolo delle libertà di impresa, del dinamismo aziendale, dell’individualismo contro il pigro tran tran dell’impiego fisso. Entrare o meno al Metro faceva la differenza. Era uno spartiacque quasi di classe sociale, certo di modelli culturali. “Ora – dice – ho la partita Iva, ma non sono mai entrata al Metro”. Ecco. Lei aveva un contratto di collaborazione finché lavorava in Puglia, poi a Roma ha scoperto che senza partita Iva non si fa nulla nel suo settore. Si deve essere “imprenditori di se stessi”, come si diceva agli albori della flessibilità. Racconta: “La frase tipica che ti rivolgono è questa: ovviamente bisogna che lei si apra una partita Iva… “. E si comincia: non più dipendenti o para-dipendenti, bensì fornitori. Sulla carta. Perché nei fatti non cambia nulla: stesso stipendio (ma senza contributi), stesso orario, stesso vincolo di subordinazione. In alcuni contratti l’ipocrisia rompe ogni indugio e precisa a scanso di equivoci: “Il fornitore non avrà i benefici previsti per i dipendenti, inclusi assicurazioni, pensione, assistenza e altri benefit riservati agli impiegati”. E ancora: “Le suddette attività hanno carattere professionale autonomo e non potranno mai essere configurate come rapporti di lavoro subordinato o di collaborazione”.
.
Osserva Fulvio Fammoni, segretario confederale della Cgil: “Sono due le motivazioni principali che spingono in questa direzione: il costo per le aziende che si riduce all’osso e, poi, la totale liberà d’azione sulle partite Iva che possono essere lasciate a casa, prima, e riprese, poco dopo”.
L’Italia è la patria del lavoro autonomo: il 27% dell’occupazione complessiva, il triplo rispetto alla Danimarca e il Lussemburgo, il doppio rispetto alla Germania, la Gran Bretagna, la Francia e l’Olanda. Ci supera solo la Grecia. Tutto questo, tra l’altro, ha aiutato anche l’anomalia delle partite Iva. Si calcola, per esempio, che con le partite Iva le aziende risparmino circa il 25% rispetto a un contratto di collaborazione e oltre il 33% rispetto a un contratto di dipendenza.
.
Carla S., 31 anni, pubblicitaria genovese ha provato a resistere perché non ha mai ambito a far parte del celebrato universo delle partite Iva. Da tre anni lavora in una delle più grande agenzie pubblicitarie del capoluogo ligure. Prima cocopro rinnovato, quindi contratto a termine. Poi la crisi arriva in azienda. Il consulente del lavoro suggerisce al titolare di ricorrere ai contratti di apprendistato. Ma Carla, che comunque tornerebbe indietro all’inizio della sua carriera, è troppo “vecchia” per l’apprendistato perché ha appena superato la soglia dei trent’anni. “Sono una classica bambocciona, vivo con i miei genitori. Ma non potrei fare altrimenti con 1.100 euro al mese”.
Anche per questo all’inizio ha detto no alla partita Iva e, in questo caso, al lavoro a casa. Poi ha quasi accettato, ha aperto una trattativa, ha chiesto il doppio per le spese che dovrà sostenere. Le hanno replicato che lo stipendio resta uguale e che dovrà anche formare le due nuove apprendiste. A Carla, come succede spesso, l’azienda ha proposto di aiutarla nel tenere la contabilità. Queste sono le aziende “più illuminate”, come le ha chiamate Andrea Bajani nel suo cinico racconto “Mi spezzo ma non m’impiego”, uscito qualche anno fa per Einaudi.
.
Anche ad Andrea Brutti, trentenne consulente ambientale, hanno imposto di diventare “imprenditore”, dopo anni di contratti di collaborazione a progetto. “C’è un problema di costi”, mi dissero. Per un po’ ha fatto anche il doppiolavorista con partita Iva: un po’ lobbysta per una associazione ambientalista un po’ impiegato in un’altra. Poi ha dovuto mollare il secondo lavoro perché gli orari erano incompatibili. Nemmeno un contratto a tempo determinato è ormai un’alternativa. “Con 800 euro al mese per 35 ore di presenza a settimana non mi conviene”. Questa è la trappola della partita Iva.
.
Infine c’è Federico D., manager di 39 anni, trasformato in pochi frettolosi minuti in partita Iva, dopo otto anni da dirigente in una multinazionale di servizi ospedalieri. “Era un venerdì pomeriggio quando venni chiamato dal mio capo. Ho una notizia cattiva e una buona, mi disse velocemente. La cattiva è che il tuo contratto si trasforma in consulenza, la buona è che il trattamento netto migliora. Poi mi mise in mano la lettera di licenziamento”. Ma cos’è cambiato? “Nulla. Stesso orario, stesso ufficio, stesso lavoro. Ma per l’azienda io non sono più un costo, bensì un investimento”. Una finzione contabile. Già.
.
9 novembre 2009
.
____________________________________________________________
.

Primi effetti della sentenza del Tar contro il decreto Gelmini sulle graduatorie in attesa dell’approvazione della legge che metterebbe fine alla questione

Precari, il commissario al lavoro
i primi 300 nelle liste “a pettine”

.

di SALVO INTRAVAIA

.

Precari, il commissario al lavoro i primi 300 nelle liste "a pettine"Un insegnante durante la lezione

.

ROMA – Parte il commissariamento del ministero dell’Istruzione sulle graduatorie dei precari. “Dal 9 novembre, i primi 300 ricorrenti saranno inseriti ‘a pettine’ nelle graduatorie di tutte le province italiane – annuncia il presidente dell’Anief, Marcello Pacifico – speriamo che quest’ennesima pronuncia sia finalmente da stimolo per una corretta gestione delle graduatorie, nel rispetto delle più elementari regole del buonsenso, della legislazione e della Costituzione”. Ma a bloccare il Tar potrebbe pensarci il Parlamento, dove è in discussione una proposta di legge che annulla i provvedimenti della giustizia amministrativa.
.
Per comprendere la vicenda, occorre fare un passo indietro. Tutto ha inizio lo scorso mese di aprile, quando il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini firma il decreto per l’aggiornamento delle graduatorie dei precari. Ma con una novità: per chi è già in graduatoria, niente passaggio da una provincia all’altra. L’unica possibilità è di essere inseriti, oltre che nella lista della propria provincia, anche in altre tre province italiane. Ma “in coda”.
.
Questa decisione del ministro a gran parte dei supplenti meridionali sembra l’ennesima prova che nessuno li vuole al Nord, dove i posti disponibili sono in abbondanza. E, col patrocinio dell’Anief (Associazione nazionale insegnanti ed educatori in formazione) si rivolgono al Tar che dà loro ragione: l’inserimento “in coda” è incostituzionale e si deve provvedere all’inserimento a “pettine”. Ma il ministero nicchia e, i primi di ottobre, una nuova sentenza del Tar Lazio intima al ministro Gelmini di applicare la sentenza, condannandolo al pagamento di 5 mila euro. E nomina Luciano Cannerozzi De Grazia, uno dei consiglieri più ascoltati dal ministro Renato Brunetta, commissario ad acta.

.
Nel frattempo, per evitare l’onta del commissariamento, l’esecutivo corre ai ripari e nel progetto di legge di conversione del decreto salva-precari inserisce un emendamento che ripristina la coda per il biennio 2009/2011, ma aprendo “al pettine” dal biennio successivo. A questo punto cominciano i mal di pancia della Lega, che vorrebbero opporsi al provvedimento. Ma è lo stesso ministro Gelmini che spiega ai colleghi della maggioranza che il provvedimento non può subire variazioni al Senato. Il decreto deve essere trasformato in legge entro il 24 novembre prossimo e non ci sono, infatti, i tempi per una seconda lettura. Questa volta, Bossi&co. Devono fare buon viso e cattivo gioco e approvare un provvedimento “blindato”.
.
Intanto, il Tar Lazio emette altre 13 sentenze fotocopia della prima, per altri 7 mila precari che chiedono di essere inseriti “a pettine”, condannando il ministero al pagamento di 65 mila euro. E il commissario ad acta? “Il commissario – spiega Cannerozzi De Grazia – non può tenere in alcun conto i procedimenti in corso”. Parole che hanno il sinistro significato di chi si sta mettendo al lavoro. “Penso – continua – che fra qualche giorno, attorno al 12 novembre, avvierò la procedura. Scrivero al ministero chiedendo se hanno ottemperato e controllerò se l’eventuale azione è conforme con la sentenza del Tar”. Intanto, spera la maggioranza, il Parlamento dovrebbe varare la legge salva-precari che dovrebbe mettere la parola fine alla questione. Ma di questo Marcello Pacifico non è convinto. “Ci rivolgeremo – dice – alla Corte costituzionale”.
.
8 novembre 2009
.