Nigeria, 464 morti negli scontri fra cristiani e musulmani

Islamist violence in Northern Nigeria

Da quattro giorni si fronteggiano i gruppi, uno dei quali contesta la costruzione di una moschea in un quartiere cristiano

Nigeria, 464 morti negli scontri
fra cristiani e musulmani

.

Nigeria, 464 morti negli scontri  fra cristiani e  musulmani
.

JOS (Nigeria) – Sale a 464 il bilancio dei morti in Nigeria in quattro giorni di scontri nella città di Jos, nel centro del Paese. Lo riferiscono fonti di una moschea locale e di gruppi per la difesa dei diritti umani. Gli scontri fra cristiani e musulmani, esplosi domenica quando dei giovani hanno iniziato a protestare contro la costruzione di una moschea in un quartiere cristiano di Jos, la capitale dello stato di Plateau in Nigeria a 750 chilometri a nord ovest di Lagos, hanno portato a 300 il bilancio delle vittime ed a 20.000 il numero dei cittadini sfollati per ragioni di sicurezza. Secondo Human Rights Watch sarebbero 65 i cristiani morti nei quattro giorni di scontri nella città nigeriana di Jos, nel centro del Paese. Non vi è al momento conferma del bilancio da parte di fonti della comunità cristiana.
.
”La piu’ grande sfida che ci troviamo a fronteggiare è quella di fornire cibo, cure ed acqua agli sfollati che si trovano nei campi ed il cui numero si è gonfiato fino a 20.000”, ha detto Mark Lipdo, coordinatore della Stefanus Aid, un’agenzia di soccorso locale. Nella città, in cui a seguito degli scontri hanno perso la vita circa 300 persone, a causa del coprifuoco è difficile ottenere rifornimenti alimentari, medicinali ed acqua.
.
”La situazione degli sfollati è peggiorata”, ha detto il capo della Croce Rossa Awwalu Mohammed, spiegando che, per via dell’eccesso di sfollati, ”In 5 campi di soccorso sono scoppiate le tubature”. Ieri, il vicepresidente del paese Jonathan Goodluck ha ordinato un aumento delle forze di sicurezza nella città ed un coprifuoco di 24 ore a tutta la popolazione.

.
I soldati musulmani si schierano. L’esercito, stando ad alcune fonti, fatica a riportare la situazione sotto controllo e c’è il rischio che i soldati Hausa (etnia prevalente nel nord a maggioranza musulmana) possano schierarsi al fianco di una delle due comunità in lotta. Un sospetto, questo, confermato anche da alcune testimonianze raccolte dalla BBC, che parlano della presenza nelle strade di rivoltosi travestiti con uniformi militari. Intanto, altri aerei dell’aviazione militare sono atterrati, ieri sera e questa mattina, all’aeroporto di Jos con nuove truppe di rinforzo. Il vice presidente della Nigeria, Goodluck, (il capo dello Stato, Umaru Musa Yar’Adua, è dal novembre scorso ricoverato in Arabia Saudita per problemi di salute), ha affermato, in un comunicato pubblicato oggi dai principali quotidiani, che il “governo è assolutamente determinato a trovare una soluzione permanente e definitiva alla crisi nello stato di Plateau”.
.
Gli italiani stanno bene. Stanno bene, invece, la decina di italiani che vivono nella zona di Jos: “non risulta al momento il coinvolgimento di nostri connazionali negli episodi di violenza”, ha detto all’Agi l’ambasciatore d’Italia ad Abuja, Roberto Colaminè. “Siamo in costante contatto con i nostri concittadini” – ha proseguito – “stanno rispettando il coprifuoco e le consegne del governo nigeriano e sono in contatto tra loro stessi”, mentre l’ambasciata è in collegamento con l’unità di crisi della Farnesina.
.
L’analisi dell’arcivescovo di Jos. Sono da ricercarsi nei contrasti etnici, più che in quelli religiosi, le ragioni che hanno portato alle violenze di questi giorni in Nigeria. Ad affermarlo è Mons. Ignatius Ayau Kaigama, l’arcivescovo di Jos. “Le versione che sono state finora pubblicate sull’origine degli scontri in Nigeria non sono corrette. In particolare non è vero che sia stata attaccata e bruciata una chiesa”, ha detto Kaigama all’Agenzia cattolica Fides. “Un’altra versione riportata dalla stampa afferma che la scintilla che ha provocato gli scontri sarebbe stata l’assalto al cantiere di una casa in costruzione di un musulmano. Ma anche questo fatto va accertato” dice l’Arcivescovo di Jos. Secondo Mons. Kaigama “all’origine degli scontri odierni, come quelli del novembre 2008, vi sono i contrasti tra gli Hausa, di religione musulmana, e le popolazioni indigene, in gran parte cristiane, per il controllo politico della città”.
.
Alle origini dei conflitti. La nigeria è il paese più popoloso dell’Africa, con oltre 150 milioni di abitanti. Dopo aver vissuto una serie di colpi di stato, dal 1999 ha un presidente eletto dal popolo. Ma i conflitti etnici e interreligiosi, che negli ultimi anni hanno provocato migliaia di morti, stanno minando la stabilità di questa repubblica federale, indipendente dal 1960.
.
Legge islamica a nord. L’imposizione della legge islamica in alcuni stati ha causato divisioni tra la popolazione e costretto migliaia di cristiani ad abbandonare le proprie case. Così il paese si ritrova diviso, con il nord abitato dagli hausa-fulani in maggioranza di religione islamica, il sud-ovest popolato dagli yoruba e il sud est dagli igbo, entrambi di fede cristiana.
.
Il “corto circuito” tra due comunità. Ma in alcune città del paese come Jos,  le due comunità vivono a stretto contatto e ogni minima provocazione può far esplodere le violenze. Come tre giorni fa con gli scontri fra cristiani e musulmani, provocati dalla decisione di costruire una moschea nel quartiere a maggioranza cristiana di Nassarawa Gwom, che sono costati la vita a circa 300 persone.
.
Gruppi ispirati ad Al-Qaeda. Nel luglio 2009, l’assalto di militanti islamici di Boko Haram – che si richiamano ai talebani dell’Afghanistan – contro una stazione di polizia a Bauchi, nel nord della Nigeria, hanno dato il via ad un’ondata di violenze con oltre 700 morti. Nel dicembre scorso, nuovi scontri tra le forze di sicurezza nigeriane e membri della setta islamica di Kala-Kato, nello stato di Bauchi hanno provocato 33 morti.
.
Delta del niger. Discorso a parte per la regione del delta del Niger, ricco di petrolio, dove opera il Mend, Movimento per l’Emancipazione del Delta del Niger, con azioni di sabotaggio contro gli impianti delle compagnie petrolifere occidentali. Il Mend chiede che i profitti generati dall’oro nero estratto in Nigeria siano ridistribuiti tra la popolazione. Nel 2006 il Mend rivendicò il rapimento di tre tecnici italiani dell’Agip, successivamente liberati nel 2007.
.
20 gennaio 2010
.
____________________________________________________________
ATROCITA’, DA UNA PARTE E DALL’ALTRA

Jos Nigeria, burnet Christian churches [sharia law of islam in Nigeria Africa] – July 27 ,2009

Group of Cristian in Army uniform killing Muslims in the name of Jesus, in Jos Plateau Nigeria – December 30, 2009

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: