LA DESTRA E LA FAME DI CULTURA – Arte, Sgarbi al potere

https://i0.wp.com/api.ning.com/files/sdZxklXm2TWJ2cpvetr5iwa-ymYTfJT4x7dK1iQFfs0_/0134.jpg

Arte, Sgarbi al potere

.

di Stefano Miliani

tutti gli articoli dell’autore

.

«Ora che sono stato nominato direttore del Padiglione Italia per la Biennale 2011 posso finalmente dire con serenità che esiste una mafia nell’arte. Ci sono artisti come Cattelan, Damien Hirst e Vanessa Beecroft che sono  diventati obbligatori. C’è un mondo di interessi economici che consacra alcuni a danno di altri. Mafia è rendere alcuni autori obbligatori e relegarne altri nell’ombra. Mi hanno messo nel massimo del casino. A Venezia sarò il primo commissario antimafia dell’arte, e non avrei potuto divertirmi di più». Come potrete immaginare, chi ha rilasciato questa dichiarazione è un professionista delle frasi ad effetto, il critico d’arte nonché opinionista televisivo con urla incorporate nonché a suo tempo parlamentare per Forza Italia Vittorio Sgarbi. Ora si paragona ai commissari antimafia che rischiano la pelle e devono privarsi spesso di una vita privata decente.

Come probabilmente saprete, e se non lo sapete ve lo segnaliamo, Sgarbi succede al duo dei precedenti critici Luca Beatrice e Beatrice Buscaroli (entrambi di destra) e sceglierà lui gli artisti dello spazio italiano della prossima Biennale. Lo ha incaricato Sandro Bondi, ministro per i beni culturali che, subito dopo le elezioni regionali, potrebbe lasciare il posto che non ha mai amato al governatore in uscita dal Veneto, Galan. Bondi, in uno slancio di generosità, ha consegnato a Sgarbi un altro incarico di peso e di potere: vaglierà lui le opere che acquisterà il museo d’arte contemporanea Maxxi di Roma la cui apertura è programmata per la primavera. La doppia nomina ha un senso logico: mettere la destra, che nell’arte contemporanea è sempre stata ai margini perché non gliene fregava niente, al centro di un sistema finora sbirciato solo durante i cocktail e le inaugurazioni. La destra al potere vuole occupare anche spazi culturali a lei poco familiari perché li snobbava e non perché – come usano raccontare molti – c’erano i comunisti al potere.

Il critico d’arte, che conosce bene quella antica, ha già detto qualcosa. Alla Biennale gli piacerebbe portare il Cristo Morto di Mantegna, dipinto magistrale, opera fragilissima che quando era sottosegretario ai beni culturali  Sgarbi riuscì ad avere in prestito per una mostra a Mantova nonostante il parere contrario dei tecnici. Potenza del potere… Alla Biennale farà di tutto per suscitare polemiche e ci riuscirà. Non esclude uno sperimentatore come Damien Hirst (geniale nell’usare il mercato peraltro) e già lancia qualche sasso: ha detto che al Maxxi vorrà artisti come Gnoli (pittore di gran vaglia, in effetti) Guarenti, Guccione, Ferroni, Sughi, Cordelia Von den Steinen, svizzera, vedova di Pietro Cascella, scultrice figurativa. Il segnale è però più complesso dello stesso Sgarbi e questa nomina ne è una delle tante spie: la destra vuole prendersi ogni spazio e vuole “restaurare” culturalmente e politicamente parlando. Anche un quadro può servire.
.

22 gennaio 2010
.
____________________________________________________________
.

Copertina del libro 'Sgarbi con truffa'Sgarbi con truffa

.

Alessandro Roveri
SGARBI CON TRUFFA
Prodezze e sconcezze di Vittorio Sgarbi
Pagg. 199 – € 12,91 – ISBN 88-7953-065-8
.

Il D’Annunzio della Standa. Edipo in provincia di Ferrara. La politica come avanspettacolo. Un giullare per il potere. Un truffatore “garantista”. Inganni quotidiani. L’assenteista pluricandidato. “Manutengolo del regime”. L’ascaro del partito-azienda. Rivolta popolare. Un privato degno del pubblico. Nuove prodezze, nuove sconcezze…

In appendice, il testo della sentenza della Pretura di Venezia che ha condannato lo Sgarbi per il reato di falso e truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato.

clicca sull’immagine per andare al catalogo Kaos Edizioni

.

ALESSANDRO ROVERI (Cattolica, 1929) è stato docente di Storia presso l’Università di Ferrara. Tra le sue pubblicazioni: Le cause del fascismo (Il Mulino, 1985); Da Versailles a Hitler (Mondadori, 1991); Mussolini (Mondadori, 1994); Il socialismo tradito (La Nuova Italia, 1995); Breve storia della Rivoluzione francese (ESI, 1995).

3 risposte a “LA DESTRA E LA FAME DI CULTURA – Arte, Sgarbi al potere”

  1. Dario dice :

    Sgarbi di arte non ci capisce nulla;vi ricordate le sculture di Modigliani?se non erro Sgarbi disse che erano autentiche ,e che sicuramente l’aveva fatte Modi’.Lui usa delle belle parole,perchè le sa a memoria,ha una bella parlantina ,ma di arte vera ,l’arte sudata ,l’arte che fa’ la fame,l’arte che viene riconosciuta dopo che un artista èmorto di fame,perchè non aveva i soldi per comperare i colori e nemmeno i soldi per il pane;Di quest’arte io parlo e di questa Sgarbi non capisce niente.Lui dovrebbe andare in un negozio di Belle Arti ,comperarsi dei colori,dei pennellie delle tele,e poi dipingere per 50 anni.Dopo tutto questo può fare il critico d’arte.Dario Ciccalè

  2. dario ciccalè dice :

    E adesso per finire a rovinare l’arte,l’hanno fatto direttore della biennale…..sto parlando ,per chi non l’avesse capito,del signor Scarbi.Adesso siamo sistemati per le feste.Dario Ciccalè

  3. dario ciccale dice :

    Se prima ero convinto che l’arte italiana era finita ,adesso con Sgarbi le possiamo fare i funerali .Siamo caduti nella merda,non ci salverà più nessuno,poi inutile che sto parlando al vento ,tanto non mi sentirà nessuno.DARIO CICCALE’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: