Obama contro la Corte suprema: “La sentenza sulle lobby un colpo alla democrazia”

Durissimo discorso del presidente dopo la decisione dei giudici di abolire le restrizioni ai finanziamenti alla politica

Obama contro la Corte suprema
“Sentenza sulle lobby colpo alla democrazia”

.

Obama contro la Corte suprema "Sentenza sulle lobby  colpo alla democrazia"
.

WASHINGTON – Barack Obama ha definito “un colpo alla democrazia” americana la sentenza della Corte suprema che ha eliminato le restrizioni ai finanziamenti delle campagne elettorali da parte dei gruppi di pressione. “Questa sentenza apre la strada a un ammontare illimitato di denaro proveniente da gruppi di pressione e dà ai lobbisti nuovi mezzi per spendere milioni di dollari in pubblicità per persuadere i rappresentanti eletti dal popolo a votare come loro vogliono o, in caso contrario, ad essere puniti”, ha dichiarato il presidente americano nel suo discorso radiofonico settimanale. In particolare Obama ha messo in guardia sul rischio che ora entrino “in gioco anche gruppi stranieri”.

“Non posso pensare a nulla di più devastante per l’interesse pubblico: non abbiano bisogno di dare voce ulteriore ai potenti interessi che ogni giorno soffocano quelle degli americani comuni”, ha concluso Obama annunciando di aver dato istruzioni all’Amministrazione affinché collabori con il Congresso per mettere a punto “una forte risposta bipartisan” alla sentenza.

La sentenza della Corte suprema, approvata giovedì scorso con un risicato 5-4, ha abolito  le restrizioni imposte 20 anni fa alle donazioni dei grandi gruppi economici per appoggiare o contrastare candidati a cariche elettive e potrebbe favorire i repubblicani in vista delle elezioni di medio termine a novembre. “Nel mio primo anno da presidente, abbiamo respinto l’influenza dei poteri forti portando avanti riforme che riducono l’influenza delle lobby”, ha ricordato Obama citando la legge che proibisce al governo di assumere ex lobbisti federali e la pubblicazione dell’elenco dei visitatori della Casa Bianca. “Questa sentenza colpisce la nostra stessa democrazia e rovescia più di un secolo di diritto”.

.
23 gennaio 2010
.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: