Archive | gennaio 24, 2010

Primarie in Puglia, Vendola in testa

https://i2.wp.com/www.unita.it/img/upload/image/AREA%202%20304x254/ITALIA/boccia_vendola.jpgI due candidati alla presidenza della Puglia, Vendola e Boccia

Primarie in Puglia, Vendola in testa.

«Oltre 150mila al voto»

.
ROMA
Dai primi dati che stanno affluendo
da tutta la Puglia al comitato elettorale di Nichi Vendola si profila una netta vittoria del presidente uscente della Regione sul concorrente Francesco Boccia alle primarie per conquistare la candidatura per il centrosinistra. Secondo quanto dichiarato da Nicola Fratoianni, braccio destro di Vendola e coordinatore pugliese di sinistra e libertà«il dato riguarda oltre il 30% dei seggi in tutte le province e dà un 70% a favore di Vendola. Il dato si va consolidando in modo irreversibile».

Arrivano anche i primi dati sui votanti. «L’affluenza è buona ed essendo noi esperti di primarie le proiezioni ci dicono che supereremo i 170.000 votanti, e andremo oltre il numero di quelli che hanno votato alle primarie del Pd il 25 ottobre scorso». Lo ha detto Francesco Boccia, candidato del Pd alle primarie in Puglia. Boccia, che non ha voluto fare previsioni sull’esito del voto, ha parlato di un «buon clima di partecipazione democratica».

A Venezia scelto l’anti-Brunetta. Giorgio Orsoni, ha vinto le primarie con il 46% dei voti, ed è il candidato sindaco di Venezia per il centrosinistra. Ha battuto Gianfranco Bettin (35,37%) e Laura Fincato (18,62%).

.
24 gennaio 2010
.
Annunci

Puglia, il Pd alla prova primarie: Migliaia al voto, code ai seggi

PRIMARIE ANCHE A VENEZIA

Puglia, il Pd alla prova primarie
Migliaia al voto, code ai seggi

Sfida tra l’economista Francesco Boccia e il governatore uscente Nichi Vendola. Il Pdl sceglie Palese

Nichi Vendola (Emblema)
Nichi Vendola (Emblema)

MILANO – Code, in alcuni casi lunghe anche decine di metri, davanti ai seggi, che si sono chiusi domenica alle 21. Dopo mesi di polemiche e veleni, per il centrosinistra pugliese è stato il giorno delle primarie. Per scegliere il candidato che dovrà correre alle regionali del prossimo marzo tra Nichi Vendola e Francesco Boccia. E sfidare Rocco Palese il candidato del Pdl, attuale capogruppo in Regione ed ex assessore al Bilancio.

RISULTATI – I risultati dovrebbero essere diffusi in nottata. «L’affluenza è buona e le proiezioni ci dicono che supereremo i 170 mila votanti, oltre il numero di quelli che hanno votato alle primarie del Pd il 25 ottobre scorso», ha detto Boccia due ore prima della chiusura dei seggi. In base alle stime fatte, il comitato prevede che alla fine saranno almeno 200 mila i pugliesi che avranno espresso la loro preferenza tra i due rivali.

LA SFIDA – Quello in Puglia è un voto delicato, soprattutto per il Partito democratico che ufficialmente sostiene Boccia contro il governatore uscente Vendola. Di fatto, lo stesso film andato in onda cinque anni fa, quando prevalse l’allora esponente di Rifondazione contro ogni pronostico. Anche oggi, come nel 2005, Boccia può contare in teoria sul sostegno di tutto il Pd (allora erano Ds e Margherita), ma è noto che molti esponenti democratici sono schierati con Vendola. Una vittoria di Vendola rischia di aprire accese discussioni tra i democratici. Per Boccia sono scesi in Puglia a fare campagna elettorale il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, il capogruppo alla Camera Dario Franceschini e Giuseppe Fioroni, senza contare Massimo D’Alema che ha trascorso nella regione praticamente tutta l’ultima settimana. I democratici tentano di attuare in Puglia la loro linea nazionale: dare vita a una coalizione larga che tenga insieme l’opposizione parlamentare: Pd, Udc e Idv. Ma il leader dei centristi Pier Ferdinando Casini ha precisato: «Se vince Vendola non ci sarà spazio per un’alleanza».

PRIMARIE ANCHE A VENEZIA – Primarie del centrosinistra anche a Venezia, per scegliere il candidato alle prossime comunali. Alla chiusura dei seggi alle 20 i votanti sono risultati 12.900 (furono poco meno di 18 mila il 25 ottobre per Bersani), solo 10% dei veneziani che nel 2005 parteciparono al ballottaggio fra Cacciari e Casson. «Sono il candidato sindaco di centrosinistra. E posso battere Renato Brunetta», ha detto Giorgio Orsoni, uno dei tre concorrenti – insieme a Gianfranco Bettin e Laura Fincato – alle primarie per la scelta del candidato sindaco. «Questa è la mia città da sempre e merita un sindaco a tempo pieno, non uno che si barcamena tra due lavori super impegnativi», ha detto Orsoni in un’intervista al Corriere della Sera.

Redazione online
24 gennaio 2010

.

fonte:  http://www.corriere.it/politica/10_gennaio_24/primarie-puglia-venezia_ea621966-08c7-11df-a931-00144f02aabe.shtml


PROCESSO BREVE – Intervista a Saviano: “I criminali se la caveranno a pagare è chi aspetta giustizia”

http://prcmuggio.files.wordpress.com/2009/11/saviano2.jpg

L’INTERVISTA. processo breve, parla lo scrittore di Gomorra
“Ma le 500mila firme al mio appello non sono state vane” 

Saviano: “I criminali se la caveranno, a pagare è chi aspetta giustizia”

.

di CARMELO LOPAPA

.

ROMA – “Non si possono velocizzare i processi a discapito di chi sta attendendo giustizia. Adesso il messaggio è chiaro. Se in Italia qualcuno pensa di avere risposta dallo Stato, sa che spesso potrà non averla. E chi al contrario percorre strade trasversali alla legalità, quelle della criminalità organizzata e non solo, avrà la consapevolezza di potersela cavare. Che esistono le regole, ma che possono essere corrette”.

.
Roberto Saviano, che accadrà quando il processo breve diventerà legge col voto della Camera?
“Per capirlo bisogna ricorrere ad alcune immagini. Processo Spartacus, quello che nei giorni scorsi ha portato alla condanna all’ergastolo in Cassazione per 16 boss della vecchia guardia casalese: con questa legge il primo grado non sarebbe rientrato nei tempi. Sarebbe stato impossibile dimostrare che lo Stato persegue i reati, che è in grado, magari con lentezza, di condannare i colpevoli. Ancora, col processo breve giungeranno a prescrizione i maggiori processi in corso per incidenti sul lavoro. Processi che purtroppo necessitano di tempi lunghi per via delle perizie tecniche e a causa della lentezza della macchina giudiziaria. Per non parlare in ultimo della colpa medica. Tutte le persone che hanno subito interventi medici segnati da errori o terapie sbagliate vedranno cancellato il loro processo”.

I cittadini hanno diritto a tempi rapidi, è la tesi del governo.
“Ma perché i cittadini devono pagare due volte? Prima, attendendo tempi lunghissimi per il giudizio. Poi, durante il processo, vedendo cancellata la speranza di avere giustizia? Vero, bisogna velocizzare i processi. La lentezza della macchina giudiziaria italiana è scandalosa, ancor più per un paese che si definisce democratico. Prioritario e giusto velocizzarla. Ma rendendola più efficiente, mettendola in grado di funzionare. Non si può pensare di velocizzare a discapito di chi cerca giustizia”.

Obiezioni valide, se non si trattasse di una legge ad personam.
“Basterebbe poco per dimostrare che non si tratti di una norma che fa gli interessi di qualcuno. Dire: ecco, questa legge entrerà in vigore da domani, a partire dai nuovi processi, non ha valore retroattivo. Ma purtroppo così non è”.

Ritiene che tra i rischi vi sia quello della diffusione di un senso di impunità, una sorta di incentivo involontario alla criminalità organizzata?
“Il rischio c’è. La criminalità organizzata, e non solo, potrà pensare di cavarsela sempre. Che le regole ci sono ma modificabili”.

Il suo appello contro il processo breve, attraverso il nostro giornale e il sito, ha raccolto 500 mila firme. È stato tutto vano?
“Non è stato vano. Quelle centinaia di migliaia di persone sono lì a ricordare che quella non è una legge condivisa, che non va nella direzione della democrazia. Su questo, concordano molti elettori del centrodestra. Mi chiedo con che faccia, da domani, i rappresentanti del governo potranno guardare negli occhi chi chiede giustizia e non potrà più averne”.

Ormai la legge è in dirittura d’arrivo. In cosa spera?
“Spero ci sia ancora un margine perché rinsavisca chi crede ancora nello Stato. Se poi la legge sul processo breve verrà approvata anche dalla Camera, allora spero che venga rimandata in Parlamento”.

Da domani, lei inizierà un seminario alla Normale di Pisa. Sarà uno dei più giovani docenti.
“Il direttore della Normale, Salvatore Settis, mi ha offerto la possibilità di tenere un seminario e la cosa mi gratifica e mi entusiasma. Terrò un seminario su “metodo e analisi criminale”, applicata sia al genere letterario che ai metodi investigativi”.

Saviano in cattedra, per dire cosa?
“Nella prima lezione, cercherò di dimostrare come l’immigrazione nel Sud Italia stia diventando uno strumento di lotta alla mafia. Come, a partire dagli anni ’70, le grandi città meridionali si siano svuotate a causa dell’emigrazione e africani e immigrati abbiano coperto quei vuoti. Ma non riproducendo più il sistema criminale preesistente, anzi cercando di scardinarlo. Il caso Rosarno lo dimostra”.

E il suo obiettivo, al di là del messaggio?
“Fornire informazioni alle nuove generazioni. Sarà come servire ai ragazzi dei picconi, delle torce sui caschi. Spero così di costruire un metodo attraverso il quale aiutare a guardare con occhi diversi la realtà”.

21 gennaio 2010
.

Brunetta, proposta anti-bamboccioni: «Ai giovani 500 euro al mese». I soldi? Togliendoli ai pensionati

L’opposizione e i sindacati: «Pura propaganda. Dica cose serie»

https://i0.wp.com/crisis.blogosfere.it/images/bamboccioni-thumb.jpg

Brunetta, proposta anti-bamboccioni:
«Ai giovani 500 euro al mese»

Il ministro in tv: «Le risorse? Si deve agire sulle pensioni di anzianità, Tremonti è d’accordo»

.

MILANO – Cinquecento euro al mese per i giovani, agendo sulle pensioni di anzianità, per aiutarli così ad uscire di casa. È la proposta anti-bamboccioni che il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, ha avanzato durante la puntata di Domenica In su Raiuno. «La verità – ha detto Brunetta, tornando sul tema del fenomeno dei “bamboccioni” – è che la coperta è piccola e quindi non ci sono risorse per tutti. Secondo me si deve agire sulle pensioni di anzianità, quelle che partono dai 55 anni di età. Facendo in questo modo si potrebbero trovare risorse che consentirebbero di dare ai giovani non 200 ma 500 euro al mese» ha spiegato il ministro, sottolineando che su questa proposta «è d’accordo anche il ministro Tremonti». In tv Brunetta ha riconosciuto che «una proposta del genere scatenerebbe le proteste dei sindacati, che sono quelli che difendono i genitori», ma per il ministro si deve andare nella direzione di dare «meno ai genitori e più ai figli». «L’Italia – ha aggiunto il ministro – è piena di giovani perbene, che rischiano e che vogliono la libertà. La colpa, se hanno la libertà tarpata, è nostra, dei loro genitori».

LA NOTA – Dopo le dichiarazioni a Domenica In di Brunetta, il portavoce del ministro della Pubblica amministrazione ha fatto delle precisazioni attraverso una nota: «Qualsiasi intervento a favore dei giovani come i 500 euro di sgravi, detrazioni sugli affitti, borse di studio, prestiti d’onore, incentivi per autoimprenditorialità e altro, ipotizzati oggi dal ministro Brunetta su Raiuno, va realizzato, come ha ben precisato lo stesso ministro, senza aggravare in alcun modo il deficit di bilancio della spesa corrente». «Le risorse necessarie – si legge ancora nel comunicato – vanno quindi reperite intervenendo interamente sulle anomalie e sulle distorsioni del sistema pensionistico e di welfare che, come noto, dà troppo ai padri e quasi nulla ai figli». «Su questa e altre ipotesi a favore dei giovani – conclude la nota – il dibattito è aperto e il ministro Brunetta ne parlerà nei prossimi giorni con i competenti membri del Governo, a partire dai ministri Tremonti, Sacconi, Meloni e Gelmini».

REAZIONI – La proposta fatta da Brunetta in tv non è comunque piaciuta a Paolo Ferrero, portavoce nazionale della Federazione della sinistra. «La proposta di dare soldi ai giovani togliendoli ai pensionati è delinquenziale. Punta a scatenare una guerra tra poveri dentro un folle conflitto tra generazioni. Si tassino i grandi patrimoni, le rendite e i redditi più alti». «Brunetta, nella sua voglia di comparire, ha affrontato un argomento drammaticamente serio con una proposta che suona come una battuta o una vera e propria sparata», ha detto Filippo Penati, capo della segreteria politica Pd e candidato presidente della Lombardia. «Si facciano cose serie senza demagogie o proposte assurde». Per Antonio Di Pietro, leader dell’Italia dei valori, «invece della riduzione delle tasse, arriva la promessa di 500 euro per i giovani da finanziare con le pensioni invece che con i soldi degli evasori. A rimetterci sono sempre gli stessi, le fasce sociali più deboli, e il vantaggio è sempre dei soliti furbetti del quartierino». Nettamente contrari anche i sindacati. Per il segretario generale dello Spi Cgil, Carla Cantone, «Brunetta, sempre in cerca di visibilità, ha esternato un’altra delle sue boutade, in modo irresponsabile e provocatorio. Non serve a nessuno in questo Paese alimentare contrapposizioni di tipo generazionale». Per Domenico Proietti, segretario confederale della Uil con delega alla previdenza, l’idea di Brunetta «sembra una proposta che toglie ai poveri per dare ai poveri».

PRO BRUNETTA – La maggioranza fa quadrato intorno a Brunetta. «Contro le proposte di Brunetta si è levata un’assemblea di immobilisti e conservatori, di comunisti ideologici, verdi del no a tutto, sindacalisti desiderosi di mantenere una società ingessata», ha commentato il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone. Il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, all’Adnkronos dice che «da tempo auspichiamo e rivendichiamo la necessità di redistribuire con maggiore equità le risorse del welfare a favore delle giovani generazioni».

//

«ABBIAMO TOCCATO UN NERVO SCOPERTO»In mattinata Brunetta era tornato a esprimersi sul tema dei “bamboccioni” anche ai microfoni di Rtl. Ricordando le polemiche scatenate la scorsa settimana dalla sua proposta di far uscire «per legge» i diciottenni da casa, Brunetta ha detto: «L’ho detto per scherzo, come paradosso, ma è successa un’ira di Dio perché evidentemente abbiamo toccato un nervo scoperto, che è quello del familismo da un lato e del bamboccionismo culturale prodotto dai nostri egoismi dall’altro». Insomma, quella sulla ‘legge anti-bamboccionì era solo «una lucida provocazione», mentre per Brunetta la vera colpa «non è dei giovani ma dell’egoismo e della miopia dei genitori, che sono iperprotetti dal welfare e lasciano pochissimo spazio di lavoro e garanzie ai giovani, e in cambio se li tengono in casa». Per il ministro della Pubblica amministrazione, al di là delle polemiche, bisogna fare «un esame di coscienza, dare prospettive di libertà di scelta ai giovani e non di costrizione: non c’è lavoro, nelle università non ci sono campus e borse di studio, la preparazione delle università non è abbastanza buona. Infine – ha detto Brunetta – tra pensioni di anzianità e welfare, tutta la stabilità va ai padri, mentre tutta la flessibilità rimane ai figli».

Redazione online
24 gennaio 2010

.

fonte:  http://www.corriere.it/politica/10_gennaio_24/brunetta-assegno-giovani_293e99ac-08f5-11df-a931-00144f02aabe.shtml


CASSAZIONE: “Possibile mandare a quel paese i vigili”

https://i1.wp.com/www.pricesharing.it/wp-content/uploads/Vigili%20urbani.jpg

“Possibile mandare a quel paese i vigili”

Storica sentenza della Corte di Cassazione che, però, precisa: “la minaccia al ‘pizzardone’ va assolta nel caso in cui la multa sia stata fatta ad un automobilista che abbia “contingenze prioritarie che prevalgano su ogni altra esigenza”

.

Dopo anni di battaglie verbali, giocate sul filo della provocazione da parte degli automobilisti, ora arriva una sorta di (incredibile) via libera: ci sono casi in cui si può mandare ‘a quel paese’ il vigile perchè ha elevato una contravvenzione. La legittimazione totale arriva direttamente dalla Corte di Cassazione che, però, precisa: “la minaccia al ‘pizzardone’ va assolta nel caso in cui la multa sia stata fatta ad un automobilista che abbia “contingenze prioritarie che prevalgano su ogni altra esigenza”. Ecco perchè la Sesta sezione penale – sentenza 1997- ha annullato una doppia condanna per il reato di mianccia ad un medico catanese, Antonio C. che venne multato dalla polizia municipale per auto in divieto di sosta con rimozione forzata.

Il medico, chiamato per una visita cardiologica urgente, aveva lasciato la macchina in divieto e, vedendo i vigili elevargli la contravvenzione, si era rivolto loro dicendo: “fatemi la contravvenzione e io vi farò vedere l’inferno.

Una minaccia da condannare sia per il Tribunale che per la Corte d’appello di Catania (maggio 2008). La difesa di Antonio C. ha fatto ricorso con successo in Cassazione sostenendo che in questo caso doveva scattare “l’esimente dell’adempimento del dovere” non escludibile “in ragione dello scarso livello di sensibilità dimostrato verso la difficile opera di controllo del traffico e delle esigenze della collettività”.

Piazza Cavour, contrariamente alle richieste della pubblica accusa, ha accolto il ricorso del medico e ha evidenziato che Antonio C. “reagì all’operato dei vigili con l’atteggiamento di chi ritiene che il proprio compito contingente sia prioritario e prevalga su ogni altra esigenza e, in tale ottica, pretende che chiunque comprenda e condivida tale valutazione”.

Quando, dunque, i vigili, “deludendo tale aspettativa – dice la Cassazione -, insistettero nel loro atteggiamento, anche per i problemi che la macchina in divieto causava alla circolazione, gli venne naturale reagire con una frase che, al di là del suo obiettivo contenuto minatorio, voleva sostanzialmente esprimere, nella sua stessa enfasi, solo un’esasperata protesta verso quella che gli appariva come un’importuna e ottusa interferenza nell’urgente compito del suo dovere professionale e, non era, quindi, soggettivamente caratterizzata da reale volontà di coartazione”. Da qui l’annullamento della sentenza di condanna “perchè il fatto non costituisce reato”.

Immediate le reazioni: “Abbiamo letto che per la Cassazione si può mandare a quel paese un Vigile Urbano nel caso in cui la multa sia stata fatta ad un automobilista che abbia contingenze prioritarie che prevalgano su ogni altra esigenza. Per ogni individuo, egoisticamente, la propria contingenza sarà sempre più prevalente rispetto a quello della collettività e cosi facendo si apriranno decine di cause per stabilire quali erano queste priorità”. Lo dichiara Alessandro Marchetti, segretario generale aggiunto del Sulpm, commentando la sentenza della Cassazione secondo la quale a volte si può mandare “a quel paese” i vigili.

“Una cosa poi è annullare delle multe per giustificare la necessità e un altra è assolvere pure chi manda a quel paese l’Autorità che deve far rispettare le regole – aggiunge – Con lo stesso ragionamentoáda oggiáun imputato assolto in una causa potrà mandare a quel paese il Pubblico ministero che l’aveva indagato in quanto non aveva capito le sue ragioni.áA parte che la Cassazione cosi facendoáassolve la maleducazione e indebolisce l’Autorità pubblica, ci sembra che certe sentenze vengano fatte sull’onda della popolarità per poter finire sui giornali. Comunque – conclude Marchetti – visto che a quel paese ci dobbiamo andare, speriamo di andarci insieme agli ‘ermellini’, almeno ci andiamo tutti in compagnia”.

.

24 gennaio 2010

fonte:  http://www.repubblica.it/motori/attualita/2010/01/24/news/cassazione_possibile_mandare_a_quel_paese_i_vigili-2062089/?rss

Le canzoni di De André per promuovere i diritti umani / Un viaggio nel Mediterraneo sulle tracce di “Creuza de ma”

Le canzoni di De André per promuovere i diritti umani

Lunedí 18.01.2010 08:20
.

L’associazione musicoterapica di volontariato “La Stravaganza” Onlus, attiva nella riabilitazione sociale e culturale, debutterà al Teatro Franco Parenti di Milano (dal 18 al 21 febbraio) con il suo nuovo progetto teatrale-musicale “Ostinati e Contrari”: spettacolo che assume la poetica di Fabrizio De Andrè come punto di partenza per creare un’opera di denuncia sociale e culturale sui diritti civili e umani. Con “Ostinati e Contrari”, per la regia di Sebastiano Filocamo, l’associazione ha voluto testimoniare la lezione di vita di Fabrizio De Andrè (di cui ricorre il 18 febbraio il settantesimo compleanno) e rendere omaggio alla continuità della sua opera, attraverso un lavoro multimediale dove “integrare” è il verbo sul quale si regge lo spettacolo: integrazione tra le persone (diversamente abili, professionisti, operatori e volontari), integrazione tra le arti (musica, canto, poesia, recitazione, danza, immagine visiva).

Fabrizio De Andrè
Fabrizio De Andrè

Un’opera per scoprire attraverso i testi e la musica di De Andrè le storie, le poesie, gli uomini, le donne, gli accadimenti, le fortune e le disgrazie. Il tutto racchiuso nelle undici canzoni scelte (riarrangiate per voci soliste e coro) che si intrecciano con immagini visive (prodotte da diversi video maker), ciascuna delle quali rappresenta mondi umani differenti, figure e consapevolezze diverse. Il progetto è realizzato con il patrocinio morale della Fondazione De Andrè Onlus in co-produzione con il Teatro Franco Parenti, in collaborazione con il Parlamento Europeo e con il Patrocinio della Provincia di Milano, del Comune di Milano, della Fondazione Cariplo, del Cral-Regione Lombardia e di molti altri enti che hanno storicamente appoggiato l’associazione sia a livello italiano che europeo.

.

fonte:  http://www.affaritaliani.it/sociale/milano_canzoni_di_de_andre_per_promuovere_diritti_umani140110_1.html

____________________________________________________________

Fabrizio ‘racconta’ Creuza de Ma

Il regista parla del progetto ispirato al cantautore scomparso l’11 gennaio 1999
Mauro Pagani ha collaborato al soggetto e alla colonna sonora 

Un viaggio nel Mediterraneo
sulle tracce di “Creuza de ma”

Bruno Bigoni ha navigato su un cargo ripercorrendo le tappe del marinaio genovese cantato da Fabrizio De André, voce narrante del suo film “Il colore del vento”

.

di RITA CELI

.

UN VIAGGIO in mare seguendo la rotta di Crêuza de mä. Un progetto di Bruno Bigoni fatto di immagini e suoni, musica e storie, porti e città raccontati nel documentario Il colore del vento, attualmente in fase di lavorazione, che uscirà nelle sale tra qualche mese. Come il marinaio protagonista del disco di Fabrizio De André, il regista ha navigato e ha toccato diversi porti del Mediterraneo cercando di cogliere le diverse realtà attraverso figure incontrate sul posto. E sono racconti pieni di dolore, di fatica, di fughe e approdi in terre poco ospitali, lontane dalle guerre ma non per questo più comprensive.

Bigoni, che ha già affrontato l’eredità del poeta genovese realizzando il documentario Faber e il volume Accordi eretici, ha avuto l’idea di questo nuovo e impegnativo progetto riascoltando Crêuza de mä riscoprendone la forza e l’attualità malgrado siano passati 25 anni dalla sua creazione. E non è il solo che sente di dover dire ancora qualcosa sul cantautore scomparso l’11 gennaio 1999. Come dimostrano i numerosi musicisti, artisti, studiosi e curiosi che a 11 anni dalla morte non smettono di proporre  approfondimenti, scoperte, sguardi inediti o rivisitazioni della sua opera.

L’autore non si è limitato ad affrontare la navigazione su un cargo, tornando più volte nei porti e nelle città, ma ha coinvolto nel progetto anche Mauro Pagani che, da autore del disco insieme a De André, ha contribuito alla stesura del soggetto e curerà la colonna sonora del documentario. Gli interventi parlati del cantautore genovese scandiscono le tappe del viaggio, diventando voce narrante e spina dorsale del film che non sarebbe mai nato senza il sostegno di Dori Ghezzi e della Fondazione Fabrizio De André che hanno concesso l’utilizzo dei materiali.

Crêuza de mä è un’opera fondamentale” racconta Bigoni. “Mauro Pagani dopo la rilettura che ne aveva fatto cinque anni fa pensava di aver finito con quel disco, ma evidentemente non è così e si è lasciato coinvolgere convinto anche lui della necessità di riattualizzare le tracce del cd che hanno immaginato questo marinaio genovese che attraversa mari, luoghi, epoche storiche, per vedere cosa resta di tutto questo mondo che gira intorno al Mediterraneo, solcato da pescatori e uomini che faticano ma anche da turisti in crociera”.

Un contrasto che esaspera le differenze, come dimostrano le tappe a Dubrovnik, dove i bombardamenti del ’91 fanno da sfondo alle parole di una ragazzina, e di Bari, dove Violeta racconta il suo viaggio dall’Albania e la difficile integrazione. Il mercantile fa quindi tappa a Itaca, Istanbul, Lampedusa, poi fa rotta verso il Medio Oriente fermandosi a Sidone e a Sousse, in Tunisia. Poi ancora Barcellona per incontrare l’ultima testimone della rivoluzione anarchica del ’36, e ancora Tangeri, per approdare infine a Genova ascoltando la storia di una giovane clandestina nigeriana giunta in Italia lungo la rotta degli schiavi e della prostituzione.

Alla fine del viaggio Bigoni non può che constatare le distanze. “Il Mediterraneo è sempre di più un mare che separa, in tanti secoli avrebbe dovuto cercare di unire popoli, usanze e lingue invece continua sempre di più ad allontanare questi mondi” commenta, tentando un riavvicinamento attraverso la musica con Mauro Pagani che si esibisce con la tunisina Mouna Amari. Ma non è abbastanza. “A Lampedusa, dove sono andato più volte, ho scoperto l’apertura e la disponibilità degli isolani verso gli extracomunitari che arrivano dal mare. Poi quando parli con i pescatori ti dicono che è un mare pieno di morti perché ne arrivano due ma sono partiti in cinque”.

Bigoni ha girato moltissimo materiale e ora è impegnato nel montaggio. “Il film dovrebbe essere pronto in primavera, ma la sfida è ancora più grande perché tutto è pensato per il cinema. Però vado avanti perché so di non essere il solo ad avere un debito inestinguibile nei confronti di Fabrizio De André perché lui, come Pasolini, ha anticipato i tempi, ha cantato e raccontato gli ultimi leggendo la realtà in termini poetici e la poesia è l’unica lingua universale in grado di parlare a tutti”.

Il titolo del documentario è stato preso dalle parole di un altra canzone di De André, “Il sogno di Maria” (da La buona novella): “io, per un giorno, per un momento, corsi a vedere il colore del vento”. “Non c’è un motivo particolare” spiega il regista, “mi è piaciuta l’immagine di Maria che esce dalla porta per vedere cosa c’è fuori e scopre che il vento ha colori diversi, come il mare”..

09 gennaio 2010

fonte:  http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2010/01/09/news/de_andr_doc_anniversario-1889168/

Primarie Puglia, l’ora della verità. Il vincitore della sfida si decide nei gazebo

https://i0.wp.com/www.nichivendola.it/cms-upload/btn_fabbrica.jpghttps://i2.wp.com/galatina.blogolandia.it/files/2009/11/nichi-vendola.jpg

Primarie Puglia, l’ora della verità. Il vincitore della sfida si decide nei gazebo

.

di Simone Collini

tutti gli articoli dell’autore

.

Il cigno nero se ne sta acquattato in qualche vicolo fuori mano, pronto a saltar fuori sul più bello, stanotte, o a ritornarsene dal nulla da cui è venuto per dar ragione a quelli che dicono che non esiste. Ecco, la passione e le pressioni e la tensione sono così forti, da queste parti, che per parlare delle primarie pugliesi è meglio uscire dalla “Fabbrica di Nichi”, è meglio non fermarsi troppo alla sede regionale del Pd, è meglio allontanarsi dalle piazze dei comizi di chiusura e trovare un posto non troppo battuto dal vento freddo, tirare fuori il cellulare e prenderla da lontano, tipo dal Lago di Ginevra, dove Nicola Piepoli è andato a trascorrere il fine settimana. “È a Bari? Bellissima città, lo sa che ci sono nato?” Ci sarà anche nato ma ha contribuito a rendere ancora più incandescente il clima. “Io? E perché mai?” Il suo sondaggio, l’hanno tirato fuori, quelli di Nichi Vendola. “E allora?” E allora Francesco Boccia dice, aspetti che leggo, dice “in quale paese serio si buttano sul tavolo e sui giornali sondaggi falsi”, dice che “un sondaggio è vero se viene comunicato al dipartimento editoria della presidenza del consiglio” e che al Pd si sono informati e non avete comunicato niente. “È così, infatti”. Ma allora ha ragione a dire che sono “numeri palesemente falsi”? “Ma che percentuali hanno dato, quelli di Vendola?” 64% per lui, 20% Boccia, 16% indecisi. “È questo, sì, la comunicazione la facciamo lunedì, il risultato me lo ricordo perché mi ha sorpreso. Mi è sembrato troppo prudente. Mi aspettavo Vendola all’80%”. Piepoli ride.

Al Pd la vicenda ha fatto un altro effetto, hanno sondaggi che danno i due sfidanti testa a testa, spiegano che un conto è una domanda telefonica su due persone così diverse per popolarità, un conto è mobilitare il voto organizzato. “Che vuole che le dica, i sondaggi mostrano un risultato probabile. Può benissimo vincere Boccia. Sarebbe un cigno nero”. Un cigno nero? “Sì, anche se la presenza di cigni neri è improbabile”. Di nuovo ride. E allora è meglio tornare dalle parti di chi considera la vicenda maledettamente seria. “Chi vota Vendola, sa che vota una storia passata, una coalizione più piccola, non a guida Pd, con un tentativo anche evidente di dividere il Pd”, dice Francesco Boccia mentre fa la spola tra Monopoli, Bari e Lecce. “Il Pd unito ci consente di costruire una nuova coalizione, di governare la Puglia di domani e anche di consentire al centrosinistra di dimostrare che si può battere questa destra populista». Un aggettivo non usato a caso, visto che una delle cose che il Pd rimprovera a Vendola è essersi “autocandidato” quando si è reso conto di non riuscire a incassare il sostegno di due forze che sono state per cinque anni all’opposizione della sua giunta come l’Udc e l’Idv. “Va dicendo che l’ha candidato il popolo. Macché. Lo dico con grande franchezza. L’altro che dice di essere candidato del popolo è Berlusconi”.

Vendola fa spallucce: “Io il populismo lo combatto, efficacemente, non scappando dal popolo ma andando incontro al popolo”. Si dice “sereno” ma al di là di tutti i ragionamenti sul futuro della Puglia e sul portare a termine l’opera cominciata, sa che per lui e per una sinistra già rimasta fuori dal Parlamento, privata dei rimborsi elettorali per le europee, lacerata da divisioni e fuori dai vertici istituzionali praticamente a tutti i livelli di governo, la sfida di oggi rischia di essere o l’estremo appiglio a cui aggrapparsi per ripartire o la batosta finale.

“Il problema non è quella sinistra che non riesce a capire me”, dice rivolgendosi agli sfidanti mentre incassa gli applausi, le strette di mano e le pacche sulle spalle mentre passa da un’iniziativa all’altra. “Il problema è non capire il significato di questa mobilitazione popolare, di questo affetto. Che non è mica frutto del fatto che abbiamo una platea di gente con l’anello al naso e che io sono un incantatore di serpenti, ma riguarda la coerenza dentro la politica, riguarda la capacità della politica di essere costruzione di cantiere di futuro. Siccome in Puglia abbiamo fatto questo, questo la gente lo sa”.

E’ inutile parlargli di percentuali che fanno la differenza tra la vittoria e la sconfitta e coalizioni più o meno larghe e strategia delle alleanze. “A me interessano le sigle di partito, ma prima di esse mi interessa l’associazionismo, il volontariato, i soggetti sociali in carne e ossa”. Sguardo ispirato, sorriso. “Con loro continueremo il sogno di un Puglia migliore”. A questo punto si potrebbe parlare dei pullman di studenti fuori sede che arrivano “per votare Nichi”, di Dario Franceschini che viene per un paio di iniziative a sostegno di Boccia mentre gli esponenti locali della minoranza Pd annunciano apertamente che voteranno Vendola, di Enrico Letta che a Taranto dice che la coalizione su cui potrebbe contare a marzo Vendola “aiuterebbe il centrodestra nella vittoria” e che quindi è oggi è meglio “dare un dispiacere a Berlusconi” facendo vincere Boccia, delle inevitabili ripercussioni che il risultato delle primarie avrà sul Pd, di quelli che dicono che il sindaco di Bari Michele Emiliano si sarebbe potuto impegnare di più, dei circoli del Pd che votano documenti a sostegno del governatore uscente, di Riccardo Scamarcio che chiude insieme a Vendola la campagna da una parte e Franco Califano che la chiude insieme Boccia dall’altra. Si potrebbe parlare di questo e di tanto altro ancora ma a questo punto bisogna spiegare anche cosa succede oggi. Duecento seggi allestiti in alberghi, parchi, centri polifunzionali, gazebo, niente sedi di partito.

Trecentomila schede stampate, con sopra soltanto i nomi dei due sfidanti, niente simboli di partito. Votanti previsti, tra i cento e i centocinquantamila. Tremila militanti, la metà schierata da una parte, la metà dall’altra, che giocheranno il ruolo degli scrutatori e dei rappresentanti di lista. Nove seggi in tutta Bari, che così è più facile individuare chi prova a fare il furbo, uno solo nei comuni più piccoli. In questi ultimi basterà un documento di identità, nel capoluogo bisogna anche portare il certificato elettorale e dimostrare che si appartiene a quella precisa circoscrizione. Paura di brogli? Manco a dirlo. Ufficialmente, bisogna contrastare il pericolo infiltrazioni da parte della destra. Che comunque, a sentire ognuno due sfidanti, preferirebbe che a vincere fosse l’altro. Qualche numero per finire. Alle primarie del Pd del 25 ottobre scorso votarono 160 mila persone. Cinque anni fa, una sfida come quella di oggi finì con Vendola che incassò 40.358 voti e Boccia 38.676. Perse per 1682 voti. A “Nichy” sbagliarono anche il nome sulla scheda. Oggi nel Pd nessuno lo sottovaluta.

.

24 gennaio 2010
.