FESTIVAL CHE FU – Lippi e il trio, è ancora polemica. Nella notte assediati Pupo e il principe. FareFuturo: “Se vincono sciopero della fame”

https://i0.wp.com/www.atsm.info/weblog/2010/sanremo0.jpg

Ieri fischi al ct della Nazionale che ha accompagnato i cantanti

Il direttore artistico: “Non è il suo ambiente, non l’ho voluto fermare”

Lippi e il trio, è ancora polemica
Nella notte assediati Pupo e il principe

Contestati fuori dal ristorante, a cena: “Vergogna, vergogna”
La fondazione Farefuturo: “Se vincono, sciopero della fame”

.

dall’inviata di Repubblica  ALESSANDRA VITALI

.

Lippi e il trio, è ancora polemica  Nella notte  assediati Pupo e il principeEmanuele Filiberto

.

SANREMO – Lo definisce “un’icona italiana”, “l’uomo che ci ha regalato un sogno”, per questo non ha voluto fermarlo e ha lasciato che ieri sera, sul palco, pronunciasse quelle parole che hanno animato la polemica. Il direttore artistico del Festival, Gianmarco Mazzi, risponde così a chi sostiene che Marcello Lippi, ospite ieri sera come “accompagnatore” di Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici, abbia avvantaggiato il trio e la canzone Italia amore mio pronunciando parole patriottiche al limite della violazione del regolamento. “Con un titolo del genere non poteva non essere presente il ct della Nazionale – ha detto Lippi – è una canzone che si rivolge agli italiani in giro per il mondo che si guadagnano da vivere”. Ma la partecipazione di Lippi non è stata accolta bene, così come l’esibizione dei tre. Al loro ingresso sul palco sono partiti dalla sala fischi e grida, fra chi urlava “A casa” e chi invocava “Cassano, Cassano”, con riferimento al calciatore fatto fuori proprio da Lippi dal pacchetto Mondiali.
.
La protesta si è ripetuta al momento della proclamazione dei dieci Artisti rimasti in gara. Eliminati Fabrizio Moro ed Enrico Ruggeri, Pupo e principe sono in finale, e i risultati ottenuti ieri col televoto dimostrano che è piuttosto alta la possibilità che arrivino quanto meno su uno dei tre grandini del podio. “Fanno bollire i telefoni”, dicono dal loro entourage. Eppure, non sono sfuggiti alle contestazioni nemmeno una volta fuori dal teatro. E hanno cenato in un ristorante di piazzetta Bresca – dove si concentrano i locali a più alto tasso vip-artisti della settimana sanremese – mentre un gruppo di persone intonava un coro da stadio al grido di “Vergogna, vergogna”. Non proprio un’immagine edificante, se si pensa che in queste ore, nelle strade intorno all’Ariston, c’è chi chiede autografi anche ai tassisti come se fossero delle star. A fine cena, uscita con trambusto e via di corsa in albergo, salvo breve esibizione di Pupo con gruppo di fan cantando tutti insieme Su di noi.
.
La polemica su Lippi continua. Ci si chiede perché non sia stato adottato alcun provvedimento rispetto a una palese violazione del regolamento, considerato anche che un passaggio del brano è stato modificato in favore dell’ospite “calcistico”. Gioca in difesa Gianmarco Mazzi: “Quando Lippi ha iniziato a parlare e Antonella si è rivolta a me – racconta – non me la sono sentita di fermare un’icona italiana, l’uomo che ci ha regalato un sogno. Ero in difficoltà, mi sembrava irrispettoso, ho pensato che questo non è il suo ambiente e ho preferito lasciarlo parlare”.
.
“E poi – ha aggiunto Mazzi – non sono un amministratore di condominio, nella puntata di ieri si dava spazio alla capacità creativa degli artisti, io sono rimasto molto colpito dal fatto che loro abbiano potuto coinvolgere Lippi. Ci sono cantanti che sono riusciti a fare grande spettacolo come loro e altri che hanno fatto il minimo sindacale”. Fra l’altro, Mazza ha “la sensazione che ieri, più che l’esecuzione con Lippi o la presenza di Lippi, i fischi provenienti dal pubblico dell’Ariston abbiano spinto tanti tifosi a televotare per quel brano”.
.
Quanto al fatto, poi, che la canzone del trio ieri sia stata eseguita con un testo diverso – hanno modificato due strofe – e che questo vada contro il regolamento del festival che prevede che il testo ufficiale della canzone sia consegnato inderogabilmente entro il 22 dicembre alla Rai, Mazzi taglia corto: “Fa parte della libera rivisitazione della canzone che era consentita per la serata di ieri. Ed era normale che venisse omaggiato l’ospite”.
.
Intanto arriva la provocazione politica. La fondazione Farefuturo, vicina a Gianfranco Fini, propone uno sciopero della fame se dovessero vincere loro. “No, non sono solo canzonette – scrive il direttore di FfWebmagazine, la rivista online della fondazione – sono cultura di un paese. Sono immaginario. Sono etichette appiccicate addosso agli italiani. E anche, nel nostro caso, sono tatuaggi fatti a forza sulla pelle di una destra che in gran parte non è più così, che non vuole essere così”. Le canzoni “sono cose importanti, come le parole. E allora, senza scherzare, lo anunciamo alla radicale: nel caso sventurato che a Sanremo 2010 vinca quell’inno imbarazzante, nazional-trombonesco, cantato dall’inarrestabile e incontenibile  trio “Pupo-Filiberto-Canonici”, il sottoscritto inizierà immediatemente uno sciopero della fame. Non è uno scherzo”.
.
E spiega che sarà uno sciopero “non per protesta” perché “chissenefrega di chi vince Sanremo”, è uno sciopero “che nasce dalla vergogna”, “tutto culturale e soprattutto politico perché c’è qualcuno che deve far capire al paese che a destra, in Italia, c’è anche altro rispetto a una retorica patriottarda e vuota”. E cita Michele Serra: “Lo ha scritto anche lui, Italia amore mio riesce a rendere ridicola la destra. E allora, è da destra che bisogna reagire. Perché un inno alla patria è una cosa seria. Sciopero della fame, allora. E chi è d’accordo, segua”.
.
Il principe e Pupo, intanto, impazzano fra radio e tv. Ai microfoni di un’emittente locale, dov’era ospite questa mattina (audio diffuso per un’intera strada di Sanremo), Emanuele Filiberto ha ripetuto per l’ennesima volta: “Sono felice per tutto questo affetto, e ringrazio chi mi ha votato perché ha capito che io amo il mio paese, e che essere a Sanremo è stato sempre il mio sogno”. Stasera si vedrà se i fedelissimi lo amano così tanto da rimetterlo sul trono, anche se solo a Sanremo.
.
20 febbraio 2010
.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: