LifeGate per la giornata mondiale della biodiversità

LifeGate per la giornata mondiale della biodiversità

https://i2.wp.com/img696.imageshack.us/img696/4602/ser09643.jpg

La rana dagli occhi rossi, uccelli dal piumaggio paradisiaco, molluschi a forma di stella filante, ma anche mais blu, riso rosso, zucche trombetta, cactus depurativi e un tesoro di piante medicinali. Questa è la varietà di esseri viventi del mondo, questa è la biodiversità

.

La Convenzione sulla Biodiversità (o CBD, Convention on Biological diversity) nasce come un trattato internazionale che è stato redatto a Nairobi, in Kenya, il 22 maggio 1992 e che è stato poi sottoscritto da 192 paesi a partire dal summit di Rio de Janeiro (la storica conferenza sui cambiamenti climatici) qualche settimana dopo.

.

Da allora, il 22 maggio si celebra la Giornata Mondiale della Biodiversità. Obiettivo della convenzione firmata nel 1992 è quello di tutelare la diversità biologica del pianeta, usare in modo sostenibile i suoi elementi, dividerne i benefici in modo giusto ed equo tra tutti gli esseri umani. Intenti ottimi, che però per molto tempo restano tendenzialmente sulla carta.

.

Quando nel 2002, al summit di Johannesburg, ci si rende conto che l’estinzione di specie animali e vegetali anziché diminuire aumenta, viene fissato un limite di tempo, un anno entro cui la tendenza deve assolutamente essere invertita.

.

E’ così che il 2010 diventa l’Anno Internazionale della Biodiversità, quello in cui centrare l’obiettivo.

.

L’IUCN, Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, lancia un’iniziativa, il Countdown 2010, per sensibilizzare le persone e i governi, diffondere informazioni, promuovere azioni concrete per fermare la perdita di biodiversità. Ma a che punto siamo? Secondo il terzo rapporto “Global Biodiversity Outlook” del Programma Ambientale delle Nazioni Unite, presentato a Nairobi il 10 maggio, dal 1970 ad oggi abbiamo ridotto la popolazione animale del 30%, le foreste di mangrovie del 20% e i coralli del 40%. Sempre secondo questo rapporto ONU, il problema della perdita di diversità biologica potrebbe avere grosse ripercussioni anche a livello economico.

.

Cosa c’entra la biodiversità con…?
La medicina, il cibo, la salute, il riscaldalmento globale? Molti aspetti della nostra vita dipendono dalla ricchezza della natura, e la nostra qualità della vita può migliorare con lei. La biodiversità non è un tema lontano da noi, non è in mano (solo) all’Onu, ai governi, alle organizzazioni di difesa della natura.
Enpa e LifeGate insieme per salvare il mare
Per sensibilizzare gli italiani sui comportamenti ecosostenibili a tutela dell’ambiente marino e dei suoi abitanti, con la stagione estiva ormai alle porte, viene lanciata la campagna divulgativa “Salviamo il Mare”. L’appuntamento è, per tutta l’estate, a bordo delle motoveliero d’epoca Maud, in questi giorni ancorato presso il cantiere nautico Jesus di Fiumicino.
La biodiversità per il futuro dell’agricoltura all’Auditorium Parco della Musica a Roma
Volete sapere da dove viene il cibo che mangiamo, e cosa succederà all’agricoltura con i cambiamenti climatici? “La biodiversità è la nostra assicurazione per il futuro dell’agricoltura”. A Roma è possibile esplorare questo mondo all’auditorium Parco della Musica, dal 20 al 23 maggio, con un’iniziativa di Bioversity International, con il Comune di Roma, Ifad, Ministero dell’Agricoltura, Oxfam e Trattato Internazionale dei Semi.
Il Wwf al festival Cinemambiente di Torino con Anima Mundi
La 13° edizione del celebre festival ambientalista è realizzato con la partnership del WWF. “Nell’anno dedicato dall’ONU alla biodiversità sottolineiamo che questa non è solo una bellezza del nostro paese ma anche una straordinaria ricchezza che è insensato erodere” ha detto Isabella Pratesi, responsabile conservazione del WWF italia. E’ stata istituita una “menzione Wwf” per individuare, tra i corti internazionali, quello che meglio rappresenta le tematiche del rapporto tra uomo e ambiente. Inoltre – evento speciale Wwf – sabato 5 giugno, ore 16,30, al Cinema Massimo viene riproposto al pubblico lo splendido lungometraggio “Anima Mundi” di Godfrey Reggio, realizzato nel 1991 per la prima campagna sulla biodiversità del WWF internazionale, grazie alla donazione di Bulgari.
A Roma il festival del cinema sulla biodiversità
L’edizione di quest’anno del Festival Internazionale Audiovisivo del Centro Crocevia è speciale. Dal 20 al 23 maggio 2010 a Roma, Auditorium Parco della Musica, vengono presentati otto corti e dieci lungometraggi in concorso (tra cui tre animazioni) da ogni parte del mondo, selezionati su 135 video. I temi: biodiversità, sovranità alimentare, le ricchezze naturali e culturali svincolate dal diritto di proprietà individuale come risposta alla povertà, al disagio sociale e alle fame fra i popoli più indigenti.
Fotocopie & foreste
Xerox Corporation ha annunciato che nei prossimi quattro anni rinnoverà l’investimento di un milione di dollari per la seconda fase della Forest Conservation Partnership con l’organizzazione The Nature Conservancy. Le attività realizzate durante la prima fase dell’accordo ha avuto come obiettivo principale la protezione della foresta boreale canadese. Le foreste identificate come High Conservation Value si distinguono per l’importanza di aspetti quali la conservazione, la biodiversità e i valori sociali.
La biodiversità in volo sulle ali (e le zampe) degli uccelli
Uno studio finanziato dall’Unione Europea nel 2005 ha rivelato una dinamica soprendente e sconosciuta della propagazione della varietà biologica nel mondo. Semi di piante e uova di organismi acquatici usano gli uccelli come veicoli per volare lontano. Anche per questo lle aree di approdo dei migratori, spesso aree acquatiche o umide, sono zone propizie per la vita e importantissime per gli equilibri naturali.
30 semi moderni contro 300.000 antichi
Le sementi tradizionali, selezionate in millenni di esperienze agricole umane, perfettamente adattate alle più diverse condizioni ambientali, rappresentano la memoria storica e biologica dell’agricoltura. Purtroppo negli ultimi 50 anni sono scomparse dal pianeta circa 300.000 varietà vegetali. Questo processo si è intensificato negli ultimi anni e si pensa che circa un quinto delle specie vegetali ed animali non sopravviverà a lungo.

.
fonte: http://www.lifegate.it/it/eco/profit/impatto_zero/habitat/biodiversita_22maggio2010.html
____________________________________________________________

https://i1.wp.com/www.letteraltura.it/images/comunicati_stampa/MERCALLI.jpg/_full.jpg

Luca Mercalli. Uno sguardo all’ambiente e al cielo

Luca Mercalli, il noto meteorologo e climatologo, ci ha parlato di ambiente, di biodiversità e di cultura. E di quello che fa per salvaguardare il pianeta nella sua vita di tutti i giorni

.

di Silvia Passini

.

Nel libro “Filosofia delle nuvole”, sulle tracce di un interessante percorso culturale costellato di riferimenti letterari, racconta di aver costretto la famiglia ad un viaggio in Svizzera per poter acquistare libri di meteorologia introvabili in Italia all’inizio degli anni ottanta. Una passione che è diventata il suo lavoro. Dal 1993 dirige la rivista di meteorologia Nimbus, insegna all’Università, si occupa di temi ambientali ed energetici ed è noto ai più per la partecipazione ad un famoso programma televisivo. Abbiamo parlato con lui di clima, in una chiave più personale e meno istituzionale. Ecco cosa ci ha risposto.

.
I segnali del cambiamento climatico sono già tangibili, ma spesso si pensa che siano un problema di domani e non un problema di oggi. Perché secondo lei?
Forse perché innata la tendenza dell’uomo di rimuovere quelli che sembrano degli avvertimenti sul futuro. E’ capitato in tanti altri settori, in genere si interpretano sempre come profezia alla Cassandra quelle che invece viste in un’epoca dove abbiamo strumenti scientifici e molta più razionalità dovremmo chiamare semplicemente ‘prevenzione’. Questi segnali li abbiamo da decenni, non c’è necessità di aspettare di averne oggi o domani di più chiari, tutte queste cose sono già dette e scritte da oltre trent’anni, forse quello che aspettiamo è il momento di agire per cambiare la struttura del funzionamento dell’economia di oggi.
.
Anche gli atteggiamenti quotidiani sono importanti per salvaguardare il pianeta?
I cambiamenti devono avvenire contemporaneamente dall’alto e dal basso, non c’è una soluzione univoca che funzioni. In genere i cambiamenti dall’alto, se con ‘alto’ intendiamo la politica di alto livello, avvengono perché ci sono nazioni mature  con una grande consapevolezza dei cittadini che chiedono alla politica di esprimere un certo tipo di scenari. D’altra parte non possono esserci anche solo iniziative che partono dal basso, se non sono accompagnate da una buona politica. Quindi l’obiettivo è camminare insieme, deve crescere la consapevolezza dei singoli, ognuno può e deve fare qualcosa e questo automaticamente accompagnerà anche la politica di alto livello a fare le scelte giuste nei consessi internazionali. Poi è ovvio che in questo campo dobbiamo distinguere  i paesi democratici dalle dittature.
.
Cosa fa nella sua vita di tutti i giorni per il rispetto del pianeta?
Le prime cose che ho fatto le ho applicate prima di tutto all’abitazione. Risparmio energetico ed efficienza energetica, quindi l’isolamento termico, l’installazione di pannelli solari, sia quelli per l’acqua calda, sia quelli fotovoltaici. Studiando, informandomi e imparando anche tante cose nuove, avendone anche un vantaggio economico e anche di piacere in fondo, perché c’è una certa soddisfazione a rendersi via via indipendenti rispetto alle fonti energetiche tradizionali.  Poi avevo un piccolissimo giardino che ho immediatamente trasformato in un orto e visto che per irrigare l’orto ci vuole l’acqua, ho fatto una cisterna per raccogliere quella piovana, invece di usare quella dell’acquedotto. Per quanto riguarda i rifiuti ho cercato di minimizzarne la produzione alla fonte, comprando le cose giuste. Per la raccolta differenziata, io abito in un comune dove c’è la raccolta porta a porta e non mi costa nessuna fatica differenziare i prodotti. Veniamo ai trasporti: un’automobile minimale, quello che serve per potersi muovere, non certo un’automobile con significati di status symbol per esempio, quindi potenza, auto giganteggiante. No, un’automobile sobria, che faccia il suo mestiere con il minimo consumo e quando possibile mezzi pubblici, mi muovo con l’autobus e la metropolitana e se trovo un amico che mi dà un passaggio sono molto contento, così facciamo carsharing.
.
L’educazione è importante per diffondere consapevolezza?
Il mio impegno in questo caso è la didattica. Penso che la cultura sia importante, ma purtroppo è difficile propagarla in tempi brevi.  Per quanto riguarda la televisione, che oggi è il mezzo più potente, io che ho anche la possibilità di lavorarci devo dire  potrebbe fare molto, molto di più.
.
Siamo in tempo per fare qualcosa concretamente per il nostro Pianeta?
Siamo sempre in tempo, è chiaro che si riducono i margini in cui l’azione può avere dei risultati efficaci. E’ come un malattia, ci sono dei momenti in cui la prevenzione funziona molto bene, ma via via che aspettiamo, i margini di terapia prima di un evento indesiderato si riducono. Poi arriva il momento in cui la malattia si manifesta e non è più possibile tornare indietro: cerchiamo di usare bene il tempo che rimane.
.
Perché è importante tutelare la biodiversità?
Sicuramente occupandomi di clima so quanto il clima influisce sulla biodiversità. Ma non solo il clima influisce, perché ci sono tutte le nostre attività quotidiane, dall’uso del territorio, alla cementificazione, i trasporti, gli inquinanti nocivi alla vita. Ci sono tanti assalti alla biodiversità, penso semplicemente che al di là di una visione conservatoristica della natura noi abbiamo bisogno della biodiversità perché è il nostro bacino di attingimento di risorse dal pianeta. Abbiamo bisogno di piante, di animali, di funghi, di batteri.
Minacciare la biodiversità vuol dire rischiare di perdere delle opportunità in futuro.
.
Come vorrebbe che la gente possa guardare il cielo?
Direi che mi piacerebbe che la gente guardasse il cielo prima di tutto come una grande fonte di piacere, di ispirazione, di godimento e poi attraverso la percezione della bellezza possa maturare così anche la sensazione della necessità di salvaguardarlo.
.

Una risposta a “LifeGate per la giornata mondiale della biodiversità”

  1. francesco lena dice :

    Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia veda se ritiene utile pubblicarla grazie.
    Poesia
    Un bambino emigrato
    Tu bambino, che sei La luce della vita, sei scappato da un paese in guerra,
    sradicato dagli affetti dai parenti, amici e della tua amata terra.

    Tu bambino, che sei la speranza della vita, ti sei trovato in cammino nel deserto,
    toccavi la sabbia, guardavi il cielo invocavi acqua, avevi tanta sete e ti sentivi disperso.

    Tu bambino, che sei il fiore della vita, sei salito su un gommone, hai attraversato il mare,
    guardavi il sole, le onde burrascose e avevi paura, non vedevi l’ora di toccare terra e arrivare.

    Tu bambino, che sei la gioia della vita, finalmente su un’isola a te sconosciuta sei arrivato,
    una gentile, dolce e umana accoglienza di tanti bravi volontari hai trovato.

    Tu bambino, che sei l’amore della vita, in quella drammatica avventura ti sei trovato,
    colpa di una società egoista e malata, la mancanza di un’equa distribuzione dei beni disuguaglianze hanno creato.

    Tu bambino, che sei la dolcezza della vita, la tua avventura ci a commossi, speriamo in più umanità,
    scuota le coscienze, apra le menti, l’amore trionfi per tutti i bambini sulla terra, ci sia la pace e più solidarietà.
    Francesco Lena
    Via Provinciale,37
    24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) Tel. 035956434

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: