Archivio | luglio 4, 2010

Fini: “Cacciarmi? Ci provino pure…”. Berlusconi pronto alla conta nel Pdl

Fini: “Cacciarmi? Ci provino pure…”

http://gruscitti.files.wordpress.com/2009/11/gianfranco_fini-2.jpg

Berlusconi pronto alla conta nel Pdl

Silvio Berlusconi,  73 anni (foto Ansa)

Tensione nel Pdl. Il presidente della Camera: “Io sono piantato nella legalità”. Nessun  commento ufficiale del premier, che però non avrebbe nascosto l’irritazione. Il Pd: “Non riescono a governare”

.

Roma, 4 luglio 2010 - “Ci provino pure a cacciarmi, in questa vicenda io sono piantato nella Costituzione, nella legalità, nelle linee fondanti del nostro partito e nel sentimento dei nostri elettori”. In prima pagina sulla Repubblica, un retroscena riferisce conversazioni del presidente della Camera, Gianfranco Fini, con persone a lui vicine. “Chi stabilisce – riflette il presidente di Montecitorio – il confine tra l’eresia e l’ortodossia in un partito che si dice liberale ed europeo? Io resto dove sono”.

“Quando sta con i suoi - aggiunge riferendosi a Berlusconi – gente che fa sempre sì con la testa, fa propaganda, dice parole a vanvera per rassicurare i credenti che sono disorientati”.

E ancora: “In una crisi di governo si sa come si entra, ma non come si esce”, ma in caso di elezioni anticipate, conclude Fini nelle sue riflessioni, “sono sicuro” che Gianni Letta ha spiegato a Berlusconi che, in caso di rottura del Pdl, “noi non faremmo una An in sedicesimo, nascerebbe qualcosa di nuovo, c’è tanta gente alla finestra che aspetta. Siamo sicuri che gli converrebbe la nascita di un terzo polo come in Gran Bretagna?”.

L’INTERVENTO DI CAPEZZONEIn mattinata Daniele Capezzone, portavoce Pdl, fa sapere che “chiunque non abbia perso il contatto con la realtà, con i cittadini, con il Paese reale, sa che Silvio Berlusconi interpreta le ragioni e i sentimenti degli elettori, e in particolare (ma non solo) di quelli del Pdl”. I cittadini, ha scritto in una nota, “sono stanchi di alcune cose, rispetto alle cattive abitudini di una certa politica: la litigiosità perenne, sia tra gli schieramenti sia al loro interno; l’inconcludenza, per cui questioni restano appese e sospese per tempi lunghissimi; la pretesa di modificare nel Palazzo gli equilibri stabiliti nelle urne; la correntocrazia come riproposizione di logiche ‘feudali’ e di influenza”.

“Se qualcuno pensa di riprodurre questi virus nel Pdl e nel centrodestra, temo per lui si sbagli due volte”, ha assicurato, “una prima volta perché mostra di non conoscere il premier; e una seconda volta perché mostra di non conoscere una larga maggioranza degli italiani”.

LA RABBIA DEL PREMIER – Ma è Berlusconi in prima persona a non nascondere una pesante irritazione per le parole usate dal presidente della Camera Gianfranco Fini. Nessun commento ufficiale alle dichiarazioni del leader di An, ma con i suoi interlocutori il premier non avrebbe risparmiato le critiche.

Il presidente del Consiglio su un punto però è in sintonia con il co-fondatore del Pdl e cioè che i prossimi giorni saranno decisivi. Ecco perché il fine settimana del premier è servito a gettare le basi per le giornate che si preannunciano intense. Il banco di prova dove misurare la tenuta del Pdl sarà già il voto di giovedì sulla mozione di sfiducia proposta da Pd e Idv contro il ministro Aldo Brancher. Berlusconi sarebbe pronto ad andare alla conta.

Il presidente del Consiglio avrebbe detto ad alcuni dirigenti del Pdl di essere convinto di avere i numeri per andare avanti. In caso contrario, avrebbe ricordato, la palla passerà a Napolitano, che allora dovrà decidere se rimandare il Paese alle urne.

IL PD TENTA L’AFFONDO – “Se questo esecutivo non è in grado di governare la palla passi al Colle perché l’Italia in questo momento di crisi economica ha bisogno di essere governata”. Il vicesegretario del Pd, Enrico Letta, in una intervista a Sky Tg24, ritiene che la situazione nel centrodestra si stia aggravando al punto da richiedere una soluzione politica diversa. “Nella maggioranza – sostiene Letta – stanno esplodendo tutte le contraddizioni: dal federalismo, alle intercettazioni, alla difficoltà a gestire la manovra economica con ‘refusI’ sulle pensioni, scontro con gli enti locali e polemiche sulle tredicesime”. Secondo Letta “questa maggioranza è fatta per vincere ma non per governare”.

Anche Maurizio Migliavacca, coordinatore della segreteria nazionale del Pd, incalza: “Che lo vogliano o no, il centrodestra non riesce più a governare e i problemi del Paese sono davanti agli occhi di tutti”. E sottolinea: “E’ vero che quello in carica è l’esecutivo uscito vincente dalle elezioni e come prevede la Costituzione è giusto che governi. E’ anche vero, però, che nel momento in cui esso non riesce di fatto a farlo, una soluzione deve pur essere trovata perché l’Italia non può rimanere senza guida. E non è certo con le battute di Cicchitto e gli altri che si potranno sciogliere i nodi che attanagliano il Paese”’.

.

fonte:  http://qn.quotidiano.net/politica/2010/07/04/353122-fini_cacciarmi_provino_pure.shtml

Niccolò Fabi, lutto su Facebook: “E’ morta la mia bambina”. E annuncia il ritiro dalle scene

Niccolò Fabi, lutto su Facebook
“E’ morta la mia bambina”

In un messaggio sul social network, il cantautore comunica la scomparsa della piccola Olivia, solo 2 anni, uccisa dalla meningite. “L’esperienza più inaccettabile orrida ingiusta e innaturale che un essere umano può vivere”. Poi Fabi annuncia il ritiro dalle scene “fino a quando non avrò trovato un modo per dare un senso costruttivo a questo incubo”. Infine, le note di una sua canzone, Attesa e inaspettata

Niccolò Fabi, lutto su Facebook "E' morta la mia  bambina"

.

ROMA - Il cuore straziato dal dolore di Niccolò Fabi parla su Facebook. “Amici… Vi sto per scrivere quello che non avrei mai voluto scrivere. Questa notte una sepsi meningococcica fulminante ha portato via nostra figlia Olivia, Lulùbella per chi l’ha conosciuta e amata, il dolore devastante che mi attanaglia la gola è la conseguenza dell’esperienza più inaccettabile orrida ingiusta e innaturale che un essere umano può vivere”.

Queste la parole scelte dal cantautore per annunciare attraverso la pagina del social network la morte della figlioletta di due anni, colpita da meningite. Un colpo terribile, per un giovane artista amato soprattutto per la speciale sensibilità della sua musica, della sua poesia, del suo modo di cantare la vita.

Cantare la vita… Come continuare a farlo con la morte nel cuore? Per Niccolò, la musica diventa all’improvviso un pensiero lontano, perso in un futuro indeterminato. Lo confessa lo stesso cantautore, che all’annuncio dell’addio alla piccola Lulùbella aggiunge il commiato dalle scene.

“Inutile dirvi – scrive Fabi – che fino a quando non avrò trovato un modo per trasformare questo dolore e dare un senso costruttivo a questo incubo, il palcoscenico sarà l’ultimo posto in cui desidererò stare. So di poter contare sulla vostra sensiblità e sull’amore che mai come adesso è l’unico strumento che merita di essere suonato. Un abbraccio che contiene tutto”.

Chiuse le virgolette, Fabi recupera e offre all’ascolto la sua canzone sulla morte, Attesa e inaspettata, dall’ultimo album Solo un uomo (2009). Questo il primo verso, ben poco da aggiungere:
“Attesa e inaspettata/ arriva la seconda vita / in quell’istante / in cui si taglia il velo/ e sei dall’altra parte/ Non sei preparato mai abbastanza/ ma sei pronto da sempre/ la naturale conseguenza/ di essere nato…”.

Pubblicato da poco più di 20 ore, il messaggio di Niccolò Fabi è seguito dal cordoglio di un migliaio di commenti.

.

04 luglio 2010

fonte:  http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/07/04/news/niccol_fabi_lutto_su_facebook_e_morta_la_mia_bambina-5378169/?rss

niccolò fabi – attesa e inaspettata

.

pagina di facebook di niccolò: http://www.facebook.com/?ref=home#!/pages/Niccolo-Fabi/87306660640?ref=ts

Movimento Italiano Disabili: “Tutti in piazza contro le vergognose proposte del Governo”; appuntamento mercoledì 7 luglio piazza Montecitorio a Roma

MOVIMENTO ITALIANO DISABILI

Tutti in piazza contro le vergognose proposte del Governo

mercoledì 7 Luglio 2010 ore 10,00 a Piazza Monte Citorio

.

Di nuovo, le associazioni, si preparano a scendere in piazza, e quindi anche noi del M.I.D, in quanto sono previsti sempre nella nuova manovra, il taglio e dei contributi per i patronati, che tutelano i cittadini, che è stato presentato dal relatore Antonio Azzolini.

Ogni giorno, assistiamo a nuovi attacchi verso il “sociale”, con nuovi emendamenti, per cercare di diminuire i già esigui finanziamenti verso le classi più deboli.

Sempre il relatore Antonio Azzolini, in accordo con il Ministero dell’Economia ha presentato un altro emendamento che fa capire tutte le false intenzioni di non toccare lo stato “sociale” e in maggior modo quello della “disabilita”.

Infatti, nell’emendamento, si vuole che per poter usufruire dell’assegno di “accompagnamento”, la commissione medica certifichi che la persona, è impossibilitata a muoversi, quindi deve essere allettata o completamente paralizzata, o che non riesca a svolgere le funzioni fisiologiche.

Questo viene a significare, che le commissioni non avranno alcun parametro, e nessun grado di valutazione.
Inoltre allora noi del M.I.D., poniamo una semplice domanda… perché lo si chiama “assegno di accompagnamento”?

Esso è sempre stato chiamato in questo modo in quanto molte persone disabili, e anche anziane, ne usufruiscono, in quanto ormai non più in grado di essere autosufficienti e quindi di poter in effetti restare sole.
Questo significa che non bisogna per forza di cose essere immobile come vorrebbe il relatore Antonio Azzolini, e quindi perderebbero l’assegno, che è una cifra che anche se esigua e sempre un aiuto a queste persone.

Togliendo anche questo minimo supporto che noi del M.I.D., riteniamo una “miseria”, si mettono a rischio molte persone anche incapaci, e a volte pericolose sia per se stesse, che per gli altri, in quanto se non essendo paralizzate perderebbero la spettanza di esso.

Quindi noi del M.I.D., ci schieriamo con la manifestazione del 7 Luglio con le altre associazioni, in quanto meschinamente si cerca semplicemente e con questi emendamenti di togliere a persone che necessitano di un aiuto costante per vivere con un minimo di dignità.

Inoltre aggiungiamo che questi ….”onorevoli” come Azzolini, si dovrebbero vergognare di presentare tali proposte, contro la nostra categoria, e vogliamo invece ricordargli che sia gli assegni sociali che gli assegni di “accompagnamento” le loro cifre sono ferme da anni.
Noi non crediamo invece che i vostri stipendi si siano fermati a qualche hanno fa.

Il Presidente Francesco Ferrara

.

fonte:  http://www.ilmid.it/tutti-in-piazza-contro-le-vergognose-proposte-del-governo/

Disabili insorgono contro emendamento “Ristretto accesso all’accompagnamento”

Disabili insorgono contro emendamento
“Ristretto accesso all’accompagnamento”

La lettera di un padre e l’Associazione Luca Coscioni denunciano un nuovo emendamento, approvato in Senato. “Spingerà alla disperazione persone che hanno diritto alla vita e a una esistenza dignitosa nel rispetto della Costituzione”

Disabili insorgono contro emendamento "Ristretto accesso  all'accompagnamento"

.

ROMA – “Il Governo, in Commissione Bilancio del Senato ha presentato un nuovo emendamento che restringe l’accesso all’indennità di accompagnamento in pratica solo a chi è in stato vegetativo o immobilizzato”. E’ la denuncia, e allo stesso tempo il grido di allarme, di Vincenzo Gallo, padre di un ragazzo affetto da grave disabilità. “A maggio – spiega il genitore -, in una prima bozza della manovra, era stato introdotto un limite di reddito per poter usufruire di una indennità di accompagnamento di circa 450 euro per le persone con invalidità al 100%,  poi cancellato. La proposta presentata al Senato è ora estremamente grave”.

Gallo riprende le parole di Pietro Barbieri, presidente della Fish (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che insieme alla Fand (Federazione tra le Associazioni Nazionali dei Disabili) ha indetto una manifestazione unitaria a Roma per il 7 luglio: “Si tratta della peggiore aggressione nella storia repubblicana alle politiche sociali di inclusione delle persone con disabilità”. “Se approvate – aggiunge Gallo -, queste norme   spingeranno ancor di più alla disperazione persone deboli e indifese, non autosufficienti, che soprattutto quando rimangono sole, senza l’assistenza della famiglia, non sono in grado di sopravvivere nemmeno con i 450 euro attuali, visto che hanno bisogno di assistenza continua. Queste persone hanno diritto alla vita e a una esistenza dignitosa nel rispetto della Costituzione”.

Sull’emendamento, approvato dalla Commissione Bilancio del Senato lo scorso 29 giugno, interviene anche l’associazione Luca Coscioni. Che a sua volta denuncia come, in merito all’assegno mensile di assistenza, la cui soglia per la concessione resta elevata all’85% di invalidità, prevede come deroga che continui a essere concesso ai soggetti disabili con la vecchia soglia del 74% di invalidità solo se essa dipende da una sola specifica patologia e non da più patologie.

“Questo rappresenta – affermano Rocco Berardo e Gustavo Fraticelli, rispettivamente tesoriere e consigliere generale dell’associazione – l’ennesimo tentativo da parte del Governo di dettare d’imperio valutazioni tecniche proprie dei medici, come del resto già tentato con la legge sulla fecondazione assistita”.

“Le attuale tabelle delle patologie invalidanti – spiega l’associazione – sono della linee guida ai fini di una mera valutazione tecnico sanitaria per la determinazione della gravità delle varie patologie che determinano la non abilità del soggetto che ne è affetto e quindi del suo svantaggio sociale”. La citata metodologia valutativa è mutuata “dalla classificazione dell’OMS, nota come ICIDH (International Classification of Impairment Disabilities and Handicaps) del 1980, il cui criterio generale non può non prescindere necessariamente da una valutazione complessiva e globale dello stato patologico del singolo soggetto, al fine di poterne determinare la disabilità e quindi gli handicaps correlati”.

“Alla luce di questa preoccupante tendenza intrusiva del potere politico” aggiungono Berardo e Fraticelli, sarebbe più che mai opportuno procedere a una revisione delle tabelle indicative dell’invalidità “che recepisse quella emanata dall’OMS nel 2001″, che rapporta esplicitamente la disabilità al singolo individuo e la definisce come un insieme di condizionamenti oggettivi e soggettivi della persona stessa, cui vanno aggiunti fattori ambientali.

La stessa tabella, conclude l’associazione Luca Coscioni, “sarebbe anche un congruo ausilio per varie commissioni di accertamento della disabilità, la cui efficienza/competenza è l’unico strumento per contrastare, non solo a parole, il tanto conclamato dal Governo, solo a livello mediatico, fenomeno dei falsi invalidi”.

.

03 luglio 2010

fonte:  http://www.repubblica.it/economia/2010/07/03/news/manovra_tagli_disabili-5366221/

Berlusconi ! Vai a Tripoli a chiedere della sorte di 250 Eritrei

Berlusconi! Vai a Tripoli a chiedere della sorte di 250 Eritrei

.

Evidentemente la sorte di 250 Eritrei per Berlusconi vale meno di quella di unextracomunitario svizzero

…oltre un anno fa questo blog, prendendo in prestito lo slogan di V. Arrigoni “Restiamo Umani” denunciava i respingimenti verso la Libia di scafi carichi di migranti provenienti dall’Africa. In queste barche della disperazione non tentano la traversata solo chi cerca dignità nel lavoro, ma anche chi fugge da guerre, persecuzioni genocidi etnici ed è titolato dalle convenzioni internazionali ad avvalersi del riconoscimento di rifugiato politico.Ad un anno da quel appello i respingimenti sono continuati, è stato approvato il pacchetto sicurezza in cui viene introdotto il reato di clandestinità, a Rosarno sono stati resi evidenti i “nuovi schiavi” e il dramma continua.Questo nostro governo ha ampliamente foraggiato quello che fino a poco tempo fa era considerato un “paese canaglia” come la Libia affinché fuori dalle regole internazionali provvedesse in parte a regolare il flusso degli immigrati. In parte, perché è noto che il flusso aumenta o diminuisce a secondo della pressione che il governo di Tripoli, sottopone al governo italiano.Fuori dalle regole internazionali in quanto la Libia non ha mai sottoscritto la convenzione di Ginevra e quindi i diritti che vengono sanciti per chi dovrebbe godere dello stato di “rifugiato”.

In questi giorni sono accadute due cose che impongono delle risposte: 250 Eritrei, in rotta per Lampedusa e respinti, sono spariti nei centri di detenzione libici senza alcuna possibilità di verificarne le condizioni e soprattutto lo stesso “stato in vita”; Le autorità libiche hanno troncato ogni attività con l’ UNHCR (Alto commissariato delle nazioni unite per i rifugiati) impedendo quindi ogni forma di documentazione sui trattamenti dei rifugiati stessi.

Auspico che questa ulteriore denuncia trovi un po di sponda nel web e che ognuno a modo suo non si renda complice di questo governo nell’ignominia del disprezzo della dignità umana aspettando tacitamente altri rifugiati respinti, torturati…..scomparsi.

Ripensando alla vicenda del cittadino svizzero che è stato riportato a casa dalla Libia dallo stesso Berlusconi non posso fare a meno di pensare amaramente che non è importante che extracomunitario sei ma in quale metà del mondo sei nato.
Loris

I senza diritti in rivolta e l’accordo Italia-Libia

Corriere Immigrazione – Gli Eritrei che l’Italia ha respinto

a Repubblica – Berlusconi in Libia con Gheddafi e il manager svizzero torna a casa

DECEMBER 18 – Petizione per il riconoscimento della carta dei diritti degli immigrati

fonte: http://a-sinistra.blogspot.com/2010/07/berlusconi-vai-tripoli-chiedere-la.html

Rotondi: «Il governo difenderà Brancher, chi vota la sfiducia è all’opposizione»

Rotondi: «Il governo difenderà Brancher,
chi vota la sfiducia è all’opposizione»

.

Il ministro per l’Attuazione del programma: «Bisogna fare quadrato attorno a una persona onesta»

Gianfranco Rotondi
Gianfranco Rotondi

MILANO – Quelli che voteranno contro Brancher «si mettono all’opposizione del governo. Parlo di quelli che all’opposizione ci stanno già e quelli che, con un voto di questa natura, virtualmente ci si metteranno per loro scelta». Gianfranco Rotondi, ministro dell’Attuazione del programma di governo, avvisa i parlamentari di Pdl e Lega, chiamati giovedì prossimo alla Camera a votare la mozione di sfiducia individuale contro Brancher, presentata da Pd e Idv. La maggioranza deve fare quadrato, sostiene Rotondi, perché Brancher è una «persona corretta che viene trattata come l’uomo nero». Quelli che gli voteranno la sfiducia «si mettono all’opposizione del governo. Parlo di quelli che all’opposizione ci stanno già e quelli che, con un voto di questa natura, virtualmente ci si metteranno per loro scelta».

SOLIDARIETA’ – Il ministro per il Decentramento, afferma Rotondi all’Adnkronos, «va difeso senza se e senza ma. Va difeso perché si sta facendo di un politico corretto e rappresentativo, una sorta di uomo nero. Di certo il governo non si presterà a questo gioco. Sono certo che di qui a poco, e certo prima di giovedì, Brancher fornirà tutti i chiarimenti necessari per evitare che sul suo nome possa accendersi uno scontro in Parlamento. Comunque l’ultima cosa che ci si può aspettare da una coalizione di governo è che manchi la solidarietà a un componente del governo stesso». Il vice segretario del Pd, Enrico Letta, è convinto che giovedì alla Camera non mancheranno le sorprese. Cosa accadrebbe se una parte della maggioranza, o singoli esponenti di essa, si unissero ai voti della minoranza? «I parlamentari che votano contro il governo – risponde Rotondi – stanno all’opposizione. Poco importa se ci stanno perché rappresentano le forze che hanno perso le elezioni o se ci siano passati dopo per altre ragioni. Tecnicamente stanno all’opposizione del governo».

NIENTE LARGHE INTESE - A proposito delle tensioni interne alla maggioranza di questi giorni, Rotondi ammette le difficoltà del Pdl. «Penso che gli elettori giudichino con severità il partito di maggioranza che divora la credibilità del governo con polemiche che sono il peggio della Prima Repubblica» afferma il ministro. E sull’ipotesi di larghe intese per affrontare i nodi economici e le riforme di cui il Paese ha urgente bisogno, il giudizio del ministro è netto: «Le larghe intese andavano bene 40 anni fa, oggi sono impraticabili». «In un sistema bipolarizzato come è quello italiano – aggiunge – nessuno può mettersi a governare insieme all’avversario, sapendo che a fine corsa ci si dovrà di nuovo scontare al momento di andare alle elezioni».

Redazione online
04 luglio 2010

fonte: http://www.corriere.it/politica/10_luglio_04/rotondi-brancher-sfiducia-opposizione_837d98ca-8779-11df-95fd-00144f02aabe.shtml

proprio come dai cugini d’oltralpe… elena

Spese pazze coi soldi del governo si dimettono due ministri di Sarkozy

Spese pazze coi soldi del governo
si dimettono due ministri di Sarkozy

.

Christian Blanc e Alain Joyandet erano stati accusati dalla stampa di aver usato denaro pubblico per affittare jet, comprare sigari e concedersi stili di vita “eccessivi”. E i loro non sono gli unici casi

Spese pazze coi soldi del governo si dimettono due ministri di  Sarkozy

Da sinistra, gli ex ministri Christian Blanc e Alain Joyandet

PARIGI - Due ministri del governo francese si sono dimessi, su richiesta del presidente Nicolas Sarkozy e del primo ministro François Fillon, dopo essere stati accusati dalla stampa di aver utilizzato soldi dello Stato per affittare jet, comprare sigari cubani e mantenere stili di vita “eccessivi”. Al centro dello scandalo il segretario di Stato allo Sviluppo della regione-capitale, Christian Blanc, e il ministro della Cooperazione, Alain Joyandet. Entrambi hanno lasciato il governo e le loro deleghe sono state assunte rispettivamente dal ministro della Pianificazione, Michel Mercier, e da quello degli Esteri Bernard Kouchner.

“Sono un uomo d’onore e non posso accettare di essere vittima di un malinteso”, ha scritto sul suo blog Joyandet, finito nel mirino dei giornali già lo scorso marzo per aver affittato al costo di 116.500 euro un jet utilizzato per una visita ufficiale in Martinica, e a giugno sospettato di aver ricevuto un permesso per un ampliamento illegale della sua casa a Saint-Tropez. Lui però smentisce: “Non un euro di denaro pubblico è finito nelle mie tasche o in quelle di persone a me vicine”.

Blanc si sarebbe invece fatto pagare dallo Stato 12.000 euro di sigari in dieci mesi, salvo poi rimborsarne 4.500. “E’ vero, ho fumato dei sigari che non ho pagato, li prendevo senza chiedermi da dove provenissero. Non sono stato attento, ho fatto una gaffe”, aveva detto in sua difesa, addossando tutte le colpe al suo ex capo di gabinetto, Guillaume Jublot.

Ma il premier francese Francois Fillon ha chiesto a Blanc di risarcire l’intera somma, precisando che comunque l’indagine per accertare le responsabilità legate allo scandalo andrà avanti. Da qualche settimana si moltiplicano  le rivelazioni sulle spese e lo stile di vita “eccessivo” dei ministri. Oltre a quelli che hanno portato Blanc e Joyandet alle dimissioni, c’è  il “caso Woerth”: il ministro del Lavoro, Eric Woerth, è sospettato, insieme alla moglie, di essere stato coinvolto, quando era titolare del Bilancio, nell’evasione fiscale di Liliane Bettencourt, la miliardaria erede di L’Oreal, nonché donna più ricca di Francia.

fonte: http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/04/news/francia_scandalo_spese_governo_si_dimettono_due_ministri-5389791/?rss

Tale quale in Italia, no? elena

TERREMOTO, SCOSSA DI 3.6° TRA IMPERIA E SAVONA

TERREMOTO, SCOSSA DI 3.6°
TRA IMPERIA E SAVONA

.

L'epicentro della scossa in mare tra Imperia e Savona

Una scossa di terremoto di magnitudo 3,6 è stata avvertita alle 18.34 nel savonese e nell’imperiese. L’epicentro è stato localizzato dagli esperti a circa trenta miglia al largo di Imperia a dodici chilometri di profondità.

Numerose le telefonate ricevute dai centralini dei vigili del fuoco, ma non si registrano danni a cose o persone.

fonte: http://www.leggo.it/articolo.php?id=71295&sez=ITALIA

L’ex dittatore Videla a processo

L’ex dittatore Videla a processo

.
.

Data storica in Argentina. L’ex capo della giunta militare (’76-’83) è accusato di crimini contro l’umanità. Altri 31 sono imputati

.

BUENOS AIRES – È cominciato a Cordoba, 700 chilometri a nord di Buenos Aires, un processo contro l’ex dittatore Jorge Rafael Videla ed altri 31 imputati, accusati, tra l’altro, di aver fatto torturare e “fucilare”, tra aprile e ottobre del 1976, 31 prigionieri politici rinchiusi in un carcere locale, simulando una loro fuga.

Videla, 84 anni, principale simbolo della passata dittatura, dopo essere stato condannato all’ergastolo nel processo del 1985 contro tutti gli ex comandanti del regime, trascorse cinque anni agli arresti, fino all’indulto decretato nel 1990 dall’allora presidente Carlos Menem. A partire dal 1998, tornò però agli arresti domiciliari per le accuse per il sistematico piano di appropriamento di bambini nati nelle carceri clandestine, mentre due anni fa è stato trasferito in un penitenziario militare.

È comunque la prima volta che Videla dovrà sedersi sul banco degli accusati, a 25 anni dal processo contro le tre giunte militari, susseguitesi dal potere dal 1976 al 1983. Alla prima udienza del processo, il più importante della storia argentina quanto a numero di imputati accusati di reati di lesa umanità, ed in cui il pubblico ministero ha accusato Videla di essere stato il massimo responsabile del «terrorismo di Stato instaurato dal golpe del 24 marzo del 1976», hanno assistito circa 120 persone, per lo più esponenti degli organismi per la salvaguardia dei diritti umani e familiari delle vittime.

VAFAMMOCCA ALLA FIAT E A CHILLU SFACCIMM’E MARCHIONNE. O della democrazia del padrone

riceviamo e pubblichiamo

________________________

Le lavoratrici e i lavoratori di

PRIMOMAGGIO

http://xoomer.virgilio.it/pmweb/interventi/pomigliano/pomigliano.jpg

Foglio per il collegamento tra lavoratori, precari, disoccupati

http://xoomer.virgilio.it/pmweb

__________________________

VAFAMMOCCA ALLA FIAT E A CHILLU SFACCIMM’E MARCHIONNE. O della democrazia del padrone

.

http://www.lastampa.it/redazione/cmssezioni/economia/201007images/MARCHIonne01g.jpg

Considerazioni sulla proposta del democratico e illuminato Amministratore Delegato della FIAT, Sergio Marchionne,

agli operai fannulloni della FIAT di Pomigliano d’Arco.Ovvero, come funziona la democrazia del padrone.

.

In una intervista del 2006, l’allora Presidente della Camera Fausto Bertinotti così pontificava:

“La maggioranza attuale, quella che ha vinto le elezioni del 9 e 10 aprile, ha sempre avuto di fronte a sé il problema dell’allargamento: cioè accrescere il consenso sociale, oltre le cifre risicate di quello elettorale, aumentare la sua influenza e capacità di orientare i cittadini. Mi è già capitato di dire che questa operazione, se non vuole diventare puro politicismo, significa, per esempio, un’alleanza del popolo di sinistra con quel pezzo di borghesia che è disposta ad andare oltre il liberismo – quella che ammette che la compressione dei salari non è la strada giusta per uscire dalla crisi italiana. Marchionne, per fare anche un nome”.

Nel giugno del 2010 un tal Sergio Marchionne (evidentemente “omonimo” di quello che il Signor Bertinotti indicava come esempio di borghese illuminato e democratico, stranamente pero’ anche omologo di quello poiché, come quello, Amministratore Delegato della FIAT) ha messo all’asta tra i lavoratori FIAT dello stabilimento polacco di Tichy e quelli dello stabilimento italiano di Pomigliano d’Arco un imprecisato numero di posti di lavoro. Si tratta, non c’è bisogno di dirlo, di un’asta al ribasso: i lavoratori che accetteranno di peggiorare di più le proprie condizioni di vita e di lavoro avranno il “premio”.

Il Signor Sergio Marchionne, fedele alla propria natura di “democratico” e “illuminato” (stando alle dichiarazioni dei suoi ammiratori1) non ha voluto imporre nulla a nessuno, se non una sola cosa: un “referendum” tra i lavoratori che aveva un scopo politico abbastanza chiaro: spaccare i lavoratori, metterli in ginocchio per avere mano libera a Pomigliano (e non solo), aprendo contestualmente la strada al dilagare di “accordi in deroga” in altre decine di imprese. Un’operazione nell’interesse specifico della FIAT e di quello generale del padronato italiano.

Lo ha chiarito bene il Ministro Sacconi (che Eugenio Scalfari ha opportunamente definito un uomo “ridicolo” per la sua maniacale fissazione di attaccare la CGIL (e a maggior ragione la FIOM):

“’Pomigliano farà scuola’ ha affermato ieri il ministro Sacconi a margine dell’Assemblea annuale di Confindustria di Modena, perché ‘dimostrerà che nei territori si possono raggiungere punti di incontro tra esigenze di competitività d’impresa e quelle legate alla qualità e alla buona remunerazione del lavoro dall’altro’. L’obbiettivo di Sacconi è quello di arrivare a deroghe sostanziali dello Statuto dei Lavoratori in base ad accordi sul territorio e forme bilaterali. Un federalismo normativo che corrisponda alle esigenze produttive”2

Il risultato del referendum-capestro è risultato di fatto impattato perché senza consenso la “qualità totale” (se vogliamo chiamarla schematicamente così) non funziona; ma nessuno ha avvisato l’uomo ridicolo che ha continuato a rilasciare dichiarazioni deliranti3 senza capire che si era aperta una fase nuova. E infatti l’uomo ridicolo ha iniziato a domandarsi preoccupato come mai la FIAT non sembra più tanto intenzionata a portare la produzione della Panda a Pomigliano4 fingendo di non capire (o non capendo?) che il piano di Marchionne non era quello di portare in Italia la produzione della Panda bensì quello di portare in Italia il modo in cui i lavoratori polacchi costruiscono la Panda.

Per questo Marchionne non ha chiesto un generico consenso, ma ha voluto una vera e propria prova di forza, per schiacciare ogni resistenza in fabbrica (in primis quella dei lavoratori COBAS e FIOM) sotto il peso di un plebiscito strappato con la minaccia della chiusura. Ma se “almeno” i no avessero superato i sì la FIAT avrebbe potuto, almeno, prendere quel no a pretesto per chiudere “baracca e burattini” scaricando sui lavoratori COBAS e FIOM la responsabilità della chiusura. E invece è venuto fuori quello che per la FIAT è forse il “caso peggiore”, il caso che fa annunciare alla FIAT l’intenzione di andare avanti, ben sapendo che contro la metà degli operai non c’è accordo che tenga.

***

Possiamo dire che, con il risultato del referendum, alla fine gli operai hanno vinto? In certa misura si’. Marchionne ha subito oggettivamente uno smacco e per sincerarsene basta leggere le sue dichiarazioni del dopo voto. Ma questo smacco potrebbe essere solo transitorio se qualcuno, dopo aver fatto la nobile scelta di non accettare il diktat, decidesse adesso di dare alla FIAT con una mano ciò che non aveva voluto dare con l’altra5.

Quella del “fronte del no” è stata – di fatto – una vittoria numerica perché solo il 59% degli “aventi diritto” ha detto sì6 mentre gli altri lavoratori hanno detto no o non hanno neppure partecipato al voto. Tra gli operai la percentuale dei favorevoli all’accordo è stata ancora più scarsa (circa il 50%) e chissà quanti sono quelli che avrebbero voluto dire no al ricatto della FIAT, di CGIL-CISL-UIL, dei preti, di quasi tutti i partiti parlamentari, di quasi tutto il sistema “informativo” (televisione, radio, giornali…)…, ma non ne hanno avuto il coraggio.

Ma la vittoria dei lavoratori è, più ancora che numerica, politica. Questo 40% che ha resistito ad una violenta e spudorata campagna di aggressione, di mistificazione, di denigrazione… una campagna condotta in modo trasversale da più o meno tutte le forze politiche parlamentari e che mai si era vista all’opera con questa sfrontata veemenza anti-proletaria… è un patrimonio per la classe operaia del Meridione (e non solo) perché invia agli altri lavoratori FIAT (e non solo) un messaggio di straordinaria forza d’animo, di coraggio, di dignità… in un passaggio davvero difficilissimo. È un messaggio che dice: abbiamo ancora voglia di resistere contro il ricatto del padrone e dei suoi servi politici, sindacali, giornalistici…

Quello che arriva da Pomigliano d’Arco è un messaggio contro la rassegnazione, un punto di resistenza da cui ripartire: oggi, i lavoratori FIAT sono più forti e l’errore più grande che si potrebbe fare sarebbe quello di svendere questo risultato con un accordo che desse alla FIAT, nella sostanza, quello che vuole, solo in modo un po’ meno brutale e un più concertato7.

I lavoratori hanno detto no al 18° turno, allo spostamento e al comando delle pause, all’aumento dei ritmi e dei carichi di lavoro, alla triplicazione degli straordinari, alla penalizzazione dello sciopero… e magari – perché no? – molti lavoratori giovani hanno detto di no anche al passare il sabato sera con i capi in fabbrica invece che con gli amici o le fidanzate. È forse sbagliato? Chi dice che bisogna rinunciare a tutto e sacrificare la propria intera esistenza alle esigenze di profitto del capitale?

Eppure qualcuno già si dice disponibile a sottoscrivere un accordo che introduca il 18 turno e un aumento di produttività che permetta alla FIAT di raggiungere i suoi obbiettivi. E invece i lavoratori è proprio a questo gigantesco aumento di produttività (cioè di sfruttamento) non retribuito preteso dall’azienda che hanno detto di no. Non hanno detto: “che rientri dalla finestra quello che abbiamo buttato fuori dalla porta”.

Ora, è chiaro un po’ a tutti che, aldilà delle dichiarazioni ufficiali, il “piano Marchionne” rischia di arenarsi, a meno dei sotterfugi di qualcuno che pensa di dimostrarsi disponibile in privato dopo essersi mostrato indisponibile in pubblico. Che senso avrebbero, altrimenti, le dichiarazioni di Epifani e Landini secondo i quali è escluso che la FIOM metta in atto azioni di boicottaggio del piano FIAT? Per quale motivo non si dovrebbe cercare di boicottare in tutti i modi (giuridici, sindacali e chi più “fantasia” ha più ne metta…) per impedire l’applicazione di un accordo che la metà dei lavoratori non vuole e buona parte dell’altra metà ha dovuto subire “obtorto collo”? Se la FIAT decidesse con arroganza di andare avanti a tutti i costi il boicottaggio non diverrebbe forse la strada obbligata? Certo che sì; anzi, sarà proprio nella gestione del risultato del referendum che si vedrà più chiaramente l’onestà intellettuale (o meno) di molti che oggi vengono, giustamente, elogiati per la posizione che hanno assunto.

Può sembrare, questa nostra, una nota pessimistica in un momento di parziale sollievo, ma ci preoccupa sentire il Segretario Nazionale della FIOM ripetere in modo singolarmente ossessivo, prima, durante e dopo il voto, che è necessario riaprire la trattativa per realizzare gli obbiettivi del Piano FIAT con gli strumenti del CCNL (che peraltro la FIOM non ha firmato). Non vorremo che accadesse – nella sostanza, se non nella forma – quello che è già successo nel rinnovo degli integrativi alla Fincantieri di Porto Marghera o alla Piaggio di Pontedera dove la FIOM ha accettato di sottoscrivere l’accordo dopo aver perso il referendum tra i lavoratori.

A questo proposito vale la pena di segnalare due elementi: il primo elemento lo ricaviamo da un articolo del “Professor Flessibilità” e parlamentare PD, Pietro Ichino, che non ci dorme la notte per scovare i metodi più efficaci per aiutare i padroni a colpire la “rigidità” del lavoro (che poi vuol dire tentare di abbattere ogni argine di resistenza da parte dei lavoratori) il quale ci narra una cosa nota, ma che merita di essere ricordata ovvero il fatto che di accordi in deroga al CCNL se ne fanno eccome e pure la CGIL ne ha firmati8. Il secondo elemento è legato al primo ed è un “ricordo”, il ricordo di un accordo in deroga sottoscritto anche dalla FIOM proprio nel Gruppo FIAT e per la precisione per la nascita dello stabilimenti di Melfi, realizzato con i soldi dello Stato e con l’annullamento preventivo di molti diritti dei lavoratori, nel contesto di quella che è stata spesso definita la politica del “prato verde”.

***

La FIAT si conferma fedele alla propria tradizione “democratica” di lungo periodo, iniziata negli anni in cui finanziava Mussolini e il fascismo, proseguita negli anni ’50 quando l’AD Valletta faceva isolare i comunisti e i sindacalisti più attivi nei “reparti confino”, rinverdita dai “cesari” Romiti – che tra le altre cose degne di nota (penale) è stato condannato per aver fatto pedinare gli attivisti dei Cobas – e infine riportata a splendore dal Signor Marchionne (che anche lui non scherza in quanto a “reparti confino” visto che ha infilato a Nola un po’ di lavoratori rompiscatole, purtroppo con il “silenzio assenso” anche di organizzazioni sindacali che oggi lamentano il tentativo di essere isolate).

Un’azienda così ligia alle libertà dei lavoratori non poteva permettere che un manipolo di facinorosi facesse fallire il “Grande Referendum” che univa in un sol coro padroni, governo, opposizioni, sindacati, preti… Ed è con questa irresistibile aspirazione alla democrazia (obbligatoria) che si spiegano le asfissianti pressioni – di ogni di tipo e da ogni parte – piovute sui lavoratori, senza contare la più formidabile di tutte le pressioni: il ricatto della perdita del posto di lavoro in un territorio in cui lavoro ce n’è sempre meno. Tutti, ma proprio tutti, dai preti più o meno pedofili ai politici e i sindacalisti di ogni colore (cioè del solo colore, giallo, amico del padrone), dai “semplici cittadini” fino al padronato (con l’insuperabile appello del presidente campano di Confindustria “bisogna capire che qui sono in gioco migliaia di famiglie!!!”. Dio bono… anche lui che non è certo un’aquila “capisce” che bisogna “difendere i figli degli operai” e non lo capiscono i padri di questi figli, gli operai, i fannulloni, gli assenteisti, i tifosi.. Che gente, Contessa.

Un inciso a proposito di “fannulloni” visto che questo refrain viene ripetuto periodicamente.

Iniziò il Signor Tommaso Padoa Schioppa affermando che i giovani italiani sono solo “bamboccioni” che non hanno voglia di lavorare e preferiscono starsene in famiglia fino a 40 anni a prendere la paghetta dalla mamma. Bell’analisi davvero della situazione sociale giovanile italiana…

Poi venne il Signorino (qui il diminutivo è d’obbligo) Renato Brunetta che fece una bandiera del luogo comune circa la fannullaggine congenita dei dipendenti pubblici. Erano i tempi in cui il Piccolo, la Gelmini e tutto il resto del Governo tagliavano miliardi di euro un po’ dovunque (e particolarmente alla scuola pubblica, tanto per “non” fare un favore a quella privata monopolizzata dal clero). Naturalmente qui l’attacco ai lavoratori era funzionale ad isolarli nel momento di un attacco frontale: Legge 133, tagli alla ricerca e ai servizi, taglio dei trasferimenti alle Regioni, prosieguo del blocco del turn-over, blocco dei salari per 4 anni, aumento dell’età pensionabile per le donne9, ecc…

Nel marzo del 2009 il Ministro del Padrone, il Signor Maurizio Sacconi, ha proposto un DDL per azzerare di fatto il diritto di sciopero nel trasporto pubblico (foriero di analoghi provvedimenti per il resto del Pubblico Impiego) additando i lavoratori dei trasporti come responsabili dei disagi per i pendolari.

Ed ecco ora il Democratico Marchionne.

Ogni volta che un segmento di lavoratori viene attaccato si scatena, ormai in modo puntuale, una vera e propria campagna di denigrazione il cui obbiettivo è quello di isolare i lavoratori descrivendoli come egoisti, fannulloni, assenteisti, gente che non si preoccupa né del destino dell’Italia, né di quello della Santa Impresa, né di quello dei loro stessi figli… Le “leggi del mercato” capitalistico, quelle, per intenderci, che fanno centinaia di migliaia di morti sul lavoro e decine di milioni di disoccupati all’anno, sono intoccabili. I miseri diritti residui dei lavoratori, invece, quelli devono essere messi a disposizione ogni volta che il padrona schiocca la frusta.

Si cerca di nascondere l’unitarietà dell’attacco che viene sferrato contro i lavoratori nel loro insieme ovvero contro la classe dei lavoratori e li si spinge a reagire solo quando sono attaccati singolarmente: che m’importa degli immigrati, io sono italiano… Che mi porta dei lavoratori pubblici? Io sto nel privato… Che mi importa dei precari? Io sono “garantito”… E così, mentre i lavoratori di disgregano e si combattono gli uni con gli altri, i padroni intanto ingrassano assieme ai sindacalisti di regime, ai preti pruriginosi, ai politicanti di destra e di “sinistra”.

Ecco perché a Pomigliano è partita una campagna forsennata contro i lavoratori che fanno resistenza ad infilare la testa nella ghigliottina. Giornali e televisioni hanno pompato la ridicola “fiaccolata per il sì” organizzata dalla FIAT per emulare la cosiddetta “marcia dei 40.000” dell’80. Questi vampiri della FIAT, mai sazi del sangue che hanno succhiato per decenni dalle casse dello Stato ovvero soprattutto dalle tasche dei lavoratori dipendenti, mobilitano tutta la propria influenza per additare i lavoratori al pubblico ludibrio.

E la CGIL cosa fa? Critica la FIOM. E il PD cosa fa? Si mette in prima fila per sostenere la voce del Padrone; basta leggere le dichiarazioni del cameriere Enrico “Letta letta”10 (come Sergio Saviane amava chiamare suo zio) o del Signor Bersani Pierluigi che sta al Signor D’Alema Massimo e al Sig. Marchionne Sergio come il pupazzo Rockfeller sta al ventriloquo José Luis Moreno, cioè con il di lui braccio infilato nel didietro. Solo “en passant” possiamo ricordare le pornografiche dichiarazioni di quella spazzatura umana che porta il nome di Veltroni Walter e Fassino Piero o la “straordinaria” lettera con cui 8 senatori del PD hanno scritto a Sergio Zavoli, Presidente della RAI, lamentando il troppo spazio riservato alla FIOM nei TG. Se non fossimo daccordo con il povero Franco Basaglia e non sapessimo che le tasche di questi sudici individui sono irrorate con il denaro della FIAT verrebbe da dire “roba da manicomio”11

E che dire dei giornali “democratici” i quali, mentre si lamentano di essere imbavagliati da Berlusconi con la legge sulle intercettazioni, imbavagliano a propria volta ogni voce non pienamente in sintonia con quella del padrone e hanno dato spazio a chiunque avesse da buttare veleno contro i lavoratori della FIOM e dei COBAS…

***

Abbiamo sempre saputo che in una società capitalistica, aldilà delle dichiarazioni di principio di una delle più avanzate (e meno applicate) Costituzioni esistenti, quello del lavoro non è un diritto, ma un dovere, anzi un obbligo, non soddisfatto il quale viene compromessa la stessa riproduzione fisica dei lavoratori. Ma che il super-sfruttamento salariato in fabbrica sia diventato persino il premio di una “gara d’appalto” al ribasso delle condizioni di vita e di lavoro senza che nessuno (o quasi) se ne scandalizzi (anzi, tutti o quasi chiedono ai lavoratori “senso di responsabilità”) beh, forse non sarà una cosa nuova, ma fa sempre schifo lo stesso.

Qualcuno dice: qua si vuole “polacchizzare” o “serbizzare” i lavoratori italiani. In parte è vero, certo. Ma anche nella “democratica America” certe proposte del “democratico Marchionne” l’aveva già spuntata. Il “democratico” Obama aveva infatti scelto lui per gestire la ristrutturazione della Chrysler (e già questo doveva suonare un campanello d’allarme nella zucca intontita di certi infausti personaggi), dopo il fallimento di questa a seguito del tracollo finanziario di Wall Street del settembre 2008. Obama – o, per meglio dire, il contribuente nordamericano – ci aveva messo i soldi; Marchionne ci ha messo il suo cervellone “democratico” e i lavoratori, naturalmente, ci mettono il proprio sudore, perdendo per strada “qualche” diritto come quello di sciopero, sospeso per 5 anni12. Dunque, quando si afferma che il “Democratico” vorrebbe “polacchizzare” i lavoratori italiani si dice una cosa parzialmente inesatta e si potrebbe anche dire che li vuole “statunitensizzare”.

Il fatto è che la cosiddetta “globalizzazione” aumenta la competizione tra i vari blocchi industriali, commerciali, finanziari… a caccia di fette di mercato e questa competizione si riversa sui lavoratori spingendoli ad una rincorsa al ribasso. Una rincorsa che l’attuale approfondimento della crisi capitalistica accentua ulteriormente13. Ecco un motivo in più per diffidare di tutti coloro che sfornano ricette per uscire dalle crisi del capitalismo. Per i lavoratori l’unica uscita utile è quella dal capitalismo.

***

Ora, in Italia la cosa del vietare lo sciopero non si può fare in modo diretto perché la Costituzione non lo consente, ma l’astuto e “democratico” Marchionne non si lascia certo scoraggiare da una Costituzione qualsiasi ed ha studiato un escamotage: penalizzare le organizzazioni sindacali che scioperando creano problemi al raggiungimento degli obbiettivi di produzione. Ora, ci si domanderà: per quale altro motivo si dovrebbe indire uno sciopero (a parte quelli propagandistici del venerdì pomeriggio) se non quello, appunto, di creare difficoltà all’azienda per costringerla a trattare? Forse quello di levarsi la soddisfazione di buttare una giornata di stipendio? Beh, il “Democratico” ha le sue idee e non teme di rivelarcel

“Smettiamola di prenderci per i fondelli. Lunedì a Termini Imerese si è scioperato solo perché giocava la Nazionale. E così si fa a Pomigliano e in tutti gli stabilimenti italiani”14.

Qui il problema rischiava di farsi serio. Quest’anno c’erano i Mondiali di calcio in Sudafrica e le famiglie di Termini Imerese, Pomigliano e di tutti gli altri stabilimenti FIAT già cominciavano a tremare al solo pensiero che l’Italia arrivasse in finale. Evidentemente, tutte queste famiglie si sono riunite ed hanno fatto una bella fattura alla Nazionale (operazione peraltro perfettamente riuscita) affinché essa fosse eliminata al primo turno altrimenti, se l’Italia andava avanti a vincere e gli operai andavano avanti a scioperare per vederla in televisione, sarebbero arrivate a casa buste paga piuttosto magre.

Una piccola caduta di stile del “Democratico”…. Bisognerebbe chiedere cosa ne pensa l’elegantone inFausto che di buone maniere se ne intende. Dire che gli operai di Termini Imerese, che hanno scioperato e lottato per mesi per difendere lo stabilimento dalla chiusura imposta dal diktat del “Nostro”, gettano via i propri pochi soldi per il pallone è sintomatico di quale rispetto abbia il Signor Marchionne per i lavoratori: nessuno. E il modo in cui cerca di imporre le proprie ristrutturazioni ne è la conferma. Altro che “borghese illuminato” e “no global”…

***

Nelle sue esternazioni il “Democratico” ha sostenuto che la Panda in Polonia viene “prodotta bene, a un livello di qualità mai raggiunto in uno stabilimento italiano”. Può darsi. Embé? Per 1200 euro al mese pretende pure la gara a chi sgobba meglio (ovvero, di più)?

Se il Democratico pensa di suscitare l’orgoglio italico affinché i lavoratori si rimbocchino le maniche e dicano “adesso vi facciamo vedere chi lavora di più e meglio” l’unica risposta che merita è la seguente: del premio come operai più sgobboni del mondo nun ce ne po’ fregà de meno… Giochiamo magari a chi lavora di meno, a chi non perde la vita o la salute, a chi non va fuori di cervello, a chi non deve riempirsi di integratori, di psicofarmaci o di cocaina per reggere i ritmi e lo stress, a chi difende la propria dignità di lavoratore, a chi i ricatti cerca di rispedirli al mittente…. Quella gara lì, sì, facciamola. A Pomigliano sono in testa alla classifica? Bravi.

E poi si fa presto a parlare. In Polonia mica avevano una Nazionale come la nostra; loro non devono mica scioperare visto che ai Mondiali manco ci sono arrivati…

L’egregio Signor Sergio Marchionne si lamenta per l’assenteismo negli stabilimenti, soprattutto a Pomigliano. L’egregio Signor Guglielmo Epifani, che non perde mai una sola occasione per tacere e per ribadire quanto abbia a cuore i problemi del padrone, gli fa il controcanto

La Cgil è assolutamente disponibile a trovare soluzioni per un assenteismo che a tratti ha assunto a Pomigliano caratteristiche intollerabili15

Vabbé, quella dell’assenteismo era già cosa vecchia come ha dimostrato persino Landini, Ma “Epifanio” ha fatto finta di non saperlo per assestare un bello schiaffone ai lavoratori nel momento di massima pressione, offrendo consapevolmente agli amici della FIAT una potente arma di attacco propagandistico. Bravo Guglielmo, così si fa… Poi magari qualcuno si domanda come mai quelli di Pomigliano a quelli come lui, nel 1992, li prendevano a bullonate…

Posto che probabilmente non si assentano solo i lavoratori di CISL e UIL, ma magari – eventualmente – anche quelli della CGIL cosa intende fare il Sig. Epifani? Ingaggiare detectives come faceva il buon Cesare Romiti per pedinare i lavoratori del suo sindacato e poi denunciarli alla FIAT? Sbirri e pure sbirri in casa propria? Ci sovvengono poi un paio di interrogativi: Primo: le assenze sono “intollerabili”, dice Epifani, per chi? Per la CGIL? Secondo interrogativo: se fosse vero che i lavoratori di Pomigliano si fingono malati per ogni cazzata, se si fanno permessi fasulli per starsene a casa, se si assentano in modo addirittura “intollerabile”… ma che cazzo di bisogno hanno di scioperare per guardare la partita? Un permessino fasullo, un raffreddorino al momento giusto, un “intollerabile” assenza… et voilà, Forza Italia! Ops, scusate la parolaccia. E poi chissà se a Pomigliano tifavano tutti per l’Italia. Al mondiale c’è anche Diego Armando Maradona…

Il Sig. Epifani – con quella sua faccia di persona che non ha mai lavorato un minuto in tutta la sua vita – ha rilasciato in questi giorni una raffica di interviste. Tutti gli chiedono cosa pensa della FIOM e della proposta FIAT. E lui senza neppure tanti giri di parole fa capire che per lui la FIOM non va manco considerata della CGIL e che la FIAT deve fare qualche finta concessione per permettere alla FIOM di firmare dopo quello che non ha voluto firmare prima. E se non lo fa allora cannonate anche in casa.

Qui merita fare un breve inciso. La posizione della FIOM è una posizione per alcuni aspetti da sostenere, per altri da discutere. E’ da sostenere la scelta di non firmare e di resistere contro numerose pressioni. E’ un pochino più da discutere quello che ha dichiarato Landini ovvero che la FIOM ha fatto (lei) una proposta grazie alla quale si può realizzare il piano di Marchionne (dal 18° turno alla lotta contro l’assenteismo, dall’aumento della produttività a, in definitiva, la realizzazione del numero di vetture richieste) senza violare la legge e il contratto nazionale (cioè senza penalizzare i sindacati per gli scioperi che influenzano il raggiungimento del “target”, senza comandare le pause mensa, senza triplicare gli straordinari obbligatori…). Questa posizione è discutibile perché rende dogmatici, ovvero indiscutibili, gli obbiettivi (ufficiali) di Marchionne sul piano sindacale. E soprattutto: chi diavolo glielo ha chiesto tutto questo zelo?

***

Lo scontro in casa CGIL non è una novità. Semmai, la novità sarebbe se, almeno per una volta, la CGIL riuscisse a stare dalla parte dei lavoratori.

“Lei condivide la posizione della Fiom? ‘Io dico ciò che chiede la Cgil: che si realizzi rapidamente l’investimento previsto per lo stabilimento di Pomigliano. Questo è il frutto di anni di mobilitazione nel territorio da parte dei sindacati, della Cgil, della Chiesa, delle istituzioni locali. A Napoli non c’è alternativa. Stiamo parlando di 15 mila posti di lavoro, compresi quelli dell’indotto. Un piano di queste dimensioni impone una sfida che sicuramente deve essere raccolta: quella della saturazione degli impianti e della turnazione. Su questo non dobbiamo avere timidezze. I 18 turni non sono una novità. In molte fabbriche si lavora 24 ore su 24 per sette giorni. Sappiamo che sarà un sacrificio alto per i lavoratori, perché non è facile lavorare il sabato e la domenica di notte, perché non è la stessa cosa lavorare alla catena di montaggio o stare seduti davanti a una scrivania’”16.

Come lui, appunto. La risposta comunque è chiarissima. Anche un idiota capisce che la CGIL è totalmente daccordo con la proposta di Marchionne e del resto lo si era capito benissimo dal momento che si sono dichiarati per il sì, oltre ad Epifani, anche il Segretario Regionale della Campania e quello Provinciale di Napoli. E tra l’altro, rispondere a chi chiede “cosa pensi della FIOM” “ti dico cosa pensa la CGIL” è rappresentare non tanto una distanza, ma una estraneità, un sentirsi due organizzazioni sindacali diverse.

In tutto questo c’è del buono: forse i lavoratori della FIOM prenderanno atto di questa estraneità, prima di essere isolati e stritolati dall’attacco combinato della struttura repressiva della CGIL e del padronato; forse smetteranno di sostenere inutili battaglie interne che servono solo per spolverare lo scranno di qualche dirigente; forse finalmente usciranno da una organizzazione come la CGIL che sta dimostrando, oggi come non mai, il proprio collateralismo e la propria subalternità al padrone, anche quando questo si presenta con il peggiore dei volti.

***

Lo stabilimento di Pomigliano d’Arco rappresenta, assieme a quello di Arese, la storia del marchio Alfa Romeo (quello che Marchionne vorrebbe portare negli USA). Ma l’Alfa Romeo non è sempre stata della FIAT; prima di entrare nel gruppo era di proprietà del Gruppo IRI (ovvero dello Stato). Chi ebbe la bella pensata di privatizzarla fu il Sig. Prodi Romano, nel 1986, per ripianare i conti. È un vizietto che il Sig. Prodi e i suoi sostenitori politico-sindacali hanno avuto per tutti gli anni ’80 e, soprattutto, ’90: fare cassa (IRI o Tesoro) svendendo i punti cardine del sistema economico pubblico (dall’auto alle telecomunicazioni, dalle banche all’energia) ciò che ha prodotto danni incalcolabili.

Vediamo cosa ha prodotto sull’Alfa Romeo. Quando ne fu avviata la privatizzazione vennero fuori due offerte principali: una della FIAT e una della FORD. La FORD offriva molto di più della FIAT, ma la FIAT aveva un asset vincente: l’italianità (in realtà, gli intrallazzi politico-sindacali e magari anche qualche “mazzetta” agli amici). L’IRI decise quindi di regalare l’Alfa Romeo (tra l’altro un marchio di qualità) alla FIAT perché, si disse, questo avrebbe rappresentato una maggiore garanzia per i lavoratori. Il sindacato confederale applaudì.

Alla vigilia della privatizzazione l’Alfa Romeo aveva “circa 30.000 dipendenti (qualche migliaio a Milano Portello, 8.000 a Pomigliano d’Arco e 19.000 ad Arese”17. Vediamo l’effetto dell’italica FIAT: il Portello è chiuso. Arese è sostanzialmente chiusa anche ci sono diverse centinaia di lavoratori “in esaurimento” ed è in atto una gigantesca speculazione immobiliare sulle aree realizzata anche attraverso i soldi che la FIAT ha preso per la realizzazione di produzioni che non ha mai realizzato. Adesso si minaccia di chiudere anche Pomigliano. Circa 30.000 dipendenti spolverati in 20 anni e il tutto ricevendo una quantità spropositata di denaro pubblico sotto le più diverse forme. Evviva l’italianità !!

Se si avesse la capacità di guardare la propria storia si capirebbe che nessuna promessa fatta da questi “signori” rappresenta una garanzia per i lavoratori. E se dopo aver ottenuto quello che vuole la FIAT decidesse di non metterceli più i 700 milioni, magari accampando qualche scusa legata al “mercato internazionale”? Dopo 20 anni di continui arretramenti i lavoratori – anche sotto la spinta di una crisi che ne minaccia drasticamente la condizione, cominciano a muoversi. Non è facile perché devono vincere decenni di inerzia e di sconfitte. Soprattutto, devono muoversi contro tutti, contando solo sulle proprie forze, cominciando con la resistenza che concretamente sono in grado di esprimere.

I lavoratori coraggiosi che a Pomigliano hanno detto no sono una parte di questa resistenza ed è per questa ragione che a loro va tutto il nostro sostegno di lavoratori, precari, disoccupati, immigrati…, mentre a coloro che, da destra e da “sinistra”, li hanno denigrati e isolati va tutto il nostro disprezzo. Disprezzare questa genìa infame è oggi, forse, il massimo che possiamo fare, ma tutti sappiamo – Marchionne compreso – che la situazione cambierà perché anche anche i muli, dopo una certa dose di bastonate, cominciano a scalciare.

Dagli “spalti” degli stabilimenti FIAT i tifosi operai (e noi con loro) levano il loro saluto: “Marchionne, Marchionne, la senti questa voce? Vafammocca! Vafammocca!”

PRIMOMAGGIO

Foglio per il collegamento tra lavoratori, precari, disoccupati

WEB: http://xoomer.virgilio.it/pmweb

– EMAIL: primomaggio.info@virgilio.it

NOTE

1    E non solo di Bertinotti. Il “partito del pull over” (che prende il nome dai maglioni casual che Marchionne, da uomo “pratico” ed “efficiente” quale è, indossa al posto di giacca e cravatta) è un partito ampio e trasversale. A “sinistra” ha irretito la massima dirigenza del PRC, ma anche quella del PD (si vedano, solo per fare un esempio, le recentissime dichiarazioni di Enrico Letta (vice di Bersani), Veltroni, Fassino…).

2    Intervista al Corriere della Sera del 15 giugno 2010.

3    Intervista al Corriere della Sera del 24 giugno 2010.

4    Alle 11:57 di mercoledì 23 giugno il sito Internet de La Repubblica titolava: “Ira di Marchionne: accordo in bilico” e già dal giorno prima si parlava di un nuovo piano per gestire un eventuale scenario negativo (ovvero una bassa adesione alla proposta FIAT).

5    Fiom pronta a riaprire la trattativa. Ma la Fiat rispetti le leggi, La Repubblica online, 1 luglio 2010

6    Aventi diritto al voto 4.881 lavoratori, votanti 4.642, SI 2.888, NO 1673

7    E questo è, purtroppo, quello che emerge con una certa chiarezza dalle dichiarazioni di Maurizio Landini (vedi la Conferenza Stampa del 23 giugno sul sito www.fiom.cgil.it

).

8    P. Ichino, Appunti di un giurista su Pomigliano, lavoce.info

, 18.06.2010. Alla fine dell’articolo il “professorone” è capace di riportare, “a sostegno” delle proprie tesi, persino una statistica contraffatta o, per meglio dire, interpretata “ad arte”: si tratta degli IDE (Investimenti Diretti Esteri) in Europa. Secondo Ichino il fatto che in Italia (ma anche in Germania e Francia) si facciano pochi IDE è male, mentre è bene che se ne facciano molti in Estonia, Latvia, Slovakia… Forse al Prof. sfugge che spesso sono proprio i paesi che ricevono pochi IDE a farne molti per la ragione banale che le imprese dei paesi “non virtuosi” (nel senso di Ichino) vanno ad impiantare imprese in quelli “virtuosi” (sempre nel senso di Ichino) dove i lavoratori sono supersfruttati.

9    E, proprio in questi giorni, blocco governativo del rinnovo delle RSU.

10  Corriere della Sera, 15 giugno 2010.

11  Adragna, senatori Pd e Api a Zavoli: Nei Tg su Pomigliano spazio solo alla Fiom, 5 giugno 2010, PD Senato.

12  AffariItaliani.it. Auto/Chrysler, Uaw: stop scioperi per 5 anni. Marchionne scommette su bancarotta, 29 aprile 2009: “Fiat mette le mani su Chrysler ma niente scioperi fino al 2015. L’intesa raggiunta con i sindacati della Chrysler, infatti, limita notevolmente la possibilità di pressioni da parte dell’Uaw, che si è impegnato a non protestare almeno per 5 anni”.

13  Sono ormai decine e decine i milioni di posti di lavoro bruciati in questi due anni. E il Fondo Monetario Internazionale, al G20 di qualche giorno fa, ha indicato (per difetto) in 30 milioni i posti di lavoro che si perderanno nei prossimi mesi.

14  Marchionne: “A Termini sciopero per vedere l’Italia”, RaiNews24.

15  Intervista de La repubblica a Guglialmo Epifani, 15 giugno 2010

16  Intervista de La repubblica a Guglialmo Epifani, 15 giugno 2010

17  http://it.wikipedia.org/wiki/Alfa_Romeo

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 201 follower