Prima sentenza che riconosce attendibilita’ Spatuzza

Prima sentenza che riconosce attendibilita’ Spatuzza

.

4 agosto 2010, Palermo. Il gup Daniela Troja riconosce, per la prima volta in una sentenza, «l’attendibilità intrinseca» e la «credibilità soggettivà» del pentito di mafia Gaspare Spatuzza.

.
Le motivazioni riguardano la condanna a 30 anni di carcere di tre imputati (Benedetto Capizzi, Cosimo lo Nigro e Cristofaro Cannella) nel processo per l’uccisione di Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore Santino assassinato a 13 anni nel ’93. A Spatuzza era stata negata la protezione perchè aveva parlato di stragi e rapporti tra mafia e politica oltre i 180 giorni previsti dalla legge. «Le dichiarazioni rese dal pentito – scrive il giudice come riporta il Giornale di Sicilia – appaiono dotate del requisito dell’attendibilità, essendo sicuramente spontanee e sostanzialmente coerenti».

ANSA

fonte: http://www.antimafiaduemila.com/content/view/30058/48/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: