Archivio | settembre 26, 2010

CREATO DA ISRAELE? – Stuxnet, un malware senza precedenti. “Altro che spionaggio industriale…!” / Bush Counter-Terror Official on Stuxnet: ‘Israel Likely Did It’

Stuxnet, un malware senza precedenti. “Altro che spionaggio industriale…!”

.

https://i1.wp.com/www.cwi.it/wp-content/uploads/2010/09/mano_computer-280x186.jpg

Il worm ha preso di mira i sistemi industriali usando tecniche innovative che sfruttano più falle. E per gli esperti potrebbe essere stato sviluppato con il supporto di uno Stato

.

a cura di Gregg Keizer e Paolo Morati
.

Il worm Stuxnet è un malware innovativo e talmente deviante nel suo uso di vulnerabilità non corrette, e così sofisticato in un approccio multi ramificato, che ricercatori della sicurezza che lo hanno analizzato ritengono che potrebbe essere il frutto di professionisti finanziati da una nazione. “Sono veramente incredibili le risorse che sono state destinate a questo worm”, sostiene Liam O Murchu, manager of operations del security response team di Symantec.

“Lo definirei innovativo”, commenta Roel Schouwenberg, senior antivirus researcher di Kaspersky Lab. In confronto altri attacchi degni di nota, come quello battezzato Aurora che ha violato la rete di Google e quelle di dozzine di altre società importanti, sono cose da poppanti. E O Murchu e Schouwenberg dovrebbero saperlo: lavorano per due società di sicurezza che hanno scoperto che Stuxnet sfruttava non solo un  baco Windows zero-day ma ben quattro, numero senza precedenti per un singolo malware.

Stuxnet, segnalato la prima volta a metà giugno da VirusBlokAda, una piccola società di sicurezza basata in Bielorussia, ha guadagnato popolarità un mese dopo quando Microsoft ha confermato che il worm mirava attivamente ai pc Windows che gestivano sistemi di controllo su larga scala in aziende manifatturiere e utility. A questi sistemi di controllo spesso ci si riferisce usando l’acronimo SCADA, che sta per “supervisory control and data acquisition”, ossia controllo di supervisione e acquisizione dati. Essi fanno funzionare tutto ciò che va dalle centrali elettriche ai centri manifatturieri ai condotti petroliferi fino alle installazioni militari.

All’epoca in cui è stato identificato la prima volta i ricercatori ritenevano che Stuxnet – le cui radici sarebbero poi state fatte risalire fino fino a giugno 2009 – sfruttasse solo una vulnerabilità non corretta, o “zero-day”, in Windows e si diffondesse attraverso drive flash USB. L’Iran è stato colpito duramente da Stuxnet, secondo i ricercatori Symantec che a luglio hanno annunciato che circa il 60% di tutti i pc infettati si trovavano in tale Paese. Il 2 agosto Microsoft ha rilasciato un aggiornamento di emergenza per risolvere il baco che si sapeva Stuxnet sfruttava in Windows.

Tuttavia Microsoft ignorava che Stuxnet potesse in realtà usare quattro vulnerabilità zero-day per ottenere l’accesso alle reti aziendali. Una volta ottenuto l’accesso a una rete avrebbe poi ricercato e infettato le macchine specifiche che gestivano i sistemi SCADA controllati dal software del colosso tedesco Siemens. Con un campione di Stuxnet in mano, i ricercatori di Kaspersky e Symantec si sono quindi messi al lavoro, analizzandone in profondità il codice per sapere come veniva effettivamente segnato. Le due società hanno entrambe scoperto un codice di attacco che puntava a tre ulteriori bachi non risolti di Windows.

.

21 settembre, 2010

fonte:  http://www.cwi.it/knowledge-center/2010/09/21/chi-ce-dietro-al-temuto-malware-stuxnet-altro-che-spionaggio-industriale/

___________________________________________________________________________

fonte immagine

Bush Counter-Terror Official on Stuxnet: ‘Israel Likely Did It’

.

A Bloomberg interview with Richard Falkenrath, former counter-terrorism official in the Bush administration points specifically to Israel as the most likely source (see 2:04 of this video; per vedere il video cliccate qui, n.d.m.) of the Stuxnet computer worm:

It is theoretically possible that the U.S. did–that the U.S. government did this.  But it’s a very remote possibility.  More likely, frankly, is Israel–that Israel did it.

For the U.S. to launch a malware attack like this is a very risky thing to do, because it can’t really be controlled.  It can spread beyond the place that’s being targeted.

Which brings us to a critical issue that none of the journalist or bloggers I’ve read who’ve covered this story have mentioned: if Israeli cyberwarriors from Unit 8200 or the Mossad (or both) created Stuxnet, it becomes yet another example of state-sponsored Israeli terrorism running amok.  Even if you concede Israel’s right to target Iran’s nuclear facilities in this way (which I’ll concede here only for the sake or argument), you have the problem of the tens, if not hundreds of millions of dollars in damages caused to the industrial systems of at least four countries (Iran, Pakistan, Indian, Indonesia).  This map details the infections spread by country.

This is a mirror image of the damage caused by the Mossad to the sovereignty and reputations of all those countries damaged by the Mahmoud al-Mabouh assassination when it forged passport documents in the names of citizens of these nations.  One might argue there was some legitimacy in destroying an Iranian nuclear facility possibly designed to create a nuclear weapon.  But for a nation like Israel to collaterally damage key production facilities of these other nations is unconscionable.  Falkenrath clearly believes this is the reason it is unlikely the U.S. pulled the Stuxnet trigger.

Of course, it will be difficult if not impossible to firmly identify the source of the infection since, unlike physical crimes, this one leaves little traceable evidence.  In that sense, Israel or whoever created this menace, has perpetrated almost the perfect cybercrime.  But let’s make no mistake: this is a crime especially against those countries victimized by it who were innocent of any involvement in Iran’s nuclear program.

In fact, one of the world’s leading cyber security experts notes the downward slide that Stuxnet represents:

“This malicious program was not designed to steal money, send spam, grab personal data, no, this piece of malware was designed to sabotage plants, to damage industrial systems,” he said.

“I am afraid this is the beginning of a new world. [The] 90’s were a decade of cyber-vandals, 2000’s were a decade of cybercriminals, I am afraid now it is a new era of cyber-wars and cyber-terrorism,” Kaspersky added.

The problem with Israeli moral calculus is that for the Mossad and Israel’s leaders the end of damaging Iran’s nuclear capability justifies any collateral damage.  I hope that the world’s cyber security experts and political leaders will make clear that this is not a moral calculus they share.  The danger of not taking a strong stand against this is that not only malicious computer hackers will exploit this deadly new development in the history of malware, it will lower the threshhold for other nations who may contemplate deploying such weapons against their own enemies in future.  Think of it–what’s to stop an ambitious Islamist hacker from “improving” on Stuxnet and targeting a critical U.S. production facility to wreak havoc on a power plant or even nuclear plant?  What’s to stop China from a similar attack against Taiwan?  Or Pakistan or India from similarly attacking each other if they were on the verge of war?  You can think of any number of possibilities here.

And it could be Israel that has unleashed this escalating menace on the world.  It’s leaders should realize that what goes around can come around.  While Israel has one of the world’s most sophisticated cyber warfare capability, that does not mean that it is invulnerable.  Certainly, it would be a very difficult target.  But for every Natanz that Israel may target there is a Dimona.  No one should forget that.  I am not advocating such an attack.  But it stands to reason that a nation injured by Israel might target its own critical facilities in revenge.  Is this the sort of cyber brinksmanship that we want to see?

In regard to my speculation that Natanz had to be the target of this attack because of its key role in uranium enrichment, which could lead to an Iranian nuclear weapon if it were pursuing such a goal, another cyber-security expert confirms my thinking:

• Stuxnet appears designed to take over centrifuges’ programmable logic controllers. Natanz has thousands of identical centrifuges and identical programmable logic controllers (PLCs), tiny computers for each centrifuge that oversee the centrifuge’s temperature, control valves, operating speed, and flow of cooling water. Stuxnet’s internal design would allow the malware to take over PLCs one after another, in a cookie-cutter fashion.

“It seems like the parts of Stuxnet dealing with PLCs have been designed to work on multiple nodes at once – which makes it fit well with a centrifuge plant like Natanz,” Rieger says.

While some have argued that Bushehr may’ve been the likely target of Stuxnet since Russian contractors working there originally introduced the worm, it wouldn’t be hard to infect a computer at Natanz once Bushehr was infected.  So it could’ve begun in Bushehr and spread to Natanz with the latter being the ultimate target.  But Paul does make some interesting arguments that Bushehr might make an attractive target as well.   My money is still on Natanz as being the primary goal.  I suppose too it’s possible that Israel’s may’ve devised a twofer, infecting and damaging both facilities.

In a follow-up to yesterday’s post about an Iranian report conceding extensive Stuxnet-related damage to its industrial plants, Paul Woodward reports this from Iranian media:

Iran’s Mehr News Agency adds:

The director of the Information Technology Council of the Industries and Mines Ministry has announced that the IP addresses of 30,000 industrial computer systems infected by this malware have been detected, the Mehr New Agency reported on Saturday.

“An electronic war has been launched against Iran,” Mahmoud Liaii added.

This computer worm is designed to transfer data about production lines from our industrial plants to (locations) outside of the country,” he said.

He also announced that a working group composed of representatives from the Communications and Information Technology Ministry, the Industries and Mines Ministry, and the Passive Defense Organization has been set up to find ways to combat the spyware.

This adds an interesting filip to what I’ve been reporting about the goal and intent of Stuxnet.  Till now, reports have speculated the purpose of the infection was to sabotage Iran’s Natanz nuclear plant.  But it seems entirely possible that while it was doing that an additional goal was to study the entire industrial process by which Iran was pursuing its nuclear ambitions.  This would be a possible goldmine of information for Israel in mapping out Iran’s level of progress and what particular technical avenues it was pursuing.  This might allow Israel to discover how close Iran was to nuclear break-out (if it is pursuing a nuclear weapon).  It might also enable Israel to prepare defenses against Iran’s nuclear goals or even suggest ways of attacking Iran again somewhere down the line.

The possibilities are endless.

Thanks to Paul Woodward for his stellar analysis, which I’ve in part adopted and in part taken in some slightly different directions.  H/t David Ehrens.

.

September 26th, 2010

fonte:  http://www.richardsilverstein.com/tikun_olam/

GUERRA CIBERNETICA – Iran: siamo sotto l’attacco del supervirus Stuxnet / Iran Confirms Stuxnet Damage to Nuclear Facilities

Quale verità? L’informazione italiana esclude dannaggiamenti al programma nucleare iraniano, altre fonti ed esperti dell’Iran lo danno per certo. La mia impressione è che siamo sull’orlo di un baratro e spero con tutto il cuore di stare sbagliandomi

mauro

_________________________________

GUERRA CIBERNETICA

Iran: siamo sotto l’attacco del supervirus Stuxnet

.

Trentamila computer infettati in tutto il paese e task force per proteggere le centrali nucleari (“ma il programma atomico non è stato colpito”). “Uno stato straniero ha lanciato contro la Repubblica islamica una guerra elettronica”

.

TEHERAN – Guerra cibernetica all’Iran o semplice diffusione di uno dei tanti virus informatici che ogni giorno colpiscono migliaia di computer nel mondo? I responsabili iraniani della sicurezza informatica hanno confermato che il “supervirus” Stuxnet ha colpito, nel paese, 30 mila elaboratori, ma che non ci sono conseguenze per il programma nucleare di Teheran, “anche se proseguono i controlli sui computer pesonali di membri dello staff della centrale di Bushehr. “Una squadra sta ispezionando diversi computer per rimuovere il virus”, ha detto il responsabile della centrale, Mahmud Jafari, aggiungendo che “i sistemi principali dell’impianto non sono stati danneggiati”.

L’ipotesi che Stuxnet sia nato espressamente per colpire il programma nucleare iraniano e che dietro il “supervirus” ci sia non un hacker, per quanto esperto, ma “uno Stato straniero che vuole distruggere l’Iran” è stata formulata da Mahmud Liayi, responsabile per la Tecnologia informatica al ministero dell’Industria: “Una guerra elettronica è stata lanciata contro di noi” , ha detto, confermando comunque la vasta diffusione del virus.

Il ministro dell’Industria, Reza Taqipur, ha però rassicurato il Paese: “Nessun serio danno è stato segnalato ai sistemi industriali iraniani”. In ogni caso, l’Iran ha deciso di costituire una task force di pronto intervento per combattere “l’infezione informatica”. Mahmud Liayi ha annunciato  che è stato messo a punto un antivirus specifico che sarebbe in corso di distribuzione ad industrie e apparati governativi del Paese. Liayi ha anche invitato le industrie ad astenersi dall’utilizzare i software antivirus della Siemens perchè potrebbero essere in realtà portatori di nuove versioni di Stuxnet o di un meccanismo per renderlo ancora più potente.

“Ci aspettiamo che la vigilanza e la competenza degli esperti iraniani vanifichino la guerra cibernetica dei nemici”, ha spiegato Zarean, vice capo dell’Organizzazione per l’Energia atomica iraniana, responsabile per la sicurezza, che ha anche negato la “contaminazione elettronica” delle istallazioni nucleari del Paese.

“Dato che usiamo anti-virus nei sistemi controllati dallo Stato, questo velenoso software è stato meno efficace. Non ha fatto nessun danno importante”, ha spiegato il ministro delle telecomunicazioni, Reza Taghipour. Il ministro però ha ammesso che sistemi meno protetti sono rimasti infettati dal virus che si infiltra attraversa porte USB e che gli esperti hanno definito come “il programma più sorprendente e raffinato che mai sia stato inventato”. “Tecnici specializzati hanno cominciato a ripulire i sistemi informatici industriali e sono stati messi in allerta nel caso la minaccia diventi più seria”, ha concluso.

Stuxnet, apparso per la prima volta in giugno, attacca in particolare programmi per l’automazione industriale prodotti dalla Siemens, utilizzati tra l’altro nelle piattaforme petrolifere, negli oleodotti e nelle centrali elettriche e molto diffusi in Iran. Pur essendo stata segnalata anche in Pakistan, India e Indonesia, la presenza del virus, che sarebbe in grado di provocare anche danni materiali agli impianti, appare più diffusa nella Repubblica islamica.

Questa circostanza e l’estrema complessità del virus ha indotto alcuni esperti occidentali ad ipotizzare che Stuxnet sia stato elaborato non da un normale hacker ma da uno Stato con l’intento di prendere di mira installazioni in Iran, forse anche quelle atomiche. La Siemens ha tuttavia negato di avere venduto all’Iran sistemi da utilizzare nei suoi impianti nucleari.

I ricercatori che finora lo hanno analizzato, ritengono che questo worm sia stato prodotto con grandissime risorse finanziarie, e quindi sia opera di professionisti ingaggiati da qualche governo. Di più, sarebbe il primo ad essere stato concepito per colpire infrastrutture reali, come centrali elettriche, impianti idrici o aree industriali. Segnalato la prima volta a metà giugno da una piccola società di sicurezza in Bielorussia, Stuxnet ha guadagnato popolarità un mese dopo quando Microsoft ha confermato che il worm mirava attivamente ai pc Windows che gestivano sistemi di controllo su larga scala in aziende manifatturiere e utility. Da qui l’ipotesi iniziale che si trattasse di un caso di spionaggio industriale

In passato, sulla stampa americana era però circolata la notizia che l’amministrazione di Washington aveva allo studio programmi di boicottaggio per rallentare o fermare il programma nucleare di Teheran, anche con azioni di guerra informatica. E un responsabile della sicurezza del programma atomico iraniano, ha affermato che “è necessario fare attenzione alle minacce cibernetiche provenienti specialmente degli Stati Uniti e Israele, e studiare le contromosse”.

.

26 settembre 2010

fonte:  http://www.repubblica.it/tecnologia/2010/09/26/news/l_iran_sotto_l_attacco_del_supervirus_stuxnet_task_force_per_proteggere_le_centrali_nucleari-7458914/?rss

___________________________________________________________________________

Iran Confirms Stuxnet Damage to Nuclear Facilities

.

September 25th, 2010

stuxnetStuxnet sample code

.

The AP is reporting confirmation from Iranian sources that Stuxnet, which I’ve posted about here, has caused extensive damage with the country’s computer and industrial system:

Iranian media reports say the country’s nuclear agency is trying to combat a complex computer worm that has affected industrial sites in Iran and is capable of taking over power plants.

The semi-official ISNA news agency says Iranian nuclear experts met this week to discuss how to remove the malicious computer code, dubbed Stuxnet, which can take over systems that control the inner workings of industrial plants.

Experts in Germany discovered the worm in July. It has since shown up in attacks in Iran, Indonesia, India and the U.S.

Friday’s report said the malware had spread throughout Iran, but did not elaborate. Foreign media reports have speculated the worm was aimed at disrupting Iran’s first nuclear power plant, which is to go online in October.

Until now, western security experts were the only ones reporting on and analyzing Stuxnet.  No Iranian sources were willing to speak publicly about it.  But the fact that this article quotes “Iranian nuclear experts” confirms that the worm has infected Iran’s nuclear complexes.  The only thing left to know is whether the most damaged site was Natanz, the only known plant enriching uranium which might be used in producing a nuclear weapon, as I’ve speculated.

Well, that’s not exactly the only thing left to know.  An equally intriguing question is who devised and planted the malware (how they did it would be interesting as well).  The Iranians can’t very well blame Israel or the U.S. because to do so would acknowledge the damage Stuxnet has caused.

.

fonte:  http://www.richardsilverstein.com/tikun_olam/

SMARRITO.. CHI L’HA VISTO? – Minzolini: in Rai prevale cultura di sinistra, basta vedere “Annozero”

Il povero Minzo sta smarrendo la ragione.  E non sto scherzando: in quanto operatore nel campo della salute posso dire di star cogliendo i prodromi (qualcuno, gentilmente, gli spieghi il termine) di un irrimediabile tracimamento cerebrale. Di più: se vorrà contattarmi tramite la mail del blog (solleviamociblog@gmail.com) vedrò di suggerirgli i rimedi del caso. Gratis.

mauro

_________________________________

Minzolini: in Rai prevale cultura di sinistra
basta vedere “Annozero”

.

Augusto Minzolini MILANO (26 settembre) – «In Rai la cultura prevalente è a sinistra». Così ha detto il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, intervenendo alla seconda festa nazionale della Libertà a Milano. «In Rai la cultura prevalente è a sinistra, basta vedere Annozero – ha detto -. Se hai quella linea puoi dire molto di più di quello che ho detto io. Se hai una posizione diversa non è consentito». «Io – ha detto Minzolini, che alla Festa ha intervistato il ministro della giustizia Angelino Alfano – non voglio prevaricare e non voglio essere prevaricato».

.

fonte:  http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=120412&sez=HOME_INITALIA

ECONOMIA & AMBIENTE – Adotta un filare a distanza e porti a casa 50 bottiglie

Adotta un filare a distanza e porti a casa 50 bottiglie

.

https://i0.wp.com/www.ilsecoloxix.it/r/IlSecoloXIXWEB/basso_piemonte/foto_trattate/2010/09/25/Montaldo_Bormida-H100924160845-145--U150432307917JyF-290x229--499x285.jpg

È di Montaldo Bormida la prima azienda che ha aderito all’iniziativa

.

25 settembre 2010

| Daniela Terragni
.

Se non sarà per amore del paesaggio, sarà per convenienza: chi adotta un filare porta a casa almeno 50 bottiglie di vino.

Da oggi per produrre non è necessario possedere il vigneto o la cantina. Puoi adottare uno o più filari distanza versando un corrispettivo o partecipare alla lavorazione nei fine settimana, provando un percorso di agricoltura naturale, dalla potatura alla vinificazione, pernottando nelle strutture ricettive locali a prezzi agevolati.

Alla fine della stagione tornerai a casa con 50 bottiglie di vino e, si spera, la voglia di tornare l’anno prossimo per un’altra stagione produttiva.

E’ la proposta dell’Unione collinare dei castelli tra Orba e Bormida, che nell’ambito del piano di Sviluppo Territoriale mette in campo il progetto “Adotta un vigneto” per valorizzare i vigneti tradizionali a scopo paesaggistico e turistico.

Si rivolge a tutti gli appassionati e ai proprietari di vigneti, preferibilmente ancora con pali di castagno.

L’unica azienda che ha risposto a questa iniziativa è Cascina del Vento di Montaldo Bormida, località Baretta-Selvaggia, dove oggi alle ore 15 si svolgerà la presentazione ufficiale coordinata dal sindaco Giuseppe Rinaldi e dall’architetto Giovanna Zerbo, che ha curato il Piano Territoriale, alla presenza delle autorità locali. Ospiti Riccardo Carnovalini e Claudio Jaccarino i due camminatori italiani partecipanti al “CamminAmare”, che ora sono pronti per un nuovo percorso naturalistico: dal vigneto alla cantina. Completeranno la presentazione la degustazione dei vini e una passeggiata nel vigneto.

L’Unione inizia con questa azienda pilota e la speranza che possano aderire altre cascine dei 6 comuni, oltre a Montaldo anche Carpeneto, Trisobbio, Rocca Grimalda, Orsara Bormida, Castelnuovo Bormida.

«E’ un’iniziativa in grado di unire il territorio al prodotto tipico per eccellenza, il vino, e di avere positive ripercussioni nell’ambito del turismo. Il progetto è in grado di legare il territorio al prodotto tipico per eccellenza, i partecipanti pernotteranno nelle strutture ricettive della zona», sottolinea il sindaco Rinaldi pensando di avviare per i vignaioli in erba ulteriori convenzioni, anche con negozi, ristoranti, eventi locali, dalle sagre alle visite ai castelli.

«L’ospitalità è il punto di forza della promozione e siamo lieti che la prima azienda aderente sia di Montaldo». Non a caso il progetto prende forma in un paese immerso nella tradizione del vino con la cooperativa Tre Castelli, il Palavino – Palagusto, la nuova Enoteca comunale e il prossimo museo storico della grappa. Conclude Rinaldi: «Adotta un vigneto abbraccia e tutela il paesaggio tradizionale ma è anche un’imperdibile occasione di visibilità che avvicinerà alle nostre colline tanti appassionati».

.

fonte:  http://www.ilsecoloxix.it/p/basso_piemonte/2010/09/25/AM7Ce24D-bottiglie_distanzae_filare.shtml

Se Fini dimentica la favola della rana e dello scorpione

Se Fini dimentica la favola della rana e dello scorpione

fonte illustrazione

.

di Paolo Flores d’Arcais, Il Fatto Quotidiano, 26 settembre 2010

.

Gianfranco Fini ha passato di nuovo il cerino della crisi a Berlusconi, ma lo ha fatto con un discorso che stabilisce alcuni punti definitivi. Primo: sulla casa di Montecarlo ha chiarito con accenti di sincerità, arrivando a garantire le dimissioni (cui non sarebbe tenuto) se venisse fuori con certezza che il proprietario è suo cognato e che la sua colpa (di Fini) è solo quella di avergli creduto. Una scelta di moralità che da oggi potrà pretendere da qualsiasi altro dirigente di centro-destra (luogo di malaffare dove circolano montagne di crimini penali, compresi crimini mafiosi, non leggerezze familiari).

Secondo: lo scontro
è sulla questione della legalità, della legge eguale per tutti, dell’autonomia della magistratura, principi che Berlusconi non riesce neppure a capire. Terzo: qualcuno ha montato un “affaire” utilizzando faccendieri di ogni risma, investendo denari evidentemente ingenti, arrivando a far muovere ministri di Stati sovrani (benché più “off-shore” ed equivoci di qualsiasi “Stato libero di Bananas”), piegando la libertà di stampa – in tre o quattro paesi! – a scopi abietti. Insomma, mettendo a repentaglio la democrazia stessa. Quarto: … E a questo punto Fini ha passato di nuovo il cerino a Berlusconi.

Non ha voluto pronunciare la frase e il nome che di tutte le parole precedenti erano il logico corollario. Non ha voluto dichiarare che il mandante di questo aggressione alla Costituzione e alle libertà democratiche è Berlusconi, e che i giorni che si aprono, e che al massimo potranno durare pochi mesi, e che si concluderanno con le elezioni, vedranno per l’Italia una scelta senza possibilità di mediazioni, “a somma zero”: o Berlusconi uscirà ignominiosamente di scena, travolto dalla rivolta morale degli italiani, o inizierà la sua dittatura “senza prigionieri”, sulle macerie di una Costituzione assassinata e di un paese degradato a livelli premoderni sotto ogni aspetto: sociale, culturale, istituzionale, economico.



Gianfranco Fini tutto questo
lo sa perfettamente. Lo ha fatto intuire in filigrana nei primi sette minuti del suo discorso, ma negli ultimi due ha voluto fingere che Berlusconi possa desistere dal suo progetto di regime totalitario-proprietario, e dalla sua natura di Caimano. Se prima di parlare avesse riletto l’antica favola della rana e dello scorpione avrebbe concluso diversamente. Speriamo che una conclusione comprensibile solo “tatticamente” non si riveli tragica per la democrazia.

.

fonte:  http://temi.repubblica.it/micromega-online/se-fini-dimentica-la-favola-della-rana-e-dello-scorpione/

https://solleviamoci.files.wordpress.com/2010/09/berlusconi_iniziativasputi.jpg?w=282

fonte illustrazione

L’ITALIA DEL NON FARE – Strada fantasma da Fano a Grosseto: La iniziò Fanfani, non è ancora finita / DOSSIER: L’Italia incompiuta di viadotti e ferrovie

La strada fantasma da Fano a Grosseto
La iniziò Fanfani, non è ancora finita

Doveva unire Tirreno e Adriatico. Sit-in di protesta di 300 amministratori. Servono 4 miliardi per terminare l’opera. La gelleria divenuta simbolo è incompleta dal ’91

.

di VALERIO VARESI

.

La strada fantasma da Fano a Grosseto La iniziò Fanfani, non è ancora finita

.

Tra questione meridionale e questione settentrionale, il centro rischia di scomparire dall’agenda del governo. Così la protesta per il completamento della superstrada E78 che collega Grosseto con Fano, il Tirreno con l’Adriatico, i porti di Livorno e Genova con quello di Ancona, è molto di più di una rivendicazione puramente viabilistica. È la rivolta di un territorio che comprende cinque province e decine di Comuni tra Grosseto, Siena, Perugia, Pesaro, Urbino e Arezzo, dimenticato da Roma e in forte sofferenza sul piano delle infrastrutture. Da venerdì, circa 300 amministratori interessati dalla strada incompiuta si sono accampati per protesta accanto a quello che è il simbolo scandaloso di questa incompiutezza: la galleria della Guinza, snodo determinante tra Marche e Umbria, sei chilometri che iniziano nel nulla e finiscono nel nulla terminati nel 1991 all’epoca del famigerato ex ministro Dc dei Lavori pubblici Gianni Prandini, finito sotto inchiesta per tangenti, e ancora lì ad aspettare il passaggio della prima auto. Il progetto iniziale risale agli anni Settanta e in quarant’anni ha proceduto a spizzichi e bocconi. L’ultimo a provarne il completamento fu Antonio Di Pietro che nel 2006 lanciò invano un project financing.

Gli amministratori hanno allestito una tendopoli nel piazzale di quello che fu il cantiere e per due notti hanno dormito all’imbocco del tunnel alternando manifestazioni e iniziative in una sorta di Woodstock per assessori, presidenti di province e sindaci. “Per completare quest’opera che iniziò con Fanfani – spiega Matteo Ricci, presidente della provincia di Pesaro e Urbino – ci vorrebbero 4 miliardi, ma noi ci accontenteremmo che lo Stato trovasse i 900 milioni che occorrono per collegare questa galleria alla superstrada E45 Orte-Cesena. Sarebbe già un passo avanti in attesa del resto”. Il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli ha risolto alcuni problemi di tracciato, ma i soldi sono l’ostacolo principale. “La nostra protesta – interviene Marco Vinicio Guasticchi, presidente della provincia di Perugia – non è venuta dai vertici, ma dalla gente dell’Italia “mediana”. Noi ci siamo fatti interpreti del malcontento”.

Tra Umbria, Toscana e Marche i cittadini si sono stancati di “una vita da mediani” e adesso alzano la voce. Alla testa della rivolta c’è la nouvelle vague della politica, una generazione di amministratori tra i 30 e i 50 anni, il più giovane dei quali è proprio Ricci che ne ha 36. “Nell’agenda del Governo non ci possono essere solo la Pedemontana lombarda e il ponte sullo stretto” lamenta quest’ultimo. “Su sedici grandi cantieri – rincara la dose il sindaco di Mercatello sul Metauro, sede della contestazione, Giovanni Pistola – solo uno riguarda questa parte d’Italia”. Pistola, al contrario di Ricci e Guasticchi, è di centrodestra, ma non per questo è meno arrabbiato. “Abbiamo deciso di smetterla di cercare le colpe altrimenti litighiamo” sorride. “Quest’opera è stata presa in mano da dieci Governi di colore diverso, allora ci siamo detti: scordiamoci tutto questo e marciamo uniti per mandare avanti l’opera. La gente ci chiede questo”.

Persino il consigliere regionale umbro della Lega Nord Gianluca Cirignoni si è detto d’accordo con la protesta e ieri sera è arrivato il sostegno anche del presidente dell’Unione delle province italiane, il catanese Giuseppe Castiglione. L'”accampamento” degli amministratori si conclude stamattina alle 11,30 con la cerimonia finale e il rompete le righe dopo due notti “in branda”.

.

26 settembre 2010

fonte:  http://www.repubblica.it/cronaca/2010/09/26/news/strada_fano-grosseto-7435977/

___________________________________________________________________________

Iniziati i lavori di completamento tratta ferroviaria Ferrandina-Matera


Purtroppo si tratta solo di un “PESCE D’APRILE”. I materani continueranno a vivere con il sogno della ferrovia Ferrandina – Matera

fonte:  http://www.ilmiotg.it/08/index.php?option=com_content&view=article&catid=33%3Acronaca&id=3027%3Ainiziati-i-lavori-stazione-ferroviaria-di-la-martella&Itemid=121

___________________________________________________________________________

IL DOSSIER

L’Italia incompiuta di viadotti e ferrovie

Matera senza treni, sulla A3 lavori in corso da 13 anni. E per l’idrovia Milano-Cremona l’attesa dura dal 1911.Più l’infrastruttura viene definita “strategica” e più la sua realizzazione subisce ritardi

.

di FABIO TONACCI

.

L'Italia incompiuta di viadotti e ferrovie

.

ROMA – Sembra che per costruire la piramide egiziana di Cheope, intorno al 2570 a. C., ci siano voluti una ventina d’anni e la forza delle braccia di 100 mila schiavi. Ma alla fine il risultato si è visto. Quasi 4500 anni dopo, in Italia, venti anni di lavoro non bastano per completare opere davvero molto meno ambiziose. Come la ferrovia tra Ferrandina e Matera, una tratta di appena 29 chilometri. I lavori sono cominciati nel 1986 e non sono ancora finiti. Per ora, un binario morto. E Matera resta l’unico capoluogo in Italia non collegato alla rete ferroviaria nazionale, nonostante uno spot di Trenitalia di qualche anno fa invitasse i passeggeri a raggiungere la città dei Sassi a bordo di confortevoli vagoni.

L'”incompiuto” italiano pare essere il vero stile delle infrastrutture in costruzione nel nostro Paese. Nord o Sud non fa differenza. I cantieri-lumaca sono ovunque. Si portano dietro lo spreco di miliardi di euro di finanziamenti pubblici e lo scoraggiamento dei cittadini. Gli esempi ci raccontano un paradosso: più una strada, un’arteria, una nuova via di trasporto viene definita “strategica”, “risolutiva”, “necessaria”, addirittura “geniale” e più – come dimostra la vicenda della Fano-Grosseto – i lavori procedono con la velocità di una moviola. L’idrovia Padova-Venezia, un’autostrada d’acqua pensata per il trasporto delle merci nei container, secondo il progetto del 1964 avrebbe dovuto assorbire il traffico di 40 mila autotreni. Non solo: aveva anche la funzione di scolmatore delle piene del Brenta, riducendo il rischio di alluvioni nel territorio. Quarantasei anni e 75 milioni di euro dopo, ci ritroviamo con un fiume artificiale di 17 chilometri spezzato in due tronconi (mancano ancora 10 km), con una chiusa mobile in cemento armato a destra del Brenta (in località Vignovo) lasciata a marcire. E con nove ponti stradali e un ponte ferroviario che non hanno niente da scavalcare, svettano su campi coltivati perché sotto, dell’autostrada d’acqua, non c’è traccia. Con le idrovie evidentemente non abbiamo fortuna se quella progettata già nel 1911 tra Milano e Cremona (65 km) e presentata come l’idea del secolo, oggi si ferma mestamente a Pizzighettone dopo appena 13 chilometri. Troncata, come altre opere “strategiche”, da finanziamenti che si interrompono a metà dei lavori o da amministrazioni incompetenti che si perdono nelle varianti o rivedono all’infinito i progetti.

A volte queste grandi incompiute almeno un merito ce l’hanno: quello di arricchire la lingua italiana con nuovi modi di dire. Sulle colline delle Serre, in Calabria, per indicare qualcosa che non arriverà mai si dice: “È come la Trasversale”. Il riferimento è a alla strada statale 182, la Trasversale delle Serre. Parte da Soverato, sulla costa Ionica, e dopo 56 km incontra quella Tirrenica. Progettata nel 1966, è un cantiere aperto dal 1982. Rientra nelle grandi opere dell’Anas, ma a oggi solo sette chilometri sono transitabili. Il costo complessivo è di mezzo miliardo di euro, soldi che fanno gola alla criminalità organizzata, per la quale un cantiere aperto vale molto di più di una strada completata. A settembre del 2009 un attentato incendiario ha messo a rischio la vita di 150 operai. Un anno prima, il 26 marzo 2008, Giuseppe Longo, l’amministratore delegato di un’impresa che lavorava alla Trasversale, è stato assassinato. L'”incompiuto” italiano sconta anche queste infiltrazioni.

Il corpo del reato più lungo d’Italia però è la Salerno-Reggio Calabria: 443 chilometri di autostrada che hanno bisogno disperatamente di una terza corsia. I lavori, gestiti anche questi dall’Anas, durano da più di tredici anni e sono in mano alla ‘ndrangheta. I cantieri aprono e chiudono di continuo. Intanto gli automobilisti aspettano in coda. Nel superefficiente nord-est non va meglio: ci sono voluti 38 anni per ultimare la A28, la direttrice Portogruaro-Pordenone-Conegliano, anello di congiunzione con il Passante di Mestre. La strada doveva essere aperta a luglio, ora si parla di questo autunno. I più disincantanti, dopo quarant’anni di attesa, quasi non ci credevano più ma i finanziamenti per gli ultimi lotti sono arrivati. Le vie del Signore sono infinite. E non solo quelle, purtroppo.

.

26 settembre 2010

fonte:  http://www.repubblica.it/cronaca/2010/09/26/news/dossier_italia_strade-7436110/

Rifiuti, nuovi scontri a Terzigno: 3 feriti. Cumuli di spazzatura in strada a Napoli / Napoli, “torna” la monnezza. Ma se n’era mai andata?

Rifiuti, nuovi scontri a Terzigno: 3 feriti
Cumuli di spazzatura in strada a Napoli

.

https://i2.wp.com/www.ilmessaggero.it/MsgrNews/HIGH/20100925_c1_riffis.jpg

Aperte tre inchieste dalle procure di Nola e Torre Annunziata

.

NAPOLI (26 settembre) – Ancora tafferugli la scorsa notte a Terzigno nel napoletano dove la gente da giorni protesta contro l’apertura di una seconda discarica. Anche ieri notte polizia e carabinieri hanno scortato gli autocompattatori che dovevano sversare la spazzatura nel sito. Centinaia di cittadini antidiscarica erano presenti al passaggio dei camion. I tafferugli sono avvenuti in diversi momenti della nottata.

Intorno alle ore 4 un carabiniere è stato ferito al volto da una pietra, come già era avvenuto 3 notti fa al vicequestore Sergio Di Mauro, colpito al volto da un sanpietrino. Il militare è stato portato in ospedale le sue condizioni non sono gravi. Anche due manifestanti nel corso di una delle cariche sono rimasti feriti, sono caduti mentre erano in fuga per sfuggire all’azione antisommossa di polizia e carabinieri.

I camion impegnati nello sversamento dei rifiuti nella discarica sono stati scortati ancora dalla polizia mentre altri pattuglioni di agenti presidiano 24 ore al giorno l’ingresso del sito per evitare che i manifestanti anti discarica possano penetrare all’interno per bloccarne l’attività.

Centinaia di persone nel frattempo hanno trascorso la notte insieme al sindaco di Boscoreale, Gennaro Langella, nel presidio allestito davanti al palazzo del comune vesuviano per dire no all’apertura della seconda discarica in zona. Da ieri il primo cittadino sta attuando lo sciopero della fame.

Intanto a Napoli continua a crescere la montagna di spazzatura non raccolta: per strada ci sono almeno 600 tonnellate di rifiuti. Per tamponare l’emergenza sono già pronti i treni speciali.

Sulla nuova emergenza rifiuti a Napoli indagano due procure, quella di Nola e quella di Torre Annunziata, che hanno fatto partire tre inchieste. I magistrati intanto vogliono accendere un faro sugli ultimi avvenimenti: alla procura di Nola stanno arrivando le informative, con gli identikit sempre più dettagliati, dei responsabili degli incendi dei camion dell’Asìa, l’azienda dei rifiuti napoletana, e della sassaiola.

Ma il punto più delicato riguarda le due discariche, l’ex Sari ormai quasi esaurita e la cava Vitiello. È la sopravvivenza stessa degli sversatoi ad essere oggetti di accertamento investigativo. C’è anche un dossier dell’antimafia sulle due ditte, Davideco e Enerambiente al centro della guerriglia.

.

fonte:  http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=120372&sez=HOME_INITALIA

___________________________________________________________________________

Napoli, “torna” la monnezza. Ma se n’era mai andata?

Il popolo della Rete ironizza: “Forse se ne torna a parlare”. Intanto tensioni e scontri si sono verificati a Terzigno dove dovrebbe nascere una nuova discarica e per i netturbini è stata disposta la scorta. FOTO E VIDEO

___________________________________________________________________________

https://i2.wp.com/static.sky.it/static/contentimages/original/sezioni/tg24/cronaca/2010/09/24/rifiuti2_rifiuti_napoli_settembre_2010.jpg

L’emergenza rifiuti: tutte le foto
Rifiuti, Napoli nel caos, scontri tra polizia e manifestanti. Video

___________________________________________________________________________
.

di Giulia Floris

.

Mentre siti e giornali titolano “Torna l’emergenza rifiuti a Napoli” e il commissario per l’emergenza Guido Bertolaso dice di non capire come sia possibile che nel capoluogo campano ci sia “di nuovo” la spazzatura per le strade, sul web fioccano i commenti ironici di tanti cittadini napoletani.

“Torneranno i rifiuti in strada? Se è per questo, non sono mai spariti!!!” dice Antonio all’interno di una discussione su facebook, così come Marilena che commenta: “Torneranno?…e quelli che io vedo quotidianamente da una vita che sono?…”. Oppure Stefano, che in un altro dibattito sul social network dice: “‘Torna’, nel senso che si torna a parlarne, suppongo”.
“Io sono di Napoli il problema non è stato mai risolto la spazzatura è stata messa sotto il tappeto, stanno bruciando tutto nell’inceneritore senza differenziare nulla” scrive anche Aldo, mentre Patrizia si rivolge proprio al commissario: “Cos’è, è uscita da sotto il tappeto? Bertolaso dove sei?!”.

Della “nuova” crisi della “monnezza” a Napoli si parla da giorni anche in diversi blog. “L’emergenza rifiuti a Napoli non è mai finita”  titola senza mezzi termini Blogeko, mentre Laboratorio napoletano racconta di come i rifiuti “siano a disposizione delle macchine fotografiche delle migliaia di turisti che affollano le strade del centro”.

Definisce invece “una lavata di faccia”, quanto fatto finora nella gestione dei rifiuti, Gennaro Capodanno, ingegnere, presidente del Comitato cittadino ‘Valori collinari’, che racconta di come il quartiere del Vomero sia di nuovo invaso dalla spazzatura, nel suo Vomeroblog.

“C’è stato un periodo in cui nell’area collinare siamo stati bene –  dice, interpellato da Sky.it –  ma dalle periferie i rifiuti non sono mai spariti veramente, e da tre giorni anche qui la spazzatura non viene prelevata e i cassonetti traboccano”. “Solo al Vomero – spiega – si producono 900 quintali di spazzatura al giorno, che vuol dire tonnellate di rifiuti in pochi giorni. Si tratta di un problema igienico-sanitario oltre che di immagine. La spazzatura attira topi, insetti: di recente il Comune ha dovuto fare una disinfestazione delle blatte rosse”.

Ma cosa è successo, questa volta? Secondo Capodanno, “la verità è che basta che si inceppi un piccolo ingranaggio che la macchina si blocca: la coperta è troppo corta e a seconda dei giorni si può trovare una zona ripulita e un’altra invasa dai rifiuti”. “Il vero problema – dice – è che la raccolta differenziata a Napoli non è mai decollata. Finché non decolla la differenziata non si risolve il problema. Sotto casa mia le campane del vetro sono sempre piene, così come i raccoglitori dei medicinali: il cittadino pur volendo collaborare, non è messo nelle condizioni di poterlo fare. E’ in atto un vero e proprio meccanismo diseducativo”.

La nuova emergenza poi, è coincisa con gli scontri legati a una nuova discarica a Terzigno. “Chiunque di noi tirerebbe calci – commenta l’ingegnere – se gli volessero mettere una discarica, in cui non si sa bene neanche cosa si smaltisce, sotto casa. E’ un cane che si morde la coda: finché non si arriva alla differenziata avremo sempre bisogno di nuove discariche”.

Della necessità di arrivare alla raccolta differenziata è convinto anche Tommaso Sodano, cosigliere della Provincia di Napoli ed esperto dello smaltimento dei rifiuti. “In questi due anni si erano tolti i rifiuti dalle strade con nuove discariche, ma ora le discariche sono quasi in esaurimento e dal punto di vista strutturale siamo allo stesso punto di prima – dice – il problema non è risolto perchè non si sono affrontati i nodi strutturali: impianti funzionanti e raccolta differenziata, che qui non si fa non per colpa dei cittadini, ma perchè le istituzioni non sono state in grado di programmarla seriamente”.

.

24 settembre 2010

fonte:  http://tg24.sky.it/tg24/cronaca/2010/09/24/napoli_rifiuti_monnezza_vomero.html

Cile, arrivata la capsula per i 33 minatori

Corriere della Sera

Intrappolati dal 5 agosto a 700 metri di profondità

Corriere della Sera

Cile, arrivata la capsula per i 33 minatori

È una gabbia cilindrica alta 4 metri e pesante 460 chili.
I lavoratori saranno riportati in superficie, uno a uno, attraverso uno dei pozzi che i soccorritori hanno scavato

.

SAN JOSÈ (Cile) – La prima capsula di metallo, che servirà a far risalire in superficie i 33 minatori intrappolati dal 5 agosto a 700 metri di profondità nella miniera di San Josè in Cile, è arrivata scortata da auto della polizia e accolta da applausi e ovazioni dei familiari accampati intorno alla miniera. Prima di tre costruite nei cantieri navali della Marina cilena, è una gabbia cilindrica alta 4 metri, pesante 460 chili e con un diametro di circa 50 centimetri. Le altre due capsule saranno consegnate la prossima settimana e saranno calate all’inizio di novembre, una volta completati i lavori di scavo dei pozzi.

___________________________________________________________________________

Paura e speranza fuori dalla miniera Paura e speranza fuori dalla miniera Paura e speranza fuori dalla miniera

Paura e speranza fuori dalla miniera Paura e speranza fuori dalla miniera Paura e speranza fuori dalla miniera Paura e speranza fuori dalla miniera Paura e speranza fuori dalla miniera

___________________________________________________________________________

PRIMI SOCCORSI – La gabbia, dipinta di bianco, rosso e blu (i colori della bandiera cilena), è stata battezzata “Fenice” dal ministro delle miniere Laurence Golborne, mentre il ministro della sanità Jaime Manalich ha precisato che un soccorritore e un medico scenderanno a 700 metri di profondità per preparare i minatori alla risalita. Tutti i lavoratori, dopo aver preso posto nella capsula, saranno riportati in superficie, uno a uno, attraverso uno dei tre pozzi che i soccorritori stanno scavando. L’operazione – hanno affermato alcuni ingegneri – dovrebbe durare da mezz’ora a un’ora e mezza. Una volta in superficie, i minatori riceveranno i primi soccorsi in un centro di osservazione dove potranno avere i primi contatti con i familiari. L’obiettivo – ha detto il ministro delle miniere – è di far risalire i 33 uomini «per i primi giorni di novembre». (Fonte: Ansa)

.

26 settembre 2010

fonte:  http://www.corriere.it/esteri/10_settembre_26/cile-capsula-minatori-intrappolati-miniera-san-jose_fe723594-c947-11df-9f01-00144f02aabe.shtml

Beppe Grillo: «I partiti sono morti, non ci mischiamo con loro»

Beppe Grillo: «I partiti sono morti, non ci mischiamo con loro»

https://i2.wp.com/www.ilmessaggero.it/MsgrNews/HIGH/20100926_grillo12.jpg

A Cesena la Woodstock 5 stelle: vogliamo il diritto alla felicità

.

ROMA (26 settembre) – «I partiti sono morti, sono una concezione vecchia della politica. E noi non vogliamo commistioni con i morti». Si risveglia sulla linea del precedente il secondo giorno di Woodstock 5 stelle a Cesena, l’adunata dei cosiddetti grillini. Con Beppe Grillo che, a margine, ritorna sui temi, con un’unica concessione al turpiloquio, di cui per altro chiede venia.

«Noi non abbiamo soldi pubblici. Se metti i soldi
dentro la politica, la politica diventa merda. Scusate il termine. Noi non siamo di destra né di sinistra, siamo sopra, siamo andati oltre». E, di conseguenza, nessuna alleanza in vista per il movimento, se non quelle fatte «tutti i giorni, ma con i comitati dei cittadini».

Ventimila le persone che tra tende, camper e alberghi hanno dormito nella zona e dalle prime ore della mattinata popolano l’erba del parco. «Al campeggio ieri sera alle 11 dormivano tutti, con un silenzio, un cinguettio di uccellini… Il massimo della depravazione erano chinotti e succhi di frutta», ha detto il comico. «Questa non è – ha proseguito Grillo – gente tranquilla, è gente che ha capito, gente informata. Che non vuole essere rappresentata da quei quattro morti che sono sottoterra. Noi siamo vivi, la nostra è un’espressione di vita. Questa è la vera politica, parliamo di come fare una casa, una città, di come muoversi. La nostra costituzione la stiamo mettendo in pratica e vogliamo aggiungere il diritto alla felicità. Due giorni di felicità così sono un miracolo oggi in Italia», ha concluso in attesa di un discorso previsto per il primo pomeriggio.

«Le giornate dei grillini a Cesena sono interessanti, divertenti e ricche di contenuti che possono contribuire a far crescere la politica del Paese», ha detto l’europarlamentare e responsabile giustizia Idv Luigi de Magistris. «Sarebbe miope – ha però aggiunto De Magistris – frammentare il quadro di coloro che la pensano nello stesso modo. Intendiamoci, la scelta eventuale di Grillo e del movimento andare da soli contro tutti sarebbe anche legittima, ma la politica significa anche saper stabilire delle alleanze. Insomma il tempo dei “vaffa” è finito: per costruire l’alternativa serve un lavoro comune».

.

fonte:  http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=120376&sez=HOME_INITALIA

Montezemolo, duro attacco a Bossi: «Lega corresponsabile delle non scelte»

Sabato il senatùr aveva replicato alla Marcegaglia: «È facile parlare»

Montezemolo, duro attacco a Bossi
«Lega corresponsabile delle non scelte»

Editoriale pubblicato sul sito di Italiafutura: in sedici anni il Paese si è impoverito materialmente e civilmente

.

Montezemolo (Ansa)
Montezemolo (Ansa)

MILANO – Duro attacco a Umberto Bossi da parte di Italiafutura, l’associazione vicina a Luca Cordero di Montezemolo. Un articolo firmato da Carlo Calenda e Andrea Romano, pubblicato sul sito dell’associazione, accusa il leader della Lega Nord di limitarsi a lanciare «proclami e provocazioni» e di non fare nulla di concreto per il Paese. «I fatti di chi produce e le parole (e gli insulti) di chi ha fallito» è il titolo dell’editoriale: la Lega viene ritenuta «corresponsabile di 16 anni di non scelte, che hanno portato il Paese a impoverirsi materialmente e civilmente». Quindi gli autori si scagliano contro «la classe politica screditata, di cui gli italiani hanno piene le tasche». Sabato il leader della Lega aveva polemizzato con la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia che si è rivolta al governo perché faccia qualcosa di concreto prima che si esaurisca la pazienza dei cittadini e delle imprese. «È facile parlare in questo che è un Paese dove molti parlano e pochi sanno cosa fare – le ha risposto indirettamente Bossi -: questo governo ha dimostrato di saper fare ed è quindi già qualcosa in mezzo a tanti parlatori».

«LEGA CORRESPONSABILE» – «Ha ragione Bossi. È facile parlare e più difficile agire. Bisogna ascoltarlo quando discetta sul valore dei proclami perché si tratta di un vero esperto in materia – è la stoccata di Italiafutura -. Negli ultimi sedici anni Bossi ha costruito il successo della Lega sul lavoro di organizzazione del partito ma anche sulle provocazioni (e ultimamente anche su qualche gesto). Di fatti invece se ne sono visti ben pochi. Se non la corresponsabilità della Lega in questi sedici anni di non scelte che hanno portato il Paese a impoverirsi materialmente e civilmente. Anche sul fronte delle rivendicazioni specifiche del suo elettorato Bossi ha combinato ben poco (guardare alle promesse sul federalismo per credere). Dubitiamo infatti che i suoi elettori l’abbiano mandato in Parlamento per difendere Cosentino o Brancher Ha ragione Bossi: in Italia (e in particolare nella sua Padania immaginaria) la chiacchiera va per la maggiore e delle parole a vanvera di una classe politica screditata gli italiani ne hanno piene le tasche. In particolare quelli che lavorano e producono (e al convegno di Genova della Confindustria ce n’erano tanti). Quegli italiani che, a differenza di Bossi, tengono in piedi il paese con i fatti e non con le parole».

.

Redazione online
26 settembre 2010

fonte:  http://www.corriere.it/politica/10_settembre_26/montezemolo-attacco-bossi-italiafutura-lega-corresponsabile_08ebf988-c961-11df-9f01-00144f02aabe.shtml