Archivio | marzo 14, 2011

Sterminio cani randagi, la Romania ci riprova / VIDEO: Bulletin about Save the Dogs’ work in Romania

PROMUOVI LA CAMPAGNA: “SONO INCAZZATO NERO E TUTTO QUESTO NON L’ACCETTERO’ PIU’!”

Ottenuto un primo rinvio. L’allarme di Save the Dogs: a rischio il lavoro di anni

Sterminio randagi, la Romania ci riprova

Il Parlamento discute una legge che rende legali le eutanasia di massa. Gli animalisti si mobilitano

fonte immagine

.

MILANO – Lo sterminio legalizzato dei cani randagi che a migliaia vagano per le strade e i campi delle città e dei villaggi della Romania nel 2008 era stato bloccato da una specifica legge approvata quasi all’unanimità dal parlamento di Bucarest. A distanza di circa tre anni, il divieto per i sindaci di uccidere indiscriminatamente tutti i quattrozampe senza un padrone potrebbe decadere. Un nuovo provvedimento legislativo, sostenuto tra l’altro dal partito di maggioranza del presidente Basescu e che gode consensi anche tra diversi parlamentari dell’opposizione, potrebbe cancellare le norme che tutelavano i quattrozampe. E ripristinare la «licenza di uccidere» per tutte le amministrazioni locali. Mettendo a rischio i due milioni di randagi che, secondo le ultime stime, vagano sul territorio romeno.

L’ALLARME DI «SAVE THE DOGS» A lanciare l’allarme è l’associazione Save the Dogs, fondata dalla milanese Sara Turretta, un’ex pubblicitaria che dal 2005 ha fatto del salvataggio dei trovatelli rumeni la missione propria e dell’associazione da lei creata. Il gruppo, nel corso degli anni, ha promosso la sterilizzazione di circa 15 mila animali, portando avanti al tempo stesso un programma di adozioni internazionali in collaborazione con numerose associazioni italiani ed estere che hanno portato, nel biennio 2009-2010, al salvataggio di circa 1.300 animali. Ma tutti questi sforzi, che si affiancano alla gestione della clinica veterinaria di Cernavoda (a cui è annesso un rifugio che ospita 500 cani, 40 gatti, 15 cavalli e 60 asini) e all’attività di prevenzione effettuata con una clinica mobile, rischiano di risultare vani se la legislazione sarà cambiata. L’operato dei volontari è infatti strettamente legato al provvedimento del 200, che essendo incentrato sulla protezione degli animali favoriva le campagne di sterilizzazione e di allontanamento incruento dei randagi dalle strade.

LA MOBILITAZIONE INTERNAZIONALE Un primo voto sulla questione era atteso nei giorni scorsi, ma una grande mobilitazione, che ha visto la partecipazione di migliaia di attivisti romeni affiancati da altri arrivati da tutta Europa, ha indotto il Parlamento a prendere tempo, chiedendo alla commissione che si occupa della materia di riprendere in mano il testo e di modificarlo. Al fianco dei manifestanti si sono schierati anche alcuni nomi noti, come l’attrice Monica Davidescu e la giornalista Cristina Topescu, che hanno fatto pressione in prima persona su vari gruppi parlamentari chiedendo la sospensione del voto. E il risultato è stato ottenuto. Ma si tratta, appunto, solo di una vittoria parziale e temporanea.

«L’EUTANASIA NON E’ LA RISPOSTA»E’ presto però per cantare vittoria, perché la legge che spinge sulle eutanasie è «sponsorizzata» tra gli altri dal ministro dello sviluppo e del turismo, Elena Udrea, che da tempo chiede di applicare in Romania una legislazione simile a quella americana, che prevede l’iniezione letale dopo un tempo di attesa di 14 giorni per accertare che nessuno, il proprietario o qualcuno desideroso di adottarlo, si presenti a reclamare l’animale. «Ma l’Organizzazione mondiale della sanità – ha spiegato Sara Turretta – ha sottolineato più volte che il randagismo endemico non si risolve con la rimozione dei cani ma solo con piani di sterilizzazione e vaccinazione di massa e tramite l’identificazione degli animali di proprietà. Provvedimenti, questi, mai attuati dalle autorità rumene». Il testo verrà dunque riesaminato in commissione, ma nel giro di un paio di settimane la proposta sarà nuovamente votata dal Parlamento.

.

Redazione online
13 marzo 2011(ultima modifica: 14 marzo 2011)

fonte:  http://www.corriere.it/animali/11_marzo_13/save-the-dogs-sterminio-cani-romania_026e7842-4dbe-11e0-a87d-745e25f97bf2.shtml

___________________________________

Bulletin about Save the Dogs’ work in Romania

Da: | Creato il: 12/mar/2011

The association was born to give an answer to the tragic emergency that affects stray dogs in Romania, hundreds of thousands of animals exterminated every year by the authorities in a climate of general indifference and an endemic strayness, completely out of control.

Save the Dogs proposes to contrast the phenomenon of endemic strayness through qualified medical-veterinary activities, with the instruments offered by the medical science, in particular through the TNR technique (trap, neuter and return).

Moreover, the association intends to contribute to the training of a new class of veterinary doctors, offering the know-how to the new generations of neo-graduates.

Finally, the association is involved in education plans for students of the compulsory school and in awareness campaigns to stimulate the reflection about a correct relationship between humans and animals and to promote responsible attitudes from the owners of animals.

The bulletin is produced by Friends of Homeless Dogs, the Finnish cooperation partner of Save the Dogs.

For more information please visit:

www.savethedogs.eu (international)
www.koirienystavat.com (Finland)
www.dogrescue.se (Sweden)

Exposed rods spark meltdown fear. BBC: Richard Black spiega l’ultima minaccia nucleare (in inglese) / Cosa avviene con la fusione del nocciolo di una centrale nucleare

Exposed rods spark meltdown fear

BBC: Richard Black spiega l’ultima minaccia nucleare

14 March 2011 Last updated at 15:58 GMT

.

By Richard Black

Environment correspondent, BBC News

.

Officials apologising In Tokyo, Tepco officials formally apologised for the Fukushima incident

.

The fuel rod exposure at Fukushima Daiichi number 2 reactor is potentially the most serious event so far at the plant.

A local government official confirmed the fuel rods were at one point largely, if not totally exposed; but we do not know for how long.

Without coolant around the rods, temperatures can rise to levels hot enough to melt metallic components over a prolonged period.

This opens the possibility of a serious meltdown – where molten, highly radioactive material from the reactor core falls through the floor of the containment vessel and into the ground underneath.

However, engineers appear to have restored some water flow into the reactor vessel and if they are successful, temperatures will begin to fall again rapidly.

What the incident illustrates is the ad-hoc nature of the operation being mounted at Fukushima.

An official with the Tokyo Electric Power Company (Tepco), which runs the site, said seawater was being pumped in both by fire engines and via the system installed to extinguish fires in the power station’s turbine hall.

He told BBC News that the use of this methodology had never been foreseen – it had been invented by the team on the ground at Fukushima.

Even the mere use of seawater in this way is an extraordinary step to take.

According to the main Japanese news agency Kyodo, the rods were exposed when the flow of seawater into reactor number 2 stopped simply because a fire pump ran out of fuel.

With the entire region of Honshu island reportedly low on fuel and other vital supplies, a key question is whether plans are in place to keep the power station supplied with diesel.

Core issue

With reactor 2, what is not yet known is how long the rods were exposed to the air, and what temperatures were reached.

In the absence of cooling, temperatures in the core could rise up to 2,000C (3,600F), said Paddy Regan, professor of nuclear physics at the UK’s University of Surrey – hot enough to melt the zirconium cladding that surrounds the fuel rods.

In addition, the zirconium reacts at these temperatures with water molecules to form hydrogen.

This makes the cladding more brittle and likely to fall away from the rods.

The fuel itself – being in the form of ceramic pellets – should not directly melt, although the hotter it gets the more likely it is that steam can leach out radioactive substances from the pellets.

.

Boiling water reactor system schematic diagram

.

A nightmare scenario for any nuclear plant is a total meltdown – where the molten core collapses in the bottom of the steel containment vessel and heats it so much that it falls through.

This possibility was highlighted by the 1979 incident at Three Mile Island in the US – and dramatised in the contemporary movie The China Syndrome.

The steel containment vessel, though, is designed to withstand temperatures substantially higher than 2,000C – so is meltdown a realistic possibility?

“It is possible,” Professor Regan told BBC News.

“It didn’t happen at Three Mile Island, though.

“If it did happen, it would still be localised; it wouldn’t be a good scenario, but much better it does that than explodes.”

The key issue for technicians in the plant now is to get enough water into the reactor to bring the temperature down again.

Further releases of mildly radioactive steam from the containment vessel are likely, because the hot core will vaporise much of the water that is injected.

Releasing the steam is also the main way to take heat out of the vessel.

Tepco is reportedly considering making holes in the roof of the reactor 2 building so hydrogen released with the steam will not collect and lead to a third explosion.

Multiple failures

The chain of failures illustrates the capacity of events such as this massive earthquake and tsunami to overwhelm systems that are designed to be “redundant” – to have more than one means of doing the same thing.

.

Woman in hat and mask Displaced residents of the Fukushima area were taken to evacuation centres
.

The earthquake caused Fukushima Daiichi and other power stations to shut down – taking away the electricity driving the reactors’ cooling systems.

Back-up was supposed to come from diesel generators.

They cut in – but then cut out again after about an hour, probably due to being overwhelmed by water from the tsunami, although Tepco has not confirmed this.

The diesels themselves were backed up further by batteries, but these were designed to function only for eight hours.

When they ran out, nothing else was available.

Reports say that five fire pumps were then deployed to provide water, but that the explosions in buildings 1 and 3 knocked four of them out of action.

Meanwhile, devastation from the tsunami as well as the fear of aftershocks means simply driving new pumps or fuel to the site is much more difficult than it would be under normal circumstances.

All this is already providing material for anti-nuclear groups to argue that no nuclear facility can be designed to be completely safe.

This is manifestly correct; but the same is true for any industrial operation.

Supporters of nuclear power will point to the fact that so far casualties number just a few, that engineers have so far – however desperately – been able to confine the problem, and that far fewer people die each year from nuclear accidents than in coal-mining.

.

fonte: http://www.bbc.co.uk/news/science-environment-12737508

_____________________________________________________________

Un reattore non esplode come una bomba atomica

Cosa avviene con la fusione del nocciolo di una centrale nucleare

Per evitare il disastro la prima cosa è far diminuire la temperatura. L’acqua di mare è l’ultima risorsa

.

Sala di controllo del reattore 3 della centrale di Fukushima 1 (Ap)
Sala di controllo del reattore 3 della centrale di Fukushima 1 (Ap)

MILANO – La fusione avviene quando la reazione nucleare delle barre di zirconio che contengono il combustibile di uranio non è più controllata, il nocciolo radioattivo arriva a migliaia di gradi e inizia a liquefarsi. Una fusione completa può rompere la struttura di contenimento e altre barriere protettive diffondendo prodotti radioattivi. Tuttavia, un reattore non esplode come una bomba atomica. Per prevenire la fusione il primo passo fondamentale è la riduzione della temperatura in tutti i contenitori del reattore.Il nocciolo del reattore è circondato da un pesante sarcofago di acciaio e questo a sua volta comperto da una gabbia di contenimento in calcestruzzo e acciaio.

I rischi di Fukushima(clicca per ingrandire)
I rischi di Fukushima
(clicca per ingrandire)

FUSIONE – Nel reattore 1 di Fukushima, operativo dal 1971, sono in corso i tentativi di prevenire la fusione del nocciolo. I lavori sono complicati dal fatto che la necessità di rilasciare pressione nel contenitore del reattore ha portato a un’esplosione che ha fatto crollare il tetto e i muri dell’edificio di contenimento. Secondo fonti ufficiali, l’edificio è intatto, ma persistono le preoccupazioni per il combustibile fissile surriscaldato. In una mossa disperata, sono state pompate grandi quantità di acqua di mare nel contenitore del reattore per cercare di raffreddare il nocciolo surriscaldato, il che, secondo gli esperti, significa che i giapponesi stanno tentendo una mossa disperata perché l’acqua di mare – unita all’acido borico che assorbe i neutroni della fissione nucleare – è corrosiva e ciò significa la perdita operativa dell’impianto. Non drammatica, dato che il reattore avrebbe compiuto 40 anni tra pochi giorni ed era destinato in breve tempo alla dismissione.

SITUAZIONE – Le fonti ufficiali giapponesi dicono che le unità 1, 2 e 4 a Fukushima hanno registrato un aumento della pressione negli edifici di contenimento e guasti alle apparecchiature. Come risultato, è stato dato sfogo a vapore in ogni unità e considerato di rilasciarne altro per ridurre la pressione. Anche la centrale di Onagawa – con tre reattori – è in stato di emergenza. L’Agenzia per la sicurezza nucleare giapponese ha detto sabato che una piccola quantità di cesio radioattivo è uscita del reattore 1 di Fukushima prima dell’esplosione dell’edificio contenitore. Secondo la fonte ufficiale, la presenza di cesio non significa che ci sia necessariamente una fusione parziale, perché potrebbe derivare da un guasto meccanico. Delle oltre 180 mila persone evacuate, circa 160 sono state esposte. Le autorità hanno riferito che le radiazioni assorbite in un’ora equivalgono a quelle assorbite in un anno per la radioattività naturale. L’esposizione allo iodio radioattivo rilasciato in un incidente può causare il cancro alla tiroide.

CONTENIMENTO – La struttura di contenimento del reattore 1 è esplosa quando è stato deciso di rilasciare vapore per ridurre la pressione e l’idrogeno – originato dalla reazione chimica con l’acqua di raffredamento delle barre di uranio sovrariscaldate – ha interagito con l’ossigeno esplodendo. Se la pressione avesse continuato a crescere, la struttura sarebbe esplosa, presumibilmente avviando uno scenario di fusione. Il Giappone ha 55 reattori in 17 località, e ne trae un terzo della propria elettricità. Se i tentativi di raffreddamento dei reattori fallissero, il risultato sarebbero esplosioni e contaminazione radioattiva. Se le autorità riuscissero a riprendere il totale controllo delle temperature e della pressione dei reattori, la situazione negli impianti migliorerebbe sino a permettere al personale di avvicinarsi ai danni e di riportare le condizioni alla normalità.

.

Redazione online
14 marzo 2011

fonte:  http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/11_marzo_14/fusione-nocciolo-centrale_1c6224d0-4e2f-11e0-992a-dbfddd704513.shtml

Sicurezza, Berlusconi incontra gli agenti che protestano e promette fondi

La polizia protesta ad Arcore. Berlusconi promette aumenti


Da: | Creato il: 14/mar/2011

http://www.ilfattoquotidiano.it/ “Io mantengo sempre le promesse, ma bisogna convincere Tremonti”. Se la cava così Silvio Berlusconi, che questa mattina è uscito dalla sua residenza di Arcore per incontrare le forze dell’ordine che stavano protestando contro i tagli al comparto sicurezza, proprio davanti a villa San Martino. “Fatemelo fuori”, ha scherzato Berlusconi riferendosi al ministro del Tesoro. “Tremonti è preoccupato per la situazione di bilancio – ha spiegato Berlusconi – e sapete che abbiamo dovuto tagliare su molti comparti, ma io vi assicuro che i soldi ci sono e spero in settimana di avere un incontro risolutivo con il ministro del Tesoro. Nonostante la rassicurazione, al premier non è stato risparmiato qualche fischio. “Basta promesse”, ha commentato il segretario nazionale Silp-Cgil Claudio Giardullo, “ne abbiamo già viste tante. La credibilità di questo governo è a zero”. A far rincasare Berlusconi sono però le domande dell’inviato di Annozero: “Annozero? Ecco perché sei così insistente”, ha detto il premier prima di allontanarsi. Riprese di Giuseppe Romaniello, montaggio di Franz Baraggino

Spaccatura: tre sigle non sfilano: «Il premier ha promesso di sbloccare 80 milioni»

Sicurezza, Berlusconi incontra gli agenti che protestano e promette fondi

Un momento della protesta dei sindacati di polizia davanti villa San Martino ad Arcore residenza del premier Silvio Berlusconi (Ansa)

Ad Arcore manifestazione della polizia contro i tagli. Gli agenti sfilano col cerotto e chiedono dimissioni

.

MILANO – Incontro a sorpresa tra Silvio Berlusconi e i rappresentanti di poliziotti, agenti penitenziari, forestali e vigili del fuoco, che manifestavano ad Arcore contro i tagli al comparto sicurezza. Il presidente del Consiglio è uscito a piedi da Villa San Martino, a metà mattina, accompagnato solo dalla scorta, e si è fermato a parlare con i leader dei sindacati presenti (Silp-Cgil, Siap e Coisp). Il presidente del Consiglio indossava il giubbotto che Belstaff ha dedicato alla polizia e si è fermato proprio in mezzo ai manifestanti. «Il premier ci ha assicurato che è intenzionato a presentare un provvedimento nel primo Consiglio dei ministri, in programma il 23 marzo», ha affermato il segretario generale del Silp, Claudio Giardullo, contattato al telefono. «Berlusconi ci ha garantito che convincerà Giulio Tremonti – ha continuato – noi lo abbiamo incalzato sui tempi».

_____________________________________________________________

Sicurezza, protesta ad Arcore Sicurezza, protesta ad Arcore Sicurezza, protesta ad Arcore

Sicurezza, protesta ad Arcore Sicurezza, protesta ad Arcore Sicurezza, protesta ad Arcore Sicurezza, protesta ad Arcore Sicurezza, protesta ad Arcore

_____________________________________________________________

LA MANIFESTAZIONE – Al presidio hanno partecipato oltre 300 rappresentanti di Confsal Vigili del fuoco, Siap , Silp Cgil, Coisp, Anfp, Uil Penitenziari e Forestali, Cgil Penitenziari, Forestali e Vigili del Fuoco, che hanno innalzato striscioni chiedendo «il rispetto degli impegni presi dal governo per i provvedimenti finanziari in favore di coloro che assicurano la sicurezza dei cittadini», scandito slogan contro i tagli del governo e marciato dietro uno striscione in cui si chiedevano le dimissioni del premier e una fila di sagome di poliziotti con un coltello conficcato nella schiena e la frase «Ci hanno pugnalato alle spalle». I rappresentanti del Silp hanno sfilato con un grande cerotto al volto, simile a quello che portava il premier dopo l’intervento maxillo-facciale della settimana scorsa. «I feriti siamo noi – ha spiegato Giardullo – facciamo il lavoro duro per strada e per ora prendiamo solo schiaffi dal governo». I sindacati contestano i correttivi introdotti nella manovra approvata ad agosto e, in particolare, il rinvio degli 80 milioni previsti dalla finanziaria per il comparto sicurezza e soccorso pubblico. Il tema era già stato sollevato in Cdm a inizio mese dai ministri dell’Interno e della Difesa, Roberto Maroni e Ignazio La Russa. Ma, proprio quando il capitolo delle risorse aggiuntive per la sicurezza doveva essere affrontato, Tremonti aveva lasciato la riunione per un altro impegno. «Berlusconi si è impegnato per la seconda volta», ha affermato Giardullo, con riferimento alla promessa fatta dallo stesso premier ai rappresentanti del Cocer, a margine della cerimonia di apertura dell’anno accademico della scuola ufficiali dei carabinieri. «Ora verificheremo se manterrà la promessa».

SPACCATURA – La manifestazione davanti a Villa San Martino ha, però, segnato la prima frattura tra sindacati di polizia degli ultimi anni. Siulp, Sap e Ugl, infatti, hanno deciso di ritirare la loro partecipazione al presidio, dopo un incontro tra il vice capo vicario della polizia, Nicola Izzo, e tutte le sigle sindacali, avvenuto venerdì scorso, al Viminale. Izzo avrebbe assicurato l’impegno del governo a ripristinare i fondi e avrebbe chiesto di sospendere la manifestazione. «Con Siulp e Sap abbiamo deciso di interrompere la protesta, perchè abbiamo accettato la promessa del premier di sbloccare 80 milioni da destinare alla sicurezza, durante il Consiglio dei ministri in programma il 23 marzo», ha spiegato Agostino Marnati, segretario nazionale Ugl-polizia (fonte: Agi)

.

14 marzo 2011

fonte:  http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/11_marzo_14/berlusconi-incontra-poliziotti-190222842455.shtml

Dalla Libia nave con 1800 persone Altri 21 barconi verso Lampedusa

Dalla Libia nave con 1800 persone
Altri 21 barconi verso Lampedusa

© Copyright ANSA – fonte immagine

.

Il traghetto ha chiesto di essere rifornito in Sicilia. Il Viminale: «Non deve entrare in acque territoriali»

© Copyright ANSA – Marine Le Pen – fonte immagine

.

Manifestanti a Lampedusa contestano la visita della figlia di Le Pen (Ansa)
Manifestanti a Lampedusa contestano la visita della figlia di Le Pen (Ansa)

ROMA – Scatta l’ennesimo allarme nel Mediterraneo per una nave diretta verso le coste italiane partita dal porto libico di Misurata. A bordo vi sarebbero 1.800 extracomunitari, a quanto pare di nazionalità marocchina. Il traghetto avrebbe chiesto di essere rifornito in Sicilia. La nave non sarebbe stata respinta dalle autorità maltesi, come si era invece appreso in un primo momento. La notizia è stata rilanciata anche dall’inviato della tv araba Al-Jazeera durante un collegamento con l’emittente del Qatar. La nave sarebbe stata già intercettata dalle autorità navali maltesi. Secondo le indicazioni del Viminale bisogna però evitare l’ingresso in acque territoriali italiane della nave marocchina partita dal porto libico di Misurata. Questa – secondo quanto si apprende – l’indicazione rivolta dal Viminale ai ministeri della Difesa e dei Trasporti, finchè non c’è certezza su chi sono i passeggeri.

NUOVI SBARCHI A LAMPEDUSA: 21 BARCONI IN ARRIVODopo gli sbarchi della mattinata altri 21 barconi carichi di immigrati nordafricani sono stati intanto avvistati nel pomeriggio dal servizio di pattugliamento aereo che perlustra il Canale di Sicilia. Non si conosce ancora il numero esatto di persone a bordo delle imbarcazioni, ma secondo le forze dell’ordine è molto probabile che possano essere anche più di mille. I natanti sono diretti verso Lampedusa, scortati da quattro motovedette della Capitaneria di porto, due della Guardia di finanza e una nave della Marina militare italiana. Già oggi a Lampedusa, erano approdati sei natanti carichi di clandestini. La guardia costiera era già dovuta intervenire con una motovedetta per soccorrere i migranti su uno dei cinque natanti avvistati in mattina.

GIORNATA PIU’ IMPEGNATIVA «E’ stata la giornata più impegnativa degli ultimi mesi» ha detto il maggiore Corrado Spatola, comandante della sala controllo di Lampedusa, l’hub verso il quale confluiscono tutte le informazioni riguardanti gli avvistamenti dei barconi in mare che provengono, oltre che dalla Guardia di Finanza, dalla Guardia costiera e dall’Elephant del Frontex, l’aereo che si alterna all’ATR 42 e all’elicottero AB 412 della Guardia di Finanza. Basta guardare i numeri per rendersi conto di quanto si sia lavorato e si stia ancora lavorando sul fronte degli sbarchi: «Sono arrivate circa 500 persone; 22 sono stati gli avvistamenti; 10 le imbarcazioni scortate in porto», spiega Spatola. Non sono poi mancate le operazioni di soccorso in alto mare, una delle quali provvidenziale: «Abbiamo tratto in salvo 40 persone che stavano affondando con il barcone nel quale erano stipate».

FISCHI A BORGHEZIO E ALLA FIGLIA DI LE PEN – La giornata sull’isola è stata anche agitata dalla visita della figlia di Le Pen e dell’onorevole Borghezio. La leader francese di Front National, accompagnata dal deputato leghista, ha fatto visita al centro d’accoglienza temporanea di contrada Imbriacola. L’arrivo di Le Pen e Borghezio, che hanno dribblato i giornalisti uscendo dal retro dell’aeroporto, è stato accolto da decine di cittadini di Lampedusa che hanno dato vita ad una manifestazione di protesta, con slogan antifascisti e striscioni a sostegno degli immigrati. Il leader di estrema Destra, insieme al sindaco De Rubeis, si è poi recato in Comune. In mattinata proteste anche degli studenti: un centinaio di allievi di scuole medie e superiori ha manifestato sulla spiaggia dei Guitgia, chiedendo maggior attenzione da parte delle istituzioni locali e nazionali, «colpevoli – a detta dei ragazzi – di essersi dimenticati di loro». L’attesa ora è tutta per questa sera, quando è atteso l’arrivo a Lampedusa di Claudio Baglioni. Il cantautore romano, che sull’isola ha una villa e organizza ogni anno il festival O Scià, ha l’obiettivo di sensibilizzare le persone al tema dell’immigrazione clandestina, sarà accolto da un comitato cittadino.

.

14 marzo 2011

fonte: http://www.corriere.it/cronache/11_marzo_14/nave-libia-misurata_d891bcda-4e46-11e0-992a-dbfddd704513.shtml

Fukushima sull’orlo della catastrofe, il Giappone lancia l’SOS a Washington / Nucleare/ Il Governo non cambia linea, Pd e Idv attaccano punto

Chiede aiuto per raffreddare il reattore. Al momento le emissioni sono limitate.

Fukushima sull’orlo della catastrofe, il Giappone lancia l’SOS a Washington

fonte immagine

L’acqua di rafreddamento è di nuovo scesa nel reattore 2 della centrale di Fukushima, esponendo le barre al rischio di fusione. Chesto l’aiuto degli Stati Uniti, si offre anche la General Electric. Per l’Aiea al momento l’impatto radioattivo è minimo

Fukushima, soldati e protezione civile al lavoroFukushima, soldati e protezione civile al lavoro

.

Tokyo, 14-03-2011

SOS agli Stati Uniti
Il Giappone ha chiesto aiuto agli Stati Uniti per contribuire a raffreddare le centrali nucleari danneggiate.
Come indica la Nrc statunitense, “il governo giapponese ha ufficialmente richiesto l’annuncio degli Stati Uniti” e l’ente “sta studiando le risposte possibili a queste richieste, tra cui una consulenza tecnica.

.

L’offerta GE
General Electric offrira’ la propria assistenza tecnica al Giappone per l’emergenza nucleare.
Lo ha dteto – riporta il Wall Street Journal – l’amministratore delegato di Ge Jeffrey Immelt. Ge ha fornito il reattori numero 1 dell’impainto nucleare di Fukushime Daiichi, dove si e’ verificata un’esplosione dopo il terremoto.
Un’altra esplosione si è verificata al reattore numero 3 fornito da Toshiba.

.

L’Agenzia Internazionale
Il Giappone ha chiesto aiuto agli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, dopo il terremoto di venerdì scorso e il successivo tsunami che hanno
danneggiato alcune centrali nucleari dell’arcipelago: lo ha detto oggi il direttore dell’Aiea, Yukiya Amano.

.

Radioni al momento limitate
Le radiazioni sprigionate dagli impianti nucleari in Giappone per effetto del terremoto e dello tsunami sono limitate, secondo quanto indicato da Vienna dal direttore generale dell’Aiea, il giapponese Yukiya Amano.
“Le autorita’ giapponesi stanno lavorando al massimo, in condizioni estremamente difficili, per stabilizzare gli impianti nucleari e garantire la sicurezza”, ha detto in un comunicato diramato oggi dall’Agenzia atomica internazionale.
Amano ha precisato che il sisma e lo tsunami hanno scosso e allagato gli impianti ma che i contenitori dei reattori in acciaio e cemento sono intatti e dunque le emissioni radioattive limitate.
Il direttore generale dell’Aiea ha precisato che l’Aiea inviera’ una squadra di esperti in Giappone.

.

Impianto inadeguato, il costruttore lo sapeva
“La grande gabbia che circonda il nucleo dei reattori della centrale nucleare di Fukushima non è sufficiente a resistere ai terremoti o agli tsunami”, ha detto alla Bbc Masashi Goto, un ingegnere nipponico che ha partecipato alla progettazione della struttura aggiungendo che Toshiba, la società che ha realizzato l’impianto, ne era al corrente.

.

24 ore cuciali
“La mia grande paura – aggiunge Goto – è che le esplosioni ai reattori numero 3 e numero 1 possano aver danneggiato l’acciaio della gabbia che è progettata per impedire fughe di radioattività nell’atmosfera”. “Poichè i reattori utilizzano carburante mox – prosegue l’ingegnere – il punto di fusione è più basso di quello del carburante convenzionale. Pertanto nel caso in cui si producano una fusione e una esplosione il plutonio potrebbe disperdersi in un’area due volte più grande di quella stimata per
una esplosione in una centrale a carburante convenzionale. “Le prossime 24 ore sono cruciali”, ha concluso.

.

Barre esposte
Le barre di combustibile del reattore 2 della centrale di Fukushima sono di nuovo completamente esposte, dopo che il livello dell’acqua e’ sceso. Lo ha reso noto la Tepco, il gestore dell’impianto giapponese.
Le barre del reattore numero due dell’impianto atomico di Fukushima-Daiichi erano gia’ rimaste completamente esposte all’aria per due ore e mezzo perche’ una pompa antincendio che versava l’acqua del mare nel reattore per raffreddarlo e’ rimasta a corto di carburante.
.

Aspettando l’esplosione
Il livello dell’acqua piu’ tardi era stato recuperato e l’acqua era tornata a coprire la parte inferiore delle barre di combustibile per 30 centimetri.
Ora la Tepco teme che anche per il reattore 2 si profila la stessa conclusione del numero 1 e 3: un’esplosione nelle prossime ore.
La societa’ tentera’ comunque di fare un buco nella struttura che ospita il reattore per permettere la fuoriuscita di idrogeno.
.
Precedenti
La fusione del nucleo del reattore comporta la dispersione di un’elevata quantita’ di radioattivita’: un’ipotesi mai verificatasi nella storia del nucleare civile (a Three Mile Island, nel 1979, si verifico’ la fusione ma la cupola di cemento del reattore rimase perfettamente integra); mentre a Chernobyl non si arrivo’ alla fusione del nucleo.

.

fonte:  http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=150977

_____________________________________________________________

Nucleare/ Il Governo non cambia linea, Pd e Idv attaccano punto

Prestigiacomo: “Solo allarmismo, andiamo avanti”

fonte immagine

.

Roma, 14 mar. (TMNews) – Le polemiche sul nucleare in Italia continuano, l’emergenza delle centrali giapponesi continua ad alimentare il dibattito sul progetto del Governo, confermato oggi dal ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo. Una presa di posizione che ha fatto scattare la reazione di Pd e Idv. “Non cambia la linea del governo rispetto al rientro nel sistema nucleare europeo”, ha affermato il ministro Prestigiacomo a Bruxelles: “I programmi del governo non devono essere e non saranno modificati”. Eppure i danni alle centrali giapponesi stanno riaprendo la riflessione un po’ in tutti i Paesi, a cominciare dalla Germania, e questo dà forza al fronte del no anche in Italia.

“Non capiamo l’ostinazione del governo e la sordità anche alla richiesta di buon senso di prendere del tempo per valutare quanto sta succedendo in Giappone”, ha detto la responsabile ambiente del Pd Stella Bianchi. “Il Governo si fermi in tempo, – ha affermato Antonio Di Pietro – altrimenti saranno i cittadini a bloccare questa follia suicida”. Stessa linea da Verdi e Sel, che per domani ha organizzato un sit-in davanti a Montecitorio. Il leader di Api Francesco Rutelli, poi, ha affermato che “alla luce di quanto sta accadendo in Giappone, un punto interrogativo enorme si proietta sul programma nucleare in Italia”, mentre la radicale Emma Bonino ha risolto la faccenda con poche parole: “Investire 30 miliardi di euro pubblici per ottenere il 4% di consumo finale di energia tra vent’anni non ha senso economico”.

Osservazioni che il Governo non sembra intenzionato ad ascoltare. Il ministro Prestigiacomo è tornata ad accusare “gli ambientalisti, le associazioni e i politici di centro sinistra” di “alimentare le paure” e “fare allarmismo”, evocando la tragedia in Giappone per attaccare i piani nucleari del governo con “macabre speculazioni a fini domestici”. Eppure, la questione comincia ad essere oggetto di discussione anche nel centrodestra: il deputato Fabio Rampelli ha detto che “una riflessione interna in materia non c’è stata” e ha chiesto di “lasciare libertà di coscienza” ai referendum su cui si voterà prima dell’estate. E anche Francesco Storace ha detto: “Sul nucleare la riflessione va fatta e seriamente. Sarebbe sbagliato ignorare quanto accade”.

Ma il ministro Renato Brunetta ha chiuso ogni spiraglio: “Si strumentalizza a fini politici e referendari”, e se la Germania ha chiuso due vecchie centrali, “c’è molta ipocrisia in queste decisioni. Se tutti dicessero ora stop al nucleare che fine farebbe il prezzo del petrolio?”.

.

fonte: http://notizie.virgilio.it/notizie/politica/2011/03_marzo/14/nucleare_il_governo_non_cambia_linea_pd_e_idv_attaccano_punto,28739736.html

SALUTE – Scoperta falsa celiachia, coinvolge 3 milioni di italiani e colpisce sei volte di più della celiachia

Scoperta falsa celiachia, coinvolge 3 milioni di italiani

.

fonte immagine

.

Genova – D’ora in poi tutti coloro che soffrono degli stessi sintomi della celiachia, ovvero dolore e gonfiore addominale, calo di peso, colon irritabile, emicrania, stanchezza cronica e anemia, non verranno più chiamati `falsi celiaci´ o `quasi celiaci´. Per il loro disturbo c’è finalmente una diagnosi: gluten sensivity (GS). Si tratta di una ipersensibilità al glutine ma con marcate differenze biologiche rispetto alla celiachia,ed è un disturbo che colpisce sei volte di più della celiachia e che finora non era conosciuto dalla comunità scientifica. In Italia ne soffrono 3 milioni di persone, a fronte dei circa 500mila celiaci, ovvero una stima pari al 5% della popolazione italiana. Negli Stati Uniti le persone colpite sono ben 20 milioni.

L’identificazione della gluten sensivity si deve ad un gruppo di ricercatori della School of Medicine dell’università del Maryland a Baltimora e della Seconda Università degli Studi di Napoli. Ma la firma della scoperta è decisamente italiana. Il gruppo di ricerca americano, infatti, è coordinato da Alessio Fasano, `cervello´ fuggito a Baltimora, da anni impegnato nella ricerca sulla celiachia. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista BMC Medicine ed è destinato «ad aprire un nuovo paradigma scientifico», ha detto Fasano. «Abbiamo riscontrato che esisteva una massa critica di pazienti non celiaci con sintomi sovrapponibili a questa malattia – sottolinea Fasano – una massa di dimensioni importanti per i quali non si poteva parlare di allergia al frumento. Siamo partiti da qui, per capire il loro disturbo».

Per lo studio sono stati arruolati 42 pazienti celiaci, 26 con gluten sensivity e un gruppo di controllo. Dai dati è emerso che «esistono differenze a livello molecolare e di risposta immunitaria ma le due condizioni sono entrambe attivate dall’ingestione di glutine», precisa Fasano. «Nella celiachia si attiva un meccanismo autoimmune condizionato da una risposta adattativa del sistema immunitario – aggiunge Fasano -. Anche nella GS c’è un meccanismo genetico che però riguarda il sistema immunitario innato, senza interessamento della funzione della barriera intestinale, dove si riscontrano segni di infezione ma non di danno, come avviene nella celiachia». Sia i celiaci che i pazienti con GS trovano sollievo eliminando il glutine dalla dieta. Il prossimo passo della ricerca sarà individuare marker specifici per la GS, come esistono per la celiachia. Grazie a questa ricerca, pazienti che fino ad ora ricevevano diagnosi errate di disturbo funzionale o colon irritabile oppure l’effetto benefico ottenuto eliminando il glutine veniva etichettato come placebo, oggi avranno una diagnosi. «Si farà chiarezza sugli effetti del glutine nei bambini autistici – afferma Fasano – e nella schizofrenia».

L’ipotesi è che nelle persone con autismo vi sia un difetto della permeabilità intestinale per il quale entrerebbero in circolo sostanze tossiche e il primo imputato è il glutine, «ma l’incidenza della celiachia in questi soggetti è del 2% – dichiara Fasano – mentre l’ipersensibilità al glutine arriva al 17-18%». Analoga considerazione vale per i soggetti schizofrenici. «Il 20-22% dei casi presenta segni che possono far sospettare una sensibilità al glutine», aggiunge. Del resto,«il glutine è una molecola tossica – conclude Fasano – è l’unica proteina alimentare che non si digerisce completamente. E negli ultimi 100-150 anni il grano per la produzione alimentare è stato arricchito di glutine».

.

13 marzo 2011

fonte:  http://www.ilsecoloxix.it/p/magazine/2011/03/13/AOkq0TE-scoperta_coinvolge_celiachia.shtml

Csm, chiesta decadenza Brigandì “Amministra società della Lega”

Csm, chiesta decadenza Brigandì
“Amministra società della Lega”

.

La commissione verifica titoli del Consiglio superiore della magistratura ha chiesto al plenum l’esclusione del consigliere per un problema di incompatibilità non dichiarato al momento dell’elezione

Csm, chiesta decadenza Brigandì "Amministra società della Lega"

.

ROMA – Il Consiglio superiore della magistratura dichiari la decadenza del laico Matteo Brigandì dalla carica di consigliere per non aver comunicato all’atto dell’elezione, di essere amministratore di una società legata alla Lega nonostante fosse una causa di incompatibilità. E’ la richiesta della Commissione verifica titoli di Palazzo dei marescialli, su cui ora si dovrà pronunciare il plenum del Csm.

La decisione è passata con il voto contrario del laico del Pdl Nicolò Zanon. A favore hanno votato invece il presidente Nello Nappi (Movimento per la giustizia) e il togato di Magistratura Indipendente Tommaso Virga. Brigandì era stato ascoltato due volte dalla Commissione; e la sua tesi era stata che la società in questione, la Fin Group – dalla quale ha lasciato intanto ogni incarico – non ha scopi economici, mentre la legge sull’incompatibilità dei consiglieri del Csm fa riferimento ai consigli di amministrazione di società commerciali.

Su questa vicenda, la procura di Roma ha aperto un’indagine per falso a carico del consigliere e lo ha messo sotto inchiesta anche per la pubblicazione da parte del Giornale 1 di atti del Csm su un procedimento disciplinare di venti anni fa a carico del pm di Milano Ilda Boccassini.
Se il plenum dovesse accogliere la richiesta della Commissione, si tratterebbe probabilmente della prima volta che viene dichiarata la decadenza di un consigliere del Csm.

.

14 marzo 2011

fonte:  http://www.repubblica.it/politica/2011/03/14/news/brigand_decadenza-13592360/?rss