Marcegaglia:«Noi imprenditori ci sentiamo soli» / Lavoro, quasi 4 milioni di precari

Marcegaglia:«Noi imprenditori ci sentiamo soli»

Il presidente di Confindustria presenta l’assise generale:
«L’Italia di oggi è un paese diviso»

.

 

Emma Marcegaglia
Emma Marcegaglia

MILANO – «Mai come in questo momento gli imprenditori si sentono soli. In un Paese che stenta sempre di più a crescere mentre l’Europa si divide sempre di più sul rigore, fra pochi Paesi forti e molti a rischio». Sono le parole con cui Emma Marcegaglia ha aperto il suo video messaggio che presenta l’assise generale in programma a Bergamo il 7 maggio della Confindustria, pubblicato sul sito dell’associazione.

L’ASSISE – «L’assise – dice il presidente – chiama ogni singolo imprenditore e ogni associazione della nostra confederazione a dire la sua e esprimersi direttamente su quelle che considera le vere priorità da porre al centro dell’agenda nazionale e della nostra stessa Confindustria. È un grande momento di mobilitazione, è un’iniziativa che si terrà con modalità organizzative studiate apposta per consentire a tutti voi di esprimervi con grande chiarezza e libertà su tutti maggiori impegni, i temi dell’impresa, delle relazioni industriali, della produttività della scuola del , welfare, delle infrastrutture, del fisco, del mezzogiorno, di ricerca e innovazione».

«PAESE DIVISO» – «L’Italia di oggi è un Paese diviso- ha proseguito- e dal mondo delle imprese deve venire un esempio per tutti. Dobbiamo far capire che si può convergere su poche scelte, condivise». E ha concluso «Il caldo invito che vi rivolgo è che partecipiate tutti. È una grande occasione per decidere l’Italia che vogliamo. Uniamo esperienze, passioni, voci e intelligenze. Non è il momento di scaricare sugli altri le colpe».

.

Redazione Online
10 aprile 2011

fonte:  http://www.corriere.it/politica/11_aprile_10/marcegaglia-imprenditori-sentono-solitudine_f0068b32-638d-11e0-9ce6-e69a9a96cab4.shtml

___________________________________________________________________________

Cgia: “Boom della loro presenza nel nord-Ovest”

Lavoro, quasi 4 milioni di precari

.

fonte immagine

A seguito della crisi Trentino ed Emilia epicentro del precariato. Ma in valori assoluti il Meridione è al top

.

La manifestazione dei precari a Napoli (Gennaro)
La manifestazione dei precari a Napoli (Gennaro)

MILANO – Che siano un esercito senza rappresentanza (e per questo scendono in piazza) era assodato. Che loro fila s’ingrossino sempre più nelle aree più produttive del Paese è in parte una sorpresa. Che in valori assoluti il Meridione recita il ruolo incontrastato come contenitore dei lavoratori senza tutele è invece un dato conclamato. Ma che ormai sfiorino in 4 milioni e i numeri siano impietosi soprattutto in Trentino Alto Adige (+20,7% di precari dal 2008, nonostante la sua forte autonomia) ed Emilia Romagna (+20,3%, dove per anni il sistema delle cooperative ha cercato di frenare il fenomeno fino allo smottamento di questo ultimo triennio) conferma che il lavoro in Italia è il problema numero uno.

L’ANALISI Chi lavora nel turismo (ristorazione e alberghi), chi nei servizi pubblici e sociali: ecco l’identikit-principe del precario di oggi. Va da sé che anche altre categorie professionali non siano esenti da fenomeni di mancanza di tutele e di “progettualità contrattuale”. Ma – riporta uno studio della Cgia di Mestre (l’associazione artigiani piccole imprese) – nella ristorazione è precario oltre un lavoratore su tre (il 35,5%, anche se il dato va depurato della forte stagionalità di questo particolare comparto), come nei servizi sociali e alla persona (il 33,4% e qui il preoccupante stato dei conti pubblici influisce pesantemente), mentre nell’agricoltura sono “precari” 28 lavoratori su 100.

FORMAZIONE E RETRIBUZIONE Dice Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia, che il motivo di principale criticità è il basso livello di studio: «sono coloro che rischiano maggiormente di essere espulsi dal mercato del lavoro (oltre il 38% dei precari ha solo la licenza media, ndr.) perché nella stragrande maggioranza dei casi svolgono mansioni pesanti dal punto di vista fisico». Quelli che gli economisti definirebbero “labour intensive”, non mestieri ad alto valore aggiunto, quindi più a rischio, data la concorrenza a livello globale e i fenomeni migratori che essa comporta. Ma precario è anche sinonimo di bassa retribuzione: tra gli under 35 è mediamente pari a 1.068 euro, inferiore di circa il 25% rispetto alla retribuzione di chi ha un contratto stabile e a tempo indeterminato.

QUESTIONE MERIDIONALE Da Salvemini in poi in tanti si sono interrogati sul ritardo economico e produttivo delle regioni del centro-Sud. Logico che ciò si traduca anche in “tensione occupazionale” e il precariato diventa la norma, non l’eccezione. Sono oltre 2,3 milioni i lavoratori senza stabilità e tutele (il 56% del dato nazionale) tra Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna. Ma qui un dato sembra andare contro-corrente: scrive la Cgia di Mestre che i precari sono diminuiti in queste regioni in media del 4% dal 2008. Un paradossale virtuosismo? Non proprio, spiega un report di Confartigianato, perché «il tasso di inattività nelle regioni meridionali – nella fascia di popolazione compresa tra i 25 e i 54 anni – è schizzato quasi al 20%». In altri termini un adulto su cinque nel Mezzogiorno è senza alcun lavoro, con punte del 43,3% in Campania, del 40,7% in Calabria e del 38,7% in Sicilia. Come dire: i precari sono sì diminuiti, ma perché ora sono disoccupati.

.

Fabio Savelli
09 aprile 2011

fonte:  http://www.corriere.it/economia/11_aprile_09/esercito-precari-quattro-milioni-savelli_731a2d10-62b4-11e0-9ac7-6bfe8e040bf1.shtml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: