RIFLESSIONI – I Rom e la raccolta differenziata dei sentimenti

I Rom e la raccolta differenziata dei sentimenti


conversazione con Claudio Dionesalvi
di Angelo Pagliaro

.

“I rom sono gli addetti alla raccolta differenziata dei sentimenti. Selezionano amore e odio che produciamo da mattina a sera.
Se li portano nella baracca, quasi fossero trofei. Li infilano sotto il cuscino prima di abbandonarsi a un sonno umido e imprevedibile. Così difendono i sogni loro, brandiscono i sentimenti nostri buoni e cattivi, agitandoli per distrarre spiriti maligni che attraversano l’umana mente dormiente”.

.

Cosenza, Campo-rom di Vaglio Lise (foto Valerio Panettieri)

.

Caro Claudio, questo è uno dei passi più significativi di un tuo recentissimo articolo, apparso sulla fanzine da te diretta “Tam Tam e Segnali di Fumo” (speciale gennaio 2011) all’indomani del lungo periodo di festività natalizie nel quale metti a nudo le ipocrisie della società ed evidenzi le barriere mentali…

Sì, avere un contatto quotidiano con il campo rom, aiuta a osservare la città da un’angolazione diversa. Ogni mattina, quando mi metto in macchina e oltrepasso gli incroci stradali, incontro molti degli amici rom che poi ritrovo nella baraccopoli sul fiume Crati. Mi raccontano la loro giornata. E ho notato che la quasi totalità dei miei concittadini ha sviluppato nei confronti degli zingari un duplice atteggiamento. C’è un po’ d’odio e un po’ di compassione. Insomma, i sentimenti e i pregiudizi che l’occidente da sempre nutre nei confronti dei gitani: superstizione, paura, disprezzo, o nella migliore delle ipotesi, pietà.

Dopo decenni di impegno civile delle associazioni e una serie di proposte da voi avanzate, cosa ha fatto il Comune di Cosenza per il campo nomadi di Vaglio Lise?

Niente. Assolutamente niente. Mai visti gli assistenti sociali nel campo di Vaglio Lise. Solo qualche convegno e un po’ di bla bla bla sui giornali. Il sindaco Perugini ha confermato in questa vicenda il suo generale approccio alla città. Pur di mantenersi in sella per cinque anni, si è rinchiuso nelle stanze dei partiti. Così si è garantito la stabilità politica in giunta. Attraverso piaceri, pacche e clientele, ha messo la museruola a quei quattro pescecani in doppio petto che infestano il palazzo municipale. Ma si è allontanato dalle associazioni, dai quartieri, dalla vita pubblica reale. Figuriamoci se ha tempo e voglia di dedicarsi alla questione rom!

Quando avete dato vita alla “scuola del vento” pensavate ad un progetto capace di contribuire a disegnare un futuro di speranza per i bimbi Rom?

Da due anni, noi della Coessenza e le altre associazioni impegnate a sostegno dei bambini rom, andiamo nella favela cosentina per un motivo solo: costruire autonomia. È chiaro, si tratta di un cammino solidale. Ma non è il solito, ipocrita, atto compassionevole per guadagnarci il paradiso. Pensiamo che un’Altra Calabria si costruisca a partire da gesti concreti, realizzando pezzi di società alternativa, praticando in rete azioni di ribellione al governo della paura. Il blocco delle ruspe, un anno fa, in occasione del tentativo di sgombero della baraccopoli, sta sullo stesso piano della Scuola Comune che andiamo praticando. Sono due differenti e complementari modi di urlare: mo’ basta!

Da febbraio a ottobre 2010 è stata una continua lotta per evitare gli sgomberi, gli allontanamenti, le deportazioni della comunità Rom di Cosenza. Qual è oggi la situazione?

È drammatica. Le presenze nel campo di Vaglio Lise aumentano ogni giorno. I conflitti interni tra i rom rischiano di degenerare. I bambini hanno i pidocchi. Qualche giorno fa ho visto uno di loro che palleggiava con la carogna di un grosso topo. E c’è il rischio serio che prima o poi alcuni abitanti di via Popilia si lascino rapire dalla xenofobia e passino all’azione contro la baraccopoli. Sarebbero scene già viste a Roma o a Napoli…

.

Cosenza, 1° maggio 2010 – Presidio notturno
(foto Maria Fortino)

.

Due emergenze: i rifiuti e i rom

Integrazione, assimilazione, omologazione sono tutti termini, con significati diversi, di cui gli amministratori abusano quando parlano di Rom… esiste, secondo te, una strategia del linguaggio?

Certo! In una prospettiva di agire comunicativo, il linguaggio ha valore costituente. Ai termini come integrazione e assimilazione, preferisco “compatibilità”. Nell’ultimo anno, questa rete informale di associazioni è riuscita a incrementare il numero di bambini rom che frequentano le scuole italiane, ma anche a portarli fuori dal campo in cui sono stati confinati dopo lo sgombero del 2007. Tutto questo, senza chiedere un centesimo! Non mancano però i sindacalisti etnici, che conoscono bene le strade del finanziamento pubblico e clientelare. Quelli riescono sempre a farsi dare soldi dall’amico politico. Soldi che poi spariscono. Riescono cioè a lucrare sulla disperazione: la desperation economy.

Quale futuro si può ipotizzare per i Rom di Cosenza se si dovesse continuare nelle politiche pubbliche schizofreniche che alternano assistenzialismo e repressione?

Il nuovo prefetto Cannizzaro è stato mandato a Cosenza per risolvere due emergenze: i rifiuti e i rom. L’accostamento, da parte dello Stato, non è casuale. Quindi prevedo un’imminente soluzione di forza, alla quale naturalmente noi ci opporremo con ogni mezzo necessario. Tale opzione poliziesca sarebbe stata già messa in pratica, se quattro poveri bambini non fossero morti carbonizzati a Roma. È incredibile come soltanto gli eventi più atroci riescano a scuotere – seppur minimamente – le coscienze. Il sacrificio di quei bambini grida vendetta. Paradossalmente servirà ad alleggerire la pressione sul mondo rom. Ma tutto questo durerà poco. Qualche giorno prima del rogo, questura, procura e prefettura di Cosenza avevano già iniziato a strappare dalle braccia delle rispettive madri, i bambini dediti all’accattonaggio, affidandoli alle suore. È una barbarie, soprattutto quando simili operazioni si effettuano senza aver prima provato a realizzare concrete politiche d’accoglienza. Vorrei proprio vedere come si sentirebbero i genitori dei giovani disoccupati calabresi, se tra qualche mese, quando ricomincerà la buffonata delle elezioni amministrative, la polizia sequestrasse i loro figli mentre sono in fila davanti le segreterie dei politici, col cappello in mano, alla disperata richiesta di un posto di lavoro. Non è forse pure quello… accattonaggio?!?

Angelo Pagliaro

.

Cosenza – Doposcuola al MOCI (foto Claudio Dionesalvi)

.

Claudio Dionesalvi è un insegnante ribelle di scuola media. Direttore responsabile di Tam Tam e Segnali di Fumo, collabora con Radio Ciroma. È uno dei fondatori dell’associazione Coessenza. Suoi articoli sono apparsi su diverse testate (Il Manifesto, Carta, ecc.) Ha pubblicato:
Comunicazione e potere nello spettacolo calcistico, Cosenza, Edizioni Satem, 1997; Mammagialla, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 2003; I luoghi e gli spettri (Aa.Vv.), Cosenza, TTSF, 2005; Rubbina, Un racconto sugli zingari di Cosenza (Aa.Vv.), Soveria Mannelli, Cittàcalabriaedizioni, 2006; Za Peppa, Come nasce una mafia. Alle origini della malavita cosentina, Cosenza, Coessenza, 2007. Ha curato la traduzione di Subcomandante Marcos, COSÌ Raccontano i nostri vecchi… Narrazioni dei popoli indigeni durante l’Altra Campagna, Napoli, Edizioni Intra Moenia, 2009.

.

Cosenza – Scuola del Vento (foto Claudio Dionesalvi)

.

A proposito di violenze sessuali, Curia, denunce, ecc.

Claudio Diotenesalvi è molto stimato per il suo quotidiano impegno a favore dei bimbi Rom di Cosenza, ed è stato recentemente assolto (dopo sette anni di vessazioni) nel processo contro il “Sud ribelle” per i fatti di Genova del 2001. Ora un’azione legale è partita dall’arcivescovo di Cosenza Salvatore Nunnari. Ed ecco i fatti.
Nel maggio del 2008 “Tam Tam e segnali di fumo”, la fanzine degli ultras del Cosenza calcio di cui Dionesalvi è direttore responsabile, pubblica un editoriale non firmato in cui si tratta la vicenda giudiziaria che vede coinvolto padre Fedele Bisceglia, animatore dell’Oasi Francescana accusato, con il suo segretario, di violenza sessuale ai danni di una suora. La chiesa cosentina vive i tempi bui dello scandalo che ha travolto l’Istituto lager Papa Giovanni XXIII di Serra d’Aiello, amministrato dall’alto prelato, Mons. Luberto, per sgomberare il quale (e porre così fine alle torture trasferendo i ricoverati in altre strutture pubbliche) è dovuta intervenire la polizia in assetto antisommossa.
A seguito della querela, il Gip di Cosenza ha emesso un decreto penale di condanna nei confronti di Claudio Dionesalvi che non avrebbe vigilato “sui contenuti di un servizio che prendeva le difese di padre Fedele Bisceglia e stigmatizzava il comportamento tenuto dalla Curia”. Ma i motivi reali della denuncia, secondo Dionesalvi, sono altri: “In realtà, ha dichiarato Claudio, vengo punito perché non ho compiuto un atto di delazione, non rivelando il nominativo dell’autore”. Dalla lettura della lettera aperta che Dionesalvi ha inviato al vescovo si evince che, a un certo punto, monsignor Nunnari sarebbe stato disposto a ritirare la querela, purchè il giornalista avesse scritto una lettera di scuse. “Piuttosto che abiurare – ha ancora affermato Claudio – già in passato ho preferito finire davanti una Corte d’Assise. Adesso sarei pronto persino a farmi bruciare sul rogo. Mi creda: non è un atto di indisponibilità nei suoi confronti. Si chiama: dignità umana”.
E così, per un eccesso di onestà intellettuale e umana “Tam Tam e segnali di fumo” è tornata in edicola con uno speciale dal titolo “Nonsignore”. Il direttore editoriale, Sergio Crocco, ultrà storico del Cosenza, dichiara di aver scritto lui il pezzo assumendosi pubblicamente le responsabilità e ribadendo, fra l’altro, l’innocenza di padre Fedele perchè “nessun tribunale civile, penale, nè divino può sovvertire il rispetto della verità. Che è rispetto anzitutto verso l’uomo”. Ma forse “intentare causa contro due straccioni, un po’ ultras, un po’ no-global, è il più importante dei problemi che affliggono i suoi fedeli” scrive Crocco rivolgendosi al vescovo.
Il processo è stato rinviato al 6 maggio nel silenzio totale del sindacato dei giornalisti calabresi in una vicenda che farebbe impallidire anche Franz Kafka: un vescovo (che per anni è stato consigliere nazionale della Fnsi e vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria) che denuncia un direttore di un giornale che ha ospitato un articolo in cui si difende un frate accusato di aver stuprato una suora. Nessuna pietà cristiana, messi da parte il Pentateuco e il Vangelo, per capire cosa sta succedendo, dobbiamo ricorrere al vecchio Foucault: sorvegliare e punire!

A.P.

.

fonte:  http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/361/36.htm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: