Siria, l’esercito contro i ribelli. Emergenza profughi da Damasco

Siria, l’esercito contro i ribelli. Emergenza profughi da Damasco

Giustiziati i militari che rifiutano di sparare ai manifestanti. La Turchia: “Atrocità dal governo”

.

DAMASCO
Il regime di Bashar al Assad ha mandato l’esercito con l’obiettivo di “ristabilire la sicurezza” a Jisr al-Shughur, città settentrionale a 12 chilometri dal confine turco. Lo ha annunciato la tv di Stato siriana, rilanciata dalla Bbc. Il primo ministro turco, Tayyip Erdogan, ha accusato il regime siriano di atrocità nei confronti dei manifestanti. Lo riferisce l’agenzia di stampa turca Anadolu.

Nei primi giorni della settimana il governo di Damasco aveva annunciato 120 morti fra le forze di sicurezza negli scontri avvenuti nella città, nota soprattutto perché nel 1980 una rivolta antigovernativa fu repressa nel sangue dall’allora presidente Hafiz al-Assad. L’annuncio, e il posizionamento dei militari nella zona, ha scatenato il flusso di centinaia di profughi verso la vicina Turchia.

L’esecutivo di Bashar ha attribuito le morti ai gruppi armati dell’opposizione, ma secondo alcuni attivisti le cose sarebbero andate diversamente: il governo avrebbe ordinato alle forze di sicurezza di stroncare le rivolte nella città, e alcuni poliziotti hanno disertato per unirsi ai manifestanti e sono stati uccisi.

Sono circolate anche voci che parlano di un ammutinamento al quartier generale delle forze di sicurezza: alcuni militari avrebbero rifiutato di sparare contro i manifestanti e sarebbero stati giustiziati. Gli attivisti hanno scritto che gli elicotteri del regime hanno sparato contro i civili e che le ripetute incursioni militari nella zona hanno spinto gli abitanti a rifugiarsi in Turchia.

Il governo turco sostiene che finora abbiano varcato il confine oltre 2mila siriani. Le rivolte contro il presidente Bashar al Assad sono iniziate a metà marzo. Da allora, stando alle organizzazioni per i diritti umani, sarebbero stati uccisi oltre 1.100 civili e ci sarebbero stati almeno 10mila arresti. I giornalisti stranieri non sono ammessi in Siria, giornali e agenzie di stampa possono solo basarsi solo sui racconti di testimoni senza poterne verificare l’autenticità.

_______________________________________________________________

MULTIMEDIA


FOTOGALLERY
La protesta anti
Assad supera
i confini siriani

_______________________________________________________________

10 giugno 2011

fonte:  http://www3.lastampa.it/esteri/sezioni/articolo/lstp/406500/

_______________________________________________________________

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: