IMMIGRATI – “Quel centro costruito in segreto” La Regione Basilicata chiede chiarezza / Lampedusa, riprendono gli sbarchi. 1500 persone in 24 ore

“Quel centro costruito in segreto”
La Regione Basilicata chiede chiarezza

fonte immagine

Comunicato del governatore Vito De Filippo che vuole un’indagine sulle condizioni dei migranti “reclusi” a Palazzo San Gervasio. Ed emerge un particolare preoccupante: quando il campo venne costruito, la Regione non venne neppure informata. E il Prefetto di Potenza ammise che era stata chiesta riservatezza

"Quel centro costruito in segreto" La Regione Basilicata chiede chiarezza Vito De Filippo, governatore della Basilicata

.

POTENZA – Il campo di Palazzo San Gervasio è stato costruito in fretta e furia, in pochi giorni al momento dell’esplosione della crisi africana e, soprattutto, senza che le autorità locali della Basilicata ne sapessero nulla. E’ quanto si evince dal comunicato emesso questa mattina dal governatore lucano Vito De Filippo in seguito al nostro servizio sul Cie (Centro di identificazione ed espulsione). Il racconto del portavoce del governatore, Nino Grasso, è preoccupante: “In quei giorni, forse erano i primi di aprile, venimmo a sapere dagli abitanti della zona della costruzione del campo. De Filippo fece cercare il Prefetto di Potenza che, solo a tarda sera, si fece trovare e spiegò, piuttosto imbarazzato, che avevano ricevuto ordine di allestire il campo senza dir niente a nessuno. Compresa la Regione, a giudicare dai fatti…Comunque, all’inizio era un campo di accoglienza. Poi è stato trasformato in Cie”. La questione, dunque, preoccupava da tempo le autorità lucane e De Filippo in persona aveva visitato Palazzo San Gervasio. Ora, il reportage di “RE Le inchieste” ha riaperto la questione e il governatore in persona chiede un’indagine e immediati provvedimenti. Dall’interno del campo, dai migranti clandestini, intanto, arrivano segnali di paura. Nessun intervento “fisico”, per carità, ma qualche segnale minaccioso (perquisizioni, sequestri di macchine fotografiche) che ha fatto preoccupare i “reclusi” colpevoli di aver fatto uscire il video pubblicato da Repubblica.it. Purtroppo, a causa del divieto di Maroni per il quale i giornalisti non possono entrare nei Cie, è impossibile andare a verificare.

GUARDA IL VIDEO

Ed ecco il comunicato della Regione Basilicata

“Un reportage pubblicato questa mattina sul sito internet del gruppo Repubblica-Espresso paragona il campo profughi di Palazzo San Gervasio ad una sorta di Guantanamo in salsa italiana. La sua lettura – fa sapere il portavoce del governatore lucano, Vito De Filippo – ha provocato un’intima sofferenza e un forte disagio istituzionale in chi guida la Regione Basilicata.

La nostra  –  ha sottolineato il presidente De Filippo  –  è da sempre terra di accoglienza e di grande ospitalità, soprattutto nei riguardi di chi fugge dai paesi africani sconvolti dalla guerra. Siamo stati tra i primi in Italia, nei giorni caldi della rivolta, a manifestare l’intenzione di accogliere i profughi provenienti dalla Libia. Per cui è inaccettabile che un campo di identificazione ed accoglienza (Cie) realizzato e gestito dal Ministero degli Interni, all’insaputa e senza alcun avallo da parte della massima Istituzione democratica lucana, getti  –  se fossero vere le cose denunciate – un’ombra infamante su un intero territorio e sulla sua popolazione.

Per questa ragione, il presidente De Filippo, che ha già avuto modo a suo tempo di visitare il campo di Palazzo San Gervasio mantenendo sempre alta l’attenzione sul sistema di accoglienza posto in essere dalla Protezione Civile nazionale, ha chiesto agli organi competenti di fare la massima chiarezza su quanto riportato dal reportage giornalistico, convocando, se necessario, una riunione urgente con la partecipazione delle Istituzioni democratiche interessate”.

.

11 giugno 2011

fonte:  http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2011/06/11/news/quel_centro_costruito_in_segreto_la_regione_basilicata_chiede_chiarezza-17545943/?rss

_______________________________________________________________

_______________________________________________________________

Lampedusa, riprendono gli sbarchi. 1500 persone in 24 ore

fonte immagine

.

Dopo alcuni giorni di “tregua”, sono ripresi gli sbarchi a Lampedusa. Sono sette i barconi giunti finora sull’isola, da stamane all’1.30, per un totale di 1506 migranti tra cui 135 donne e 22 bambini. La nave Excelsior si trova a Cala Pisana per imbarcare e trasferire gli extracomunitari in altri centri di accoglienza ed evitare ammassamenti nel centro di prima accoglienza. Gran partedegli immigrati giunti oggi è di nazionalità tunisina.

L’ultimo barcone è arrivato in porto alle 13.45 con 214 persone di cui 16 donne e 2 bambini. Alle 12.50 un altro natante con 240 extracomunitari, tra cui 37 donne e 5 bambini era arrivato sull’isola.

.

11 giugno 2011

fonte:  http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/06/11/lampedusa-riprendono-gli-sbarchi-settecento-migranti-nella-notte/117505/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: