CINEMA – Passannante, un film da vedere

.


Cervello e teschio di Passannante – fonte immagine

.

Il film Passannante di Sergio Colabona, con Fabio Troiano, Ulderico Pesce, Andrea Satta, Alberto Gimignani, Bebo Storti, Massimo Olcese, Luca Lionello, Roberto Citran, Ninni Bruschetta, Maria Letizia Gorga, Timisoara Pinto ed altri, per Cinetel, azienda che controlla gli incassi dei film, risulta essere il secondo film visto in Italia nella settimana in base alla media delle copie in uscita e il numero di spettatori avuti. La visione dello stesso film, visti i buoni risultati, sarà prorogata per un’altra settimana al Cinema Empire di Torino e al Cinema Intrastevere di Roma. La pellicola può essere ancora vista nei seguenti cinema:

Cinema Empire TORINO (info 011 19 5604 083)

in programmazione fino al 7 luglio

orari spettacoli 16.30, 18.30, 20.30, 22.30
Cinena Centrale MILANO (info 02 87 48 26)

in programmazione fino al 30 giugno

orari spettacoli 14.30, 16.30, 18.30, 20.30, 22.30
Cinema Ambasciatori NAPOLI (081 76 13 128)

in programmazione fino al 30 giugno

orari spettacoli 18.30, 20.30, 22.30
Cinema Ranieri Tito (PZ) (info 0971 62 94 62)

in programmazione fino al 30 giugno

orari spettacoli 19.00, 21:00
Cine Columbia Francavilla S.S. (PZ) (info 0973 57 44 47)

in programmazione fino al 30 giugno

unico spettacolo ore 21.30
Cinema Intrastevere ROMA (info 06 58 84 230)

in programmazione fino al 7 luglio

orari spettacoli 17.30, 19.10, 20.50, 22.30

 

PASSANNANTE ripercorre le vicende del cuoco anarchico che attentò alla vita di Umberto I con un coltellino. Un attentato dimostrativo che ebbe come risultato una pena ancor più dimostrativa. Condannato a morte, distrutta la casa, rinchiuse in manicomio la madre e la sorella, Passannante si vide poi commutare suo malgrado la pena in carcere a vita da scontare in una minuscola e buia cella sotto il livello del mare. In seguito, su interessamento di un parlamentare, da quella cella venne tirata fuori una larva d’uomo. Cieco e fuori di testa, venne rinchiuso in manicomio, dove morì poco dopo. La sua testa mozzata venne richiesta dal Lombroso, che isolò cervello e cranio per i suoi studi. Esposti poi al Museo Criminale di Roma, i resti di Passannante troveranno riposo nel paese natale, Savoia di Lucania, solo nel 2007 per il lungo e caparbio interessamento di tre idealisti, tre semplici cittadini che hanno incalzato per anni ben quattro ministri dell’interno, fino ad ottenere, contro la stessa volontà del sindaco; la sepoltura di quei miseri resti, e di questa straordinaria vicenda racconta anche il film.

.

29 giugno 2011

fonte:  via e-mail

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: