Archivio | luglio 18, 2011

FREEDOM FLOTILLA 2 – La guardia costiera greca: la French boat to Gaza naviga verso l’Egitto

La guardia costiera greca: la French boat to Gaza naviga verso l’Egitto


Photo of the French Dignité-Karama – fonte

.

Atene – Ma’an e Apf. La guardia costiera greca riporta notizie secondo le quali l’imbarcazione francese composta da alcuni attivisti, a seguito dei problemi contratti in Grecia, si era mossa  nella tarda giornata di sabato in direzione dell’ Egitto con la speranza di superare il blocco Israeliano tutt’ora presente a Gaza.

Stando al  resoconto delle autorità,  la nave chiamata  Al Karama/La Dignità era  partita alla volta Alessandria d’ Egitto mouvendo dalla piccola isola greca di Kastellorizo dove si trovava ancorata negli ultimi giorni.

Sempre secondo le autorità greche, dopo aver riportato danni limitati a seguito di  una collisione con la guardia costiera le era stato imposto il blocco alla navigazione.

Contravvenendo al divieto sancito dalle autorità greche, in risposta  al suo tentativo di sfida nel voler superare l’isolamento Israeliano di Gaza , l’imbarcazione era stata  preventivamente condotta al porto cretese di Sitia.

Le altre barche che avrebbero dovuto partecipare alla Flotilla internazionale composta da dieci navi, erano state analogamente fermate dalle autorità greche.

La partenza della Flotilla era stata fissata per l’inizio di giugno ma venne colpita da diversi ostacoli amministrativi imposti loro a seguito di diverse pressioni esercitate da Israele.

Alcuni ufficiali ad Atene, sostengono che il divieto sia stato esercitato al fine di garantire la sicurezza degli attivisti presenti a bordo in ragione delle sanguinose vicende che hanno portato alla morte di diversi esponenti turchi presenti sulla sesta imbarcazione, morti seguite al raid di un commando israeliano.

Più di trecento persone provenienti da 22 paesi hanno partecipato alla Flotilla svoltasi quest’ anno, tra i quali dozzine di attempati attivisti e diversi vecchi tra eueopei ed americani.

La Grecia, da parte sua, aveva offero di portare aiuti a Gaza utilizzando le sue proprie risorse ma dichiara di non aver ricevuto seguito alle sue proposte.

Israele, per altro verso,  non ha mai nascosto la propria determinazione nel prevenire il raggiungimento da parte della Freedom Flotilla II di Gaza il cui isolamento è seguito alla cattura di un soldato israeliano del 2006, tutt’ora detenuto in una località segreta.

Traduzione a cura di Giovanni Ridolfi

.

18 luglio 2011

Freedom Flotilla 2

fonte:  http://www.infopal.it/leggi.php?id=18947

___________________________________________

 

NOI COME GLI USA. LO SAPEVATE? – Manovra, Frattini messo alle strette dai cinesi: Pechino possiede il 13% del nostro debito pubblico

More solito, rassicurante non è Frattini, e i Cinesi, che sono tutto meno che stupidi, sono piuttosto sulle spine per il farraginoso andamento della nostra economia e per la disastrosa politica del nostro Governo. D’altronde, hanno ragione di esserlo, loro, che detengono il 13% del nostro debito e che hanno esportato in Italia, negli ultimi dodici mesi, beni per 33 miliardi di euro. Importandone, da noi, per 14. Davvero un affarone.
Sarà per questo che, come scrive l’articolista, “La sua non lunga ma intensa marcia, oggi, prosegue alla Scuola del Partito comunista.”…

mauro

..

Frattini messo alle strette dai cinesi
«La nostra manovra è rassicurante»

Pechino possiede il 13% del nostro debito pubblico


Frattini in Cina diffonde ‘santini’ del nostro premier – fonte immagine

.

Dall’inviato  CorSera MAURIZIO CAPRARA

.

Franco Frattini durante la conferenza stampa
Franco Frattini durante la conferenza stampa

PECHINO – «Parlerò di come il governo italiano considera la Cina un importante partner politico e non soltanto un protagonista dell’economia», ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini dopo essere sceso dal volo di Stato che da Roma l’ha portato a Pechino. Il suo proposito era di riservare alla Repubblica popolare un’attestazione gradita. E’ bastato poco per capire che dell’Italia e della sua politica, in Cina, importa adesso soprattutto un aspetto: il debito pubblico permetterà al Paese di stare a galla e di non danneggiare l’euro oppure borse e fiducia andranno giù come in giornata a Milano? «Ci sono preoccupazioni che il pacchetto di misure della manovra non arriverà ad essere attuato nel 2014 perché sarà impopolare e nel 2013 avrete le elezioni», ha fatto notare a Frattini una giovane giornalista, Wei Wei, che l’ha intervistato per la tv della Xinhua, agenzia d’informazione di rilievo internazionale. Glielo ha fatto presente con garbo, dopo essersi congratulata per l’approvazione del «piano di austerità». E come nel resto del pomeriggio il titolare della Farnesina è ricorso a un repertorio di affermazioni tese a rassicurare.

UNITA’ NAZIONALE – La sua tesi principale: «C’è stato un senso di responsabilità di tutti i partiti, della maggioranza e dell’opposizione, nel rispondere al forte incoraggiamento del presidente Giorgio Napolitano a dimostrare un senso di unità nazionale». Senza mai rivolgere attacchi al centro-sinistra, Frattini ha talmente elogiato l’unità nazionale che è arrivato a raccomandarla anche ai repubblicani americani per non intralciare i piani di Barack Obama in materia di bilancio. Ma i timori sulla sorte delle finanze italiane sono riapparsi di nuovo. Secondo stime di mercato di varia fonte, la Cina possiederebbe il 13% del debito pubblico del nostro Paese, sarebbe il primo Paese straniero per quantità di titoli di Stato italiani acquistati. Poco meno di un terzo delle riserve cinesi in valuta estera sono in euro.

BANCHE SOLIDE – In una conferenza stampa, la cronista Xiaonan Zhang del canale Cctv ha osservato: «L’Italia è stata molto veloce nell’approvare la manovra, però non significa che il problema economico sia passato». Frattini le ha risposto che il nostro Paese si prefigge di portare il rapporto tra deficit e prodotto interno lordo al di sotto del 3%. Nel ricordare che in Italia la disoccupazione è all’8% e risulta minore rispetto alla media europea, il ministro ha evitato di far pesare ancora, come aveva fatto nell’intervista alla Xinhua, con scarsa diplomazia verso Madrid, che nell’Ue si aggira intorno al 10% e in «Spagna al 21%». Frattini ha preferito mettere in evidenza l’esito favorevole degli esami affrontati dalle banche italiane e i futuri innalzamenti dell’età pensionabile. Come se il governo in carica fosse all’esordio nella legislatura, per infondere ottimismo ha dichiarato che più avanti sarà varata «la riforma fiscale».

PREOCCUPAZIONI – A porte chiuse, in precedenza Frattini era stato ricevuto dal presidente del Fondo nazionale di sicurezza sociale, Dai Xanglong. «Si preoccupano della stabilità del quadro finanziario. La nostra manovra è rassicurante», è stato il riassunto dato dal ministro sul primo dei suoi quattro giorni di colloqui in Cina. La sua non lunga ma intensa marcia, oggi, prosegue alla Scuola del Partito comunista.

.

Maurizio Caprara
18 luglio 2011 21:06
fonte:  http://www.corriere.it/economia/11_luglio_18/frattini-pechino-manovra_b5bbf2e8-b16f-11e0-8890-9ce9f56cae65.shtml

____________________________________________

 

CINEMA – In Italia, il 7 ottobre, ‘Tomboy’, film caso di Ce’line Sciamma / ‘Tomboy’, assolutamente da vedere!

Cinema: in Italia il 7 ottobre ‘Tomboy’, film caso di Ce’line Sciamma

.

.

Roma, 18 lug. (Adnkronos/Cinematografo.it) – Divenuto un vero e proprio caso in Francia, con oltre 260.000 spettatori e un’accoglienza entusiastica della critica, ‘Tomboy’ (inglese per ”maschiaccio”) verra’ distribuito in Italia da Teodora Film e Spazio Cinema il prossimo 7 ottobre. Poco piu’ che trentenne, origini italiane, la regista Ce’line Sciamma e’ considerata una delle grandi rivelazioni del cinema d’oltralpe. Protagonista del film e’ Laure, 10 anni, appena arrivata in un nuovo quartiere di Parigi con i genitori e la sorella piu’ piccola, Jeanne.

Un po’ per gioco, un po’ per realizzare un sogno segreto, Laure decide di presentarsi ai nuovi amici come fosse un maschio, Mickael: il modo in cui si veste e si pettina, l’impeto con cui si azzuffa e gioca a calcio, non sembrano lasciar dubbi sulla sua identita’ e Mickael e’ accettato nella comitiva. L’inizio della scuola pero’ e’ dietro l’angolo e il gioco dei travestimenti si complica, tanto piu’ che i genitori sono all’oscuro di tutto e Laure/Mickael ha stretto un legame speciale con la coetanea Lisa.

‘Tomboy’ ha vinto il Teddy Award all’ultimo Festival di Berlino e ha trionfato al 26° Torino GLBT Film Festival, ottenendo il premio del pubblico come miglior lungometraggio e il premio Ottavio Mai, massimo riconoscimento assegnato dalla giuria ”per la maestria, la sensibilita’ e la leggerezza, ma anche per la profondita’ con cui viene trattato il tema dell’identita’ sessuale nel tempo dell’infanzia”.

.

fonte:  http://www.adnkronos.com/IGN/News/Spettacolo/Cinema-in-Italia-il-7-ottobre-Tomboy-film-caso-di-Celine-Sciamma_312256159250.html

_________________________________________________________________________________________________________________________________

_________________________________________________________________________________________________________________________________

Arriva Tomboy, un film assolutamente da vedere!

http://comunicazionedigenere.files.wordpress.com/2011/05/film-tomboy-188840-gif.jpg?w=640&h=392&crop=1

.

Pubblicato da giulia il 12 maggio 2011

.

In queste settimane abbiamo parlato molto di omofobia e proprio in relazione questo tema così importante e così miseramente marginalizzato nel nostro paese, vedere un film così fa bene al cuore e aiuta a credere che, almeno nell’industria cinematografica, ci siano persone in grado di raccontare storie gender friendlysenza inciampare in un mondo di usurati stereotipi.

Dopo le vergognose offese subite dall’onorevole Paola Concia e dopo le ennesime dichiarazioni omofobiche del Ministro Giovanardi a commento della pubblicità Ikea, la battuta offensiva e di pessimo gusto pronunciata addirittura da Beppe Grillo…..beh, fa davvero bene al cuore vedere che ignoranza e maleducazione non regnano sovrane.

Inoltre, sottolinearlo non fa male, la regista è una giovane donna: l’appena trentenne francese Céline Sciamma.

Tomboy è un film uscito nelle sale francesi il 20 aprile, dopo essere stato premiato al Festival di Berlino come al 26° GLBT Film Festival di Torino; si tratta del ritratto di Laure, una bimba che si sente più a suo agio nei panni di bambino, Tomboy appunto,  maschiaccio.

Laure e la sua famiglia si trasferiscono e questo cambiamento le concede inaspettatamente la possibilità di presentarsi ai nuovi compagni di giochi come un maschio. Mentre la sorellina Jeanne, dai lunghi capelli ricci, ama danzare, dipingere e colorare, ed è dolcemente rapita da tutte quelle attività che vengono de sempre considerate tipiche e naturali per una femminuccia, Laure impara a giocare a calcio, a sputare per terra, a dare dimostrazioni di forza mettendo a tappeto i suoi avversari.

Il film è un elegante susseguirsi di innocenti scene di giochi d’infanzia fotografati con leggerezza e maestria, in cui le prime ricognizioni del proprio corpo e di una ancora nascente e inconsapevole sessualità mostrano con grande naturalezza e senza spettacolarizzazione alcuna la normalità di ciò che, agli occhi della nostra società non intellettualmente progredita, risulta purtroppo ancora a molti una deformazione. Laure, bambina pre-adolescente, nonostante il tormento e l’inquietudine, è una piccola eroina coraggiosa, capace di assecondare le proprie emozioni e di lottare per sentirsi più a suo agio con se stessa, con il proprio corpo e con i propri sentimenti, affrontando un precoce innamoramento per la sua amica e coetanea Lisa.

In una delle scene chiave del film, una delle più drammatiche perché testimonia l’impossibilità del perpetuare questa recita, la madre abbraccia la piccola e le ricorda che per lei non rappresenta un problema vederla giocare a fare il maschietto; ma inizierà la scuola, ci saranno i compagni di classe, e per questo assumere un ruolo e un’identità ben delineate diventerà inevitabile e necessario.

Mi piace pensare che esistano madri così e che la società e la mentalità italiana possa cambiare, magari aiutata da leggi più attente in materia, in tal merito segnalo articolo del Fatto  e la campagna di sensibilizzazione promossa da Paola Concia per sostenere e riproporre la legge anti omofobia che pare verrà presentata in Parlamento il 23 maggio, come riportato anche in un post del vulcanico super-blog  Vita da Streghe.

Intanto vi consiglio di correre a vedere questo bellissimo film non appena vi sarà possibile; si tratta di una piacevole e tutt’altro che superficiale riflessione sulle identità e sulle differenze di genere. Tra l’altro, parlare di bambini e lasciarli parlare senza violare o forzare il loro mondo non è affatto facile. La regista, Céline Sciamma, ci riesce magistralmente.

.

.

fonte:  http://comunicazionedigenere.wordpress.com/2011/05/12/arriva-tomboy-un-film-assolutamente-da-vedere/

LA BOZZA – Riforme, Senato federale e meno parlamentari: il governo presenta la riforma costituzionale

LA BOZZA

Riforme, Senato federale e meno parlamentari
il governo presenta la riforma costituzionale


fonte immagine

.

Prevista anche l’abolizione della circoscrizione Estero.  Deputati e senatori verranno pagati in base alla presenza. Cala l’età per essere eletti. Abrogato il potere di nomina dei senatori a vita da parte del Capo dello Stato. Domani mattina il testo approderà nella seduta del preconsiglio dei ministri e potrebbe essere approvato dall’esecutivo in prima lettura già questa settimana

Riforme, Senato federale e meno parlamentari il governo presenta la riforma costituzionale Roberto Calderoli

.

ROMA – Un taglio secco ai deputati (da 630 a 250) e ai senatori (da 315 a 250). E’ questo uno dei punti principali dello schema di disegno di legge costituzionale, a firma del ministro Roberto Calderoli, sulla riforma costituzionale. Che prevede la riduzione del numero dei parlamentari, l’istituzione del Senato federale, l’abolizione della circoscrizione Estero. Inoltre i presidente del Consiglio diventerà “primo ministro”. Il testo domani mattina approderà nella seduta del preconsiglio dei ministri e potrebbe essere approvato dall’esecutivo in prima lettura già questa settimana. Da segnalare il ritorno di alcune modifiche già bocciate nel 2006 1.

Senato federale. Il Senato diventa “Senato federale della Repubblica”. Lo prevede l’articolo 2. Sarà composto da 250 senatori (attualmente sono 315). E verrà “eletto a suffragio universale e diretto su base regionale”. Ai suoi lavori, prevede la proposta di legge del governo, potranno partecipare “senza diritto di voto, altri rappresentanti delle Regioni e delle autonomie locali”.

Viene “soppressa” la circoscrizione Estero.  “All’articolo 48 della Costituzione, il terzo comma è abrogato”, si legge nel testo, con riferimento alla norma costituzionale che attualmente prevede l’esercizio del diritto di voto per l’elezione dei parlamentari, da parte dei cittadini residenti all’estero. Inoltre l’indennità che i deputati e i senatori federali riceveranno sarà “corrispondente alla loro effettiva partecipazione ai lavori”. La misura è contenuta nella bozza di ddl di riforma costituzionale che domani sarà esaminata in preconsiglio dei ministri e che in settimana potrebbe essere approvato in prima lettura dall’esecutivo.

Cancellati i 5 senatori a vita. Altra novità riguarda gli ex presidenti della Repubblica. “E’ deputato di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato Presidente della Repubblica” si legge nella bozza. Il testo sostituisce integralmente l’articolo 59 della Costituzione e, vista la nascita del Senato federale, trasforma gli ex capi di Stato da senatori a ‘deputati’ a vita. Ma, eliminando il secondo comma dell’articolo 59, cancella anche la figura dei cinque senatori a vita che ad oggi il presidente della Repubblica può scegliere tra coloro che abbiano “illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario”.

Iter più veloce
. Il procedimento legislativo diventa più semplice e tempestivo: solo per poche materie (come ad esempio la revisione costituzionale) si procederà con il bicameralismo perfetto. Negli altri casi la competenza sarà o della sola Camera o del solo Senato, con la possibilità dell’altra camera di formulare un parere entro trenta giorni. Secondo il ddl, spetta ai regolamenti parlamentari definire più incisivi poteri del governo in parlamento e predisporre adeguate garanzie per le opposizioni parlamentari.

Cala l’età per essere eletti.
Scende a 21 anni l’età per essere eletti sia alla Camera, sia al nuovo Senato federale. Mentre può essere eletto presidente della
Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto quaranta anni d’età e goda dei diritti civili e politici.

Premier può sciogliere le Camere.
‘Il Presidente della Repubblica può sciogliere la Camera dei deputati, sentiti il suo Presidente e i rappresentanti dei gruppi parlamentari, anche su richiesta del Primo Ministro”. Viene modificata la parte dell’articolo 88 della Costituzione che attualmente recita: “Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse”. 

Presidente Camera supplente Quirinale. “Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso che egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente della Camera dei deputati”. Dopo la nascita del Senato federale, la funzione di supplenza del capo dello Stato, oggi in capo al presidente del Senato, passerebbe dunque all’inquilino di Montecitorio. “In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica – si legge nella bozza di riforma – il Presidente della Camera dei deputati indice la elezione del nuovo Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior termine previsto se la Camera è sciolta o manca meno di tre mesi alla sua cessazione”.

La sfiducia costruttiva. Sarà la Camera dei deputati a dover votare la fiducia al governo. E potrà avvalersi anche di un meccanismo di “sfiducia costruttiva”. “La riforma – si legge nella relazione illustrativa – mantiene il rapporto di fiducia esclusivamente fra il Governo e la Camera dei Deputati”. Ma l’approvazione di una mozione di sfiducia nei confronti dell’esecutivo, “non comporta lo scioglimento necessario della Camera. Infatti, è possibile che il Presidente della Repubblica, sulla base dei risultati delle elezioni, nomini un nuovo Primo ministro oppure che la Camera dei Deputati stessa, nell’ambito della medesima maggioranza, individui un nuovo Primo Ministro”.

.

18 luglio 2011

fonte:  http://www.repubblica.it/politica/2011/07/18/news/riforma_bozza-19285836/?rss

________________________________________________

AUGURI!! – Nelson Mandela per i suoi 93 anni chiede 67 minuti di buone azioni

Sudafrica, è il Mandela Day
E i bimbi cantano “Happy birthday”

Sudafrica, è il Mandela Day E i bimbi cantano "Happy birthday"  

Per festeggiare il 93mo compleanno, l’ex presidente sudafricano Nelson Mandela è tornato nel suo villaggio natale, Qunu, 965 chilometri a sud di Johannesburg, assieme alla moglie Graça Machel. Ad attenderlo, 90 scolari giunti da tutto il paese, in rappresentanza degli oltre 12 milioni di studenti che oggi hanno intonato uno speciale Happy Birthday in onore di “Madiba” prima dell’inizio delle lezioni. Tra questi, anche gli scolaretti che a Johannesburg frequentano un istituto per bambini ciechi o vittime del fuoco. In tutto il Paese la giornata di oggi è diventata il Mandela Day. Messaggi di auguri da tuttto il mondo. – fonte la Repubblica

GUARDA LA GALLERY

___________________________________

MANDELA DAY

Nelson Mandela per i suoi 93 anni
chiede 67 minuti di buone azioni

E’ il numero degli anni che il premio Nobel ha speso per la causa sudafricana. festeggiamenti in tutto il mondo

.

Nelson Mandela in compagnia dei suoi famigliari (Reuters)
Nelson Mandela in compagnia dei suoi famigliari (Reuters)

MILANO – Sessantasette minuti di buone azioni e 67 idee per compierle. Come 67 sono gli anni che Nelson Mandela ha speso a servizio del popolo sudafricano e del mondo. Più di un’ora di tempo libero per fare del bene alla propria comunità, come ripulire dalla spazzatura il proprio quartiere o fare il test dell’Hiv. E’ questa la richiesta che il premio Nobel per la pace ha fatto in occasione del suo 93esimo compleanno.

MANDELA DAY L’anniversario del leader sudafricano e padre spirituale della lotta contro l’apartheid è segnata con il marchio rosso sull’agenda del continente africano. Ma non solo. Ogni 18 luglio le idee e i valori per i quali Mandela ha combattuto tutta la sua vita sono celebrati in tutto il mondo con il Mandela Day, la Giornata mondiale di Mandela istituita nel 2009 dalle Nazioni Unite. Per l’edizione 2011, l’ex presidente sudafricano è tornato nel suo villaggio natale per festeggiare il suo compleanno assieme a 90 scolari giunti da tutto il Sudafrica. La nazione si prepara a festeggiare il compleanno di Madiba, come viene chiamato Mandela dal nome del sua tribù Xhosa: nelle scuole, 12,4 milioni di bambini intoneranno uno speciale «buon compleanno», africanizzato per l’occasione da un artista locale, mentre aziende, media, organizzazioni di volontariato e celebrità hanno annunciato eventi per la giornata. Un gruppo di motociclisti è partito l’11 luglio scorso da Johannesburg per attraversare il paese, facendo tappa in diverse comunità povere per fare attività di beneficenza. Il viaggio di 2.200 chilometri si concluderà lunedì a Pretoria. Le scuole e gli orfanotrofi apriranno le porte ai volontari che vorranno fare lavori di pulizia, mentre le banche del sangue faranno gli straordinari. Un patchwork su cui 67 celebrità hanno lasciato le impronte delle loro mani sarà messo all’asta a Città del Capo questo fine settimana: il ricavato andrà a sostenere la lotta all’Aids lanciata da Mandela. Infine, 93 bambini provenienti da tutto il paese saranno ospitati dalla Fondazione del premio Nobel per la pace.

«IDEE PER CAMBIARE IL MONDO» Il sito Mandela Day pubblica una lista di 67 idee «per cambiare il mondo», come ripulire le strade del proprio quartiere oppure sottoporsi a un test dell’Hiv. Un buon esempio che comincia proprio dalla classe politica sudafricana: «Ognuno di noi – ha dichiarato il ministro della cultura Paul Mashatile – a cominciare dal presidente Jacob Zuma, i ministri, i membri del Parlamento e i funzionari compieranno una buona azione, come regalare un libro, consigliare un disoccupato sugli orientamenti professionali, pulire uno spazio pubblico, promuovere uno stile di vita sano e altre iniziative di questo genere».

DISCREZIONE Nelson Mandela è tornato nello scorso fine settimana nel suo villaggio natale per festeggiare il suo compleanno. L’ex presidente ha lasciato giovedì scorso Johannesburg e ha raggiunto Qunu, nella provincia del Capo Orientale. Il viaggio è stato fatto nella massima discrezione. Lo scorso gennaio, Mandela è stato ricoverato per due giorni in ospedale per un problema alle vie respiratorie. L’ultima sua apparizione pubblica risale alla finale della Coppa del mondo di calcio, l’11 luglio 2010, mentre la sua ultima fotografia ufficiale è stata scattata lo scorso 21 giugno, durante la visita della first lady Usa Michelle Obama.

LOTTA ALL’APARTHEID Il premio Nobel per la pace ha dedicato 67 anni della sua vita alla causa sudafricana, culminata nella lotta contro il regime dell’apartheid nelle file dell’African National Congress. Una battaglia che lo ha costretto a trascorrere 27 anni nel carcere di Robben Island. Liberato nel febbraio 1990, Madiba diventa nel 1994 il primo presidente nero del Sudafrica, tre anni dopo la fine ufficiale del regime segregazionista, avvenuta nel luglio 1991.

.

Redazione online
18 luglio 2011 15:39
fonte:  http://www.corriere.it/esteri/11_luglio_18/nelson-mandela-compie-93-anni_8ddd848a-b13d-11e0-8890-9ce9f56cae65.shtml

___________________________________________

 

AUGURI DI CUORE, DON GALLO!! Stasera la festa al Palacep di Genova

Tanti auguri a Don Gallo
La festa al Palacep

Don Andrea Gallo festeggia il suo compleanno al PalaCep di Pra’ insieme a tanti amici. Sono 83 le candeline che soffierà nel quartiere del ponente genovese. Ad animare la festa: Marco Travaglio, Enzo Costa, la troupe del programma tv “La storia siamo noi” e ancora i compagni della Comunità e tutti coloro che vogliono partecipare

.

di Manuela Facino

.

Sono 83 le candeline che don Andrea Gallo questa sera soffierà nella sua Genova, al PalaCep di Prà, insieme a tantissimi amici. Un compleanno che festeggia un uomo, un salesiano, un prete di frontiera da sempre con la gente più povera e per le persone abbandonate a sé stesse.
Don Gallo, con un passato da allenatore di basket, ha continuato la sua attività fino a oggi, cambiando sport e allenando la gente alla vita e alle difficoltà, non tirandosi mai indietro. Lo dimostra la sua comunità di San Benedetto al Porto, nata grazie a don Federico Rebora, che dal 1975 accoglie tutti coloro che chiedono aiuto, dedicando particolare attenzione al mondo della tossicodipendenza e dell’alcolismo.Don Gallo, sempre in prima linea per il prossimo,non si è mai voltato dall’altra parte offrendo tutto quello che poteva, fin troppo, tanto da diventare scomodo per la chiesa stessa. Negli anni ’70, dopo essere stato allontanato a Capraia per volere della Curia, è rientrato a casa, per le strade della sua città, più forte di prima, accolto a braccia aperte da quella che diventerà la Comunità di San Benedetto.Oggi festeggia il suo compleanno in un quartiere che ne ha viste tante e che ora sta cambiando. Ad animare la festa moltissimi ospiti: Marco Travaglio, Enzo Costa, Padellaro e Sansa, la troupe del programma tv “La storia siamo noi” e ancora i compagni della Comunità. A occuparsi della musica, il coro il coro Daneo diretto da Gianni Martini.

Una festa a cui tutti possono partecipare per festeggiare il parroco di strada, il parroco del popolo, e allora buon compleanno Don Andrea!

.
Genova, 18 luglio 2011
.
________________________________________________

SAVONA – Schiavisti ai semafori: un video fa aprire l’inchiesta / Il “business” dei mendicanti disabili nel cuore di Roma

Savona: riduzione in schiavitù

Schiavisti ai semafori: un video fa aprire l’inchiesta

17 luglio 2011

  | A. P.
.
Savona – Si indaga per riduzione in schiavitù. Potrebbero avere le ore contate gli sfruttatori di giovani ragazzi disabili con evidenti mutilazioni e menomazioni fisiche impiegati nel chiedere l’elemosina ai semafori degli incroci cittadini, in particolare tra via XX settembre e corso Mazzini. Sfruttatori filmati dall’ex consigliere comunale e provinciale Roberto Nicolick che ieri mattina è stata sentito come persona informata sui fatti negli uffici della Questura dagli agenti della squadra mobile che hanno acquisito il video messo su YouTube. Eccolo (la voce in sottofondo è quella di Nicolick):
.
.
Immagini e filmati raccapriccianti per il tipo di menomazioni esposte agli automobilisti in sosta da parte di chi chiedeva qualche moneta e poi la andava subito a consegnare a chi aspettava seduto a margine della strada.
.

Il video risale allo scorso 22 giugno. Nicolick aveva provveduto a diramare una lettera aperta alla stampa per sensibilizzare su ciò a cui aveva assistito. Raccontando e descrivendo nei dettagli ciò a cui aveva assistito. Compreso l‘arrivo di due pattuglie di poliziotti delle squadre volanti della Questura che lui stesso aveva provveduto a chiamare. I poliziotti arrivati sul posto avevano cercato di identificare le tre persone coinvolte e segnalate da Nicolick. I due questuanti mutilati (un uomo e una donna focomelici con evidenti menomazioni agli arti) e il loro presunto sfruttatore indicato poco distante dal semaforo tra corso Mazzini e via XX settembre furono avvicinati dai poliziotti per l’identificazione, ma non avevano con sè i documenti d’identità.

.
La vicenda ripresa dagli organi di stampa finì poi sui tavoli della Procura che dispose ulteriori accertamenti. Ieri l’impennata all’indagine con l’acquisizione del video e la testimonianza dell’ex uomo politico savonese. «Avevo assistito ad una scena raccapricciante con quei due poveri ragazzi costretti sotto al sole ad esporre le loro menomazioni per impietosire gli automobilisti di passaggio e mio ero sentito in dovere di avvertire il 113» ha spiegato ieri mattina Nicolick agli agenti della mobile.

.

fonte:  http://www.ilsecoloxix.it/p/savona/2011/07/17/AObYS0l-schiavisti_inchiesta_semafori.shtml

___________________________________________

_________________________________________________________________________________________________________________________________

.

Il “business” dei mendicanti disabili nel cuore di Roma


fonte immagine

.

Sulle vie del centro, seduti sugli skateboard, chiedono l’elemosina esibendo le loro menomazioni. Il Comune e le Forze dell’ordine li conoscono bene, ma non possono aiutarli, perché questi giovani romeni non intendono denunciare i loro “padroni”. Da Adnkronos, la storia drammatica di Adrian e Maria

.

ROMA – Siedono tutto il giorno su degli skateboard, che usano per spostarsi di pochi metri sul marciapiede che costeggia via del Corso, tra largo Chigi e il Panteon. A qualcuno manca una gamba, ad altri ne mancano due. Sono giovani e chiedono l’elemosina, esibendo le loro menomazioni ai cittadini e ai turisti di passaggio. Estate e inverno. Col sole e con la pioggia. E’ un evidente caso di sfruttamento, non c’è dubbio che dietro ci sia un racket. Proviamo a chiamare la Sala operativa sociale del Comune di Roma, per denunciare la situazione. “Li conosciamo, signora”, risponde l’operatore. “E purtroppo non possiamo farci niente. Ci abbiamo parlato più volte, ma non vogliono dire chi hanno dietro”.
E così restano lì, a mendicare su uno skateboard, per portare soldi a padroni che forse non verranno mai allo scoperto.

L’agenzia Adnkronos ha pubblicato nei giorni scorsi la storia di due di questi ragazzi, portando alla luce lo scandalo della “corte dei miracoli” che ogni mattina, indisturbata, “apre i battenti” sulle vie del centro di Roma.

Di seguito il testo dell’articolo, tratto da Adnkronos

I romani e i turisti in visita nella capitale li incontrano tutti i giorni nelle vie del centro storico. Nessuno però sembra sapere alcunché di certo sui mendicanti menomati che chiedono l’elemosina nelle più belle vie di Roma.

Una vera e propria ‘corte dei miracoli’, che ‘apre’ i battenti a cielo aperto la mattina presto e ‘chiude’ la sera tardi. Una macchina di soldi che fa leva, in spregio a dignita’ e rispetto umano, sulla pietà che la disgrazia fisica ostentata induce. I protagonisti, per lo più di origine romena, e dunque da cinque mesi cittadini europei a tutti gli effetti, raccontano storie poco credibili sulle cause delle malformazioni di cui sono affetti e che sono costretti a mostrare per assicurarsi la sopravvivenza. E ovviamente tacciono su coloro che li sfruttano portandoli sulle strade a mendicare. Un fenomeno vecchio, che le forze dell’ordine riferiscono di avere più volte affrontato in passato e che si ripropone ciclicamente. Un fenomeno che per le dimensioni e per tutto ciò che cela sembra però rimanere sfuggente. Nessuno sa infatti il numero preciso dei mendicanti handicappati che oggi ‘lavorano’ nel centro di Roma, nessuno è in grado di fornire cifre e soprattutto nessuno riesce a risolvere il problema. Eppure, basta fare una passeggiata fra il Pantheon e via del Corso per incontrare, in un pomeriggio qualsiasi di maggio, almeno cinque storpi che chiedono l’elemosina nei punti più frequentantati della città.

L’Assessorato alle Politiche sociali del Comune di Roma parla di un “fenomeno fluido, poco controllabile ed è dunque impossibile effettuare un monitoraggio della situazione, dato l’andirivieni dei personaggi in questione”. E proprio l’andare e tornare continuo degli accattoni storpi sembra non conoscere soluzione: “Cosa si può fare – chiede retoricamente il vigile urbano – per togliere il mendicante dal marciapiedi? Una multa per occupazione del suolo pubblico? E se non paga l’ammenda cosa si fa, gli si pignorano i fornelletti della baracca dove abita?”. “Sono persone che in passato hanno sofferto la povertà e la carenza di strutture sanitarie dei paesi da dove provengono”, afferma Daniela Pompei, responsabile del Servizio stranieri della Comunità romana di Sant’Egidio, che addebita la causa del fenomeno a una ragione di indigenza ‘storica’ e parla di persone che “spesso si sono ammalate da piccole e che non hanno potuto ricevere cure adeguate”. Persone che – dice ancora la Pompei – transitano “nel nostro centro d’accoglienza aperto tutti i venerdi’ e dove trovano da mangiare, il medico e dei vestiti. Una struttura di assistenza che in tre anni ha accolto, fra gli altri, 5000 zingari”.

A dire qualcosa di più del fenomeno dei mendicanti menomati e delle organizzazioni malavitose che li ‘importano’ nei paesi europei più ricchi è la Fondazione Fratelli di San Francesco D’Assisi di Milano, creata da padre Clemente Meriggi. “Con l’apertura della frontiera – dice Andrea De Liberto, segretario della Fondazione e responsabile per i Minori stranieri non accompagnati – una vagonata di romeni è arrivata con l’intento di chiedere l’elemosina: neo comunitari minori tenuti in condizioni pessime, anziani e disabili con menomazioni impressionanti. La media di ciò che raccoglie un minore, lavando i vetri delle macchine, è di 70 euro al giorno e lo storpio guadagna ancora di più. Fra gennaio e febbraio nella sola Milano sono stati rilasciati 1500 permessi di soggiorno.

Le organizzazioni che sfruttano gli handicappati li precettano nei paesi d’origine per portarli in Italia dove versano il 50 per cento a chi li inserisce nei punti strategici delle città. Dal 2003 al 2007 sono stati 50 i minori transitati dal nostro centro, alcuni dei quali colpiti in gioventù dalla poliomelite e con un’infanzia trascorsa nei terribili orfanatrofi romeni”. C’è poi la testimonianza diretta dei disabili dediti all’accattonaggio: storie verosimili, che i diretti interessati raccontano in un italiano impeccabile che fa pensare alla lettura di un copione imparato a memoria. La strada che Adrian percorre tutte le mattine a Roma, da Largo delle Stimmate al Pantheon, sembra la metafora a lieto fine di una esistenza da infelice. Il racconto di una vita che potrebbe essere uscita dalla penna di Dickens ma che invece appartiene alla realtà dei nostri tempi. Seduto su uno skateboard, il mendicante storpio si inoltra su via dei Cestari verso il tempio dedicato ‘a tutti gli dei’. Con una mano calzata da uno stivale, spinge la sua tavola a rotelle sulla strada famosa per i negozi di abiti per prelati, gridando e tendendo l’altra verso i passanti, soprattutto turisti, che presi a compassione per le menomazioni ostentate alle gambe ogni tanto gli allungano qualche euro. Anche Maria e’ romena: stesse caviglie storte, seduta pure lei su uno skateboard, chiede l’elemosina un po’ piu’ in la’, a Torre Argentina, e potrebbe benissimo essere la sorella di Adrian. Afferma di essere deforme dalla nascita e di essere sposata. Poi mostra la pancia e rivela di essere incinta di cinque mesi.

“A luglio andrò nel mio paese – annuncia contenta – e a settembre partorirò nel mio villaggio vicino a Bucarest. Dio è grande – sentenzia – e i soldi che guadagno serviranno a mio figlio”. Sia Adrian che Maria (i nomi sono di fantasia) potrebbero essere figli di quei genitori senza scrupoli che in qualche villaggio sperduto della Romania ai tempi di Ceausescu fasciavano gli arti dei figli fin dalla nascita, impedendone la crescita naturale per trasformarli in oggetti preziosi, da rivendere sul mercato occidentale della pietà. Un fenomeno, quello della violenza imposta durante la presidenza del ‘Conducator’ ai bambini soprattutto da alcune bande Rom, che “oggi sembrerebbe non esistere più in Romania” – a quanto afferma Eugen Terteleac, presidente dell’Associazione dei Romeni in Italia – e che verosimilmente nacque nella seconda metà degli anni Sessanta grazie alle politiche per l’incremento della popolazione. Fino a tutti gli anni Ottanta il numero di ‘figli del decreto’ del 1966, che proibiva l’aborto e l’uso della contraccezione, crebbe a dismisura, anche per merito dei benefit che lo stato concedeva alle madri che avevano una prole numerosa e in particolare a quelle ‘mamme eroine’ che raggiungevano quota 10 figli. Ma il vero risultato che produsse la politica sociale del ‘Genio dei Carpazi’, come il dittatore amava farsi chiamare, fu la crescita del numero di bambini abbandonati dalle famiglie nei terribili orfanatrofi statali, spesso vero e proprio vivaio per il racket dello sfruttamento dei mendicanti disabili.

“Oggi è in atto una collaborazione fra governo italiano e romeno per contrastare il fenomeno dei mendicanti menomati – dice Terteleac – grazie soprattutto al recente status di cittadini europei dei romeni. Inoltre è aumentato il controllo del nostro governo sulle comunità nomadi e in generale nel paese si è avuto un cambiamento culturale, con un approccio costruttivo al problema che si concretizza nel tentativo di ricollocare diversamente queste persone disabili”.

Maria e Adrian non ammettono che le loro menomazioni sono state ‘volute’ da qualcuno, ma parlano di incidenti o di tragiche casualità “capitate” loro e mai e poi mai volute da alcuno. “Sono uscito di casa in bicicletta – racconta Adrian – e mi ha investo una macchina: avevo sette anni quando è successo. Ho subito un intervento e questo è il risultato”. Poi passa a parlare della sua famiglia, poverissima, a cui manda i soldi: “Chiedo l’elemosina – dice – per i miei fratellini in Romania, a cui mando ogni mese quello che guadagno. Faccio 80 – 100 euro al giorno e con questo denaro un giorno mi sposerò e metterò su famiglia”. Alla domanda se il denaro che racimola lo tenga tutto per sé, Adrian risponde: “Certo, a chi dovrei darlo?”. E nega che possa esistere qualcuno che lo sfrutta, per esempio la persona che presumibilmente lo ‘trasporta’ ogni giorno sul ‘posto di lavoro’. A tal proposito fa notare di essere perfettamente in grado, nonostante i piedi storti, di camminare e sottolinea di non aver bisogno dell’assistenza di nessuno: “Prendo l’autobus da solo – afferma alzandosi in piedi all’improvviso – tutte le mattina, dalle parti di Piazzale Clodio, vicino alla baracca dove vivo”.

Fonte: www.superabile.it

.

fonte:  http://www.diversamenteabili.info/Engine/RAServePG.php/P/58971DIA0300/M/87611DIA0110

_________________________________________________________________________________________________________________________________

LEGGI ANCHE

Il tour del dolore parte dall’Est
e finisce per strada

https://i2.wp.com/www3.lastampa.it/fileadmin/media/torino/mendicanti-g.jpg
_________________________________________________________________________________________________________________________________