Bossi: «L’Italia finisce male, prepariamoci alla Padania»

COMIZIO A SCHIO

Bossi: «L’Italia finisce male, prepariamoci alla Padania»

.

fonte immagine

Dal Cadore al Vicentino. Il Senatur: «Tagliare le Province? Non si risparmia. La colpa è di Bankitalia che non vuole bene a questo governo»

Bossi a Schio (Galofaro)Bossi a Schio (Galofaro)

.

SCHIO (Vicenza) – La mazurca estiva dei Santamonica, che trascina in pista ballerini agé dal passo leggero, aiuta a risollevare il morale del popolo leghista, deluso e amareggiato da questa estate tormentata dallo spread ma comunque deciso a dimostrare al Capo che «i veneti sono ancora con lui», nonostante tutto e tutti. Prova d’affetto e di fedeltà quanto mai necessaria, quella della sagra padana di Schio, una delle capitali del Veneto tutto sudore e partita Iva, dopo l’infelice «due giorni» cadorina di Umberto Bossi, trascorsa da recluso volontario all’hotel Ferrovia di Calalzo e chiusa con un’improvvisa partenza (fuga?) nel cuore della notte. Il piazzale asfaltato è affollato e sono tutti qui solo per lui, per il Capo, mentre i colonnelli si rincorrono tra le salamelle: «L’hai sentito? Viene? Che fa?». Perché se salta pure il secondo comizio in tre giorni, chi ha il fegato di prendere il microfono sul palco? Il popolo è adorante, ma fin lì. «I nostri militanti non mollano mai – sorride Angelo Chierico, anima del Carroccio del Basso Vicentino – ma i voti non ce li danno mica solo loro… C’è tanta gente, specie tra gli imprenditori, che non nasconde la sua delusione: da questo federalismo, onestamente, ci si aspettava di più».

I vertici sono allineati e ripetono il mantra del partito («E’ tutta colpa della crisi, nella Lega non c’è alcun problema, il federalismo ci salverà») ma si capisce lontano un miglio che ormai non ci credono più manco loro. È allora ai tavolacci che si respira il territorio vero, che ribolle e si ribella, quello fatto dei Renato e delle Lucia che ammoniscono col dito alzato: «Quella del Trota è una schifezza, finché regge la manina del papà ancora ancora lo sopportiamo ma che nessuno si sogni di portarlo a Roma perché qua scoppia un casino». Stefano Meneghello, vice sindaco di Brendola, è tra quelli che stanno nel mezzo e fa professione di fede: «Lo sa Bossi al governo e credo lo sappia bene anche Zaia in Regione, dobbiamo darci da fare. Mollare Berlusconi? E per andare dove, con chi?». Passano i minuti e il piazzale ormai tracima, ci sono pure i Cobas («Arriva?») e Francesco Munerini non smette di stringere mani: «Ciao sindaco! ». Ancora per poco. Il suo Comune, Tonezza del Cimone, 620 anime arrampicare sui monti, è destinato a sparire: «E pensare che io dal 2007 mi sono azzerato l’indennità, a me e a tutta la mia giunta. Ma che ci vuole fare, ormai siamo stanchi: stanchi di pagare per tutti, stanchi di dover sempre battagliare a Roma, stanchi di non avere i soldi per fare quello di cui i nostri Comuni avrebbero sempre bisogno». Pure lui sobbalza, quando all’ennesimo «arriva?» la risposta è finalmente «sì!». Bossi sale sul palco, accompagnato da Zaia e da Gobbo, e sa che c’è molto da spiegare, da giustificare. «È la Banca Europea che vuole che tagliamo qui e là e a qualcosa alla fine abbiamo dovuto dare un taglio. Dovevamo scegliere: le pensioni o gli enti locali? Alla fine ho pensato che gli enti locali se la sarebbero cavata in qualche modo».

Il pubblico ulula: «Via le Province». Lui va piatto: «No, sono una questione di identità e non si risparmierebbe nulla. E’ venuto un presidente, l’altro giorno, a fare casino in Cadore. Ma non aveva capito che era salvo». Il Senatùr ripete dieci volte «abbiamo salvato le pensioni», «facciamo gli interessi del Nord», «la colpa è di Bankitalia che non vuole bene a questo governo» e assicura: «Ci avete mandato a Roma e noi sappiamo cosa fare: non molliamo!». Ma nessuno si aspetti miracoli dal passaggio della manovra in parlamento: «Abbiamo la crisi che bussa alla porta: è una svolta storica, non una cosa da niente, la gente capisce che l’Italia sta finendo male e bisogna prepararsi al dopo, che per noi è la Padania ». Il pubblico, forse stremato dall’attesa, è tiepido e qualcuno azzarda: «Tagliate Roma, tagliate la politica». Lui se la cava con un «Padania libera!». Poi riprende il refrain dei popoli del Nord, prima di passare il microfono al segretario vicentino Maria Rita Busetti: «Il federalismo ci salverà!». Ma la replica del popolo è raggelante: fischi e rabbiosi «dov’è?», «dov’è?». Arriva?

.

Marco Bonet
20 agosto 2011

fonte:  http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/politica/2011/20-agosto-2011/bossi-l-italia-finisce-male-prepariamoci-padania-1901326509829.shtml

__________________________________________________________

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: