No di Berlusconi ai pm di Napoli. Non si presenterà per l’interrogatorio / VIDEO: Italian Prime Minister Berlusconi blackmailed?

Il caso Berlusconi-Tarantini visto da Taiwan

Italian Prime Minister Berlusconi blackmailed?

Caricato da in data 02/set/2011

http://nma.tv
Italian PM Silvio Berlusconi’s hedonistic “bunga bunga” parties have become things of legend.

Businessman Giampaolo Tarantini has admitted supplying escorts, one who claims she was hired to have sex with the PM.

Tarantini claimed Berlusconi didn’t know some of the women were prostitutes. Meanwhile, Berlusconi played dumb.

Tarantini and his wife have now been arrested. They allegedly asked Berlusconi for money in exchange for lying about how much he knew.

Berlusconi has admitted paying Taratini, but says it was a donation as he was down on his luck.

16/09/2011 – L’INCHIESTA SUL RICATTO AL PREMIER

No di Berlusconi ai pm di Napoli
Non si presenterà per l’interrogatorio

Il premier ritiene sufficiente il memoriale che ha consegnato. I magistrati avevano minacciato l’accompagnamento coatto: in questo caso della questione sarà investito il Parlamento

.

ROMA
«Allo stato Berlusconi non si presenta ai pm di Napoli»: così l’avvocato Piero Longo, uno dei difensori del premier, ha detto riguardo alla richiesta dei magistrati di Napoli di sentire il presidente del Consiglio quale testimone nel procedimento per un presunto ricatto ai suoi danni.

I magistrati di Napoli avevano lanciato un ultimatum, chiedendo al premier di presentarsi per essere sentito come parte lesa nella vicenda del giro di escort procurate da Tarantini. In caso contrario, avevano promesso l’accompagnamento coatto del premier negli uffici giudiziari. La linea della procura resta ferma: i magistrati sono tuttora intenzionati ad ascoltare Silvio Berlusconi; l’avvocato LOngo ha parlato di «difformità interpretative» tra accusa e difesa, ma la sensazione che si coglieva già nei giorni scorsi negli ambienti di Palazzo di Giustizia, a Napoli, era che il premier fosse determinato a sottrarsi al faccia a faccia con i pm ritenendo sufficiente a chiarire i fatti, come ha fatto sapere attraverso il suo legale, la memoria scritta consegnata martedì scorso ai magistrati.

Un documento in cui scagiona di fatto gli indagati – Gianpaolo Tarantini, la moglie Angela Devenuto e Valter Lavitola – ribadendo di non essere stato mai ricattato, ma di aver consegnato forti somme di denaro in contanti per venire incontro alle esigenze economiche dei coniugi Tarantini che stavano vivendo un momento di grande difficoltà.

«Dopo il suo arresto – afferma Berlusconi nel memoriale – Tarantini e la moglie mi scrissero accorate lettere inviatemi presso la segreteria di Roma. Tarantini protestava la propria estraneità alle accuse che gli venivano mosse, si scusava per il disagio che mi aveva procurato, si lamentava per il trattamento mediatico e giudiziario che gli veniva riservato. Sia lui sia la moglie mi fecero sapere che erano in gravissime difficoltà ecomomiche».

«Tarantini e la moglie – prosegue il premier – mi fecero pervenire più volte lettere in cui presentavano la gravità della loro situazione economica, chiedendomi anche aiuto per finanziare la loro azienda e per evitare il fallimento. Lo stesso Lavitola mi segnalò una situazione di disperazione di una famiglia che era passata dalla vita agiata a grandi ristrettezze, che avevano coinvolto anche il fratello, con la sua famiglia, la madre e altri familiari. Mi si rappresentò quindi una situazione personale e familiare difficilissima, con anche il rischio che Tarantini mettesse in atto episodi di autolesionismo. La situazione era altresì aggravata dalla presenza di due figlie ancora piccole. Insistettero anche tramite Lavitola per un aiuto economico». Che Berlusconi concesse.

Per il legale del premier, l’avvocato Niccolò Ghedini, gli inquirenti devono solo prendere atto di quanto afferma Berlusconi e non possono formulare ulteriori domande. È quanto si evince dalla lettura dell’istanza, presentata da Ghedini nei giorni scorsi in procura, in cui si sottolinea che il presidente del Consiglio non può essere interrogato come testimone bensì come persona indagata in un procedimento connesso – il processo ’Ruby’ davanti al Tribunale di Milano – e come tale ha diritto all’assistenza di un difensore e può anche avvalersi della facoltà di non rispondere.

Una richiesta che è stata bocciata dai pm Francesco Curcio, Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock: Berlusconi – dicono i magistrati – può essere convocato solo come teste in quanto non vi è alcuna connessione tra l’indagine in corso a Napoli e la vicenda giudiziaria all’esame del Tribunale di Milano.

Resta da capire, e non è questione di poco conto, quale potrebbe essere l’atteggiamento della procura se, una volta scaduto il calendario delle date indicate per l’interrogatorio (tutti i giorni fino a domenica sera). Se opteranno per l’accompagnamento coatto, della questione dovrà essere investito il Parlamento.

C’è sul tappeto un’altra questione sottolineata da Berlusconi attraverso l’avvocato Ghedini, quella della competenza territoriale. Ghedini ha formalmente sostenuto il caso deve essere trattato dall’autorità giudiziaria di Roma. Per la verità gli stessi pubblici ministeri sono convinti che il processo non debba restare a Napoli ed è prevedibile, che una volta stabiliti con esattezza il luogo delle «dazioni», il fascicolo sarà trasmesso in una diversa sede.

.

Click here to find out more!

.

fonte:  http://www3.lastampa.it/politica/sezioni/articolo/lstp/420520/

_________________________________________________________________________________________________________________________________

La copertina del mensile di settembre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: