CRISI – Fmi, monito degli Usa all’Ue: “Si eviti il default a cascata”

25/09/2011 – LA CRISI – L’ALLARME GLOBALE

Fmi, monito degli Usa all’Ue
“Si eviti il default a cascata”

Il ministro del Tesoro Geithner incalza: «L’Europa intervenga, o ci saranno catastrofi a catena»

Il ministro del Tesoro Usa Geithner durante un briefing a Washington

«L’Europa deve fare di più per contrastare la crisi ed evitare la minaccia di default a catena». Il monito degli Stati Uniti all’Ue si materializza nelle parole del segretario del Tesoro Timothy Geithner, che ha parlato senza mezzi termini del rischio di una immane «catastrofe». Geithner suona l’allarme Eurolandia davanti ai membri dell’International Monetary and Financial Committee (Imfc), il braccio operativo del Fondo Monetario Internazionale.

A preoccupare è soprattutto la Grecia, con le voci di un possibile default che si alimentano di ora in ora. Con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, che ribadisce come una uscita della Grecia dall’eurozona o una ristrutturazione del suo debito provocherebbero un effetto domino, «alzando enormemente la pressione su altri Paesi». Il comunicato finale dell’Imfc pone comunque l’accento sul fatto che «i Paesi dell’euro sono impegnati a fare il necessario». L’economia è in «una fase pericolosa» e «bisogna agire insieme per riportare fiducia» ma certo «siamo incoraggiati dalla determinazione dei Paesi dell’area euro a fare il necessario per risolvere la crisi».

Fra i Paesi da settimane bersaglio dei mercati c’è anche l’Italia. Tutti sono preoccupati per quello che potrebbe succedere se capitolasse il nostro Paese. Per questo il ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, torna ad invitare con forza Roma ad attuare velocemente le misure prese, pena una ulteriore perdita di fiducia sui mercati. Geithner ribadisce tutta la preoccupazione Usa: la crisi del debito e le tensioni sulle banche del Vecchio Continente sono «il rischio più serio che l’economia mondiale si trova ad affrontare», ammonisce, sottolineando come sia «necessario agire e decidere ora come gestire una volta per tutte i problemi dell’area euro, perchè decisioni come queste non possono attendere che la crisi peggiori».

Il commissario Ue agli affari economici e monetari, Olli Rehn, cerca di rassicurare: «Il risanamento dei conti pubblici è la priorità per l’Europa, ma l’ampiezza degli aggiustamenti varia fra Paesi», spiega, sottolineando come «la crisi del debito ha di recente contagiato l’Italia e la Spagna», che peò – aggiunge – «sono sulla strada per ridurre il proprio livello di debito e attuare riforme che rafforzino la crescita. I movimenti sui mercati – ricorda Rehn – hanno anche spinto Italia e Spagna ad aumentare i loro sforzi e ad attuare nuove misure».

Certo non si può abbassare la guardia. La crisi globale è lungi dall’essere finita, evidenzia Juergen Stark del board Bce. Ma la parola default che ieri il tam tam avvicinava molto alle finanze greche sembra aver perso tono. A farne cenno era stato Klaas Knot, presidente della banca centrale olandese e membro del consiglio Bce che oggi corregge il tiro. «Quello che ho detto è che non ci sono certezze». E assicura:«puntiamo tutti ad una soluzione ordinata per la Grecia». Anche perchè, sottolinea il suo collega della Bce, Athanasios Orphanides, il default greco sarebbe «catastrofico».

.

fonte:  http://www3.lastampa.it/economia/sezioni/articolo/lstp/421906/

_________________________________________________________________________________________________________________________________

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: