Nuova legge elettorale, il referendum agita Pd e Pdl

Napolitano insiste sull’unità del paese

Nuova legge elettorale,
il referendum agita Pd e Pdl

.


fonte immagine

.

Roma – Il successo della raccolta di firme sul referendum sulla legge elettorale, spiazza le forze politiche di maggioranza e opposizione che, ora, vanno in ordine sparso. E anche dopo l’appello del Capo dello Stato a riformare le regole del voto per ripristinare il rapporto diretto tra eletto ed elettore, su quella che veniva generalmente riconosciuta una doverosa correzione da apportare alla legge elettorale, si apre una nuova spaccatura. Con divisioni anche all’interno del Pdl.

Una linea da cui non si vuole allontanare il Cavaliere, fortemente deciso a preservare un sistema bipolare e che per questo temporeggia. «Il Pdl vince con ogni sistema elettorale» si schernisce tuttavia il segretario che prende a metafora le lumache «che vanno sull’asciutto e sul bagnato». Ma sul nodo delle preferenze, le posizioni del partito sono tutt’altro che univoche.

«Esistono sistemi che consentono di avvicinare i cittadini elettori senza ritornare alle preferenze che fu una delle cause della crisi della prima Repubblica perché costringono i candidati a ricercare risorse molto rilevanti» frena Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera che invece sposa l’approccio della Lega che collega la riforma della legge elettorale a quella costituzionale. Insiste, infatti, il ministro delle Riforme, Roberto Calderoli: la legge elettorale potrebbe essere cambiata nella primavera del 2012, solo dopo la prima lettura in Parlamento della riforma costituzionale federalista.

Concorda Gaetano Quagliarello ed anche il ministro Altero Matteoli chiarisce: «il dibattito dovrebbe essere fatto prima di tutto all’interno del partito con i dovuti approfondimenti e mettendo a confronto le varie posizioni. Per quanto mi riguarda sono contrario alle preferenze». Peppino Calderisi individua addirittura sette buoni motivi per evitarle: primi tra tutti quello della trasparenza e dei costi. Sintetizza Osvaldo Napoli «la permanenza del governo Berlusconi è la migliore garanzia per il rispetto della volontà dei cittadini che hanno firmato per l’abrogazione del “porcellum”.

Anche nell’opposizione, tuttavia, lo scossone inferto dai referendari lascia il segno. Arturo Parisi, coordinatore del comitato, è tagliente con il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, che ha chiesto un cenno di ringraziamento per il contributo dato alla raccolta delle firme. «Bersani ha messo la sua firma? Prodi lo ha fatto» sottolinea Parisi che apprezza invece le parole «oneste» di Maroni. Anche Rosy Bindi apprezza il ministro leghista: «Maroni fa bene a prendere sul serio il referendum. Ma il Ministro – avverte – deve essere capace di controllare i suoi amici della maggioranza, perché non siano tentati di sciogliere le Camere».

Nel Terzo Polo, il leader di Fli, Gianfranco Fini lancia l’allarme: qualcuno cercherà la scappatoia del voto,» meglio invece fare una nuova legge elettorale in Parlamento che sia la più condivisa possibile e con una maggioranza ampia. Insomma, «la legge elettorale è importante, ma non si può fare se prima non si fa una riforma complessiva delle istituzioni».

Pier Ferdinando Casini concorda con Napolitano sulle preferenze ma il suo giudizio è caustico: «si stava meglio quando si stava peggio». La sua analisi sugli esiti del referendum però è netta: si andrà al voto perché né si terrà la consultazione sulla legge elettorale né il Parlamento riuscirà a varare una nuova legge elettorale. Si insospettisce invece il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro: il successo dei referendari, dice, non verrà «stravolto da una legge elettorale truffa dell’ultima ora».

.

.

01 ottobre 2011

fonte:  http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2011/10/01/AO4vfZ9-referendum_legge_elettorale.shtml

_________________________________________________________________________________________________________________________________

e il mensile di emergency

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: