LA MAFIA DEL ‘PONTE’ – Ponte sullo Stretto: “Si farà nonostante mozione” / Si faccia o non si faccia per lo Stato il costo sarà identico: 3,88 miliardi di euro


fonte immagine

Ponte sullo Stretto, per governo si farà nonostante mozione

.

Photo

Un”immagine generata al computer del progetto per il Ponte sullo Stretto di Messina

REUTERS/Stretto di Messina S.p.A./Handout

.

ROMA (Reuters) – Ventiquattr’ore dopo il voto della Camera che ha chiesto di cancellare i finanziamenti statali per il Ponte sullo Stretto di Messina, la presidenza del Consiglio ha detto che l’opera non sarà comunque cancellata.

“L’opera, infatti, è solo in parte finanziata dall’intervento pubblico. L’onere complessivo dell’infrastruttura prevede anche la partecipazione di capitale privato, l’utilizzo di Fondi strutturali e di altre fonti”, dice una nota diffusa da Palazzo Chigi.

Ieri Montecitorio ha approvato, col voto favorevole dell’opposizione e l’astensione della maggioranza, una mozione che impegna il governo a cancellare il finanziamento statale del Ponte, per complessivi 1 miliardo e 700 milioni di euro, per destinare tale somma al trasporto pubblico locale.

Il viceministro delle Infrastrutture Aurelio Misiti ha dato parere favorevole alla mozione nel suo intervento in aula, ma è stato poi smentito dal ministro Altero Matteoli, secondo cui il governo continua a essere favorevole alla realizzazione dell’opera destinata a unire Calabria e Sicilia.

La scorsa settimana, intanto, la Commissione europea ha stralciato il Ponte dai finanziamenti comunitari alle infrastrutture strategiche Ue, almeno fino al 2020.

(Massimiliano Di Giorgio)

— Sul sito http://www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

.

28 ottobre 2011

fonte:  http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE79R08420111028

_________________________________________________________________________________________________________________________________

Stretto di Messina – Grande Ponte? Balla enorme


fonte immagine

.

da il fatto quotidiano

articolo di Enrico Fierro

.

Mozione Idv blocca l’opera sullo Stretto con il parere favorevole del governo

DOVEVA essere la madre di tutte le opere pubbliche. L’ottava meraviglia che tutto il mondo avrebbe ammirato e ci avrebbe invidiato. È finita come al solito. In operetta, ma a pagare il salatissimo biglietto saranno gli italiani. Ieri la mozione dell’Idv che impegnava il governo a scrivere la parola fine ai finanziamenti per la costruzione del contestatissimo Ponte sullo Stretto di Messina, votata dalla Camera e a sorpresa accolta con parere favorevole dal viceministro Aurelio Misiti.

STOP ai finanziamenti, qualcosa come un miliardo e 770 milioni, di cui 470 per il prossimo anno, con l’avvallo del governo Berlusconi: opera cancellata, quindi? Neppure per sogno, perché a mozione approvata fa sentire la sua voce il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli, che smentisce il suo vice: “Il parere favorevole di Misiti è stato espresso a titolo personale”. Il ministro certo non poteva smentire se stesso e quel che resta dell’esecutivo. Perché il Ponte delle meraviglie è una delle grandi opere annunciate da Berlusconi in ogni campagna elettorale, e lo stesso ministro, il 16 ottobre scorso, ha rintuzzato il “no” d e ll’Unione europea a concedere finanziamenti in modo determinato: “Il Ponte si farà a prescindere dall’eventuale finanziamento della Ue, reperiremo le risorse sul mercato. Il Ponte resta una priorità essenziale per lo sviluppo del sistema dei trasporti”. Un brutto colpo per il governo e per la lunghissima schiera di fautori della madre di tutte le opere pubbliche. Tanto che in serata Misiti si morde la lingua e smentisce se stesso: “È da escludere categoricamente che il governo possa scegliere di non realizzare il Ponte”. Grande è la confusione sotto il cielo che illumina il mare dello Stretto. Ma è proprio la confusione a caratterizzare, fin dal 1992, quando venne partorito il progetto preliminare, l’intera vicenda dell’opera. Nel 2002, terzo governo Berlusconi, parte il progetto vero e proprio, tre anni dopo è l’Impregilo ad aggiudicarsi l’appalto, ma l’a nno dopo – governo di centrosinistra – tutto finisce in un cassetto.

ARCHIVIATO. Di anni ne passano altri due, a Palazzo Chigi c’è di nuovo il Cavaliere e il ministro alle Infrastrutture è Matteoli. Il Ponte si farà, giura il governo. Stop and go m icidiali, scelte contraddittorie e spese che lievitano. Del Ponte non vi è traccia, ma dei primi espropri e degli sbancamenti sulla sponda reggina, sì. Miliardi buttati al vento, come quelli spesi per tenere in piedi la Società Ponte sullo Stretto Spa. Un esempio dei mille sprechi italiani che nel 2002 aveva 36 dipendenti, arrivati miracolosamente a 104 dopo altri quattro anni. Negli archivi della Camera dormono le interrogazioni parlamentari sui bilanci della società. Quello del 2006 ci informa dei 19 milioni spesi per il costo del personale, dei 4 andati via in gettoni di presenza per gli amministratori e dei 17 finiti in consulenze esterne. Nel 2007 l’allora ministro Antonio Di Pietro finì al centro di una serie di polemiche per il suo rifiuto di sciogliere la Società. Il Ponte era stato definanziato e i soldi previsti indirizzati alla realizzazione di opere ferroviarie e metropolitane in Sicilia, ma di mettere la parola fine a quella società ormai inutile il ministro non voleva proprio sentir parlare .

TUTTO questo non c’e ntra nulla col furore ideologico di cancellare quello che c’è oggi, una società che da sola rappresenta un valore di 150 milioni di euro. I 500 milioni che avremmo sprecato chiudendola e pagando le penali previste è meglio usarli per realizzare quelle opere che tutti dicono di voler fare”, disse Di Pietro. Ma a proposito di penali, cosa succederà se il Ponte non si farà più? Impregilo ha vinto l’appalto nel 2005 con un ribasso del 12% (elevatissimo) per la progettazione e la costruzione dell’opera: valore 3,88 miliardi di e u ro . Già allora le cose erano chiare per Andrea Monorchio, all’epoca presidente della Società statale infrastrutture: “Leggo spesso sui giornali che il Ponte non si farà, ma al punto in cui siamo non è possibile non farlo, anche perché lo Stato pagherebbe in penali cifre equivalenti alla sua costruzione”. Insomma, a guadagnarci, Ponte o non Ponte, sarà solo l’Impregilo. Lo Stato dovrà rimborsare tutte le spese sostenute dal colosso delle grandi opere, più un ricco risarcimento per il mancato guadagno, una cifra che secondo gli esperti si aggira tra i 500 e gli 800 milioni di euro.

.

28 ottobre 2011

fonte:  http://www.infonodo.org/node/30303

_________________________________________________________________________________________________________________________________

COSA E’ LA CRISI? LEGGETE QUESTO SAGGIO
(clicca sull’immagine per scaricare il Pdf)

_________________________________________________________________________________________________________________________________

______________________

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: