Idv nella bufera, Di Pietro: tolgo il mio nome dal simbolo. De Magistris: «Se le mele marce sono tante, diventano un frutteto»

https://i2.wp.com/www.ilmessaggero.it/MsgrNews/MED/20121031_piet.jpg

Idv nella bufera, Di Pietro: tolgo il mio nome dal simbolo

.

di Ettore Colombo

.

ROMA – Niente congresso straordinario. Neppure un’assemblea nazionale, pure straordinaria. Donadi chiede, propone, incalza. Di Pietro è fermo, tetragono, recalcitra. Del resto l’ufficio di presidenza (dieci membri: mancava solo il sindaco di Palermo, Orlando) è tutto con lui, come un solo uomo. Donadi, almeno lì dentro, è solo e isolato. Di Pietro concede solo un vago «apriremo una fase costituente, supereremo l’Idv, apriremo il partito agli esterni». «Alle elezioni toglierò il nome dal simbolo», annuncia. «Comunque – aggiunge – se il Pd ci vuole, bene, altrimenti andremo da soli. Il 5% lo facciamo». Donadi scuote la testa più volte. Non è convinto. Soprattutto è deluso, amareggiato.

Poi lancia l’affondo, micidiale: «Tonino, ma te l’immagini un dibattito sulla legalità in campagna elettorale in cui un giornalista si alza e ti chiede dei rapporti tra il tuo ex avvocato (Vincenzo Maruccio, consigliere regionale del Lazio per l’Idv, oggi dimissionario perché indagato per peculato in merito ai rimborsi elettorali sottratti al suo stesso gruppo, ndr.) e la ‘ndrangheta?».

Donadi vuole dimostrare a Di Pietro che non solo la sua strada di separazione (forzata) dal Pd è profondamente sbagliata, ma anche che Tonino non può pensare di rilanciare il suo partito e la sua immagine personale, dopo gli ultimi, pesanti, scandali che hanno colpito l’Idv e dopo l’inchiesta-macigno di Report andata in onda domenica scorsa, con il solito tocco di bacchetta magica. Del resto, come ha detto ieri il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, a latere di una seduta straordinaria del consiglio comunale partenopeo davanti a palazzo Chigi per protestare contro i tagli del governo agli enti locali, all’indirizzo proprio di Di Pietro: «La favola delle mele marce non regge più. Se le mele marce sono tante, diventano un frutteto».

Insomma, dentro l’Idv è scoppiata la questione morale, il paradosso è che, stavolta, rischia di ritorcersi contro l’ex pm di Mani pulite e fondatore del partito che, della legalità, aveva fatto la sua bandiera. La differenza, però, tra i due accusatori di Tonino è che le parole di De Magistris sono pubbliche, quelle di Donadi sono private. Sono state pronunciate, appunto, nel corso di una lunga, tesa e a tratti drammatica riunione fiume dell’ufficio di presidenza dell’Idv. E’ durata quasi nove ore e si è tenuta che nella sede nazionale del’Idv, a Santa Maria in Via, dietro la galleria Sordi. Lì i dieci membri dell’ufficio di presidenza (oltre a Di Pietro e Donadi, ne fanno parte Mura, Belisario, Rinaldi, Rota, Costantini, Messina, Zipponi, l’assente Orlando) si sono chiusi a discutere, lontani da occhi indiscreti.

La riunione, formalmente, è stata riaggiornata a oggi, verso le 13, e si sarebbe conclusa – sempre formalmente – in modo interlocutorio con un nulla di fatto, ma il nulla di fatto preannuncia tempesta. All’esterno non trapela nulla. Ufficialmente, il capogruppo non parla, si limita solo a un laconico tweet: «Congresso straordinario per rinnovare e non morire». Anche Di Pietro, quando si presenta nel Transatlantico di Montecitorio per votare, si trincera davanti ai cronisti dietro un mutismo impenetrabile e per lui molto insolito.

La verità è che l’Idv è un partito entrato in piena sofferenza, altro che fibrillazioni. Il risultato in Sicilia è stato disastroso, il sondaggio Ipr-Marketing lo dà fermo al 5%, il Pd non ha nessuna intenzione di aprire l’alleanza dei progressisti all’Idv di Tonino. Potrebbe farlo, invece, a De Magistris e alla sua nascente lista arancione aperta a sindaci, movimenti, società civile.

Lì potrebbero confluire i dipietristi delusi e stanchi della dittatura che, a loro dire, Tonino gli impone. Del resto, fa notare qualcuno, «Letta, il più a destra del Pd, ha detto che con De Magistris lui l’alleanza la farebbe». Nel frattempo, dai territori sale l’ansia e la voglia di recuperare l’alleanza con il Pd e il responsabile Sud Nello Formisano azzarda: «Si può governare anche con l’Udc».

Mercoledì 31 Ottobre 2012 – 10:43
Ultimo aggiornamento: 18:16
.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: