Pdl, Cosentino furioso con Berlusconi: l’ho salvato e mi ha tradito

https://i0.wp.com/www.ilmessaggero.it/MsgrNews/MED/20130124_cosentino.jpg

Pdl, Cosentino furioso con Berlusconi: l’ho salvato e mi ha tradito

E’ caos nel Popolo delle libertà. L’ex premier prepara il nuovo contratto con gli italiani che probabilmente presenterà da Santoro

.

di Marco Conti

.

ROMA – Le parole sono diverse come anche le storie politiche, ma nei ragionamenti di Claudio Scajola, intervistato oggi da Il Messaggero, e di Nicola Cosentino, intervistato da Repubblica, si coglie un analogo senso di spaesamento. E l’improvviso ravvedimento dei due nei confronti di Silvio Berlusconi allarga il fronte di coloro che hanno impiegato qualche anno, se non una o più legislature, per dichiarare la propria delusione.

«Io l’ho salvato e lui mi ha tradito», sostiene oggi l’ex sottosegretario campano che, tanto per essere più chiari, ricorda anche l’aiuto dato al Cavaliere al momento della vicenda Noemi e nella faccenda dei rifiuti di Napoli, magicamente spariti dalle strade dopo settimane di roghi. A conclusioni simili arriva l’ex coordinatore nazionale di Forza Italia, Scajola, che non solo nega l’esistenza di un sondaggio sui cosiddetti “impresentabili” che invece Berlusconi ripete spesso, ma arriva ad attribuire al Cavaliere la scelta di volerlo escludere da molto tempo dalle liste, facendo addirittura risalire i primi segnali di “ostracismo” al tempo delle dimissioni da ministro dello stesso Scajola.

Malgrado Berlusconi venga dato da giorni alle prese con la stesura di un nuovo contratto con gli italiani, che probabilmente stavolta presenterá da Santoro e non da Vespa, è molto probabile che la vicenda delle liste che “ha trasformato il nostro partito da garantista a giustizialista” (parole di Scajola), non si chiuda tanto facilmente. Anche perché la pattuglia dei catapultati nelle varie regioni in posti strablindati, sta provocando altri danni.

Nelle due interviste si coglie però qualche significativa differenza che potrebbe essere presto foriera di novitá. Infatti mentre Scajola si lamenta e dice di non aver avuto nemmeno una telefonata dai vertici del partito e dallo stesso Berlusconi dopo la sua scelta di ritirarsi dalle liste, Cosentino spiega di essere tempestato di telefonate che sdegnatamente rifiuta. Domani Berlusconi dovrebbe presentare al Capranica di Roma i suoi candidati nel Lazio. L’appuntamento è però a rischio in quanto sono previste contestazioni nei confronti del Cavaliere, ma non per mano dei soliti “comunisti”, ma di ” nemici” interni.

.

fonte ilmessaggero.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: