RAPPORTO EURISPES 2013 – Conti in rosso, risparmi intaccati: gli Italiani sognano meno tasse

https://i2.wp.com/www.rainews24.it/ran24/immagini/2012/08/spesa_280xFree.jpg

Il Rapporto Eurispes Italia 2013

Conti in rosso, risparmi intaccati: gli Italiani sognano meno tasse

Aumenta nettamente il carico fiscale che ha gravato sulle spalle delle famiglie nell’ultimo anno, questa la percezione per il 41,7% degli italiani interpellati da Eurispes: quasi l’80% si dichiara a favore di una riduzione delle tasse per ridare vita all’economia di consumo e fiato alle imprese

.

Roma, 31-01-2013

Tre su cinque rivelano di essere costretti a intaccare i propri risparmi per arrivare alla fine del mese. Un terzo degli italiani, il 35,7%, ha chiesto un prestito bancario negli ultimi tre anni, quasi il 10% in più rispetto all’anno scorso. E’ quanto emerge dal Rapporto Eurispes Italia 2013, presentato questa mattina presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma.

Ma soprattutto, l’80% è convinto che la situazione economica sia peggiorata negli ultimi 12 mesi, mentre il disagio delle famiglie si è aggravato nel 70% dei casi. Hanno bisogno di aiuti finanziari le categorie con contratti a tempo determinato, in particolare il popolo della partita Iva (44,2%), contro il 35,7% dei lavoratori subordinati a tempo indeterminato. Ben il 62,3% dei prestiti è stato chiesto per pagare debiti accumulati e il 44,4% invece per saldare altri prestiti precedenti con altre banche o finanziarie.

Aumenta nettamente il carico fiscale che ha gravato sulle spalle delle famiglie nell’ultimo anno, questa la percezione per il 41,7% degli italiani interpellati da Eurispes: quasi l’80% si dichiara a favore di una riduzione delle tasse per ridare vita all’economia di consumo e fiato alle imprese.

Caldeggiata dall’Europa, poi criticata perché nata troppo in fretta e ritenuta iniqua socialmente dal 75,4%, l’Imu ha lasciato scontenti la maggior parte degli italiani. Si costituisce così un fronte compatto che chiede al nuovo Governo che si insedierà dopo le elezioni degli interventi volti a ridurre la pressione fiscale. Dalle 1.000 pagine del Rapporto Italia 2013 che ha riguardato 1.500 cittadini nel periodo tra il 21 dicembre 2012 e il 4 gennaio 2013, viene fuori un dato che cala sempre di più: è quello della propensione al voto, sceso al 73,2% rispetto al 76,9% precedente. Mentre al 60% piace l’introduzione delle primarie come strumento per scegliere il proprio leader di riferimento.

Il 45,8% degli italiani sostiene che diminuire l’importo delle tasse da pagare equivarrebbe a ‘mettere più soldi nelle tasche dei cittadini, rilanciando conseguentemente i consumi’. Un terzo (33,5%) ritiene che minori tasse darebbero un impulso all`economia e alle imprese.

.

fonte rainews24.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: