Arriva «Big Snow»: neve fino a martedì mattina. Allarme acqua alta a Venezia

https://i0.wp.com/www.agi.it/uploads/newson/tC/zT/tCzT65EXJRfUlDlpIh3F0A/img1024-700_dettaglio2_neve-e-gelo-in-giappone.JPG
fonte immagine

ANCORA EMERGENZA NEL SUD ITALIA

Arriva «Big Snow»: neve fino a martedì mattina Allarme acqua alta a Venezia

Neve e gelo al Nord. Fiocchi su Milano, Torino, Genova. Treni regolari, voli ridotti tra Linate e Fiumicino

.

Neve e temperature polari sull’Italia. I fiocchi hanno iniziato a scendere da lunedì mattina anche al Nord. Sin dalle prime ore dell’alba la neve è caduta su Torino, Milano e Genova. Imbiancate anche alcune zone della Sardegna. Per le prossime ore è attesa un’intensificazione dei fenomeni. In serata, la neve inizierà a trasformarsi in pioggia sull’alto Adriatico. Nella notte anche sulla pianura veneta, sull’est della Lombardia e sulla pianura emiliana si tratterà di neve mista a pioggia per effetto dei venti di Scirocco. Secondo le previsioni del centro Epson meteo continuerà invece a nevicare fino in pianura al Nordovest (alto Piemonte, Lombardia occidentale ed entroterra ligure). Tra sera e notte continueranno a insistere le piogge sul medio-basso Tirreno e si attendono forti temporali su Lazio, Campania e Sicilia. A Venezia è attesa per la notte una marea eccezionalmente alta, che potrebbe addirittura superare la quota dei 140 cm.

PERICOLO GHIACCIO L’intensa perturbazione si sposterà gradualmente verso il meridione, per poi allontanarsi definitivamente solo alla fine di giovedì. Nel frattempo le temperature massime tenderanno ad aumentare, mentre nelle prossime notti le temperature minime scenderanno sottozero favorendo la formazione di ghiaccio al suolo in molte zone del Centronord.

CIRCOLAZIONE Sulla rete ferroviaria nazionale il traffico dei treni è pressoché regolare – solo alcuni treni regionali ridotti in Toscana e in Liguria, fanno sapere le Ferrovie dello Stato, sottolineando che «la circolazione dei treni avviene secondo quanto previsto dai Piani neve e gelo, attivi già da ieri sera». Ridotti per cautela, come già annunciato domenica, alcuni voli, soprattutto tra Fiumicino e Linate.

AL SUD La situazione più pesante si registra nell’Italia meridionale: la perturbazione precedente a quella in arrivo ha scaricato abbondanti nevicate su buona parte del Centro-sud con punte di 3 metri sulla Sila. Una «spruzzata» di neve anche alle porte di Roma, dove per qualche minuto i fiocchi sono caduti nella zona dei Castelli. Le Ferrovie dello Stato hanno attivato il piano neve, convocando l’unità di crisi. Diramato lo stato di allerta in diverse regioni coinvolte dal maltempo.

LOMBARDIA – Neve in pianura, a Milano e in parte della Lombardia. Il Comune del capoluogo lombardo ha fatto appello a usare i mezzi pubblici. La Prefettura ha emanato il divieto di circolazione per i mezzi pesanti. Per le prossime ore è attesa un’intensificazione dei fenomeni. Sono circa 200 i volontari della Provincia di Milano operativi sul territorio per fronteggiare l’emergenza neve.

LIGURIA – Stato di massima allerta in Liguria diramato dalla Protezione civile: nevica su tutta la regione, anche sulla costa. Grazie alla pioggia caduta durante la notte, al momento la neve non attecchisce al suolo e i disagi sono relativamente contenuti. Ferrovie: ha circolato l’85% dei treni. Nevica moderatamente sulla linea Savona – Genova, con accumuli di neve fino a 10 cm; nell’entroterra ligure, sulla linea Genova – Arquata e Genova – Ovada, la neve ha raggiunto i 15 cm.

PIEMONTE – La neve è caduta fino a 60 centimetri in Piemonte. Lo rileva l’Arpa, che ha registrato massimi di 50-60 cm sulle Alpi marittime orientali, 30-40 cm di neve fresca sui settori meridionali, «mentre sui restanti settori alpini i quantitativi sono stati sensibilmente minori». In pianura sono caduti 20 centimetri sull’astigiano, 10-15 centimetri tra cuneese e torinese e 5 centimetri sulle pianure a nord del Po. «Nelle prossime ore – scrive l’Arpa – i picchi più intensi si registreranno su zone montane e pedemontane comprese tra Alpi marittime e Appennino, Langhe e basso Monferrato. I quantitativi di neve attesi varieranno tra 10-20 centimetri sul settore settentrionale della regione e 20-30 centimetri su pianure e fasce collinari di cuneese, astigiano e alessandrino». Esiste il pericolo valanghe.

TOSCANA – Lucca, Pistoia e Siena imbiancate, qualche fiocco anche ad Arezzo e a Massa. In Toscana, la neve è caduta copiosa soprattutto nella provincia di Pistoia dove quasi tutte le scuole sono rimaste chiuse. Abbondanti anche le nevicate nella provincia di Lucca e neve fino nell’entroterra della Versilia. A Firenze, il nevischio ha lasciato il posto all’acqua. Sono previsti rovesci nelle prossime ore. Parzialmente ridotta, causa neve, l’offerta di treni regionali, in particolare sulla Viareggio-Pistoia-Lucca. Complessivamente però ha circolato il 90% dei treni. Nevica intensamente sulla linea Lucca – Aulla, sulla Pontremolese e sulla Aulla – Parma. Nevica moderatamente sulla Firenze – Viareggio, tra Pistoia e Lucca e sulla Faentina.

EMILIA ROMAGNA – Nelle campagne emiliane, circa tremila trattori degli agricoltori della Coldiretti sono stati mobilitati per garantire le consegne di prodotti alimentari deperibili come verdure e latte dalle aziende agricole e dalle stalle dove è peraltro necessario garantire l’alimentazione quotidiana degli animali.

UMBRIA – Nevica intensamente anche su Perugia e sulla quasi totalità dell’Umbria. Nel capoluogo regionale non si segnalano ancora problemi o difficoltà per la circolazione. Dalle prime ore di lunedì mattina – segnala la polstrada di Perugia – vengono fermati i veicoli industriali di portata superiore ai 75 quintali. Traffico ancora scorrevole sulla E45, per la quale i problemi riguardano il tratto di Sansepolcro, in provincia di Arezzo.

ABRUZZO – Gelo e neve anche al Sud. In Abruzzo la colonnina di mercurio si è abbassata sotto lo zero in tutte le città capoluogo di provincia, mentre a Campo Imperatore sul Gran Sasso la minima della notte ha raggiunto -13 gradi. Sono in corso nevicate soprattutto in Provincia dell’Aquila: sulla A24 Roma-Teramo e A25 Torano-Pescara, gestite dalla Strada dei Parchi, nevica rispettivamente nei tratti tra Carsoli-Oricola (L’Aquila) ed Assergi (L’Aquila) e tra Torano (Rieti) e Cocullo (L’Aquila).

LAZIO – Nevica da lunedì mattina anche in Ciociaria, dove la morsa del maltempo non si allenta. I fiocchi stanno cadendo nel comprensorio di montagna a nord della provincia. Primi fiocchi anche a Frosinone.

TRASPORTI – Si estendono anche i divieti di circolazione. Sull’Autostrada del Brennero è stato istituito il divieto di transito per i mezzi di peso superiore alle 7 tonnellate e mezzo in entrambe le direzioni. Il divieto – informa la Centrale viabilità di Bolzano – vale dalla Provincia di Trento sino a Modena.
Voli ridotti o ritardati all’aeroporto di Fiumicino a causa del maltempo che, da alcune ore, sta interessando, con rovesci nevosi, parte del Nord Italia, ma anche il Nord Europa. Sulla tratta Fiumicino-Milano Linate si registra il «taglio» più considerevole dei collegamenti.

.

fonte corriere.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: