Ecco l’auto che va da sola sarà bello non guidarla / VIDEO: Car of the Future Drives Itself

Car of the Future Drives Itself

ABCNewsABCNews

Pubblicato in data 25/set/2012

California allows autonomous automobiles on the road. For more: http://abcnews.go.com/Travel/wireStor…

**

Ecco l'auto che va da sola sarà bello non guidarla
L’interno del prototipo di Oxford durante la prova di guida

Ecco l’auto che va da sola
sarà bello non guidarla

Il prototipo sviluppato dall’università di Oxford supera i test. Può viaggiare anche senza conducente, ma solo su strade che abbia precedentemente ‘conosciuto’ e siano registrate nella sua menoria. Per riprendere il controllo manuale basta un colpo di freno

.

ENRICO FRANCESCHINI
corrispondente la Repubblica

.

APPROFONDIMENTI

.

LONDRAL’auto che guida da sola è diventata realtà. Una squadra di ricercatori dell’università di Oxford ha messo a punto un modello che, utilizzando videocamere e laser, è in grado di “pilotare” autonomamente nel traffico, senza bisogno che la persona al volante faccia nulla e al limite senza bisogno che qualcuno sia seduto al posto del guidatore. Per adesso costa ancora relativamente caro, 5 mila sterline, circa 6 mila euro, ma gli studiosi inglesi pensano che in futuro il prezzo potrà scendere fino a soltanto 100 sterline (120 euro) e che tutti potranno un giorno guidare (anzi: non guidare) una macchina così.

GUARDA IL VIDEO

L’unico limite, almeno per ora, è che prima bisogna “insegnarle” la strada. Il prototipo ideato a Oxford, infatti, deve essere portato in giro da un pilota umano che gli fa fare un determinato percorso. Le telecamere installate sulla vettura lo filmano e lo registrano su un apposito computer o su un iPad. Quando il percorso è stato archiviato dall’auto, basta inserirlo di nuovo, come si farebbe con un navigatore satellitare, e il “pilota automatico” lo ripete esattamente uguale. Un sistema di raggi laser, naturalmente, sonda la strada in cerca di ostacoli di ogni genere: altri veicoli, pedoni, sbarramenti, e pigia dolcemente il freno se ne incontra uno, fino ad arrestarsi, ripartendo soltanto quando l’ostacolo non è più visibile sui suoi schermi.

Grazie a questa “memoria”, dice il professor Paul Newman, capo della facoltà di ingegneria che ha sviluppato il progetto, l’auto che guida da sola è ideale per coloro che devono ripetere lo stesso percorso tutti i giorni, per esempio per recarsi al lavoro o per accompagnare a scuola i figli. Come sugli aeroplani, il pilota umano può riprendere la guida della vettura in qualsiasi momento, semplicemente toccando il pedale del freno con il piede, e così staccando il pilota automatico. Poiché i costi sono relativamente bassi, e destinati a scendere di molto, secondo gli esperti, e il meccanismo di utilizzo è molto semplice, gli scienziati di Oxford ritengono che questo sia il sistema giusto per far diventare realtà quella che è sempre stata una fantasia da fantascienza. Come dimostra il test messo dalla Bbc sul suo sito.

E a proposito di futuro dell’automobile, contemporaneamente è stato annunciato in Inghilterra un nuovo navigatore satellitare in grado di evitare i semafori rossi: è programmato per tenere la velocità giusta per arrivare agli incroci quando la luce è sempre verde. Ingorghi permettendo, è chiaro. (15 febbraio 2013)

.

fonte repubblica.it

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: