CRISI: ECCO COME SIAMO MESSI… – Parma, 800 persone in coda per 20 posti da McDonald’s / McDonald’s, la pubblicità dice il vero? Il racconto di un lavoratore sassarese

https://i0.wp.com/st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2013/02/mcodonalds_parma_er.jpg

Parma, 800 persone in coda per 20 posti da McDonald’s

Accorrono in tantissimi e di ogni età per l’impiego a tempo determinato (500 euro lordi per 18-20 ore settimanali) nel nuovo punto vendita che aprirà sulla via Emilia. Ma la Cgil polemizza: “Il problema è come si lavora lì dentro”. L’azienda: “Siamo a norma di legge e per gli studenti-lavoratori è un’opportunità”

.

di | Parma | 16 febbraio 2013

.

Venti posti di lavoro in palio e 800 persone in lizza per accaparrarsene uno. Giovani freschi di diploma, laureati, disoccupati di ogni età a Parma hanno risposto alla chiamata di McDonald’s Italia, che venerdì proprio dalla città ducale ha cominciato il McItalia Job Tour, l’evento itinerante di selezione del personale che sarà assunto in strutture prossime all’apertura.

A Parma a fine marzo la catena americana inaugurerà un nuovo ristorante sulla via Emilia, il terzo nel territorio: venti posti di lavoro vacanti in una città ricca nel cuore della Food Valley, che però non è stata risparmiata dalla crisi economica che sta facendo piazza pulita di aziende e di possibilità di impieghi stabili. All’annuncio di venti assunzioni in arrivo, la casella mail di McDonald’s è stata inondata di 800 domande con allegati curriculum e lettere di presentazione per rispondere al profilo ricercato di “persone dinamiche, volenterose di imparare e predisposte al lavoro in team e al contatto con la gente”.

Disparate le esperienze di chi ripone tutte le proprie speranze nel passare almeno la prima selezione: lauree di ogni livello e facoltà, impieghi passati che vanno dalla ristorazione al baby sitting. Tutti in gara per un part time a tempo indeterminato o un apprendistato per gli under 29. Un lavoro di circa 18-20 ore settimanali a friggere patatine e ad assemblare e farcire panini, ad accogliere i clienti con un sorriso, prendere le ordinazioni e animare eventi. Il tutto per portarsi a casa uno stipendio base di 500 euro lordi, a cui si aggiungono ferie, malattia, straordinari e festivi. E per molti già questo è un miraggio: in fila in attesa del test c’è chi il lavoro lo sta cercando senza risultati da mesi, c’è chi lo ha perso dopo anni e chi non riesce ad arrivare a fine mese.

Per tutti il primo scoglio da superare è un quiz psicoattitudinale: sessanta domande in 40 minuti tra logica,  grammatica e cultura generale. Solo chi passerà la prova scritta potrà accedere alla seconda selezione, con colloquio orale, che si terrà il 22 e il 23 febbraio, per avere una possibilità di entrare a far parte della “crew, la famiglia McDonald’s”. Tra i fortunati, fa sapere il servizio recruitment, saranno scelte le venti persone che “meglio incarnano lo spirito e la filosofia della catena”.

La scelta di cominciare le selezioni da Parma, sede dell’Autorità Europea per la sicurezza alimentare, non è stata casuale ed è legata proprio alla questione della qualità. “Oltre a creare valore aggiunto per la comunità, creando nuovi posti di lavoro – dichiara Stefano Dedola, direttore Risorse Umane McDonald’s Italia – McDonald’s segue da sempre un rigido e scrupoloso protocollo per garantire la sicurezza alimentare a tutti i suoi clienti”.

La campagna di assunzioni della catena che promette di portare in Italia 3mila nuovi posti di lavoro nei prossimi tre anni era stata oggetto di un duro botta e risposta tra l’azienda e sindacati. “Il problema è come si lavora da McDonald’s” aveva puntato il dito Filcams Cgil, riferendosi ai contratti a tempo parziale di poche ore settimanali e ai turni di servizio obbligatorio in orario notturno o festivo per l’80 per cento dei lavoratori. “Critiche fuori luogo – aveva risposto la catena – McDonald’s sta assumendo, non sta licenziando. Da noi molti contratti sono part-time, una modalità molto utilizzata nel settore ristorazione, assolutamente a norma di legge, e che per alcuni può essere un’opportunità, come ad esempio per gli studenti-lavoratori, che rappresentano il 30 per cento della nostra forza lavoro”. I numeri di Parma dimostrano che per molti quella di McDonald’s è un’offerta da non lasciarsi scappare.

.

fonte ilfattoquotidiano.it

______________________________________

http://images.sassarinotizie.com/ImageServer.ashx?id=10700&size=300

Una immagine tratta dallo spot (foto: http://www.youtube.com/watch?v=T_6b6U4OOvQ)

McDonald’s, la pubblicità dice il vero?
Il racconto di un lavoratore sassarese

.
di Michele Spanu
09/01/2013
.

SASSARI. Nello spot trasmesso in questi giorni si dice che da McDonald’s “pagano puntualmente tutti i mesi”, che “si può diventare direttore di ristorante già a 27 anni” e che “il 90% dei dipendenti è a tempo indeterminato”. Un tentativo, neanche molto velato, di rinnovare l’immagine della multinazionale americana facendo capire che si tratta di un’azienda che ha a cuore le sorti del nostro Paese. In alcune campagne pubblicitarie apparse nei giornali si cita addirittura l’articolo 1 della Costituzione. “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. 3000 nuovi posti li mettiamo noi”. Ma è davvero così? La risposta non può che arrivare dalla voce stessa dei lavoratori. Un giovane dipendente del McDonald’s, che preferisce rimanere anonimo, ha scelto di raccontarci come stanno le cose. “Dova lavoro siamo in 35 dipendenti – dice – . Circa la metà lavora con un contratto a tempo determinato, e poi ci sono gli apprendisti che hanno firmato un contratto dalla durata di 3 anni. Al termine c’è la tanto famosa scadenza, con la possibilità che il contratto venga trasformato o a tempo determinato o a tempo indeterminato ma anche con il rischio che il contratto non venga rinnovato. In passato è avvenuto e al loro posto sono stati assunti nuovi apprendisti. Non credo proprio che a 27 anni ci sia la possibilità di diventare responsabile – dice ancora -. Almeno non qui, dove l’età media dei tre manager si aggira sui 40 anni”. Dal lavoratore intervistato riceviamo anche importanti informazioni sull’organizzazione del lavoro. “Io guadagno 620 euro netti al mese e lavoro 6 giorni alla settimana. A volte anche di domenica. I turni sono di 4 ore e vengono organizzati di settimana in settimana con scarso preavviso. Vengo pagato puntualmente ogni mese, e almeno su questo punto posso dire con certezza che la pubblicità dice il vero”.

Lo spot televisivo diretto dal regista Gabriele Salvatores ha scatenato in questi giorni dure proteste da parte della Cgil, che ha accusato la multinazionale del fast food di retorica, sensazionalismo e strumentalizzazione. Tanto più che, dice il sindacato guidato da Susanna Camusso, non contano solo i numeri ma anche la qualità del lavoro. E su questo punto la Cgil ricorda che tra i lavoratori di McDonald’s c’è un alto tasso di precarietà. “L’80% dei lavoratori, non certo per scelta, ha un contratto a tempo parziale di poche ore settimanali, con il sistematico obbligo di prestare servizio in orario notturno, domenicale e festivo”. McDonald’s ha risposto prontamente alle parole dei sindacalisti. “Consideriamo fuori luogo queste critiche, che arrivano proprio nel momento in cui annunciamo nuove assunzioni – ha replicato l’azienda -. In questi primi giorni del 2013 abbiamo assunto 200 persone. A tempo indeterminato. Certo, molti contratti sono part-time, modalità assolutamente a norma di legge e che per alcuni può essere un’opportunità, come per gli studenti-lavoratori”.

.

fonte sassarinotizie.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: