B. SPARA SU TUTTI: “Magistrati cancro della democrazia.Grillo ridicolo e inadeguato. Angela Merkel burocrate dell’est”

https://i2.wp.com/www.rollingstonemagazine.it/img/bungabunga.jpg

fonte immagine

https://i1.wp.com/www.papalepapale.com/develop/wp-content/uploads/2011/10/berlusconi_prega.jpg
fonte immagine

Berlusconi: magistrati cancro democrazia. In tv solo con Bersani

L’ex premier torna alla carica contro i giudici e si scaglia contro Grillo: «Ridicolo e inadeguato». Poi attacca Angela Merkel: burocrate dell’est

.

ROMA – Il ruolo che sta svolgendo la magistratura «è una patologia, un cancro della nostra democrazia». Silvio Berlusconi intervistato da Rtl torna ad attaccare i giudici. L’ex premier ha ricordato l’avviso di garanzia ricevuto nell’estate del ’94 e che avrebbe «ribaltato il risultato delle urne» dalle quali egli era uscito vincitore. «L’intervento della magistratura si era già palesato – ha proseguito – nel 1992-93, con iniziative verso i partiti democratici che, avevano sì commesso degli errori, ma che dovevano confrontarsi con un Partito comunista che riceveva finanziamenti dall’Unione Sovietica. Partiti che ci hanno assicurato benessere e democrazia». «Poi la magistratura – ha aggiunto il leader del Pdl – ha continuato a svolgere questo ruolo che è una patologia, un cancro della nostra democrazia».

Confronto tv.
Sì a un confronto tv tra i candidati alle elezioni, ma solo tra «gli unici due che hanno possibilità di vincere» e cioè Bersani e Berlusconi, ha ribadito il Cavaliere. «Un confronto tv – ha detto Berlusconi – l’ho sempre accettato con chiunque, tanto è vero che talvolta ho avuto addirittura sei contraddittori. In questo caso però avrebbe senso che vadano solo gli unici due che hanno possibilità di vincere». Berlusconi ha ribadito che a suo avviso «Monti è disperato perchè molto probabilmente non raggiungerà il 10% dei voti e quindi resterà fuori dal Parlamento lui, Casini e Fini». Riguardo della promessa fatta ieri, di ubriacarsi nel caso di un’esclusione dei centristi dal Parlamento, Berlusconi ha precisato: «Nella vita non mi sono mai ubriacato, questa sarebbe la prima ed ultima volta».

Contro Grillo. «Grillo non è andato in tv perché la telecamera, ritraendolo da vicino, avrebbe scoperto la sua intima natura di cattivissimo» ha detto Berlusconi, che si dichiara certo che Grillo non farebbe mai un confronto tv con lui: «Non gli converrebbe, non sa nulla sui conti dello Stato. E’ un fenomeno da baraccone che però sottrae voti ai moderati e fa vincere la sinistra». E ai moderati tolgono i voti anche Monti e i centristi: «Gli eventuali voti – ha spiegato – dati a Monti o Casini sono voti dati alla sinistra, e allora è meglio votare l’originale; oppure sono voti tolti a noi impedendoci la vittoria, ma non credo che avverrà». Berlusconi ha anche ammesso la bravura di Grillo nei comizi: «È un istrione abituato al grande pubblico, è un professionista, con un copione ben preparato».

Nuova tangentopoli.
Non è possibile «nessun paragone» tra l’attuale ondata di arresti e di scandali e Tangentopoli, ha poi affermato il leader Pdl secondo il quale le attuali iniziative della magistratura sono «una cortina fumogena» per coprire la vicenda Mps. «Non si può fare alcun paragone con il 1992-93; allora c’era un sistema di partiti che vivevano dei soldi che ricevevano dalle imprese; ma poi sono arrivati i rimborsi elettorali per cui i partiti non hanno più bisogno di quei soldi». L’attuale ondata di scandali, ha affermato Berlusconi, prende le mosse dalla vicenda Monte Paschi di Siena nella quale «ci sono 3 miliardi di euro che sono finiti nelle tasche di chi non si sa», e nella quale «il Pd c’è dentro fino al collo benché se ne sia tirato fuori».

«Se la Lega dà problemi potremmo far cadere tre Regioni».
Silvio Berlusconi alla platea di Confindustria a Monza ha voluto spiegare che se vincerà le elezioni il suo governo potrà fare molte cose e che se la Lega facesse difficoltà, si potrebbero far cadere le tre Giunte di Veneto, Piemonte e, in caso di vittoria al Pirellone, Lombardia, che hanno un presidente leghista. «Potremmo far cadere le Giunte delle tre Regioni – ha spiegato – se ci fossero difficoltà al governo e quindi credo che avremmo mano libera per prendere tutte le decisioni se avremo alle elezioni il 55% alla Camera e una buona maggioranza anche al Senato».

«Merkel burocrate dell’est». «La signora Merkel è una donna intelligente ma è nata nella Germania dell’est e si è costruita come una burocrate della Germania dell’est che era un’economia centralizzata» ha detto Berlusconi. Parlando della sua opposizione al Fiscal compact, il Cavaliere ha sostenuto che «la profonda cultura della Merkel prevede che l’economia sia organizzata in modo ferreo e pensa che ogni stato debba arrivare con un bilancio annuale con un deficit massimo dello 0,50, che è come imporre a tutti i cittadini europei maschi di avere il 42 di piede e alle donne il 40. Per quanto riguarda la Tobin tax, la Merkel con il suo maggiordomo Sarkozy la presentò al G20 e venne bocciata tra l’ilarità generale».

Lunedì 18 Febbraio 2013 – 10:13
Ultimo aggiornamento: 16:16
.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: