Carne di cavallo nelle polpette Ikea. Bloccata la vendita anche in Italia

https://solleviamoci.files.wordpress.com/2013/02/polpette_ikea.gif?w=300
fonte immagine

Carne di cavallo nelle polpette Ikea
Bloccata la vendita anche in Italia

Lo scandalo della carne di cavallo mischiata a quella di manzo e maiale in cibi preparati colpisce anche i ristoranti del colosso svedese dei mobili a basso a costo. La Coldiretti chiede controlli, in campo i Nas di Milano. Polpette bloccate in 14 Paesi. Carne equina trovata in una confezione di lasagne a Verona, in Spagna nel mirino i cannelloni Nestlè. Vertice straordinario a Bruxelles, il ministro Balduzzi: “Frode, ma no allarmi”

.

MILANO – Carne di cavallo nei ristoranti Ikea. Gli ispettori della Repubblica Ceca hanno trovato carne di cavallo nelle polpette del self service in funzione presso la rivendita di Brno della nota multinazionale del mobile. La catena di mobili low-cost ha bloccato la vendita delle sue polpette in Svezia e anche in Italia, dopo che la notizia è stata diffusa, i responsabili hanno deciso di togliere il celebre alimento – che proviene da un fornitore svedese – dai punti vendita. La decisione si sta estendendo via via anche ad altri Paesi, finora sono 14 quelli coinvolti. “Prendiamo molto sul serio la questione – ha dichiarato un portavoce del gruppo – e per questo abbiamo ritirato il nostro prodotto dai mercati di Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria, Francia, Gran Bretagna, Portogallo, Italia, Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Cipro, Grecia e Irlanda”, oltre che la Svezia. I Nas di Milano, inoltre, si sarebbero già attivati nei controlli sulla carne venduta nei centri Ikea per verificare la presenza di carne di cavallo non dichiarata, con verifiche in tutta Italia.

FOTO: bloccate le polpette Ikea

Mentre procedono i controlli sulla catena svedese, un altro caso scoppia in Italia. Riguarda un campione di “Lasagne all’emiliana” prodotto dalla ditta Eurochef Italia di Sommacampagna, in provincia di Verona, e prelevato in un supemercato proprio nella città veneta. L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, ha fatto sapere il ministero della Salute, ha comunicato la positività ai test per la presenza di carni equine, non dichiarate in etichetta, nelle lasagne fresche prelevate dal Nas di Padova. Verifiche sono in corso sulla restante partita di carne. Tracce di carne equina sono state inoltre trovate in cannelloni di manzo prodotti da una divisione di Nestlé e venduti in Spagna.

Tornando al caso delle polpette, il piatto, che nelle filiali Ikea va per la maggiore, è ufficialmente a base di sola carne macinata di bovino e suino. Secondo quanto ha riferito l’agenzia ceca Ctk la carne di cavallo è stata rinvenuta in una confezione da un chilo, destinata alla vendita in un centro commerciale Ikea, dove vengono venduti anche cibi tipici svedesi. Una fornitura di 760 chili, che stava per raggiungere la Repubblica ceca, è stata bloccata. Lo scorso lunedì, le autorità avevano scoperto tritato di cavallo mischiato in hamburger in arrivo dalla Polonia, mentre il primo ritrovamento era avvenuto nelle lasagne alla bolognese prodotte dalla azienda tavola Sa Comigel e vendute dalla Tesco.

Occorre estendere immediatamente i controlli anche nei punti di ristorazione del gruppo Ikea in Italia, ha affermato la Coldiretti nel commentare la notizia. L’attività di controllo deve però essere accompagnata – sottolinea la Coldiretti – da interventi strutturali come l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza di tutti gli alimenti dopo che lo scandalo della carne di cavallo ha evidenziato il grave ritardo della legislazione europea nel garantire trasparenza negli scambi commerciali e nel difendere i consumatori ed i produttori dal rischio di frodi ed inganni.

I casi che si susseguono hanno fatto alzare la guardia a Bruxelles, dove Il Ministro della Salute, Renato Balduzzi, ha inviato il direttore generale per l’Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione del Ministero della Salute, Silvio Borrello. Nel pomeriggio parteciperà, insieme alla delegazione italiana, ad un vertice sullo scandalo della carne equina. In sede europea, ha spiegato il dicastero, verrà spiegato come l’Italia ha organizzato i controlli effettuati dagli uffici del Ministero in collaborazione con i Carabinieri del Nas. Balduzzi ha tranquillizzato: “Al momento non si riscontra alcun allarme per la salute. L’Italia conferma anche in questa occasione il primato della sicurezza alimentare a livello comunitario. I campioni prelevati fino sono praticamente ad oggi il doppio di quelli raccomandati dalla Ue”. Per il ministro siamo di fronte a ciò che “sembra sempre di più una colossale frode”. (25 febbraio 2013)

.

fonte repubblica.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: