Un terzo degli under 18 a rischio povertà. L’Italia è tra le peggiori in Europa

https://solleviamoci.files.wordpress.com/2013/02/bambini_spazzatura1-400x300.jpg?w=300
fonte immagine

Un terzo degli under 18 a rischio povertà
L’Italia è tra le peggiori in Europa

Il 32,3% dei minorenni italiani è a rischio, contro una media del 24,2% nel Vecchio continente. Per gli adulti italiani il dato scende al 28,4% e per gli over 65 passa al 24,2%. Pesano maggiormente il grado di istruzione dei genitori, più penalizzati i ragazzi che hanno almeno un genitore immigrato

.

MILANOUn minorenne su tre in Italia – nel 2011 – è risultato a rischio “povertà o esclusione sociale”. Il dato allarmante emerge dall’indagine dell’Eurostat condotta sulla popolazione dell’Unione europea, dalla quale si evince che a soffrire maggiormente di questa condizione sono i figli di genitori con un basso livello di formazione ed educazione.

A livello di Europa a 27 membri, i bambini sono la categoria più a rischio di povertà ed esclusione sociale rispetto alle altre (adulti tra 18 e 64 anni ed oltre 65enni). Nel 2011, il 27% dei minorenni era a rischio, contro il 24% degli adulti e il 21% degli anziani. I dati relativi all’Italia per tutte le categorie superiori alla media. Dominano appunto i minori con il 32,3% dei potenziali rischi, il 28,4% degli adulti e il 24,2% delle persone anziane. Nel complesso, il 28,2% della popolazione è a rischio povertà ed esclusione sociale contro una media continentale del 24,2%.

Nel 2011 le situazioni più preoccupanti per gli under 18 si sono registrate in Bulgaria (52%), Romania (49%), Lituania (44%), Ungheria (40%) e Irlanda (38%, dato relativo al 2010); quelle migliori si segnalano invece nel Nord Europa, con Svezia, Danimarca e Finlandia al 16%, seguite dalla Slovenia (17%), dai Paesi Bassi e dall’Austria rispettivamente al 18 e al 19%. Quanto ai Paesi più rappresentativi, la Germania le condizioni critiche riguardano il 19,9% dei ragazzi, in Francia il 23%.

Oltre al livello di istruzione dei genitori, un altro elemento discriminante è quello dell’essere figlio di migranti; quando almeno uno dei due genitori è straniero aumenta infatti il rischio di povertà. Questa riguarda infatti il 32% dei bambini con un genitore immigrato rispetto al 18% dei bambini che hanno entrambi i genitori nativi del Paese di residenza. La tendenza riguarda in linea di massima tutti i Paesi dell’Europa, le disuguaglianze minori si trovano invece in Repubblica Ceca. (26 febbraio 2013)

.

fonte repubblica.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: