Benedetto XVI lascia San Pietro in elicottero «Tra di voi c’è anche il futuro Papa a cui prometto la mia incondizionata riverenza e obbedienza»

https://i1.wp.com/www.liberoquotidiano.it/resizer.jsp
fonte immagine

https://i2.wp.com/www.ilmessaggero.it/MsgrNews/MED/20130228_tetti.jpg

Benedetto XVI, ultime ore da Papa
Ratzinger lascia San Pietro in elicottero
«Ora sarò un semplice pellegrino»

Dalle 20 le sue dimissioni saranno ufficiali e la sede sarà vacante in attesa del Conclave

.

CITTÀ DEL VATICANO – Alle 17,05 Papa Benedetto XVI ha lasciato San Pietro per dirigersi a Castel Gandolfo. Alle 20 le sue dimissioni dal Pontificato saranno ufficiali. Ratzinger resterà ospite nella residenza estiva dei Papi fin quando non sarà pronto il suo alloggio nel convento all’interno del vaticano.

Con tre rintocchi della Patarina, la storica campana del campanile di Palazzo Senatorio, Roma Capitale ha salutato Benedetto XVI. Quando l’elicottero con il Pontefice Emerito ha sorvolato piazza del Campidoglio i presenti hanno applaudito e poi sventolato in alto i volantini che raffigurano i manifesti realizzati per il Pontefice, con su scritto «Rimarrai sempre con noi. Grazie». In piazza c’erano, oltre al sindaco di Roma, Gianni Alemanno, i rappresentanti di Giunta e Assemblea capitolina, lo staff dell’amministrazione, alcuni dirigenti, turisti e cittadini ai quali è stato regalato il volantino con l’immagine di Papa Ratzinger.

L’arrivo nella residenza estiva. Dopo aver sorvolato la Capitale Benedetto XVI è arrivato a Castel Gandolfo. L’elicottero con a bordo il Pontefice è atterrato nell’eliporto della cittadina sui Colli Albani, a poca distanza dal Palazzo pontificio dove il Papa uscente risiederà nei prossimi due mesi. «Le campane della Cattedrale di Albano hanno cominciato a suonare come segno di un grande abbraccio a Benedetto XVI da parte della Diocesi di Albano. È questo l’annuncio fatto dagli altoparlanti in piazza della Liberta a Castel Gandolfo. Anche le campane di Castel Gandolfo hanno cominciato a suonare a festa durante l’atterraggio dell’elicottero papale nell’eliporto del piccolo comune alle porte di Roma.

Il saluto del Papa a Castel Gandolfo. L’entusiasmo della folla che popola piazza della Libertà a Castel Gandolfo è esplosa quando Benedetto XVI è apparso dal balcone che affaccia sulla piazza. «Grazie per la vostra amicizia – ha detto il Papa dalla finestra della residenza estiva pontificia – Dalle 20 di questa sera non sarò più Pontefice, ma sarò un pellegrino. Ma voglio ancora lavorare per il bene della chiesa. Grazie di cuore, cari amici sono felice di essere con voi, circondato dalla bellezza del creato», ha aggiunto.

Cittadinanza onoraria. «Ero molto emozionata, l’ho ringraziato, gli ho dato l’abbraccio di tutta la nostra comunità e soprattutto l’ho invitato in piazza per conferirgli la cittadinanza onoraria. Benedetto XVI gli ha sorriso e ha detto solo «grazie, graze». A raccontarlo è il sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi che ha accolto Benedetto XVI quando è sceso dall’elicottero a Castel Gandolfo. «L’ho trovato molto, molto provato – aggiunge – molto, molto stanco». «Sarebbe il primo pontefice – spiega il sindaco di Castel Gandolfo – a ricevere la cittadinanza onoraria del nostro comune. Quattro anni fa l’abbiamo conferita al fratello George Ratzinger. Non era la prima volta che lo incontravo, ci siamo visti almeno 4-5 volte, ma in circostanze completamente diverse a quelle di oggi». Monachesi ricorda in particolare quando la scorsa estate partecipò ad un concerto organizzato dal Vaticano a Castel Gandolfo. «C’era anche Napolitano – rammenta – tutti e due, anche se camminavano affaticati ed erano con i capelli imbiancati, emanavano una forza davvero incredibile. L’ultima volta che ho incontrato Benedetto XVI è stato a Ferragosto alla Sagra della pesca, ma stavolta l’ho trovato davvero molto, molto stanco. Secondo il sindaco di Castel Gandolfo Benedetto XVI «rimarrà qui da noi tre mesi e vogliamo credere che sia davvero possibile conferirgli la cittadinanza onoraria con la sua presenza in piazza».

«Tra di voi c’è anche il futuro Papa a cui prometto la mia incondizionata riverenza e obbedienza». Aveva affermato oggi Benedetto XVI nel suo discorso di saluto ai cardinali. Il Papa era arrivato nella Sala Clementina alle 11. Prima del suo arrivo già tutti i cardinali lo attendevano. Il cardinale decano, Angelo Sodano, prima dell’arrivo del pontefice ha rivolto un breve saluto ai cardinali.

Il Papa, nel suo discorso di congedo dal collegio cardinalizio, ha voluto riproporre «un pensiero semplice che – ha detto – mi sta molto a cuore, un pensiero sulla chiesa e sul suo mistero». Un pensiero che, ha ricordato, è stato formulato da Romano Guardini «nell’anno in cui i padri durante il Vaticano II approvavano la Lumen Gentium». «Parole – ha aggiunto – che mi sono particolaremente care» e conservo il libro con la «dedica personale di Guardini»: «la chiesa – ecco il pensiero – non è una istiutuzione escogitata» da qualcuno o «costruita a tavolino, ma è una una relatà vivente» che vive, anche «trasformandosi, eppure nella sua natura rimane sempre la stessa e la sua natura è Cristo». Questa, ha affermato, è stata anche la nostra esperienza di ieri in piazza, «vedere che che la chiesa è un corpo vivo», «è nel mondo ma non è del mondo».

Ancora pensando a Guardini, ha aggiunto Benedetto XVI, ricordiamo che «la chiesa si risveglia nelle anime, la chiesa vive, cresce» ed è «opera dello Spirito santo».

Un momento particolarmente cordiale e sorridente, durante il saluto ai cardinali nella Sala Clementina, è stata la stretta di mano di benedetto XVI con il porporato filippino Luis Antonio Tagle, giovane arcivescovo di Manila (55 anni), accreditato tra i «papabili». Tagle si è infatti avvicinato al Papa per dirgli una cosa sottovoce all’orecchio, dopo di che sia il cardinale che il Pontefice sono scoppiati in una risata.

Alle 12 è terminato il saluto dei cardinali a Papa Benedetto XVI che ha lasciato la Sala Clementina. Nel pomeriggio il trasferimento a Castel Gandolfo e dalle 20 sarà vacante il seggio papale: l’abitazione del pontefice sarà sigillata fino all’arrivo del nuovo Papa.

Il cardinale Francesco Coccopalmerio, presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi, sul tema della nazionalità del prossimo papa dice: «A mio parere è giunto il momento di guardare anche fuori dall’Italia e dall’Europa e in particolare di considerare l’America Latina».

.

fonte ilmessaggero.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: