IL ‘METODO’ MARCHIONNE E LA SCUOLA – Via i neoassunti per far spazio ai precari

https://i0.wp.com/www.piueconomia.it/public/sh3yjwsr5uoak3hqj02i3ndb20121112114859.jpg
fonte immagine

Via i neoassunti per far spazio ai precari
esposto contro l’ufficio scolastico

Il provvedimento senza precedenti a Bari: i professori e bidelli che hanno vinto ricorsi dopo anni di contratti a termine saranno presi, ma solo a patto che siano licenziati gli ultimi entrati in graduatoria. L’Anief: “Il metodo Marchionne applicato alla scuola”

.

Un esposto contro la decisione di licenziare professori e bidelli neoassunti per far posto ai colleghi che hanno vinto i ricorsi. “Il metodo Marchionne torna a scuola?” domanda provocatoriamente l’Anief, l’associazione professionale sindacale, che domani mattina invierà alla procura della Repubblica di Bari una denuncia contro l’Ufficio scolastico regionale. Il caso riguarda il via libera dato nei giorni scorsi all’assunzione di 20 precari della scuola, in cambio però del sollevamento dall’incarico di altrettanti docenti e ausiliari.

A farne le spese saranno i lavoratori negli ultimi posti delle graduatorie pugliesi. Saranno licenziati per far posto ad altri precari che negli anni scorsi, dopo la scadenza dei loro contratti a tempo determinato, sono passati alle vie legali per far valere il proprio diritto a un posto di lavoro stabile. I ricorsi infatti si basano su una direttiva europea stabilisce che tutti i lavoratori pubblici e privati dopo 36 mesi di lavoro a tempo devono essere stabilizzati. E dà il via a una “guerra tra poveri” nei corridoi delle scuole pugliesi.

La vicenda è iniziata nel 2011 quando circa cinquecento insegnanti con il sostegno dei sindacati decisero di presentare ricorso contro la violazione di quella normativa comunitaria. La maggior parte dei ricorsi è stata impugnata dall’avvocatura di Stato. Qui però negli ultimi mesi è sorto un secondo pasticcio. Proprio l’avvocatura avrebbe dimenticato di impugnare una decina di sentenze di primo grado stabilite dal Tribunale di Trani favorevoli ai ricorrenti. Risultato: quelle sentenze sono passate in giudicato e devono essere attuate.

L’ufficio scolastico regionale ha delineato la soluzione: mandare via gli ultimi. L’ufficio provinciale aveva preso un mese di tempo per decidere, e nei giorni scorsi è arrivata la soluzione: licenziare gli ultimi docenti e bidelli presenti in graduatoria e immessi in ruolo. I loro posti verranno occupati dagli altri 20 precari che hanno vinto i ricorsi. Le lettere di licenziamento per 5 collaboratori scolastici, 2 assistenti tecnici e vari docenti sono già partite. Si tratta di lavoratori che proprio quest’anno avevano ottenuto la tanto attesa immissione in ruolo.
Secondo l’Ugl questo sarebbe il primo caso in Italia di licenziamento per far spazio ad altri colleghi.

“Non ci sono alternative per i 20 lavoratori licenziati – dice il provveditore degli studi di Bari, Mario Trifiletti – abbiamo inviato l’avviso di avvio di procedimento di licenziamento. Prima di adottare il provvedimento quei precari hanno la possibilità di far valere le loro ragioni. Purtroppo dobbiamo trovare dei posti per i vincitori del concorso. I numeri delle nomine in ruolo sono quelli autorizzati dal ministero dell’Istruzione, non possiamo sforare”. “Quella del provveditorato è una condotta inaudita – afferma il segretario della Flc Cgil Bari, Claudio Menga – per questo motivo abbiamo inviato all’amministrazione una lettera di diffida. Se non ci ascolteranno, saremo costretti ad aprire nuovi contenziosi a tutela dei lavoratori licenziati”.

L’Anief è già pronta con il ricorso, a cui sarà allegata la richiesta di informare la Corte dei Conti per “chiaro danno all’erario”, nei confronti dell’Ufficio scolastico regionale della Puglia. Per l’Anief si tratta di “una decisione gravissima”, perchè “si sana un errore commettendone un altro”. (03 marzo 2013)

.

fonte bari.repubblica.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: