Sindrome di Down: l’autonomia non è utopia / Sharon Stone dona un video per la sindrome di Down

https://i0.wp.com/www3.varesenews.it/immagini_articoli/201210/14692611_down11.jpg

Sindrome di Down: l’autonomia non è utopia

Ricorre in tutto il mondo la Giornata della Sindrome di Down. L’Associazione “+21” sarà in piazza a Gallarate per ribadire i diritti di persone che hanno grandi capacità

.

Il 21 marzo ricorre la Giornata Mondiale Sindrome di Down. Una data scelta non a caso: il 21 è il numero della coppia cromosomica presente nelle cellule che caratterizza la sindrome, marzo è il terzo mese dell’anno e indica il cromosoma in più.

La ricorrenza invita tutti a riflettere su un mondo a volte poco conosciuto: « All’inizio ci può essere un po’ di titubanza – spiega Anna Sculli presidente dell’associazione “Vharese” – ma una volta che si entra in contatto con queste persone è più quello che si rivece di quello che si dà. Spariscono pietismo e commiserazione. Si ha a che fare con ragazzi che crescono e diventano uomini incontrando e superando le difficoltà. Soprattutto nello sport, le gare sono sempre reali, si vince e si perde, si soffre e si festeggia. In trent’anni, da quando mi occupo di sport per diversamente abili, si è fatto passi da gigante: si è passati dal certificato di esonero alle attività sportive alle paralimpiadi di londra che hanno avuto un’eco straordinaria. È una vittoria per tutti quelli che ci credono».
E Anna ci crede e spera che giornate come quella del 21 marzo possano contribuire a dare visibilità a persone che hanno diritti e doveri, aspettative e prospettive, ambizioni e frustrazioni, e soprattutto il diritto a vivere con perfetta integrazione in ogni ambito.

Giovedì 21 marzo, a Gallarate in piazza Libertà  dalle 15 alle 18 l’associazione “+ 21” sarà presente per testimoniare la presenza sul territorio : « Siamo circa 60 famiglie – spiega Antonella Cibin, presidente – ci aiutiamo a vicenda e accogliamo tutti coloro che non sanno come muoversi. A parte la riabilitazione, c’è tutto un mondo aperto ad accogliere e ad accompagnare nella crescita il bambino down. Il percorso è complesso ma porta all’autonomia e alla conquista del lavoro».
Ed è proprio il campo lavorativo il settore che sta impegnando i volontari delle diverse associazioni di volonatriato: « Abbiamo dimostrato che questi ragazzi, una volta istruiti magari sotto l’occhio discreto di un tutor, raggiungono livelli di autonomia impensabili. Avere un’occupazione sarebbe il coronamento di questo percorso di affermazione dei diritti delle persone con sindrome di Down».

Tante sono le conquiste ottenute nel corso degli anni, ma qualche risultato è ancora atteso: «Oggi, l’arrivo di un bambino con sindrome di Down, pur scatenando a volte reazioni emotive forti nei genitori, si riesce ad accettare grazie a tutto un sistema di agevolazioni che permettono al bimbo di inserirsi e affermarsi. È nella fase della crescita, dopo la scuola che ancora non esistono percorsi chiari: fino ai 18 anni si è inseriti nel percorso formativo, poi più nulla. Da due anni abbiamo avviato un’esperienza con la catena di supermercati Esselunga: in occasione della giornata nazionale, i nostri ragazzi vivono una giornata di lavoro tra gli scaffali, in magazzino, al banco gastronomia. Sono esperienze che fanno capira le capacità e le potenzialità dei giovani down. Risultati importanti che avrebbero bisogno di maggior supporto a livello istituzionali, tavoli tecnici dove siano presenti anche gli enti preposti a risolvere i problemi ancora aperti».

E se il lavoro rimane ancora un miraggio, la nostra società ha fatto aperture importanti, nella scuola, nello sport, nella vita sociale: la campagna “Dammi più voce” lanciata dal Coordinamento Down ha visto l’adesione di decine di testimonial importanti ( attori, cantanti, calciatori, personaggi televisivi), tutti insieme per rappresentare le diverse voci di una società unita e solidale : « Giornate come quella del 21 marzo servono soprattutto a ribadire i diritti di questi ragazzi che, se messi alla prova, riescono a raggiungere i propri obiettivi» conclude Antonella Cibin che aspetta tutti in piazza Libertà a Gallarate dalle 15 alle 18. 

21/03/2013
Alessandra Toni @alessandra_tonialessandra.toni@varesenews.it
.
*
_______________________________________________________
*

CoorDownCoorDown

Pubblicato in data 10/mar/2013

50 persone con sindrome di Down chiedono a 50 personaggi famosi di donare un video. In quanti risponderanno?
Scopri la campagna su http://www.coordown.it

*

Sharon Stone dona un video per la sindrome di Down

Sharon Stone risponde all’appello di Andrea e partecipa alla campagna #DammiPiùVoce

https://i2.wp.com/www.vitadamamma.com/wp-content/uploads/2013/03/Voci-e-volti-vip-a-sostegno-di-chi-ha-la-sindrome-di-Down_h_partb1-300x146.jpg

In occasione della Giornata Mondiale sulla sindrome di Down, celebrata oggi 21 marzo, la CoorDown, il Coordinamento Associazioni delle Persone con Sindrome di Down, ha lanciato la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per difendere i diritti delle persone con sindrome di Down, #DammiPiùVoce.

L’iniziativa, ideata grazie alla collaborazione dell’agenzia Saatchi & Saatchi, è basata su un insieme di video, inviati da circa 50 personaggi famosi che hanno risposto all’appello di altrettanti ragazzi e ragazze affetti dalla sindrome di Down.

video sindrome down

Ognuno di questi ragazzi ha scelto personalmente il Vip a cui mandare il proprio video-appello: la richiesta più “ardita” è stata quella del 25enne Andrea, giovane attore fiorentino, che ha scelto l’attrice Sharon Stone come destinataria del proprio filmato, scelta in seguito premiata.

Infatti, con grande sorpresa di tutti, la nota star ha risposto con grande entusiasmo al giovane ragazzo, chiamandolo non soltanto collega ma definendolo addirittura “un gran figo” nonostante questi gli abbia anticipatamente precisato di essere già fidanzato.

sindrome di down

All’appello hanno inoltre risposto : Antonella Clerici, Claudio Bisio, Carlo Gracco, José Mourinho, il capitano dell’Inter Zanetti, quello della Roma Francesco Totti, Jovanotti, Luca Argentero, Fiorello e molti altri.

Tutti, nonostante la fama che li contraddistingue, hanno partecipato all’iniziativa in appena 10 giorni, mostrandosi, semplicemente, dando così un ulteriore contributo alla diffusione della conoscenza e della consapevolezza della sindrome di Down.

Tutti i video sono disponibili presso il sito dedicato all’iniziativa: dammipiuvoce.coordown.it

.

fonte vitadamamma.com

PRINT – EMAIL – PDF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: